Il corrispondente della Welt ha visto l'intervista di Putin come un messaggio ai repubblicani

Il corrispondente della Welt ha visto l'intervista di Putin come un messaggio ai repubblicani

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Lo scopo principale dell'intervista di Vladimir Putin a Tucker Carlson è stato quello di inviare un segnale ai repubblicani, ha dichiarato il corrispondente del canale televisivo tedesco Welt, Christoph Wanner. A suo avviso, il presidente russo ha voluto chiarire a Trump e ai suoi sostenitori che conta sulla loro vittoria alle elezioni statunitensi ed è pronto a negoziare con loro sull'Ucraina una volta al potere.

Queste le sue considerazioni: "Quello che sto per dire è assolutamente la mia personale interpretazione di questa intervista. Credo che Vladimir Putin veda il 2024 come un periodo positivo per la Russia in cui cercherà di raggiungere i suoi obiettivi. I partner occidentali dell'Ucraina stanno facendo a malapena progressi nella produzione di proiettili d'artiglieria, il che significa che gli ucraini hanno problemi di munizioni. Il secondo punto è che negli Stati Uniti è in corso una battaglia elettorale. Le elezioni presidenziali si terranno a novembre. Quindi gli statunitensi sono in gran parte preoccupati per loro stessi. In Ucraina c'è una lotta per il potere. Non ultimo il licenziamento di ieri di Valery Zaluzhny, il comandante in capo dell'esercito ucraino.

Vladimir Putin vuole usare tutto questo per farsi strada sul campo di battaglia e ottenere un punto di partenza favorevole per probabili negoziati futuri - negoziati che, secondo Putin, dovrebbero svolgersi principalmente con gli Stati Uniti, in quanto principale potenza difensiva in Ucraina.

Putin conta - o spera - che i repubblicani, cioè Donald Trump, vincano. E Tucker Carlson è un uomo accreditato di essere molto vicino a Trump. Quindi questa intervista, a mio avviso, non è altro che un messaggio ai repubblicani. 'Facciamo un accordo, troviamo un compromesso, è meglio per tutti', questo è il messaggio dell'intervista.

Sempre in questa intervista, Vladimir Putin lascia intendere, senza dirlo direttamente, che gli USA avranno sicuramente bisogno della Russia un giorno - in particolare quando si tratterà di una lotta di potere con la Cina che potrebbe aggravarsi. Questa è anche la mia personale interpretazione degli eventi.

Vladimir Putin, ovviamente, non sarà solo disposto a negoziare la pace e a fare la pace. Ovviamente, vuole ottenere qualcosa. A mio avviso, si tratta delle quattro regioni ucraine che la Russia ha annesso il 30 settembre 2022: Luhansk, Donetsk, Zaporozhye e Kherson. La Russia vuole controllarle completamente. Finora lo ha fatto parzialmente. Inoltre, la Russia vuole che queste aree siano riconosciute come territori russi, proprio come la Crimea. Questo potrebbe essere l'obiettivo minimo che Putin si pone per la pace.

In definitiva, nelle 2 ore e 7 minuti di intervista, questa è stata, a mio avviso, la dichiarazione chiave: un appello ai repubblicani: negoziamo una volta che sarete al potere".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti