Il crollo della spesa sanitaria

Il crollo della spesa sanitaria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Federico Giusti

L’incremento del fondo sanitario viene previsto dalla prossima legge di Bilancio ma il presunto aumento di spesa in realtà non corrisponde a verità, stiamo parlando infatti di risorse destinate ad alcune voci afferenti al capitolo sanità ma non propriamente alla salute pubblica.

Figura 1. Spesa sanitaria pubblica nei paesi OCSE in % del PIL (anno 2022 o più recente disponibile)

Trattasi infatti di soldi vincolati al rinnovo dei contratti collettivi nazionali di lavoro dei dipendenti della sanità pubblica che da due anni sono senza contratto fino all’Accordo per i medici di base che da qui a pochissimi anni saranno in numero insufficiente anche a causa del numero chiuso per l’accesso ai corsi di laurea, breve e lunga, delle facoltà di Medicina. Questioni dirimenti per capirci ma da qui ad asserire che la spesa sanitaria aumenti corre grande differenza, in realtà Meloni segue la strada dei tagli al settore già intrapresa da Mario Draghi.

Figura 2. Spesa sanitaria pubblica nei paesi OCSE in $ pro-capite (anno 2022 o più recente disponibile)

Fatti due conti parliamo di 2,3 miliardi inseriti nella Legge di Bilancio mentre per abbattere le liste di attesa, assumere personale in deroga ai tetti di spesa, investire insomma nella salute pubblica servirebbero ben altre cifre. E non si dice che le risorse stanziate alla sanità privata sono invece in aumento mentre il Fondo Sanitario Nazionale resta fermo e non tiene conto della inflazione. Per capire quanto un paese spenda per la sanità e la salute pubblica occorre guardare rapporto tra spesa sanitaria e PIL nazionale tanto che nel settembre scorso Sole 24 Ore, impietosamente, scriveva che la spesa sanitaria italiana nel 2022 era inferiore, del resto come i salari, alla media OCSE e il nostro paese si collocava al sedicesimo posto per spesa pro capite. In allegato una tabella che evidenzia la reale spesa italiana in materia di sanità.

Figura 3. Trend spesa pubblica pro-capite 2008-2022: media paesi europei area OCSE vs Italia

Molte patologie oggi sono legate all’inquinamento, allo stress correlato al lavoro, al diffondersi di malattie e tumori, alla scarsa prevenzione derivante dalle croniche difficoltà in cui si trova il Servizio Sanitario Nazionale, dalle difficoltà economiche insorgenti e tali da precludere a molte famiglie l’accesso a strutture private magari per non attendere un anno prima di sottoporsi a una mammografia. Molti sanitari oggi sono in realtà interinali o dipendenti di cooperative e ditte in appalto e con marcate differenze salariali rispetto a colleghie del SSN. Prima di cantare vittoria il Governo dovrebbe guardare i dati invece di occultarli dietro a presunti stanziamenti che servono a malapena a rinnovare i contratti scaduti mentre invece sono assenti i fondi reali ossia quelli destinati all’abbattimento delle liste di attesa, al potenziamento della medicina di base e preventiva, alla riapertura dei plessi sanitari chiusi a colpi di tagli e di spending review.

Figura 4. Trend spesa pubblica pro-capite 2008-2022: paesi del G7

 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti