Il fascista Roman Protasevich è finito dove merita

Il fascista Roman Protasevich è finito dove merita

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il nuovo eroe dell’occidente liberale si chiama Roman Protasevich. Oppositore bielorusso di simpatie neonaziste (ça va sans dire), tratto in arresto nella giornata di ieri a Minsk dopo che il volo di linea Ryanair diretto a Vilnius su cui volava è atterrato in Bielorussia, in seguito a un allarme bomba poi rivelatosi infondato. 

In seguito all’arresto del presunto giornalista, noto per le sue attitudini diciamo estremiste, gravi accuse sono cadute sul capo della Bielorussia. Con parole tuonanti tutto il mondo occidentale, dal Segretario Generale della Nato ai leader dell’Unione Europea, intima a Lukashenko di rilasciare immediatamente il simpatizzante neonazista. Il tutto ovviamente accompagnato dalla minaccia di sanzioni, il nuovo modo di muovere guerra ai popoli liberi da parte occidentale.   

Una visione diversa della questione arriva dalla Russia. Scrive infatti la versione in lingue inglese della Pravda: “Il suo arresto è arrivato come regalo del presidente bielorusso Alexander Lukashenko a tutti gli antifascisti e gli antimperialisti. Il trionfo della giustizia dovrebbe essere assicurato con ogni mezzo”. 

Il media russo evidenzia inoltre che il nuovo eroe dei liberali occidentali, adesso residente in Lituania per sfuggire alla giustizia bielorussa, in passato aveva pubblicato su internet i dati relativi agli agenti di polizia bielorussi con una didascalia che lasciava poco spazio all’immaginazione: “Sapete cosa fare". Così come che Protasevich ha partecipato a operazioni punitive contro i civili nel Donbass inquadrato nel battaglione neonazista Azov (riconosciuto nella Federazione Russa come organizzazione terroristica).

Per questo - sottolinea la Pravda - il KGB bielorusso “ha condotto un'operazione impeccabile”. Preparata bene e che le proteste occidentali non hanno ragione di esistere. 

Viene anche posto all’attenzione del pubblico un particolare passato sotto traccia nella narrazione occidentale. Il volo non è affatto stato costretto ad atterrare dal MiG-29 bielorusso alzatosi in volo  per scortare l’aereo di linea come è prassi comune a livello internazionale in una situazione potenzialmente pericolosa, quale un allarme bomba. Dalla trascrizione dei colloqui tra un ufficiale del controllo di volo a Minsk e il pilota, si evince che il pilota del volo di linea ha deciso di far atterrare l'aereo: "Questa raccomandazione per atterrare a Minsk, da dove è arrivata? Dalla compagnia aerea, dall'aeroporto di partenza o dall'aeroporto di arrivo?”.
L'equipaggio dell'aereo ha indicato che il pilota a deciso di atterrare a Minsk, segnala Pravda. 

Quindi “i speciali della Bielorussia hanno trovato il criminale ricercato in Bielorussia, cittadino bielorusso, a bordo dell'aereo Ryanair dopo l'atterraggio, dopo che le identità di tutti i passeggeri evacuati erano state verificate. Pertanto, tutto è stato fatto all'interno di un quadro giuridico.
Ci sono stati precedenti che non hanno avuto conseguenze”. 

Qui si fa riferimento ad alcuni casi eclatanti che non hanno per niente indignato il mondo occidentale. Evidentemente perché non si trattava di personaggi con forti simpatie neonaziste. 

Scrive la Pravda: “Ad esempio, nell'ottobre 2016, l'UkSATSE ucraino ha chiesto che un aereo della Belavia tornasse a Zhulyany e ha minacciato di intercettarlo se non lo avesse fatto. Lo scopo della richiesta era la necessità di cercare una chiavetta USB contenente informazioni pericolose per la sicurezza dell'Ucraina. La chiavetta non è stata trovata e Kiev non ha chiesto scuse a nessuno, per non parlare del fatto che non sono state imposte sanzioni”.

Viene pure ricordata la vicenda che vide protagonista l’allora presidente boliviano Evo Morales costretto ad atterrare in Austria nel viaggio di ritorno che lo riportava in patria dopo una visita a Mosca, perché gli Stati Uniti sospettavano a bordo del suo aereo vi fosse Edward Snowden. 

Sulla minaccia di sanzioni, il quotidiano russo ritiene che il divieto di transito per i voli su Minsk comporterà perdite multimilionarie per le compagnie occidentali, poiché questa è la rotta più breve per la Russia dall'Europa. Ragion per cui molto probabilmente vedremo sanzioni personali, ma questa non è più una novità.

Come non stupisce più l’ipocrisia occidentale nel cavalcare battaglie per una presunta e ipotetica libertà, in realtà esclusivamente volte a portare avanti l’agenda dell’imperialismo occidentale.

Fabrizio Verde

Fabrizio Verde

Direttore de l'AntiDiplomatico. Napoletano classe '80

Giornalista di stretta osservanza maradoniana

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti