Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Da Al Mayadeen - English

Nel tentativo di comprendere ciò che sta accadendo nel "cuore dell'Asia", l'enorme pletora di diversi attori, i loro infiniti intrecci con e contro gli altri, i loro molteplici impegni e interessi politici e geopolitici a livello locale, regionale e sovraregionale, tutti profondamente radicati nella storia, nella geografia e nelle strutture sociali dell'Asia centrale, appare talmente intricata che le circostanze in questa regione, in generale, e quelle in Afghanistan, in particolare, diventano incomprensibili e insondabili per la maggior parte delle persone.

Questo saggio cercherà di affrontare brevemente la situazione attuale dei "Taleban".

La vittoria di Pirro dei Taleban...

Il 15 agosto 2021, i Taleban hanno preso il potere a Kabul e proclamato il loro Emirato islamico. Da allora, il mondo sta osservando e aspettando, ma tutto l'Afghanistan rimane avvolto in un mare di nebbia. E ognuno di coloro che si trovano dentro questa nebbia densa vede l'altro come una specie di apparizione, mentre loro stessi sono percepiti come apparizioni. Il balbettio di voci che si sente all'interno di questa nebbia e in quella dei media non fa che intensificare il disorientamento, l'insicurezza, l'apprensione e l'esasperazione provata da tutti. E lì, tra queste apparizioni come un elefante in questa stanza buia e nebbiosa, ci sono i Taleban, che si guardano intorno con aria interrogativa. Sembra che uno stato di inquietudine si sia impadronito di loro. Dopo aver vinto il jackpot nella lotteria del potere, quali passi possono fare ora? Le espressioni sui loro volti sembrano dire: "Cosa stiamo facendo di sbagliato? Abbiamo combattuto duramente e sacrificato così tanto, abbiamo vinto una guerra contro una superpotenza, siamo buoni musulmani, buoni afghani, vogliamo il meglio per tutti, dateci tempo, siamo pronti a discutere di tutto...". Sembrano davvero aperti ai cambiamenti e ai miglioramenti. E, allo stesso tempo, si ostinano a riaffermare le loro radici, la loro cultura e le loro tradizioni, così come la loro fede incrollabile e la loro particolare versione della Sharia. Ma saranno disposti ad adottare un'apertura mentale che potrebbe finire per cambiarli fondamentalmente?

Tutti parlano dell'Afghanistan e dei Taleban...

Molti nel mondo, Putin per esempio, dicono che aspettano di vedere come si comporteranno i Taleban... Nessuno vuole riconoscere i Taleban, non ancora - o "non al momento" - come ha detto il ministro degli esteri tedesco Heiko Maas. "Non abbiamo fretta", dicono i cinesi. "Vogliamo un 'governo inclusivo' in Afghanistan", affermano gli iraniani. E così via.

Le richieste e le preoccupazioni dei paesi confinanti dell'Afghanistan sono comprensibili e in effetti indispensabili, poiché sono e resteranno quelli affetti direttamente da qualsiasi sviluppo in Afghanistan. Inoltre, sono stati questi paesi (con l'eccezione del Pakistan) che hanno fatto i maggiori sforzi per cercare una soluzione pacifica per porre fine alla guerra in Afghanistan, mentre l'Occidente era occupato a tappezzare il paese con i suoi "nobili valori" (bombe, droga, denaro sporco, corruzione, bigottismo).

E ora l'Occidente sfoggia la sua hybris con ancora più tracotanza e audacia stipulando le proprie richieste invece di avere la decenza di tenere la bocca chiusa.

I Taleban lanciano volentieri promesse e assicurazioni delle loro promesse, ma poi si vedono rivedere o addirittura contraddire le loro dichiarazioni poco dopo. Mentre il mullah Baradar assicura alla "comunità internazionale" che non permetterà a nessuno di svolgere attività terroristiche contro altri stati dal suolo afgano e che i Taleban non interferiranno negli affari interni di altri paesi, il portavoce talebano Shahin dichiara: "Parleremo a favore dei nostri fratelli musulmani nel Kashmir indiano", un chiaro e deliberato avvertimento all'India che i Taleban "parleranno a favore" anche del Pakistan. I Taleban hanno annunciato che secondo la sharia le donne potranno lavorare ovunque, ma poi un alto maulawi afferma che le donne non parteciperanno al governo.

La "comunità internazionale", gli stati confinanti, la Cina e la Russia persistono nel chiedere la formazione di un governo "inclusivo". Ora, per chiarezza, un governo "inclusivo" in Afghanistan non significa che i membri del regime rovesciato parteciperebbero al governo, ma che i vari gruppi etnici e le minoranze religiose dovrebbero essere adeguatamente rappresentati nel governo. Quando i Taleban hanno presentato il loro governo il 7 settembre 2021 - era composto solo da uomini delle loro stesse file. Per il momento, questo è comprensibile, perché, come hanno costantemente sottolineato, si tratta di un governo di transizione istituito per preservare la capacità giuridica dello stato. Ciononostante, sembra che si stia ancora cercando di formare un governo "inclusivo"". Ma cosa significa un governo "inclusivo" in Afghanistan? Tutti i precedenti governi in Afghanistan sono stati in realtà "inclusivi" - finché sono rimasti sotto la guida del "Grande Fratello", come si considerano i Pashtun. Così "l'inclusione" è sempre stata solo una questione di apparenze. Tutte le posizioni significative e decisive sono sempre state occupate o dai pashtun o da consiglieri e tirapiedi non-pashtun. L'apice di questa ingannevole "inclusività" è stato sotto Ashraf Ghani, uno sciovinista pashtun, la cui paura patologica dei non-pashtun lo ha portato a sabotare le forze di resistenza che combattevano i Taleban (questo è stato anche uno dei motivi del rapido collasso dell'esercito e del governo nell'agosto di quest'anno - forse ne riparleremo nei prossimi saggi).

Anche se i Taleban fossero disposti a creare un governo veramente inclusivo, dove troverebbero i candidati adatti per le relative cariche? Molte figure politiche dei governi precedenti non ci sono più, altri semplicemente non si fidano dei Taleban - il trauma del primo governo talebano (1996-2001) rimane radicato in profondità tra i non-pashtun. Restano solo Karzai, Abdullah e uomini e donne come loro... tutti corrotti fino al midollo. Anche se venisse istituito un governo inclusivo, i non-pashtun e i non-Taleban avrebbero al massimo un ruolo consultivo e non sarebbero tra i responsabili delle decisioni. In ogni caso, questo è un problema afgano puramente interno... Per l'estero, una semplice parvenza di governo inclusivo sarà sufficiente e porterà al riconoscimento e alla legittimazione del regime talebano sulla scena internazionale, ma ciò non implicherebbe affatto che tutto andrà bene in Afghanistan.

Con quello che hanno già in termini di risorse umane e con quello che potrebbero ancora ottenere, resta da vedere se i Taleban saranno in grado di affrontare le enormi sfide economiche, politiche e sociali della gestione e dell'amministrazione di uno stato moderno.

Come fanno sbagliano.

I Taleban sono venuti al mondo per stabilire un "Emirato islamico" in Afghanistan con severe leggi della Sharia e per difendere e consolidare la supremazia pashtun. La deviazione da questi due obiettivi è vista come inaccettabile o addirittura come un tradimento da ampi settori sia del rango che della base e porterà inevitabilmente a conflitti all'interno della gerarchia talebana, tra i loro membri e con altri pashtun, che potrebbero culminare in battaglie feroci e persino in una guerra civile. L'evoluzione di tali conflitti è stata documentata fin troppo spesso nei 274 anni di storia dell'Afghanistan. I Taleban si trovano quindi di fronte a una sfida interna enorme e critica. O i sostenitori del cambiamento e dell'adattamento a suo tempo riusciranno a convincere e a tenere tranquilli i settori radicali in modo pacifico, o dovranno reprimerli con la mano pesante, anche se si arriverà a una "epurazione" alla maniera della "notte dei lunghi coltelli", che non è una rarità nel mondo della politica, soprattutto nei regimi totalitari.

Per quanto riguarda il futuro,  ogni volta che si cerca di prevederlo, di solito si finisce per sbagliare. Ma con tutto ciò che si sa dal passato e ciò che si può accertare nel presente, si può prevedere uno scenario approssimativo.

Ciò che i Taleban otterranno molto probabilmente è: sicurezza, prevenzione del crimine, sradicamento della corruzione, una pace cimiteriale nelle città e una parvenza di stabilità. Potrebbero così riuscire ad ottenere riconoscimento, legittimità e sostegno a livello regionale e internazionale e a rilanciare in qualche misura l'economia con l'aiuto di paesi stranieri, guadagnando così tempo presso la popolazione. La calma e la stabilità appena acquisite saranno tuttavia fragili e insostenibili. Le forze armate occidentali per procura (Al-Qaeda, DAESH/ISIS & Co.) sono già ai blocchi di partenza in attesa del segnale. Attacchi micidiali di ogni tipo potrebbero presto determinare la vita quotidiana in molti luoghi. La vita delle donne e dei giovani, soprattutto nelle città, sarà tetra. La sharia dominerà la società e le relazioni interpersonali, cioè il sistema del bastone e della carota. Chi può lascerà il paese, chi resta dovrà lottare duramente per la sopravvivenza, non solo economica.

Affinché i Taleban subiscano un cambiamento di condotta - per adattarsi a una civiltà più contemporanea - la pressione dovrà venire esclusivamente dall'esterno. Ma, a lungo termine, il dominio dei Taleban dovrà essere superato dalle forze afgane in patria - attraverso una pressione pacifica o con la forza attraverso un'ampia rivolta popolare. L'attuale resistenza esibita nelle azioni degli ex mujaheddin nel Panjshir (l'Alleanza del Nord / i Signori della Guerra) è una risposta ragionevole, ma è problematica: manca di una leadership appropriata e adeguata. Ahmad Massoud, oltre ad essere inesperto, è un allievo dell'Occidente che ha finito per chiedere aiuto ai suoi mentori occidentali. L'arrivo improvviso e immediato di Bernard-Henri Lévy (sionista e lobbista dell'industria delle armi) nelle valli del Panjshir e l'invito di Massoud al parlamento dell'UE non fanno presagire nulla di buono. Al momento, in patria e all'estero si cerca di prepararlo come un leader carismatico (cosa che non sarà mai). Gli altri rimasti, come Dostam, Atta, Ismail Khan, sono screditati e corrotti. I leader di questa resistenza o non sono ancora nati, sono troppo giovani o non sono ancora conosciuti e stanno aspettando il loro tempo da qualche parte, se la resistenza esisterà ancora.

C'è, comunque, il pericolo che le condizioni in Afghanistan sotto i Taleban si deteriorino al punto che l'intervento militare possa essere nuovamente necessario - una prospettiva cupa con conseguenze tetre e fatali per l'Afghanistan, per la regione e anche per il mondo, "Cimitero degli Imperi" a parte.

In ogni caso, i Taleban non sembrano avere un futuro. Non spetta a loro averlo. Possono provenire da una realtà esistente (una con tradizioni pashtun fossilizzate), ma sono e rimarranno anacronistici perché la realtà da cui provengono è anacronistica. Il mondo non può sopportarli, così come loro stessi non possono sopportare questi tempi e il mondo così come sono.

In definitiva, il tempo lo dirà.

Un chiaroscuro di mostri...

Oltre a tutto questo, il mondo intero è entrato in un cambiamento di paradigma e si trova in uno stato di sconvolgimento, gravato da problemi secolari e complessi per i quali non ci sono nemmeno soluzioni tollerabili in vista. Non c'è bisogno di enumerare qui questi problemi; sono noti a tutti in varie forme (che siano in termini di economia, clima, salute, ecc.). Viviamo in un chiaroscuro di mostri. Edai mostri non ci si può aspettare nulla di buono.

Nessuno può dire quando e come questo tempo finirà. E se quello che verrà dopo sarà meglio di adesso.

Postfazione.

Molto è stato detto e scritto sui ruoli di Pakistan, India, Cina, Russia, Iran e degli stati del Golfo e della NATO nella regione, quasi sempre dal punto di vista del "Grande Gioco", dell'"Eurasia" e della geopolitica. Ma per quanto riguarda i paesi dell'Asia centrale e dintorni, c'è una lunga storia che va molto, molto indietro. Ci sono parecchi aspetti che possono essere presenti nel "Grande Gioco", ma che ci sono sempre stati. Il "Grande Gioco" non è l'inizio della storia. I paesi dell'Asia centrale e i loro ruoli nella regione devono essere trattati individualmente. Questo vale anche per la storia e le pratiche del colonialismo nella regione. Questi sono temi che vorrei affrontare nei prossimi saggi.

 

 

 

 

Tariq Marzbaan

Tariq Marzbaan

 

Nato a Kabul nel 1959, dove ha vissuto fino al 1982 quando si è rifugiato con parte della sua famiglia a Peshawar in Pakistan, poi in Germania dove ha ottenuto la cittadinanza anni dopo. Attualmente risiede nell'Asia sudorientale. Ha conseguito un master in letteratura persiana e filologia tedesca, oltre a continui studi indipendenti sulla geopolitica, la storia e il colonialismo. Ha lavorato come fumettista politico, artista, ricercatore e traduttore di notizie, montatore cinematografico, sceneggiatore. Ha prodotto e diretto il suo film documentario-saggio sull'esilio "The Storm Bird", che è stato presentato nei festival internazionali. Editorialista per Al Mayadeen English.

"Il Waste Land è la terra del non-spazio e del non-tempo, la visione di un luogo di nessuno, che con la sua oscurità infrange ogni speranza, in cui gli abitanti si dibattono in un clima di disperazione e soffocamento."

- Angelo De Sio, nella sua analisi de 'La terra desolata', poema di T.S. Eliot

Le più recenti da The Waste Land

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti