Il nuovo internazionalismo dalla pluralità in America Latina

Il nuovo internazionalismo dalla pluralità in America Latina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Erikmar Balza Guerrero - Red Radio Ve

La nostra regione, a partire dagli ultimi decenni del XXI secolo, è stata vittima di una rivitalizzazione delle politiche neoliberali, che ha portato come conseguenza la rinascita dell'esclusione sociale, insieme a coloro che hanno trasformato i temi della cultura in un meccanismo di dominio propiziato dall'egemonizzazione delle tecnologie informatiche. Istigazione alla sottovalutazione delle minoranze che costituiscono le ancestralità e tutta la pluralità che forma e caratterizza le radici socio-politiche della regione latinoamericana e caraibica.

La divisione del mondo in due blocchi è terminata negli anni Novanta per lasciare il posto alla preminenza di un sistema unipolare, guidato dagli Stati Uniti; giustificato dalla Dottrina Monroe o dal concetto mal definito di destino manifesto, incentrato sulla base interventista della sua politica estera. Questo ha portato alla strategia non armata della globalizzazione neoliberale, che non è altro che l'avanzata del sistema capitalista nella sua fase neoliberale attraverso l'esponente della globalizzazione.

Contrariamente a quanto si dice di solito sulla posizione degli Stati come membri attivi nell'intensificazione e nello sviluppo dei processi di globalizzazione, questi ultimi non sono altro che una vittima della globalizzazione che tende a diminuire il loro potere. Ed è il fattore economico, che determina la posizione istituzionale (lo Stato), in termini pratici l'istituzionalità internazionale, FMI, Banca Mondiale, tra gli altri sono in grado e progettati per avere un controllo interno, così come dalle potenti transnazionali fatte della gestione delle risorse strategiche delle nostre nazioni.

Tuttavia, la rinascita della sinistra progressista, o latinoamericana, nelle forme e/o espressioni delle organizzazioni sociali, dei movimenti popolari, delle comunità indigene, dei contadini, che hanno costruito un vero e proprio processo di trascendenza politica nei governi democratici, come nel caso della Bolivia, del Nicaragua e del Venezuela, ha iniziato a vedere le relazioni internazionali non solo dal punto di vista dello Stato come attore unitario, ma con una pluralità di attori esistenti.

Una delle conseguenze favorevoli della globalizzazione è il fenomeno degli spazi non governativi transfrontalieri, che ha permesso una pratica politica multilaterale e pluriculturale anche nel caso di attori non mobili. Questa combinazione di centralità e multicentricità e il loro attivismo hanno creato le condizioni per la formazione di identità di resistenza come reazione all'emarginazione culturale, sociale e politica. Una delle questioni teoriche tradizionali delle relazioni internazionali è che esse si basano sullo Stato e sul paradigma della rappresentatività.

Da segnalare un concetto di Bansart: "La diplomazia dei popoli è molto diversa dalla diplomazia degli Stati, senza però essere in conflitto con essa. Risponde al diritto di visibilità e consiste in un'azione diretta, attiva e flessibile. Non si tratta di una diplomazia commerciale, ma di una diplomazia della dignità.

In altre parole, stiamo parlando di trasporre nell'arena internazionale un nuovo tipo di democrazia, una democrazia partecipativa e protagonista; il socialismo del XXI secolo. La proposta della Diplomazia dei Popoli, avanzata dalle società in trasformazione, è servita come base per nuove rinascite, anche se istituzionali, ma senza perdere il suo carattere rivoluzionario e popolare; come nel caso della Gioventù ALBA, emersa come politica internazionale del Ministero del Potere Popolare per la Gioventù e lo Sport del Venezuela.

Secondo le Nazioni Unite (ONU), un bambino su cinque vive in condizioni di estrema povertà, con effetti negativi che, a lungo termine, la privazione dei diritti fondamentali per lo sviluppo può rendere impossibile il loro sviluppo nella società. Il professore peruviano Augusto Castro, nella sua relazione su Integrazione regionale e problemi socio-ambientali, ha parlato di un margine di disuguaglianza economica senza precedenti, con l'85% della popolazione mondiale che vivrà in povertà nel 2050, secondo le stime delle Nazioni Unite. Questo ci chiama a intensificare, come politica contro-egemonica e alternativa, i contributi di pratiche decolonizzanti, orientate alla costruzione di società più giuste, eque e sostenibili, che contrastino le previsioni viste dalla prospettiva dell'inarrestabile avanzata del capitalismo globale.

(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra