/ Il Partito Comunista di Grecia (KKE) chiede la chiusura di tutte ...

Il Partito Comunista di Grecia (KKE) chiede la chiusura di tutte le basi USA e NATO in risposta alle minacce all'Iran

 
 

Il Partito Comunista di Grecia (KKE) ha affermato che i piani degli Stati Uniti contro l'Iran non porteranno nulla di buono per le nazioni della regione e hanno esortato a chiudere tutte le basi USA e NATO in Grecia.

 

"Gli ultimi attacchi contro le petroliere nella Baia di Oman accendono ancora una volta gli sviluppi intorno all'Iran: gli Stati Uniti come se fossero già pronti, mettono l'Iran nel mirino e radunano più forze militari nella regione... L'esacerbazione della situazione intorno all'Iran non è di buon auspicio per i popoli... Chiudere adesso tutte le basi straniere degli Stati Uniti e della NATO in Grecia. Ritiro di tutte le forze militari greche che partecipano alle missioni NATO e UE", ha affermato il partito nella sua dichiarazione.

 

Secondo il KKE, l'aggressione statunitense contro l'Iran è aumentata dopo che Washington ha introdotto un embargo sulle esportazioni di petrolio iraniano. Inoltre, l'incertezza attorno al programma nucleare di Teheran causato dalle minacce israeliane di bombardare gli impianti nucleari iraniani sta solo aggiungendo benzina al fuoco, sottolinea il partito.

 

Il KKE ha anche accusato altri partiti greci come Syriza, Nuova Democrazia e Movement for Change, che sostengono la cooperazione strategica con Washington, di creare rischi per la Grecia.

 

Le tensioni tra Stati Uniti e Iran sono degenerate dopo che due petroliere, Front Altair e Kokuka Courageous, sono state attaccate giovedì vicino alla Stretto di Hormuz, strategicamente importante, che collega il Golfo di Oman e il Golfo Persico.

Mentre le circostanze dell'incidente non sono state chiarite, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha accusato direttamente l'Iran dell'incidente.

 

Commentando l'incidente della petroliera poco prima di venerdì, il presidente iraniano Hassan Rouhani ha affermato che gli Stati Uniti stanno agendo per minare la stabilità in Medio Oriente e nel mondo intero. Secondo Hossein Amir-Abdollahian, un alto consigliere di politica estera del parlamento iraniano, i servizi di sicurezza statunitensi e l'agenzia di intelligence israeliana Mossad potrebbero essere alla base della recente destabilizzazione nella regione del Golfo.

Fonte: Sputnik
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa