"Il più grande schieramento di truppe americane in Europa da 25 anni": gli Stati Uniti si uniscono all'esercitazione della NATO

"Il più grande schieramento di truppe americane in Europa da 25 anni": gli Stati Uniti si uniscono all'esercitazione della NATO

All'inizio di questo mese, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha promesso che Mosca avrebbe naturalmente "reagito" alle esercitazioni di Defender Europe 20, ma che la risposta della Russia "non avrebbe creato rischi inutili".

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Fonte Articolo
 
Il primo contingente di truppe americane e attrezzature militare hanno cominciato ad arrivare nel porto della Germania settentrionale di Bremerhaven oggi per prendere parte alle esercitazioni in corso della NATO,  Defender Europe 20, che erano precedentemente propagandate dalle forze armate statunitensi come "il più grande dispiegamento di forze degli Stati Uniti in Europa per un'esercitazione da oltre 25 anni ”.
 
L'esercitazione guidata dagli Stati Uniti coinvolge circa 37.000 truppe, tra cui circa 20.000 personale americano e 20.000 pezzi di equipaggiamento americani. Le esercitazioni, che includeranno esercitazioni vicino ai confini russi in Polonia, Lituania, Estonia e Lettonia, sono già state descritte da alcuni media tedeschi come una "prova per un'offensiva contro la Russia" 'in caso di guerra.
Il Pentagono ha definito Defender Europe 20 un'esercitazione che "dimostra la capacità dei militari statunitensi di schierare una grande forza per sostenere la NATO e rispondere a qualsiasi crisi".
 


 
Il generale Martin Schelleis, comandante tedesco del servizio di supporto congiunto, ha affermato da parte sua che le esercitazioni non dovrebbero essere visti come un segno di aggressione contro la Russia.
"La Russia non è una ragione per l'esercitazione, le capacità militari possono essere ricostruite e mantenute a lungo termine", ha sottolineato, aggiungendo che le esercitazioni riguardano "essenzialmente il transito e il trasporto delle truppe".
 
Le osservazioni arrivano dopo che il Segretario Generale della NATO, Jens Stoltenberg, ha dichiarato alla Conferenza di sicurezza di Monaco la scorsa settimana che l'Alleanza del Nord Atlantico vorrebbe avere migliori relazioni con Mosca, ma continuerà a sostenere le sanzioni e aumentare la prontezza militare contro la Russia.
 
 
 
“Tutti gli alleati rimangono impegnati nel controllo degli armamenti e nel dialogo con la Russia. Continuiamo ad aspirare a una migliore relazione con il nostro più grande vicino ", ha sottolineato Stoltenberg.
 
Allo stesso tempo, ha affermato che la NATO "sta rispondendo" alla presunta minaccia russa , anche aumentando in modo significativo la prontezza delle nostre forze, sostenendo le sanzioni e contrastando i tentativi della Russia di interferire nelle nostre democrazie ".
 
Commentando le esercitazioni all'inizio di questo mese, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha a sua volta sottolineato che Mosca avrebbe naturalmente "reagito", ma ha promesso che la risposta della Russia "non creerebbe rischi inutili".
 
Ha sottolineato che "è degno di nota che tutto ciò che facciamo in risposta alle minacce della NATO per la nostra sicurezza, facciamo esclusivamente nel nostro territorio".
 

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti