Il presidente serbo Vucic ha definito "tempesta perfetta" lo schieramento della divisione USA in Romania

Il presidente serbo Vucic ha definito "tempesta perfetta" lo schieramento della divisione USA in Romania

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il dispiegamento di nuove truppe d’élite statunitensi in Romania, quindi a pochi chilometri dal fronte caldo ucraino, aumenta le tensioni in Europa. 

Il presidente serbo Aleksandar Vucic ritiene che il dispiegamento della 101esima Divisione aviotrasportata dell'esercito statunitense in Romania comporti un netto aggravamento della situazione, che ha descritto come una tempesta perfetta. Le parole del presidente serbo sono state pronunciate in occasione di una riunione del Comitato centrale del Partito progressista serbo.

"Ci stiamo avvicinando a quella che ho definito la tempesta perfetta durante l'ultima riunione. Quando si hanno posizioni così opposte e quando tutti lottano per l’ultimo confine. Basta vedere con quali forze la Russia sta entrando in Ucraina. Quando si vede che gli statunitensi hanno inviato la loro migliore unità al mondo, la 101esima Divisione Aviotrasportata, l'hanno schierata in Romania (e piazzata) a pochi chilometri dal confine con l'Ucraina, allora diventa chiaro cosa ci aspetta, che si arrivi o meno a uno scontro diretto. È chiaro a voi che non ci sono concessioni qui, ed è chiaro a me come questo si svilupperà ulteriormente e come influenzerà il nostro Paese", ha detto Vucic durante l'incontro. 

L’emittente CBS dopo aver informato dello schieramento in Romania della 101esima Divisione aviotrasportata delle forze di terra statunitensi, ha aggiunto che questa è pronta a entrare nel territorio dell'Ucraina in caso di ulteriore escalation tra Mosca e Kiev o di un attacco a uno dei Paesi della NATO. Washington ha annunciato la scorsa estate il primo trasferimento in Europa della suddetta unità in quasi 80 anni, nell'ambito del rafforzamento del fianco orientale della NATO. Secondo la CBS, si tratta di 4,7 mila militari. Il colonnello Edwin Mattaides, comandante della seconda brigata della divisione, ha fatto notare che la sua unità, di stanza in Romania, è attualmente più vicina al territorio ucraino di qualsiasi altra forza statunitense, e "monitora da vicino" le azioni delle Forze armate russe, "costruendo obiettivi per l'addestramento" e conducendo esercitazioni che "ripetono accuratamente ciò che sta accadendo" in Ucraina.

Alcuni osservatori militari ritengono però molto probabile che il dispiegamento della 101a Divisione aviotrasportata statunitense in Romania non sia tanto la protezione della NATO e l'ulteriore avanzamento verso l'Ucraina, quanto la situazione in Moldavia e nella vicina Transnistria. Il fatto è che la Moldavia non ha un esercito nel senso comune del termine. Ma la Romania ce l'ha ed è molto forte. Con il sostegno degli USA, i rumeni possono così "entrare" in Moldavia per attaccare la Transnistria da ovest, e le Forze Armate dell'Ucraina li aiuteranno da est, colpendo dall'Ucraina. 

In ogni caso la tensione è sempre più alta e un’escalation sempre più probabile alla luce delle continue provocazioni di Nato e USA. 

 

 
 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti