Il professor Ehud Qimron scrive al ministro della salute israeliano: «Ministro, è tempo di ammettere il fallimento

Il professor Ehud Qimron scrive al ministro della salute israeliano:  «Ministro, è tempo di ammettere il fallimento

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il professor Ehud Qimron, capo del Dipartimento di microbiologia e immunologia dell’Università di Tel Aviv e fra gli immunologi più importanti del paese, ha scritto una lettera aperta criticando aspramente la gestione israeliana –  e globale – della pandemia da coronavirus.

 

Alla fine, la verità viene a galla, e  quella sulla politica del coronavirus sta cominciando a palesarsi. Non resta altro che dire agli esperti che hanno guidato la gestione della pandemia: ve lo avevamo detto. Con due anni di ritardo, vi rendete finalmente conto che un virus respiratorio non può essere sconfitto e che qualsiasi tentativo del genere è destinato a fallire. Non lo ammettete, perché non avete ammesso quasi nessun errore negli ultimi due anni, ma a posteriori è chiaro che avete fallito miseramente in quasi tutte le vostre azioni, e persino i media stanno già facendo fatica a coprire la vostra vergogna. Vi siete rifiutati di ammettere che l’infezione arriva a ondate che svaniscono da sole, nonostante anni di osservazioni e conoscenze scientifiche. Avete insistito nell’attribuire ogni declino di un’ondata esclusivamente alle vostre azioni, e così secondo la vostra falsa propaganda «avete sconfitto la peste». E poi di nuovo l’avete sconfitta, e ancora e ancora.

Vi siete rifiutati di ammettere che i test di massa sono inefficaci, nonostante i vostri stessi piani di emergenza lo dichiarassero esplicitamente (Pandemic Influenza Health System Preparedness Plan, 2007, p. 26). Avete rifiutato di ammettere che la guarigione dall’infezione è più protettiva di un vaccino, nonostante le conoscenze e le osservazioni precedenti dimostrino che le persone vaccinate hanno più probabilità di essere infettate di quelle che invece hanno incontrato il virus e sviluppato gli anticorpi. Avete rifiutato di ammettere che i vaccinati sono contagiosi nonostante le prove. Sulla base di questo, speravate di ottenere l’immunità di gregge con la vaccinazione - e avete fallito anche in questo.

Avete insistito nell’ignorare il fatto che la malattia è decine di volte più pericolosa per i gruppi a rischio, e per gli adulti più anziani, che per i giovani che non sono nei gruppi a rischio, nonostante le conoscenze che venivano dalla Cina già nel 2020.

Avete rifiutato di adottare la Dichiarazione di Barrington, firmata da più di 60.000 scienziati e medici professionisti, o altre misure di buon senso. Avete scelto di ridicolizzarli, calunniarli, distorcerli e screditarli. Invece delle misure e delle persone giuste, avete scelto professionisti che non hanno una formazione adeguata per la gestione delle pandemie (fisici come consiglieri principali del governo, veterinari, agenti di sicurezza, personale dei media, e così via). Non avete istituito un sistema efficace per segnalare gli effetti collaterali dei vaccini, e i rapporti sugli effetti collaterali sono stati persino cancellati dalla vostra pagina Facebook. I medici evitano di collegare gli effetti collaterali al vaccino, per timore che voi li perseguitiate come avete fatto con alcuni loro colleghi. Avete nascosto i dati che permettono una ricerca obiettiva e corretta. Invece, avete scelto di pubblicare articoli non oggettivi con alti dirigenti Pfizer sull’efficacia e la sicurezza dei vaccini. Un danno irreversibile alla verità

Ma dall’alto della vostra arroganza, avete anche ignorato il fatto che alla fine la verità verrà a galla. E comincia a essere così. La verità è che avete fatto precipitare a un minimo senza precedenti la fiducia dell’opinione pubblica nei vostri confronti, e avete eroso la vostra autorità. La verità è che avete bruciato centinaia di miliardi di shekel senza alcun risultato – con  imposizioni mediatiche, test inefficaci, chiusure distruttive e sconvolgendo la vita di tutti negli ultimi due anni.

Avete distrutto l’educazione dei nostri figli e minato il loro futuro. Avete fatto sentire i più giovani colpevoli, spaventati, li avete indotti a fumare, bere, diventare dipendenti, abbandonare la scuola, diventare litigiosi, come attestano i presidi delle scuole di tutto il paese. Avete danneggiato i mezzi di sussistenza, l’economia, i diritti umani, la salute mentale e fisica. Avete calunniato i colleghi che non si sono arresi a voi, avete messo la gente l’una contro l'altra, avete diviso la società e polarizzato il discorso. Avete bollato, senza alcuna base scientifica, le persone che hanno scelto di non vaccinarsi come nemici del popolo e come diffusori di malattie. Promuovete, in modo inedito, una politica draconiana di discriminazione, di negazione dei diritti e di selezione delle persone, compresi i bambini, per la loro scelta medica. Una selezione che non ha alcuna giustificazione epidemiologica. Quando si confrontano le politiche distruttive che state perseguendo con le politiche sane di alcuni altri paesi - si vede chiaramente che la distruzione che avete causato ha solo aggiunto vittime oltre ai vulnerabili al virus. L’economia che avete rovinato, i disoccupati che avete causato, e i bambini di cui avete distrutto l’educazione: ecco le vittime in eccesso, risultato solo delle vostre azioni. Attualmente non c’è nessuna emergenza medica, ma state coltivando una tale condizione ormai da due anni a causa della brama di potere, dei bilanci e del controllo. L’unica emergenza ora consiste nel fatto che continuate a deciderepolitiche e a destinare enormi budget alla propaganda e all’ingegneria psicologica invece di indirizzarli a rafforzare il sistema sanitario.

Lo stato di emergenza deve finire!

 

Professor Ehud Qimron, Facoltà di medicina, Università di Tel Aviv 

 

(Il sito che pubblica la traduzione in inglese (https://swprs.org/professor-ehud-qimron-ministry-of-health-its-time-to-admit-failure/), Swiss Policy Research (SPR), fondato nel 2016, è un gruppo di ricerca indipendente, apartitico e senza scopo di lucro che indaga sulla propaganda geopolitica. SPR dichiara di non ricevere finanziamenti esterni se non le donazioni dei lettori. L’originale in ebraico è qui: https://www.mako.co.il/news-columns/2022_q1/Article-dfd99ca599e2e71026.htm ).

 

 

Traduzione in italiano a cura di Marinella Correggia

 

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa di Pasquale Cicalese 30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo di Gilberto Trombetta Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti