World Affairs/Il re Juan Carlos I comunica a suo figlio la sua decisione di las...

Il re Juan Carlos I comunica a suo figlio la sua decisione di lasciare la Spagna

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

La decisione viene dopo le indagini avviate dai pubblici ministeri svizzeri e spagnoli sulla presunta eredità dell'ex monarca nei paradisi fiscali


L'ex monarca spagnolo Juan Carlos I ha comunicato a suo figlio, re Felipe VI, che ha deciso di lasciare la Spagna e di smettere di vivere nel palazzo della Zarzuela. La decisione arriva dopo indagini aperte, sia in Svizzera che in Spagna, sui presunti fondi di Juan Carlos I in paradisi fiscali.

 
In una lettera rilasciata oggi dalla Casa Reale spagnola e indirizzata all'attuale monarca, Juan Carlos I comunica la sua "decisione ponderata" di trasferirsi fuori dal suo paese. "Desidero esprimerti la mia assoluta disponibilità a contribuire a facilitare l'esercizio delle tue funzioni , dalla tranquillità e dalla calma richieste dalla tua alta responsabilità", scrive il re Emerito a suo figlio. 
 
La lettera non si estende nella spiegazione delle  ragioni che hanno spinto la decisione di Juan Carlos I, che menziona semplicemente "la ripercussione pubblica che alcuni eventi passati" della sua "vita privata " stanno generando come fattore scatenante per la sua decisione.
 
Questa misura è stata annunciata quattro mesi dopo che Felipe VI decise di porre fine all'indennità annuale che suo padre aveva ricevuto - circa 194.000 euro da fondi pubblici - e di aver rinunciato pubblicamente a qualsiasi eredità dai conti di Juan Carlos I all'estero.
 
Indagini in corso
 
Lo scorso giugno, la procura della Corte suprema di Spagna ha avviato le indagini sul possibile coinvolgimento del re emerito nella presunta  raccolta di commissioni illegali  nel progetto di costruzione del cosiddetto "deserto AVE", il treno ad alta velocità che collega il città della Medina e della Mecca, in Arabia Saudita.
 
La  dichiarazione  ufficiale rilasciata dal Ministero Pubblico specifica quindi che l'indagine si concentra "sulla  delimitazione o sull'esclusione della rilevanza criminale " degli eventi verificatisi dopo il giugno 2014, momento in cui Juan Carlos I, ha abdicato, ha cessato di essere protetto da l'inviolabilità [esenzione da ogni responsabilità penale] che la Costituzione spagnola riconosce al capo di stato.
 
La giustizia cerca anche di chiarire se il re emerito sviluppasse una struttura per nascondere il denaro alle presunte commissioni illegali in una banca svizzera. 
 
I sospetti su Juan Carlos I hanno le loro origini nella registrazione di una conversazione svoltasi nel 2015 tra l'ex commissario di polizia José Manuel Villarejo e la presunta amante del re emerito  Corinna Larsen (ex Corinna zu Sayn-Wittgenstein).  In questa riunione, la donna ha fatto riferimento al presunto pagamento di commissioni "per il treno", che sarebbe consistito in poco più di  80 milioni di euro  in totale, di cui almeno una parte sarebbe finita nelle mani di Juan Carlos de Borbón.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa