Il regime di Kiev si è già rimangiato le promesse di Istanbul?

Il regime di Kiev si è già rimangiato le promesse di Istanbul?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ciò che il ministro russo Serghej Lavrov aveva definito mercoledì “un significativo progresso” alle trattative di Istanbul oggi svanisce nel nulla, - “Un significativo progresso è la comprensione degli ucraini che le questioni della Crimea e del Donbass sono definitivamente chiuse”, aveva dichiarato.

Ma oggi, ancora una volta vediamo la cifra di questo governo ucraino: ha già negato e buttato alle ortiche le dichiarazioni e le promesse, fatte a Istanbul. Il ministro degli esteri Kuleba ha fatto ben capire che Crimea e Donbass non sono affatto “questioni chiuse”, quando riprenderanno “il potere sui territori allora sì che saranno chiuse”.   In Russia gli umori sono pesanti, capiscono che con questo governo non è possibile mettersi d’accordo su nulla il giorno dopo smentiscono quanto hanno detto il giorno prima e soprattutto dicono che “con i nazisti non si tratta”, perciò questi incontri che avvengono con la parte ucraina, sono da ritenersi semplicemente dei colloqui,  di certo non possono definirsi accordi.

 Per quanto concerne invece la promessa degli ucraini a Istanbul di avviare le indagini riguardo i crimini dei militanti ucraini nei confronti dei militari russi, oggi è arrivata la doccia fredda, nientemeno che dall’Incaricata dal Parlamento ucraino per i diritti umani, Ljudmila Denisova, la quale ha pubblicamente detto che il video è “falso”,  gli ucraini che sparano alle gambe ai soldati russi, lasciandoli là a terra senza assistenza sanitaria, “ è un puro fake”, montato nei set cinematografici della Russia” -  ha dichiarato quella che dovrebbe difendere i diritti umani! Aggiungendo anche che le autorità ucraine hanno verificato i fatti e tale fatto non si è confermato vero, mentre invece i due nazisti ucraini arrestati dai russi hanno già raccontato tutto e confermato la veridicità del fatto. 

La Denisova dice anche che non è vero che in Ucraina si calpestano i diritti umani, come non sono vere le torture, come non è vero che i prigionieri vengono trattati male. 

A tal proposito vorrei anche dire che in Ucraina le autorità hanno vietato la pubblicazione di tali video che mostrano le torture dei nazisti ucraini, in altre parole, attenzione, le autorità vietano di mostrare queste torture, ma non vietano di farle! Questa è la vera faccia di Zelenskij, anzi, d’ora in poi “Elenskij”, dato che già in Germania hanno vietato la lettera Z poiché simbolo dell’operazione militare russa in Ucraina e se la si disegna si viene perseguiti penalmente.

Ieri c’è stato un terribile bombardamento ad opera dei nazisti ucraini delle case popolari alla periferia di Donezk, a Tekstilscik, nel quartiere Kirovskij, già pesantamente bombardato dagli ucraini negli anni 2014 e 2015, con distruzione di scuole e case civili. Ieri mattina i sistemi reattivi di fuoco multiplo Uragan ha lanciato un missile, ben 6 metri di lunghezza, su una casa d’abitazione di molti piani, alle 6 e mezza della mattina, è chiaro il disegno criminale di uccidere quanti più civili inermi!  Per ora il bilancio è di due morti e molti feriti, tra i quali c’è una bimba di un anno e mezzo in gravissime condizioni per la cui vita stanno ancora lottando i medici molti altri sono rimasti sotto le macerie sono ancora da estrarre.

Ma la catena di montaggio dei fake lavora senza sosta e il New York Post ha pubblicato ieri la notizia, falsificandola completamente: “la Russia continua i bombardamenti delle città ucraine a dispetto delle sue dichiarazioni di non colpire gli obiettivi civili”. Presto arriverà anche in Italia questo fake? O continueranno i giornali nostrani a tacere questo fatto, il che costituisce già di per sé una disinformazione.

Marinella Mondaini

Marinella Mondaini

Scrittrice, giornalista, traduttrice. Vive e lavora a Mosca

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti