Il ritorno del padrone (Biden) al tavolo di comando dell’Europa

Il ritorno del padrone (Biden) al tavolo di comando dell’Europa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Tra i sempre più ammaccati governanti europei e nei mass media sempre più autoreferenziali, aleggia la felicità per la partecipazione di Joe Biden al Consiglio della UE.
Dopo che che il cattivo Trump snobbava l’Europa, ecco finalmente un presidente USA che riconosce il nostro ruolo, sembrano dire trionfanti tutte le autorità che hanno dato una comune pessima prova sul Covid.
Solo che Biden non partecipa al vertice europeo per spartire i vaccini delle multinazionali del suo paese, che si è accaparrato. Anzi semmai farà capire che non gradisce che si acquisti il vaccino Sputnik. Né tantomeno il presidente chiederà di riflettere sul fatto che gli USA e la UE assieme abbiano a carico già più di un milione e mezzo di morti per la pandemia, la netta maggioranza di quelli di tutto il mondo.
No Biden non viene al vertice per ragioni umanitarie, ma per guerre umanitarie. Quelle che gli USA vogliono rinfocolare nel mondo soprattutto ora che il loro impero è sempre più in difficoltà, di fronte alla crescita impetuosa della Cina e di altri paesi del mondo. Gli USA vogliono la completa servitù della UE nella loro politica guerrafondaia verso Russia e Cina e, come primo atto di fedeltà rinnovata, chiedono che salti il gasdotto NordStream tra Russia e Germania, che le multinazionali americane del petrolio non gradiscono. Naturalmente tutto questo verrà presentato come un nobile impegno per sanzionare chi viola i diritti umani. Che se fosse autentico, per i prossimi cento anni, dovrebbe essere rivolto prima di tutto verso gli USA.
Il ritorno del padrone al tavolo di comando dell’Europa, come ai bei tempi della guerra fredda, fa felici coloro che si definiscono euroatlantici, non a caso rispolverando la parola di cui si facevano scudo i peggiori politicanti reazionari degli anni cinquanta del secolo scorso.
Sì la comunità euroatlantica puzza lontano un miglio di vecchi sporchi affari imperialisti e di guerra. E in Italia, il fatto che tutto il Parlamento sia un coro euroatlantico, con Draghi direttore, sottolinea il particolare degrado ottuso e servile della politica.

Giorgio Cremaschi

Giorgio Cremaschi

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti