Il sostegno popolare "fake" all'incursione fallita contro il Venezuela

Il sostegno popolare "fake" all'incursione fallita contro il Venezuela

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Marco Teruggi - Sputnik
 


La richiesta di intervento militare USA è stata la tendenza numero uno di Twitter in Venezuela. Ha coinciso con i giorni dell'operazione Gedeone. Questa tendenza non era spontanea, ma creata da un meccanismo artificiale che pochi conoscono e rappresenta una minaccia.




È possibile che la richiesta di intervento militare straniero sia argomento di tendenza su Twitter? Questa domanda se l’è posta Julián Macías, uno specialista della rete, osservando come l'hastag #VenezuelaConfíaEnTrump si fosse posizionato al primo posto il 7 maggio in Venezuela.


I messaggi all'interno dell'hashtag non solo hanno mostrato il supporto per il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ma erano accompagnati da immagini dell'esercito nordamericano, con la richiesta di un intervento armato e l'assassinio del presidente venezuelano, Nicolás Maduro.


Macías, spagnolo, responsabile del canale Pandemia Digital di Telegram, ha analizzato l'hashtag e ha scoperto che gli account che avevano creato la tendenza utilizzavano nomi falsi e immagini del profilo e avevano la capacità di inviare 30 tweet ogni 10 secondi.


"Sono account con alcune funzionalità, come l'automazione dei tweet, il lancio di diversi di essi al secondo, il che ovviamente non è possibile in altro modo se non attraverso un software di automazione", spiega Macías a Sputnik.


Altre caratteristiche di questi account è il loro sistema di monitoraggio, chiamato follow unfollow, proibito dalle regole di Twitter, secondo lo specialista. "Consiste nel seguire una serie di account e quelli che non restituiscono il follow-up non vengono più seguiti, in modo tale che questi account accumulino molti follower e di solito hanno un numero di follower molto simile a quello dei follower", aggiunge.


Macías ha anche scoperto che tutti questi account "sono collegati a giornalisti e a media di fake news dal Venezuela, mezzi di tutta l'America Latina che hanno la stessa tendenza e fake media dalla Spagna". Quando si parla di tendenza politica, gli spagnoli si riferiscono al golpe di destra in Venezuela, Bolivia o partiti come VOX in Spagna.


Come costruire una tendenza?


Le tendenze su Twitter, note come trending topics, sono gli argomenti più popolari sulla piattaforma in tempo reale: quando si fa clic su una tendenza, viene visualizzato ciò che le persone twittano su di essa. Variano a seconda dei paesi, delle ore e mostrano le questioni di cui la maggior parte delle persone sta discutendo in quel momento, come una pandemia, una partita di calcio o un evento attorno a una personalità.


Dietro l'argomento di tendenza c'è un algoritmo, "complesso e segreto", spiega Macías. Ma gli elementi principali perché un determinato argomento diventi di tendenza "sono il numero di tweet per unità di tempo; se esiste una grande concentrazione di tweet con una [stessa] parola o tag (hashtag) in un determinato momento, viene creata una tendenza".


Non è l'unico fattore, un altro è, ad esempio, il numero di account, "quanto maggiore è il numero che partecipa influisce". Rilevante è anche "la partecipazione di account verificati da Twitter o che hanno un gran numero di follower". Questo insieme di elementi raggiunge una tendenza e la sua posizione nell'elenco degli argomenti di tendenza.


Ciò significa che un'organizzazione nell'ambito di un'azione politica, ad esempio, può creare artificialmente una tendenza: deve raggiungere un gran numero di tweet in breve tempo. Come farlo? La creazione di una serie di account falsi, ovvero non corrispondono a nessun utente reale e sono gestiti da un programma. Ci possono essere centinaia di account che inviano pochi tweet o pochi account con una capacità di invio di messaggi che nessuno può raggiungere, come diversi in un solo secondo.


Pertanto, ciò che a prima vista sembra spontaneo, come un'hastag, può effettivamente essere il prodotto di un'operazione politica. Questo è quello che è successo con # VenezuelaConfíaEnTrump, qualcosa che è accaduto in un momento chiave in Venezuela.


Operazione Gedeone e tendenze


L'hashtag #VenezuelaConfíaEnTrump si è posizionato al primo posto in Venezuela il 7 maggio, cinque giorni dopo l'inizio dell'Operazione Gedeone, quando un gruppo di mercenari, ex personale militare venezuelano e membri di un appaltatore militare statunitense sono giunti sulle coste del paese. Il 7 maggio, molti di quelli ??erano già stati arrestati dal governo venezuelano.


L'obiettivo dell'hashtag era posizionare una forza-idea che guida il settore del colpo di stato dell'opposizione venezuelana: la necessità per gli Stati Uniti di intervenire militarmente nel paese, in particolare di fronte allo smantellamento dell'operazione Gedeone.


Tali operazioni su Twitter sono frequenti in Venezuela. Tre giorni dopo, ad esempio, il 10 maggio, due hastag si sono posizionate tra i primi: #MañanaQueSePrendaElPeo e #11MVenezuelaArmaElPeo, ovvero, annunciando e chiamando le persone per protestare, per eseguire guarimbas (poiché sono note escalation di azioni violente) dall'opposizione).


In quel caso, si è verificato un altro fenomeno analizzato da Macías: la comparsa dell'account @WilexisPetare che è passato da 500 follower a 20.000 in 24 ore, secondo Macías. Wilexis è il nome dell'uomo che gestisce una banda armata a Petare, uno dei più grandi quartieri popolari del Venezuela.


A Petare, nello specifico, ha avuto luogo durante i giorni antecedenti e subito dopo lo sbarco dei mercenari, quello che era stato presentato dai media dell'opposizione come una serie di scontri armati tra bande. Tuttavia, il presidente Maduro ha spiegato che con le indagini la conclusione è stata che non si trattasse di veri e propri scontri, ma piuttosto di un'azione diversiva in modo che le forze di sicurezza dello stato si concentrassero lì mentre le navi arrivavano sulle coste.


Tra quelli che diffondevano le notizie sulle reti c'era Wilexis, che divenne improvvisamente un "tweeter" che chiamava per protestare contro Maduro. Analizzando l'account @WilexisPetare, Macías ha scoperto che si trattava di un account falso.


"L'origine dell'account è molto simile a quelli che hanno diffuso # VenezuelaConfíaEnTrump. È curioso che un leader di una banda abbia il tempo di fare una campagna, passare da 500 seguaci a oltre 20.000 in un solo giorno e iniziare a comportarsi come un account automatico, inserendo molti tweet e divenire quello che ottiene più retweet sui due hastag", afferma.


Alla fine, chiunque avesse tenuto il falso resoconto rivelò che non si trattava di Wilexis e ha concluso: "Ci sono solo due uscite, l'intervento militare o la revoca di un settore delle forze militari". Per Macías, il piano è andato storto:


"È andato storto perché quello che voleva era mobilitare manifestazioni contro Maduro, ma non hanno ottenuto risultati, ecco l'artificialità delle reti: puoi essere capace di creare la tendenza numero uno di mobilitazione e poi nessuno va ..."


Che impatto ha una tendenza artificiale?


Come viene misurato l'impatto di una tendenza creata artificialmente? Dipende dagli obiettivi dell'operazione. Si potrebbe tentare di funzionare come convocante, detonatore, ad esempio, di proteste o mobilitazioni In questo caso, capita spesso che la distanza tra le centinaia di messaggi automatici e le strade sia grande.

Altre volte la connessione risulta e la tendenza può amplificare o sovradimensionare i fatti. Ma non tutto cerca di tradursi in azioni di protesta. La costruzione di account come operazioni politiche fa parte di un dispositivo mediatico molto più ampio che cerca di installare idee, costruire significati, modi di vedere gli altri, influenzare il voto.

"Tutto questo è sinergico, Twitter è la punta di un iceberg di un sistema di disinformazione molto più globale a cui partecipano altre piattaforme che possono essere viste da molti, come YouTube, Facebook e diversi media, sia digitali che scritti, radio e televisori ".


Twitter ha, all'interno di questo set, una caratteristica, che è "una sorta di altoparlante per i media, i media di solito guardano gli account Twitter di altri media, di leader politici o notizie reali, è ciò lo rende il modo più veloce per arrivare ai media”.


Nel caso del Venezuela, l'uso di Twitter e la creazione di tendenze sono stati fondamentali negli ultimi anni. Le sue tendenze sono per lo più politiche, a differenza di altri paesi. Ogni escalation della destra golpista è stata accompagnata da un ampio display sui social network, in particolare su Twitter.


Sebbene questa dinamica sia stata particolarmente marcata in Venezuela, non è stata esclusiva. Durante il colpo di Stato in Bolivia tra ottobre e novembre 2019, sono stati creati quasi 68 mila account Twitter per legittimare il rovesciamento del presidente Evo Morales.


Macías indica una "connessione internazionale", in cui "molti gruppi hanno partecipato per unificare questo nuovo movimento di estrema destra (...) e stanno rendendo un media internazionale molto forte". Lo specialista della rete sottolinea Donald Trump tra queste forze; il presidente brasiliano, Jair Bolsonaro - con l'uso massiccio di WhatsApp nella sua campagna elettorale nel 2018 -; Il primo ministro britannico Boris Johnson; VOX - che si mobilitò per difendere il colpo di Stato in Bolivia -, tra gli altri.


"Quasi tutta la tecnocrazia globale, l'élite tecnologica ha molto a che fare con l'attuale governo degli Stati Uniti e stanno applicando un sistema molto efficace basato sulla diffusione di bufale e generazione di odio", spiega.


Ciò ha una sua traduzione in ogni paese, con meccanismi comuni. Nel caso del Venezuela, aveva, tra le sue recenti manifestazioni, quelle tendenze su Twitter che cercavano di fornire supporto al flusso di azioni per rovesciare il governo. Il pericolo rappresentato da queste operazioni è globale, avverte Macías:


"È una minaccia internazionale per la democrazia. Il primo passo è diagnosticare e denunciare, ma vedo molta impunità, sia da parte delle istituzioni internazionali che delle stesse piattaforme digitali".


(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

 

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Renatino è un crumiro infelice di Giorgio Cremaschi Renatino è un crumiro infelice

Renatino è un crumiro infelice

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa di  Leo Essen Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa

Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo! di Roberto Cursi “L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti