Il tenente colonnello Davis (USA) afferma che l'esercito ucraino è al collasso per ingenti perdite

Il tenente colonnello Davis (USA) afferma che l'esercito ucraino è al collasso per ingenti perdite

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Le pesanti perdite delle Forze armate ucraine (AFU) privano Kiev dell'opportunità di organizzare una controffensiva. E se le perdite continuano, le truppe ucraine crolleranno. Ad affermarlo è il tenente colonnello in pensione Daniel Davis in un articolo (The Dark Scenario: Ukraine’s Military Can’t Beat Russia and Collapses) per 19FortyFive.

“È difficile sopravvalutare i danni arrecati all'esercito ucraino. Da metà aprile, l'Ucraina ha perso più di 1.000 persone ogni giorno nel Donbass, avendo perso migliaia dei suoi migliori combattenti nelle battaglie per Mariupol. La maggior parte di queste vittime sono tra i soldati più esperti e più forti. Coloro che prendono il loro posto spesso non hanno nemmeno la formazione più elementare", ha scritto Davis.  

Il fatto che l'Ucraina stia subendo gravi perdite viene ammesso sempre più spesso dallo stesso regime di Kiev. Secondo il capo della fazione parlamentare del partito di governo "Servo del popolo" David Arakhamia, l' Ucraina perde 200-500 persone al giorno. Secondo la parte russa, le cifre potrebbero essere anche più alte.

Il quotidiano Daily Mail del 10 luglio ha riferito che le forze armate stanno perdendo fino a 20mila persone ogni mese.

Nello stesso mese, gli esperti occidentali hanno riconosciuto che un altro problema con le forze armate ucraine è che le truppe ucraine non possono utilizzare efficacemente le armi della NATO. 

Come riportato dal Wall Street Journal il 19 luglio, l’utilizzo delle armi della NATO al fronte è diventato un "incubo delle forze armate ucraine" a causa della loro diversità e complessità. Gli autori hanno notato che, nonostante il fatto che i paesi dell'Alleanza del Nord Atlantico continuino ad armare l'Ucraina, ciò crea solo problemi all'esercito ucraino.

Inoltre l’esercito ucraino avrebbe grossi problemi per quanto riguarda l’addestramento dei nuovi soldati inviati al fronte. Uno studio del Modern War Institute ha mostrato che solo il 20% del personale militare che si è unito ai ranghi delle forze armate ucraine ha mai sparato con un'arma. 

Davis ha anche aggiunto che l'addestramento di soldati professionisti a livello di compagnia o di battaglione dura diversi mesi e dovrebbe iniziare con il reclutamento di sergenti, luogotenenti e capitani esperti. I leader esperti non possono essere “creati” così, ha ricordato, hanno bisogno di essere “nutriti” nel tempo. Quindi, ha riassunto Davis, più l'Ucraina perderà uomini esperti in posizioni di comando, meno le loro forze complessive saranno pronte al combattimento.

In precedenza, Davis aveva affermato che i generali occidentali nascondono deliberatamente dati reali sulla situazione delle forze armate ucraine nel Donbass. Ufficiali militari di alto rango - evidenzia il tenente colonnello in congedo - esprimono commenti falsi a vari canali televisivi e pubblicazioni e confondono il pubblico. Inoltre, ha affermato che l'esercito russo è molto più forte sia a terra che in cielo e la fornitura di sistemi di artiglieria HIMARS non ha dato ulteriori opportunità all'esercito ucraino. 

Sul campo, al momento, le forze armate della Federazione Russa, insieme alla milizia popolare delle repubbliche del Donbass, hanno già liberato la regione di Kherson in Ucraina, così come la Repubblica popolare di Luhansk. Continua la liberazione delle regioni di Mykolaiv, Zaporozhye e Kharkiv, nonché della Repubblica popolare di Donetsk.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...