Il “testimone nelle nostre mani". Xi detta i prossimi obiettivi del PCC

Il “testimone nelle nostre mani". Xi detta i prossimi obiettivi del PCC

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Yang Sheng - Global Times


Il Presidente cinese Xi Jinping è intervenuto lunedì alla riunione di chiusura della prima sessione del 14° Congresso nazionale del popolo (NPC). Le sue osservazioni hanno coperto in modo esaustivo argomenti chiave, tra cui la leadership del Partito Comunista Cinese (PCC), il ringiovanimento nazionale, la riunificazione nazionale, lo sviluppo e la sicurezza, nonché la costruzione di una comunità con un futuro condiviso per l'umanità. 

Gli analisti cinesi hanno affermato che le osservazioni evidenziano la direzione che la Cina prenderà nella sua marcia dopo il 20° Congresso Nazionale del PCC e che il 2023 è l'anno di apertura di questo nuovo viaggio. Il discorso pronunciato durante la riunione di chiusura della sessione annuale dell'NPC all'inizio dell'anno ha dato grande fiducia, energia e certezza all'intera nazione per continuare a marciare in questo nuovo viaggio. 

Gli esperti hanno anche affermato che il contenuto del primo discorso pronunciato da Xi nel suo nuovo mandato è fondamentale per la società cinese e anche per la comunità internazionale per comprendere meglio come il PCC guiderà la Cina a riformarsi, svilupparsi e partecipare più attivamente alla governance globale, contribuendo alla pace e allo sviluppo mondiale.


Il “testimone” nelle nostre mani

Da oggi fino alla metà del XXI secolo, il compito centrale dell'intero PCC e di tutto il popolo cinese sarà quello di costruire in Cina un grande Paese socialista moderno sotto tutti i punti di vista e di far progredire il ringiovanimento della nazione cinese su tutti i fronti, ha dichiarato Xi intervenendo alla riunione di chiusura della prima sessione del XIV Congresso Nazionale del Popolo.

"Il testimone della costruzione di un grande Paese socialista moderno e dell'avanzamento del ringiovanimento nazionale è stato storicamente passato alla nostra generazione". Xi ha sottolineato l'accelerazione della modernizzazione cinese in accordo con le decisioni strategiche prese al 20° Congresso Nazionale del PCC.

Gli esperti hanno affermato che il compito di costruire un Paese socialista moderno e di far progredire il ringiovanimento nazionale, evidenziato nel discorso di Xi, è stato reso molto chiaro e ciò ha ulteriormente enfatizzato il messaggio che in questa generazione, grazie ai continui sforzi del secolo scorso, il ringiovanimento della nazione cinese è entrato in un processo irreversibile e storico. 

Ciò ha dimostrato il senso del dovere e della responsabilità della leadership cinese, oltre a trasmettere un messaggio di fiducia all'intero Paese e al mondo intero, secondo cui il PCC dovrà guidare la Cina a portare a termine la sua missione storica, indipendentemente dalle sfide che dovrà affrontare, hanno osservato gli analisti.

Xi ha dichiarato: "Realizzare la completa riunificazione della madrepatria è un'aspirazione condivisa da tutti i figli e le figlie cinesi, ed è la parte fondamentale del significato del ringiovanimento nazionale".

L'esperto afferma che viene inviato ancora una volta un chiaro messaggio al mondo: non c'è nulla che possa fermare il processo di riunificazione nazionale della Cina e la questione di Taiwan sarà e deve essere risolta nel viaggio della Cina verso il ringiovanimento nazionale. 

Xi ha sottolineato di aderire al principio di una sola Cina e al Consenso del 1992, di promuovere attivamente lo sviluppo pacifico delle relazioni tra le due sponde dello Stretto, di opporsi risolutamente alle interferenze esterne e alle attività separatiste "indipendentiste di Taiwan" e di far avanzare con decisione il processo di riunificazione nazionale.

Filosofia incentrata sul popolo 

Xi ha affermato che la fiducia del popolo è la più grande motivazione che lo spinge ad andare avanti e una grande responsabilità che si assume.

"Adempirò fedelmente alle responsabilità conferitemi dalla Costituzione, avendo come missione i bisogni della nazione e come metro di misura gli interessi del popolo", ha detto il presidente. Xi si è impegnato a svolgere il suo compito con scrupolo, a fare del suo meglio e a dimostrare di essere degno della fiducia di tutti i deputati della NPC e del popolo cinese di tutti i gruppi etnici.

L'ambasciatore palestinese in Cina Fariz Mehdawi ha dichiarato al Global Times, in un'intervista esclusiva, che la Cina è governata da un sistema politico unico, basato sulla soddisfazione della popolazione in generale. La legittimità del sistema deriva dalla soddisfazione, dal sostegno e dall'approvazione generale della popolazione.

Negli ultimi decenni, qualsiasi osservatore imparziale direbbe che la stragrande maggioranza dei cinesi è felice di ciò che sta accadendo nel proprio Paese ed è ottimista per il futuro. Questo è davvero un segno di approvazione che conferisce legittimità al sistema stesso e alle istituzioni che governano", ha affermato l'ambasciatore.

Giancarlo Elia Valori, esperto italiano di affari internazionali, ha dichiarato al Global Times che "nelle due sessioni di quest'anno sono aumentate le proposte e le mozioni sulla sicurezza dei mezzi di sussistenza del popolo, tra cui l'occupazione e l'imprenditorialità, l'istruzione, l'assistenza medica, l'alloggio e altre questioni legate ai mezzi di sussistenza, che sono le questioni a cui il popolo cinese tiene di più".

Nel suo discorso Xi ha affermato che "è necessario mettere il popolo al primo posto nel nuovo percorso di costruzione della Cina in un grande Paese socialista moderno e di avanzamento del ringiovanimento nazionale". Ha affermato che è necessario attuare una filosofia di sviluppo incentrata sul popolo, in modo che le conquiste della modernizzazione vadano a beneficio di tutte le persone in modo equo e che si compiano progressi più notevoli e sostanziali nella promozione della prosperità per tutti.

Le due sessioni di quest'anno hanno rispecchiato appieno il funzionamento della democrazia popolare a tutto tondo in Cina e la capacità di questo speciale sistema democratico di continuare a innovare e a rispondere efficacemente alle preoccupazioni dei cittadini, di trovare soluzioni efficienti ai problemi e di cogliere le opportunità dello sviluppo e delle riforme, hanno affermato gli esperti. 

Questo ha portato fiducia e vitalità per il cammino della Cina verso il futuro e offre al mondo un'alternativa quando il decadimento del sistema democratico occidentale ha scosso la fiducia della gente nella democrazia nel suo complesso, spiegano gli analisti.

Leadership del PCC

Nel suo discorso di lunedì, Xi ha sottolineato il mantenimento della leadership del Partito Comunista Cinese (PCC) e della leadership centralizzata e unificata del Comitato Centrale del PCC. "È importante rimanere vigili e determinati per affrontare le sfide speciali che un grande partito come il PCC deve affrontare".

La forte leadership del PCC è stato il vantaggio più cruciale che ha aiutato la Cina a realizzare uno sviluppo di successo in passato e che la aiuterà a raggiungere l'obiettivo del ringiovanimento nazionale in futuro, soprattutto quando il mondo sta attualmente assistendo a grandi turbolenze, ma la leadership cinese ha anche visto con saggezza e lungimiranza le sfide speciali per un grande partito politico che devono essere superate, hanno detto gli esperti.  

Yang Xuedong, professore di scienze politiche all'Università Tsinghua, ha dichiarato al Global Times che "alcune sfide speciali per un grande partito politico come il PCC sono difficili e devono essere affrontate. Ad esempio, molti dei membri di un grande partito al potere occupano anche posizioni chiave con il potere di controllare e distribuire le risorse, quindi all'interno di un grande partito, alcuni membri diventeranno forze con interessi acquisiti e si corromperanno nel processo di rapido sviluppo economico. Diventeranno l'ostacolo che blocca la riforma del Paese".

Il Partito Comunista dell'ex Unione Sovietica (PCUS) era un grande partito che non è riuscito a realizzare una riforma efficace o ad affrontare le sfide speciali che un grande partito deve affrontare, ha detto Yang. "Pertanto, il Partito comunista dell'ex Unione Sovietica (PCUS) eviterà e dovrà evitare di ripetere l'errore commesso dal PCUS, e la chiave è avere il coraggio e la determinazione di continuare a spingere l'auto-riforma o l'auto-rivoluzione", ha osservato Yang.

Xi ha sottolineato l'importanza di avere sempre il coraggio di portare avanti l'auto-riforma, di condurre una piena e rigorosa auto-governance del Partito senza sosta e di combattere risolutamente la corruzione.

È necessario impegnarsi per mantenere sempre la solidarietà e l'unità del Partito e garantire che il PCC non cambi mai la sua natura, la sua convinzione e il suo carattere, in modo da fornire una solida garanzia per costruire la Cina in un grande Paese socialista moderno e realizzare il ringiovanimento nazionale, ha osservato Xi.

Yang ha affermato che nel nuovo percorso e nella prossima fase di sviluppo, sotto la guida del Partito, la Cina manterrà gli sforzi anti-corruzione che hanno risanato con successo l'ambiente politico nell'ultimo decennio.

"La chiave della prossima fase è istituzionalizzare i nostri sforzi anticorruzione e modernizzare la supervisione democratica sul funzionamento del potere politico, per questo dobbiamo attuare e promuovere pienamente la democrazia popolare a tutto tondo e la governance basata sul diritto", ha affermato l'esperto.

Messaggio al mondo

Lunedì Xi ha dichiarato che "la Cina si impegnerà per promuovere la costruzione di una comunità con un futuro condiviso per l'umanità". Lo sviluppo della Cina va a beneficio del mondo e la Cina non può svilupparsi in modo isolato dal resto del mondo, ha osservato Xi.

Sottolineando che la Cina compirà sforzi concreti per far progredire l'apertura ad alto livello, Xi ha affermato che il Paese non solo sfrutterà i mercati e le risorse globali per il proprio sviluppo, ma promuoverà anche lo sviluppo del mondo intero.

Li Haidong, professore presso l'Istituto di Relazioni Internazionali dell'Università degli Affari Esteri della Cina, ha dichiarato lunedì al Global Times che questo è un messaggio al mondo: la Cina non chiuderà la porta dell'apertura anche se dovrà affrontare il contenimento da parte degli Stati Uniti, e mentre la Cina ottiene benefici dal mondo, condividerà anche le opportunità con il mondo per svilupparsi insieme, e la Cina è fiduciosa di realizzare relazioni win-win con tutti.

"Ci dedicheremo alla pace, allo sviluppo, alla cooperazione e al mutuo beneficio, staremo fermamente dalla parte giusta della storia, praticheremo un vero multilateralismo e sosterremo i valori condivisi dell'umanità", ha dichiarato Xi.

Il presidente cinese ha dichiarato che la Cina parteciperà attivamente alla riforma e allo sviluppo del sistema di governance globale, contribuirà alla costruzione di un'economia mondiale aperta, farà avanzare l'attuazione dell'Iniziativa per lo sviluppo globale e dell'Iniziativa per la sicurezza globale, aggiungerà maggiore stabilità ed energia positiva allo sviluppo pacifico del mondo e promuoverà un ambiente internazionale favorevole allo sviluppo della Cina.

L'ultimo risultato a cui la Cina ha partecipato e che promuove notevolmente la pace nel mondo è l'accordo per ristabilire i legami diplomatici tra Arabia Saudita e Iran, hanno detto gli esperti. Attraverso contributi e azioni concrete, la Cina sta convincendo il mondo di avere la fiducia, la capacità e la credibilità per aiutare tutti i Paesi che si trovano ad affrontare problemi come crisi geopolitiche e conflitti militari a trovare soluzioni pacifiche, indipendentemente da quanto siano complicate e difficili. 

La Cina ha piena fiducia e determinazione nel costruire insieme a tutte le nazioni del mondo una comunità dal futuro condiviso. 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)


-----

Per approfondire:

"Il pensiero di XI come marxismo del XXI secolo"

"

ACQUISTALO ORA

Potrebbe anche interessarti

Una rosa bianca in onore di José Martí di Geraldina Colotti Una rosa bianca in onore di José Martí

Una rosa bianca in onore di José Martí

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti