Il Venezuela condanna il secessionismo del leader taiwanese

Il Venezuela condanna il secessionismo del leader taiwanese

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il Venezuela ha condannato la posizione secessionista adottata da Lai Ching-te durante il suo discorso di insediamento alla guida della regione di Taiwan.

"La Repubblica Bolivariana del Venezuela, onorando il 'Partenariato strategico a prova di tutto' tra la Cina e il Venezuela, sotto la guida della Dichiarazione congiunta rilasciata dai presidenti Nicolas Maduro Moros e Xi Jinping nel settembre 2023, riafferma la sua stretta adesione al principio di 'Una sola Cina', che riconosce il governo della Repubblica Popolare Cinese come il vero e unico rappresentante legittimo del popolo cinese, e che l'isola di Taiwan è una parte inalienabile del suo territorio storico", ha dichiarato il Ministero degli Esteri venezuelano.

"Per questo motivo, il Venezuela respinge la posizione secessionista del leader del Partito Democratico Progressista (PDP), Lai Ching-te, espressa nel suo discorso del 20 maggio 2024, quando ha assunto il ruolo di nuovo leader della regione di Taiwan, essendo contraria alla riunificazione pacifica dello Stretto, alla pace e alla stabilità regionale", ha aggiunto.

"Esaltando il suo principio di diplomazia di pace, il governo bolivariano condanna qualsiasi minaccia da parte dell'imperialismo egemonico e rifiuta categoricamente qualsiasi intervento sotto qualsiasi pretesto, che potrebbe minare la pace e la stabilità regionale", ha sottolineato la diplomazia venezuelana.

"Il Venezuela ribadisce la sua eterna amicizia con la sorella Repubblica Popolare Cinese, con il fedele impegno di continuare ad approfondire i legami politici bilaterali e la solidarietà che contribuiscono al consolidamento della comunità con un futuro condiviso per l'umanità".

Lunedì, Chen Binhua, portavoce dell'Ufficio per gli Affari di Taiwan del Consiglio di Stato, ha esortato gli Stati Uniti a non inviare segnali sbagliati alle forze separatiste che cercano l'"indipendenza di Taiwan".

Ha fatto queste osservazioni in risposta a una domanda dei media sulla mossa degli Stati Uniti di inviare persone a partecipare alla cerimonia di insediamento di Lai Ching-te come nuovo leader di Taiwan.

"Ci opponiamo fermamente a qualsiasi forma di scambio ufficiale tra la regione cinese di Taiwan e gli Stati Uniti e altri Paesi che hanno relazioni diplomatiche con la Cina. Condanniamo fermamente qualsiasi interferenza negli affari di Taiwan con qualsiasi pretesto o con qualsiasi mezzo", ha dichiarato Chen.

Il tentativo delle autorità del Partito Democratico Progressista di cercare un sostegno straniero per l'indipendenza e l'interferenza di forze esterne non fermeranno la tendenza irreversibile della riunificazione della Cina, ha spiegato Chen.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti