/ Il Venezuela invitato a investire nella ricostruzione della Siria

Il Venezuela invitato a investire nella ricostruzione della Siria

 

L'ambasciatore della Siria in Venezuela, Khalil Bitar, ha invitato il governo bolivariano a investire nella ricostruzione del paese arabo, dopo i sette anni di distruzione e intervento dei gruppi terroristici


L'ambasciatore della Siria in Venezuela, Khalil Bitar, ha invitato, sabato scorso, poche ore prima del fallito al Presidente Maduro,  il governo bolivariano a investire nella ricostruzione del paese arabo, dopo i sette anni di distruzione e intervento di gruppi terroristici.
 
"Invitiamo il Venezuela e altre nazioni che hanno aiutato il governo siriano a sconfiggere il terrorismo, come la Russia, l'Iran e la Cina, ad investire nella ricostruzione della Siria, ha dichiarato il diplomatico in un'intervista al quotidiano 'Últimas Noticias'.
 
Ha affermato che il popolo siriano non approverà gli investimenti nella ricostruzione delle nazioni coinvolte nella sua distruzione, come nel caso degli Stati Uniti e di altri paesi dell'Occidente e del Medio Oriente.
 
Bitar ha ringraziato il Venezuela per il suo sostegno alla Siria nei forum internazionali, principalmente tra il 2015 e il 2016 quando la nazione sudamericana è stata membro del Consiglio di sicurezza dell'Organizzazione delle Nazioni Unite.

 
L'ambasciatore ha sottolineato che durante i sette anni di guerra contro il presidente Bashar Al-Assad, 86 paesi che hanno sostenuto gli estremisti del sedicente Stato islamico hanno agito in Siria.
"Secondo un centro di ricerca tedesco, c'erano oltre 350.000 terroristi internazionali che operavano in Siria", ha riferito.
Ha anche spiegato che, secondo la confessione del governo del Qatar, una nazione alla quale gli Stati Uniti e l'Arabia Saudita hanno ordinato di condurre quella guerra, circa 135 miliardi di dollari sono stati investiti nella guerra.
D'altra parte, Bitar ha sostenuto che ufficialmente non ci sono dati su quanti siriani hanno lasciato il loro paese in fuga dalla guerra, tuttavia "oggi il governo li richiama".
 
Il Venezuela, dopo essere stato invitato alla Fiera Internazionale di Damasco e alla ricostruzione della Siria, programmato per l'ultimo trimestre del 2018, si è impegnato a portare le aziende con competenza nella produzione e nella costruzione per esportare in entrambi i settori e quindi contribuire allo sviluppo in Siria.
 
 
Fonte: Ultimas noticias
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa