Il Vietnam ricorda lo storico ministro degli Esteri Nguy?n C? Th?ch

Il Vietnam ricorda lo storico ministro degli Esteri Nguy?n C? Th?ch

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Giulio Chinappi

Lo scorso 10 dicembre, il ministero degli Esteri vietnamita ha organizzato un evento per ricordare i cento anni dalla nascita dell’ex ministro Nguy?n C? Th?ch (1921-1998).

Nguy?n C? Th?ch è stato un’importante figura del socialismo vietnamita, fino a raggiungere l’apice della sua carriera con l’incarico di ministro degli Esteri, che ha occupato tra il 1980 ed il 1991. Inoltre, tra il 1987 ed il 1991 è stato anche vice primo ministro della Repubblica Socialista del Vietnam.

Lo scorso 10 dicembre, il ministero che lo stesso Th?ch ha guidato per undici anni ha deciso di ricordare i cento anni dalla sua nascita con una celebrazione ufficiale. All’evento erano presenti numerosi esponenti di spicco del governo e del Partito Comunista, compresi l’attuale ministro degli Esteri, Bùi Thanh S?n, il vice primo ministro Ph?m Bình Minh, e l’ambasciatore vietnamita in Polonia, Ph?m Ki?n Thi?t, questi ultimi due figli proprio di Nguy?n C? Th?ch (il cui nome alla nascita era in effetti Ph?m V?n C??ng).

All’inizio della cerimonia, il Comitato Organizzatore ha proiettato un estratto dal film documentario “Compagno Nguy?n C? Th?ch – Un leale comunista e diplomatico distinto“, che ripercorre i sessant’anni di militanza politica del protagonista.

Nel suo discorso di apertura, il ministro degli Esteri Bùi Thanh S?n ha sottolineato che in oltre sessant’anni di attività rivoluzionarie, Nguy?n C? Th?ch ha sempre portato a termine i suoi eccezionali risultati, indipendentemente dalla sua posizione o campo di lavoro, “lottando per tutta la vita, servendo devotamente il Partito, lo Stato e il popolo, dando grandi contributi alla causa della liberazione nazionale e del rinnovamento nazionale”.

Immerso nel patriottismo e nella tradizione diplomatica di una nazione di pace e armonia, perseguendo fermamente l’obiettivo dell’indipendenza nazionale associato al socialismo, padroneggiando e applicando creativamente il pensiero diplomatico di H? Chí Minh, con immenso coraggio e una grande esperienza pratica, il compagno Nguy?n C? Th?ch ha dato un contributo importante alla trasformazione del Paese, rinnovando il pensiero estero del nostro Partito al VI e VII congresso, ponendo le basi per plasmare la politica estera nel periodo di rinnovamento”, ha affermato il ministro.

La politica estera promossa da Nguy?n C? Th?ch era “una politica estera di indipendenza, fiducia in sé stessi, apertura, multilateralizzazione e diversificazione, unendo la forza nazionale con la forza dei tempi, mantenendo un ambiente pacifico e stabile e sfruttando condizioni internazionali favorevoli per lo sviluppo del nazione”.

Secondo il ministro Bùi Thanh S?n, durante il periodo in cui il Paese era assediato e sottoposto a embargo con innumerevoli difficoltà, nella posizione di “comandante” del servizio diplomatico, il compagno Nguy?n C? Th?ch ha sempre dedicato il suo cuore e la sua mente all’ardua lotta per rompere l’assedio e l’embargo. “Il compagno Nguy?n C? Th?ch diede un grande contributo alla soluzione positiva della questione della Cambogia e alla normalizzazione delle relazioni con i Paesi della regione , creando così un ambiente internazionale favorevole al rinnovamento e allo sviluppo del Paese”.

Nguy?n C? Th?ch ha dato anche un grande contribuito allo sviluppo economico del Vietnam nel periodo delle riforme economiche note con il nome di ??i m?i: “Le scoperte nell’edilizia industriale avviate e dirette dal compagno Nguy?n C? Th?ch hanno creato un cambiamento fondamentale nello svolgimento della funzione di consulenza strategica e nell’organizzazione dell’attuazione pubblica. Allo stesso tempo, hanno gettato solide basi per la costruzione di un moderno servizio diplomatico vietnamita, soddisfacendo i requisiti della missione nel nuovo periodo”.

A nome della famiglia, l’ambasciatore Ph?m Ki?n Thi?t ha espresso i suoi sinceri ringraziamenti al Partito, allo Stato e al ministero degli Affari Esteri per aver sempre prestato attenzione e riconosciuto i contributi del compagno Nguy?n C? Th?ch al Paese, soprattutto nel campo della diplomazia. “Oggi, in uno spazio solenne ma accogliente, possiamo vedere l’immagine di nostro padre attraverso i documentari, il discorso del ministro Bùi Thanh S?n i discorsi dei delegati. Parlando, siamo estremamente commossi e vediamo che Nguy?n C? Th?ch è vivo ed è qui con noi oggi. In famiglia, Nguy?n C? Th?ch è sempre stato un marito, padre e nonno esemplare, semplice e sincero, un brillante esempio da seguire per i suoi figli e nipoti. Ha instillato in noi un appassionato patriottismo, fermezza e coraggio, la volontà di lottare, elevarsi e servire con tutto il cuore il Paese”.

CLICCA QUI PER LA PAGINA FACEBOOK

Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte e del link originale.

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti