Il Washington Post smentisce le fake news sulla "variante Omicron"

Il Washington Post smentisce le fake news sulla "variante Omicron"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Mentre il governo Draghi proroga lo Stato di emergenza, decretando di fatto lo stato di eccezione e molti Stati europei mettono in atto una repressione senza precedenti, in Sudafrica viene completato e pubblicato lo studio sulla famigerata "variante omicron".
Ne dà notizia nientepopodimeno che il The Washington Post, non il pericoloso complottista novax negazionista terrapiattista stigmatizzato dalla narrazione mediatica.

La Variante omicron è più resistente al vaccino ma causa sintomatologia meno grave, conclude l'importante studio sudafricano, ma è più resistente al vaccino Pfizer-BioNTech con due dosi ampiamente utilizzato in Sud Africa

Si tratta in assoluto del primo grande studio privato condotto e pubblicato dalla prima rilevazione della variante omicron il mese scorso, grazie ai ricercatori sudafricani.

Lo studio di Discovery Health, il più grande amministratore di assicurazioni sanitarie del Sudafrica, su 211.000 casi positivi al coronavirus, di cui 78.000 attribuiti ad omicron, ha, infatti, dimostrato che il rischio di ricoveri ospedalieri tra gli adulti che hanno contratto il covid-19 è inferiore del 29% rispetto all'ondata pandemica iniziale emersa a marzo 2020.

"Tuttavia, lo studio, pubblicato martedì, _ come riferisce il WP, ha rilevato che il vaccino del gigante farmaceutico statunitense Pfizer e del partner tedesco BioNTech ha fornito solo il 33% di protezione contro le infezioni, molto meno del livello per altre varianti rilevate nel Paese.

"La quarta ondata guidata da omicron ha una traiettoria significativamente più ripida di nuove infezioni rispetto alle onde precedenti", ha detto Noach in una nota. "I dati nazionali mostrano un aumento esponenziale sia delle nuove infezioni che dei tassi di positività ai test durante le prime tre settimane di questa ondata, indicando una variante altamente trasmissibile con una rapida diffusione dell'infezione nella comunità".

"Ciò che è incoraggiante in questa fase è una traiettoria più piatta di ricoveri ospedalieri che indica una probabile minore gravità di questa ondata".

Noach ha detto che le prove aneddotiche raccolte dai medici che trattano pazienti con omicron al di fuori degli ospedali hanno mostrato un alto tasso di reinfezione e molteplici infezioni nelle persone vaccinate che emergono dopo un breve periodo di incubazione di tre o quattro giorni.

La maggior parte delle infezioni sono descritte come lievi, con recuperi di solito entro tre giorni, ha detto. Il sintomo precoce più comune riportato è una gola graffiante, seguita da congestione nasale, tosse secca e mialgia, o dolori, che si manifestano nel dolore lombare, ma pochissima esigenza di ossigeno.

Rispetto ai bambini, Shirley Collie, chief health analytics actuary di Discovery Health, ha detto che i medici stanno segnalando un numero maggiore di bambini positivi al test con omicron, ma ha avvertito che è necessario un esame più attento del problema. I dati di Discovery Health hanno indicato che i bambini di età inferiore ai 18 anni sembrano presentare un rischio maggiore del 20% di ricoveri per complicazioni quando infettati da omicron rispetto alle altre varianti, ma che la maggior parte dei bambini infetti da omicron si lamenta di mal di testa, mal di gola, congestione nasale e febbre: i sintomi finiscono entro tre giorni, ha dichiarato Collie.

La ricerca arriva mentre l'omicron è diventata la variante dominante in Sud Africa in meno di tre settimane da quando la sua esistenza è stata confermata il 25 novembre.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha avvertito lunedì che omicron, ora rilevata in 63 paesi, rappresenta un rischio globale "molto alto".

In Sud Africa, il calo della protezione di due dosi del vaccino Pfizer-BioNTech contro qualsiasi infezione sintomatica è simile a quello che uno studio preprint britannico pubblicato alla fine della scorsa settimana che  ha dimostrato come la protezione vaccinale, di fronte alla nuova variante, è scesa al di sotto del 40 per cento.

Lo studio britannico, tuttavia, non ha potuto rispondere a domande pressanti sul fatto che la protezione vaccinale contro le malattie gravi si eroderebbe altrettanto drasticamente. I dati sudafricani forniscono il primo indizio, mostrando che la protezione contro le malattie gravi che richiedono il ricovero in ospedale dopo due dosi è stata ridotta di oltre il 90% contro la variante delta, "restando relativamente robusta" (Sic)

Mentre il mondo osserva da vicino il Sudafrica alla ricerca di segnali  di come omicron potrebbe evolversi altrove, si susseguono molte domande sulle differenze di popolazione e su quanto l'infezione precedente protegga le persone.

Glenda Gray, presidente del South African Medical Research Council, ha detto che è difficile rispondere a queste domande in questo momento. "Il Sudafrica ha una sieroprevalenza piuttosto elevata da infezione precedente, in particolare dopo la variante delta, e in alcune parti del Sudafrica fino all'80% delle persone è stato esposto a precedenti infezioni".

In altri termini trova una popolazione che ha già sviluppato una sua immunità naturale, avendo sviluppato anticorpi contro le precedenti varianti.

 "Non pensiamo che sia una questione di virulenza, ma più una questione di esposizione alla vaccinazione e all'infezione precedente, quindi saremmo cauti nel cercare di interpretare che si tratta di un ceppo meno virulento. Dovremo vedere cosa succederà in altre parti del mondo prima di fare una valutazione definitiva".

Con oltre 3,7 milioni di clienti, Discovery Health dispone di dati estesi relativi ai sinistri e all'utilizzo del sistema sanitario privato. Pertanto, Discovery Health è in una posizione unica per generare approfondimenti su larga scala e del mondo reale sull'impatto di Covid-19, ha affermato Noach.

“C'è una responsabilità sociale nell'aggiornare e informare su Omicron data l'urgenza su questo fronte, a livello nazionale e globale.

“Siamo in una posizione unica per farlo, dato il predominio della variante Omicron in Sud Africa e in tutta la base di programmi medici somministrati di Discovery Health, e la ricchezza e l'importanza dei nostri dati, che spaziano da cartelle cliniche, cartelle vaccinali e test patologici. risultati tratti dal nostro consistente database”.

Fonte https://businesstech.co.za/news/lifestyle/546940/discovery-has-published-its-first-omicron-data-in-south-africa-here-are-4-of-the-most-important-findings/

Il professor Russell Viner, professore di salute dell'infanzia e dell'adolescenza, UCL, commentando l'importante primo studio del Sudafrica sulla variante omicron ha rilevato, rispetto ai bambini:

“La caratteristica più sorprendente del covid-19 in tutte le varianti precedenti sono stati gli effetti dell'età estrema osservati, con gli anziani più colpiti. Lo dimostrano infatti anche questi dati sudafricani su Omicron, che mostrano un'incidenza assoluta molto bassa nei bambini.

“Riguardo al suggerimento di tassi di ospedalizzazione più elevati nei bambini per Omicron, è essenziale riconoscere che si tratta di dati incompleti e parziali. Per ogni variante precedente abbiamo visto le prime affermazioni secondo cui i bambini erano più colpiti, che in seguito si sono rivelate non vere. Nel novembre 2020 abbiamo riscontrato affermazioni secondo cui la variante alfa colpiva maggiormente i bambini e tra maggio e giugno 2021 abbiamo riscontrato affermazioni simili sul delta. Ognuno di questi era il risultato di dati parziali iniziali e nessuno dei due si è rivelato corretto. Ciò sottolinea l'importanza di prestare attenzione all'estrapolazione da dati molto limitati."

"Naturalmente non possiamo essere compiacenti e dobbiamo guardare attentamente i dati in evoluzione su Omicron dal Sud Africa e altrove man mano che emergono".

Fonte https://www.sciencemediacentre.org/expert-reaction-to-press-release-from-discovery-health-giving-real-world-information-on-their-omicron-outbreak-based-on-211000-covid-19-positive-test-results-in-south-africa/

Agata Iacono

Agata Iacono

Sociologa e antropologa

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti