IN AGGIORNAMENTO. GIORNO 13. Gaza ancora sotto attacco, USA intercettano missili e droni nello Yemen “potenzialmente diretti verso Israele"

IN AGGIORNAMENTO. GIORNO 13. Gaza ancora sotto attacco, USA intercettano missili e droni nello Yemen “potenzialmente diretti verso Israele"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

AGGIORNAMENTI 

Ore 23:00 ONU: Civile libanese ucciso in uno scontro a fuoco al confine tra Israele e Libano

La missione di pace delle Nazioni Unite nella zona di confine tra Israele e Libano comuncia che un civile libanese è stato ucciso “durante un significativo scontro a fuoco” alla frontiera.

La Forza ad interim delle Nazioni Unite in Libano (UNIFIL) ha riferito che l’esercito libanese ha richiesto la sua assistenza quando sette persone sono rimaste bloccate vicino al confine.

La forza delle Nazioni Unite ha affermato di aver contattato l'esercito israeliano, che ha accolto la richiesta dell'UNIFIL di sospendere il fuoco per consentire alle forze libanesi “di estrarre le persone dall'area”.

"Tragicamente, una persona ha perso la vita durante questo incidente e le altre sono state salvate con successo", ha affermato l'UNIFIL.

Non è stato immediatamente chiaro chi fosse responsabile della morte del civile, ma una fonte della sicurezza libanese ha detto a Reuters che la persona è stata uccisa dal fuoco israeliano. Da quando è scoppiata la guerra a Gaza si sono verificati frequenti scambi transfrontalieri tra Israele e Libano.

Ore 22:00  CNN: Intercettati da Nave da Guerra USA missili provenienti dallo Yemen "potenzialmente diretti verso Israele"

La CNN ha citato due funzionari statunitensi, i quali hanno affermato che una nave da guerra della Marina statunitense operante in Medio Oriente ha intercettato questa sera numerosi missili vicino alla costa dello Yemen.

Anche Alon Ben David, analista degli affari militari presso Israeli Channel 13, ha riferito che gli israeliani sostengono che i missili lanciati dallo Yemen e intercettati dagli Stati Uniti fossero diretti al territorio occupato da Israele.

Ore 21:00 Migliaia di manifestanti francesi hanno manifestato in Place de la République a Parigi , nonostante le restrizioni e la repressione delle autorità che vietano le manifestazioni di supporto alla Palestina. 

Ore 20:30 Gli esperti delle Nazioni Unite lanciano l'allarme sui crimini israeliani contro l'umanità e sul rischio genocidio a Gaza

Gli esperti delle Nazioni Unite hanno espresso le loro serie preoccupazioni per il rafforzamento dell’assedio di Israele su Gaza, privando 2,3 milioni di persone di cibo, carburante, acqua, elettricità e medicine essenziali.

Tra gli esperti figurano, tra gli altri, il relatore speciale sui diritti umani all'acqua potabile e ai servizi igienico-sanitari, Pedro Arrojo Agudo, e la relatrice speciale sulla situazione dei diritti umani nei territori palestinesi occupati dal 1967, Francesca Albanese.

“L’assedio completo di Gaza, abbinato a ordini di evacuazione irrealizzabili e trasferimenti forzati di popolazione, costituisce una violazione del diritto penale e umanitario internazionale. È anche indicibilmente crudele”, hanno lamentato.

“Stiamo lanciando l’allarme: è in corso una campagna da parte di Israele che porta a crimini contro l’umanità a Gaza”.

Hanno inoltre espresso indignazione per l'attacco all'ospedale arabo al-Ahli di Gaza , descrivendolo come una "atrocità", lo stesso giorno dello sciopero contro una scuola dell'UNRWA situata nel campo profughi di Al Maghazi che ospitava circa 4.000 sfollati, così come su due campi profughi densamente popolati.

“Considerando le dichiarazioni dei leader politici israeliani e dei loro alleati, accompagnate dall’azione militare a Gaza e dall’escalation di arresti e uccisioni in Cisgiordania, esiste anche il rischio di genocidio contro il popolo palestinese”, hanno aggiunto gli esperti.

Ore 19:45 Netanyahu incontra le forze d’élite israeliane mentre si profila una possibile incursione di terra

Il primo ministro ha incontrato la brigata Golani – una delle più antiche dell'esercito israeliano – in un punto di raccolta vicino a Gaza.

“Sono qui con i soldati Golani provenienti da tutte le parti del Paese. Hanno combattuto come leoni e combatteranno come leoni. Vinceremo con tutta la nostra forza”, ha detto Netanyahu. “Tutto il popolo d’Israele è con voi e assesteremo duri colpi ai nostri nemici per ottenere la vittoria. Alla vittoria!"

L'incontro, pubblicato sull'account X di Netanyahu, avviene nel contesto delle aspettative che Israele lancerà presto un'incursione di terra a Gaza.

Stamattina, il ministro della Difesa israeliano Gallant ha detto alle truppe che presto vedranno Gaza “dall’interno”.

Ore 19:00 OMS: Camion degli aiuti umanitari "carichi e pronti a partire"

Il capo dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) afferma che i suoi camion di aiuti umanitari sono “carichi e pronti a partire” nella Striscia di Gaza, ma non è chiaro quando le consegne saranno consentite nel territorio.

“Stiamo lavorando con le società della Mezzaluna Rossa egiziana e palestinese per consegnare i nostri rifornimenti a Gaza non appena verrà aperto il valico di Rafah; speriamo domani”, ha detto il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus durante una conferenza stampa.

Tedros, che ha accolto con favore l'annuncio di Israele di non bloccare l'ingresso di acqua, cibo e medicine dall'Egitto a Gaza, ha esortato il Paese a consentire l'ingresso anche di carburante.

“Il carburante è necessario anche per i generatori degli ospedali, le ambulanze e gli impianti di desalinizzazione”, ha spiegato.

Ore 18:00 Riepilogo

  • I bombardamenti aereo israeliano della Striscia di Gaza continua, e si sono intensificati nell'ultima ora.
  • Almeno sette palestinesi sono stati uccisi dalle forze israeliane nella Cisgiordania occupata.
  • Il ministro della Difesa israeliano dice alle truppe di terra di tenersi pronte ad entrare nella Striscia di Gaza, promettendo che vedranno l'enclave palestinese assediata “dall'interno”.
  • Il Ministero della Difesa israeliano ha annunciato che è arrivata una spedizione di veicoli blindati dagli Stati Uniti “per sostituire i veicoli danneggiati durante la guerra”.
  • Continua il fuoco transfrontaliero tra Israele e Libano, con gli esperti che avvertono di un’ulteriore escalation.
  • Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ribadisce la sua richiesta per un cessate il fuoco immediato a Gaza poiché le organizzazioni umanitarie sperano di poter portare forniture umanitarie nel territorio palestinese il prima possibile.

Ore 18:15 Il Ministero della Difesa israeliano comunica che è arrivata la spedizione statunitense di veicoli blindati

In un post su X, il ministero ha affermato che i veicoli “vengono trasferiti all’[esercito israeliano] per sostituire i veicoli danneggiati durante la guerra”.

Gli Stati Uniti si sono impegnati ad aumentare il sostegno militare a Israele – che già ammonta in media a 3,8 miliardi di dollari all’anno – durante la guerra. Il Pentagono aveva annunciato martedì scorso che cinque spedizioni di armi e attrezzature sono già state inviate in Israele dal 7 ottobre.

Ieri, il funzionario del Dipartimento di Stato Josh Paul si è dimesso , sostenendo che la continua promessa di armi da parte degli Stati Uniti stava dando il via libera a un bombardamento israeliano su Gaza che ha mostrato poca preoccupazione per il bilancio dei civili.

Ore 17:30 Guterres ribadisce l'appello al cessate il fuoco a Gaza

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha ribadito il suo appello per un cessate il fuoco immediato a Gaza.

Parlando insieme al ministro degli Esteri egiziano al Cairo, Guterres ha sollecitato la rapida consegna di assistenza umanitaria all’enclave palestinese e il rilascio da parte di Hamas dei prigionieri catturati durante l’attacco contro Israele il 7 ottobre.

“Sono in Medio Oriente per una missione umanitaria in un momento di profonda crisi – una crisi diversa da qualsiasi altra crisi vista nella regione da decenni”, ha affermato.

Ore 17:00 Lavrov: la guerra di Gaza rischia di diventare “un conflitto a livello regionale”

La Russia avverte che è reale il rischio che l’attuale crisi di Gaza “si trasformi in un conflitto a livello regionale”.

Il ministro degli Esteri Sergey Lavrov ha anche criticato gli Stati Uniti per aver posto il veto su una risoluzione delle Nazioni Unite che chiedeva un cessate il fuoco, che secondo lui potrebbe ora far crescere il conflitto.

“Stiamo assistendo a tentativi di attribuire nuovamente la colpa di tutto all’Iran. Consideriamo queste [accuse] piuttosto provocatorie. La leadership iraniana assume una posizione responsabile ed equilibrata e chiede di impedire che questo conflitto si estenda all’intera regione, ai paesi vicini”, ha ricordato Lavrov.

Alla domanda su come fermare lo spargimento di sangue, Lavrov ha spiegato che una risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che invita tutte le parti a porre fine immediatamente alle ostilità è la soluzione migliore.

Ore 16:30 Il fuoco israeliano uccide sette persone nella Cisgiordania occupata

Ecco un aggiornamento sul bilancio delle vittime nella Cisgiordania occupata, che ora è salito ad almeno sette palestinesi, secondo il ministero della Sanità.

  • Almeno quattro palestinesi uccisi da un militare israeliano nel campo profughi di Nur Shams a Tulkarem.
  • Un trentaduenne colpito al petto nella città di Budrus a ovest di Ramallah.
  • Un diciassettenne colpito alla testa nel campo profughi di Dheisheh a Betlemme.
  • Un sedicenne colpito alla testa a Tulkarem.

Ore 15:30 "Mondo libero, dove sei?" Il capo dell’ospedale di Gaza lancia un appello durante gli attacchi israeliani

Il direttore di un ospedale nella Striscia di Gaza ha lanciato un appello emotivo chiedendo la fine dei bombardamenti israeliani a seguito di un raid aereo che secondo i medici ha ucciso diversi bambini.

“Guarda questi bambini. Chi sta uccidendo questi bambini?”, ha chiesto Yousef al-Akkad, direttore dell’Ospedale Europeo di Gaza nella città meridionale di Khan Younis, stando dietro i corpi bendati e insanguinati dei bambini.

Ore 15:00 Riepilogo ultimi avvenimenti

  • Almeno 3.785 palestinesi sono stati uccisi negli attacchi israeliani a Gaza dall'attacco di Hamas del 7 ottobre in Israele, che ha ucciso più di 1.400 persone.
  • In un briefing con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu a Gerusalemme, il primo ministro britannico Rishi Sunak ha ribadito il suo sostegno a Israele e non ha fatto menzione di un cessate il fuoco. "Vogliamo che tu vinca", ha detto alla sua controparte.
  • Più di 100 camion stanno aspettando vicino al valico di Rafah, sul lato egiziano, per entrare a Gaza, anche se non si prevede che gli aiuti arriveranno prima di venerdì.
  • Il portavoce del Ministero della Salute di Gaza, Ashraf al-Qidra, ha detto in una conferenza stampa che 14 strutture sanitarie hanno smesso di funzionare dopo aver esaurito il carburante per i generatori di energia. Altri quattro ospedali sono stati chiusi dopo essere stati colpiti dai bombardamenti israeliani.
  • I raid aerei israeliani hanno bombardato un certo numero di panifici a Gaza, uccidendo dozzine di persone e ferendone centinaia che erano in fila per comprare il pane, dicono i rapporti.
  • Gli attacchi israeliani hanno distrutto edifici residenziali e case ad al-Zahra, nel sud di Gaza City, a Khan Younis e a Rafah.

Ore 14:30 Tre palestinesi uccisi negli scontri con le forze israeliane nel campo profughi di Nur Shams

Secondo il ministero della Sanità palestinese, tre palestinesi sono stati uccisi in scontri con le forze israeliane nel campo profughi di Nur Shams a Tulkarem, nella Cisgiordania occupata.

Ore 14:00 

Ore 13:00 Gli aiuti per Gaza sono bloccati al valico dell'Egitto: Ecco le ultime novità?

  • Macchinari per riparare le strade esplose sono stati inviati attraverso il valico di frontiera di Rafah dall'Egitto alla Striscia di Gaza in preparazione alla consegna degli aiuti immagazzinati nella penisola egiziana del Sinai.
  • Rafah – l'unico valico non controllato da Israele – è fuori servizio fin dai primi giorni del conflitto a seguito dei bombardamenti israeliani sul versante palestinese.
  • Più di 100 camion aspettano vicino al valico sul lato egiziano, anche se non si prevede che gli aiuti arriveranno prima di venerdì. Altri aiuti umanitari sono conservati nella città egiziana di El Arish, a 45 chilometri da Rafah.
  • Inizialmente solo 20 camion hanno avuto il via libera per passare e i critici l’hanno definita una “goccia nell’oceano”. Secondo le Nazioni Unite, prima dello scoppio della guerra, il 7 ottobre, ogni giorno entravano a Gaza circa 100 camion carichi di aiuti.
  • L’ONU ha esortato Israele a evitare una “catastrofe umanitaria” a Gaza consentendo l’arrivo degli aiuti umanitari. Ma non è ancora chiaro se e quando sarà consentito l’attraversamento.

Ore 12:30  Il generale Jihad Muhaisen, comandante delle forze di sicurezza nazionali palestinesi nella Striscia di Gaza, e la sua famiglia, compresi i bambini, sono stati uccisi in un attacco aereo israeliano sulla sua casa a Gaza City.

Ore 12:00 Il Presidente cinese Xi esorta l’Egitto ad aprire un corridoio umanitario

Il presidente Xi Jinping ha esortato il primo ministro egiziano Mostafa Madbouly ad aprire un corridoio umanitario per i civili in fuga dai combattimenti a Gaza.

Xi ha inoltre ribadito il sostegno della Cina alla formazione di uno Stato palestinese come soluzione alla violenza in corso.

Più di un milione di palestinesi, circa la metà della popolazione di Gaza, sono fuggiti dalle case nel nord e nella città di Gaza dopo che Israele ha ordinato loro di evacuare per “salvarsi” mentre si prepara un'invasione di terra.

Ore 11:30 Il bilancio delle vittime sale a 3.785

Secondo il ministero della Sanità palestinese a Gaza, dal 7 ottobre 3.785 palestinesi sono stati uccisi nei raid aerei israeliani.

Ore 11:00 Il corrispondente di Al Mayadeen ha riferito che missili guidati sono stati lanciati verso il sito israeliano "Menara"

Anche Daniel Hagari, portavoce dell’esercito israeliano, ha confermatoche il fuoco anticarro proveniente dal Libano ha preso di mira un'area intorno a Manara, un kibbutz vicino al confine settentrionale del paese.

Ore 10:30 A causa della mancanza di forniture mediche, i medici di Gaza usano l’aceto per curare le infezioni delle ferite

Per quanto riguarda la carenza di forniture mediche negli ospedali di tutta Gaza, il chirurgo Ghassan Abu Sitta afferma di aver fatto ricorso all’uso di “aceto del negozio all’angolo per curare le infezioni batteriche delle ferite da pseudomonas.

"Siamo arrivati ??a questo", ha scritto su X.

Ore 10:00 Due basi di occupazione americane in Siria vengono sottoposte ad attacchi missilistici e droni. Le forze della Resistenza nella regione hanno promesso che i palestinesi a Gaza non saranno abbandonati al loro destino di fronte alla macchina da guerra israeliana.

Ore 09:30 Sono 121 le persone uccise a Gaza da ieri sera

Una fonte medica ha riferito ad Al Jazeera che da ieri sera nella Striscia di Gaza sono state uccise 121 persone e 540 ferite.

Stiamo aspettando che il Ministero della Salute ci dia un aggiornamento sul bilancio complessivo delle vittime.

Ore 09:00 La Russia consegnerà 27 tonnellate di aiuti umanitari a Gaza

La Russia consegnerà 27 tonnellate di aiuti umanitari, per lo più forniture alimentari, alla popolazione della Striscia di Gaza, ha annunciato il ministero degli Esteri russo

Un aereo che trasportava la merce era diretto a El Arish, una città egiziana nel nord del Sinai a circa 50 km dal valico di Rafah Egitto-Gaza.

Ore 8:30 Più di 40 palestinesi sono stati uccisi negli attacchi israeliani questa mattina

Secondo testimoni e fonti mediche, più di 40 palestinesi sono stati uccisi questa mattina mentre gli aerei da guerra israeliani continuano a colpire la Striscia di Gaza per il tredicesimo giorno.

Nove persone, tra cui sette bambini, sono state uccise quando un aereo ha colpito una casa a Khan Younis, a sud di Gaza City, ha riferito l'agenzia di stampa Wafa.

Più di 30 palestinesi sono stati uccisi e decine feriti negli attacchi aerei israeliani a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, hanno raccontato testimoni. Aerei da guerra israeliani hanno anche colpito una casa nel quartiere Tal al-Sultan a Rafah tra le segnalazioni di vittime.

Secondo testimoni, un bambino palestinese è stato ucciso e diverse persone sono rimaste ferite in un attacco aereo nel campo profughi di Nuseirat, nel centro di Gaza.

Anche un bambino è stato ucciso in un raid aereo israeliano a ovest di Khan Younis, hanno detto fonti mediche palestinesi.

Ore 08:00 Gli ultimi dati sulle vittime

Gaza uccisi: 3.478 feriti: 12.065

Cisgiordania occupata Uccisi: 69 Feriti: 1.300

Israele Uccisi: 1.403 Feriti: 3.800

Ore 07:00 La Cina vuole collaborare con l’Egitto per portare “stabilità”

Il presidente cinese Xi Jinping ha detto al primo ministro egiziano Mostafa Madbouly che Pechino vuole collaborare con l'Egitto per portare “stabilità” nella regione del Medio Oriente, secondo quanto riferito dai media statali cinesi.

La Cina vuole “rafforzare la cooperazione” con l’Egitto per “iniettare più certezza e stabilità nella regione e nel mondo”, ha detto Xi durante l’incontro avvenuto oggi a Pechino, ha riferito la CCTV cinese.

Ore 06:00 Ecco un riepilogo degli ultimi sviluppi:

  • Più di 30 persone sono state uccise e almeno 21 ferite in un raid aereo effettuato prima dell'alba dalle forze israeliane nel sud della Striscia di Gaza.
  • Le forze israeliane hanno preso d'assalto diverse aree della Cisgiordania occupata, uccidendo diverse persone, tra cui due adolescenti e arrestando sospetti membri di Hamas.
  • Israele conferma un nuovo attacco alle postazioni di Hezbollah nel sud del Libano.
  • L’Ospedale dell’Amicizia Turco-Palestinese, l’unica struttura medica che si rivolge agli oltre 9.000 malati di cancro nella Striscia di Gaza, è a corto di medicine e carburante e potrebbe dover affrontare una chiusura.
  • Il presidente degli Stati Uniti Biden annuncia un accordo con l'egiziano el-Sisi, consentendo a 20 camion di aiuti umanitari di entrare a Gaza attraverso il valico di frontiera di Rafah, ma l'accordo precedente non si è concretizzato.
  • Si conferma che quasi 3.480 palestinesi sono stati uccisi negli attacchi israeliani a Gaza, ma il bilancio delle vittime non include le decine di morti avvenuti durante la notte. L'attacco di Hamas in Israele ha ucciso più di 1.400 persone.

Ore 02:00 Ecco un riepilogo degli eventi di oggi

  • Gli Stati Uniti hanno annunciato che nei prossimi giorni circa 20 camion di aiuti potranno entrare a Gaza attraverso l'Egitto, mentre Israele ha affermato che non bloccherà gli aiuti.
  • L'annuncio fa seguito alla visita in Israele del presidente americano Joe Biden, dopo la quale il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha affermato che il sostegno di Washington “garantirà la continuazione” della guerra.
  • Il bombardamento israeliano di Gaza continua mentre viene colpita un'area vicino a una scuola a Khan Younis; La Mezzaluna Rossa Palestinese denuncia anche che gli attacchi israeliani sono stati effettuati vicino all'ospedale al-Quds nella città di Gaza.
  • Il Ministero della Sanità di Gaza comunica che almeno 1.300 persone risultano disperse sotto le macerie dell’enclave palestinese assediata, tra cui 600 bambini.
  • Mentre crescono le richieste per un cessate il fuoco, gli Stati Uniti hanno posto il veto su una risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che chiedeva una pausa umanitaria nei combattimenti.
  • Indignazione e proteste continuano in tutto il Medio Oriente per l'attacco a un ospedale di Gaza che secondo funzionari palestinesi ha ucciso più di 470 persone.
  • Israele e i combattenti in Libano si sono impegnati in maggiori combattimenti transfrontalieri, con un osservatore che ha riferito anche di attacchi israeliani in Siria.

01:00 HRW: l'impegno di Israele di consentire gli aiuti a Gaza non è sufficiente

Mentre Israele ha affermato che non bloccherà l’ingresso degli aiuti nella Striscia di Gaza dall’Egitto, Human Rights Watch (HRW) ritiene che senza elettricità o carburante, o disposizioni chiare per garantire che gli aiuti raggiungano coloro che vivono nel nord di Gaza, “questo non riuscirà a soddisfare i bisogni della popolazione di Gaza”.

Funzionari delle Nazioni Unite e della sanità pubblica hanno avvertito che l’enclave palestinese corre il rischio di un’epidemia di malattie infettive a causa della mancanza di acqua, della contaminazione delle acque reflue e dell’incapacità di immagazzinare in modo sicuro i cadaveri.

"Il bombardamento israeliano e il blocco illegale totale di Gaza significano che innumerevoli bambini feriti e malati, tra molti altri civili, moriranno per mancanza di cure mediche", ha avvertito in una nota Bill Van Esveld, direttore associato dei diritti dei bambini di HRW.

Ha invitato gli Stati Uniti a fare pressione su Israele affinché “revochi completamente il blocco illegale e garantisca all’intera popolazione civile un accesso immediato all’acqua, al cibo, al carburante e all’elettricità”.

Ore 00:30 Israele conduce più attacchi contro la Siria

L’Osservatorio siriano per i diritti umani con sede nel Regno Unito ha riferito che gli attacchi israeliani hanno preso di mira una posizione dell’esercito siriano nella provincia meridionale di Quneitra.

Si dice anche che il rumore di un'esplosione sia stato segnalato sulle alture di Golan siriane occupate da Israele.

Israele e gruppi in Siria si sono regolarmente scontrati da quando è iniziata la guerra a Gaza, minacciando di aprire un altro fronte nel conflitto. La settimana scorsa, Israele ha bombardato gli aeroporti di Damasco e Aleppo in quello che si credeva fosse un tentativo di bloccare la consegna di rifornimenti iraniani.

_____________________________________________________________________________________________________

Ore 23:00 Riepilogo degli ultimi sviluppi:

  • Israele ha colpito un'area adiacente a una scuola nella città di Khan Younis, nel sud di Gaza, dove centinaia di persone si erano rifugiate, provocando morti e feriti.
  • La Mezzaluna Rossa Palestinese afferma che bombardamenti israeliani hanno avuto luogo anche vicino all’ospedale al-Quds nella città di Gaza.
  • Dopo la visita del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, Israele ha dichiarato che non bloccherà gli aiuti in arrivo a Gaza dall'Egitto.
  • Secondo il Ministero della Sanità di Gaza, dal 7 ottobre almeno 3.478 palestinesi sono stati uccisi nei raid aerei israeliani sulla Striscia di Gaza.
  • Almeno altre 1.300 persone risultano disperse sotto le macerie, tra cui 600 bambini, secondo il ministero.
  • Gli Stati Uniti hanno posto il veto alla risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU che chiedeva una pausa umanitaria.
  • Proseguono le marce in diverse capitali arabe a sostegno dei palestinesi.
  • Almeno tre palestinesi sono stati uccisi dalle forze israeliane nella Cisgiordania occupata e altri 78 sono rimasti feriti, afferma la Mezzaluna Rossa Palestinese.

Ore 22:30 Mohamed Salah chiede che gli aiuti siano ammessi a Gaza

Mohamed Salah ha esortato la comunità internazionale a contribuire a portare aiuti umanitari nella Striscia di Gaza.

In un video pubblicato su X, l'attaccante egiziano del Liverpool ha detto che “gli aiuti umanitari a Gaza devono essere ammessi immediatamente” nell'enclave palestinese.

“Le persone lì vivono in condizioni terribili. Le scene all'ospedale ieri sera sono state terrificanti. La popolazione di Gaza ha bisogno urgentemente di cibo, acqua e forniture mediche”, ha aggiunto.

“Chiedo ai leader mondiali di unirsi per prevenire l’ulteriore massacro di anime innocenti. L’umanità deve prevalere”.

Ore 22:00 Gli ebrei americani progressisti tengono un sit-in al Congresso americano per chiedere il cessate il fuoco

Attivisti progressisti ebrei-americani che chiedono un cessate il fuoco a Gaza stanno tenendo un sit-in all'interno del Campidoglio degli Stati Uniti per trasmettere le loro richieste ai legislatori.

Centinaia di manifestanti si sono radunati oggi davanti all'edificio a Washington, DC, per sollecitare la fine dei combattimenti, giorni dopo che anche gruppi ebraici avevano tenuto una protesta simile, durata ore, vicino alla Casa Bianca.

"Centinaia di ebrei americani stanno tenendo un sit-in al Congresso - e non ce ne andremo finché il Congresso non chiederà un cessate il fuoco a Gaza", ha detto Jewish Voice for Peace, un gruppo di difesa, in un post sui social media.

“Mentre migliaia di ebrei statunitensi protestano all’esterno, più di 350 sono all’interno, tra cui due dozzine di rabbini, che oppongono resistenza in preghiera”.

Il filmato mostrava gli attivisti che cantavano: “Pace adesso”.

Ore 21:30 Mezzaluna Rossa Palestinese: Gli attacchi israeliani hanno colpito le aree vicino all’ospedale al-Quds a Gaza

I bombardamenti israeliani si stanno verificando nelle aree attorno all'ospedale al-Quds nel quartiere Tal al-Hawa di Gaza City, afferma la Mezzaluna Rossa Palestinese.

Più di 8.000 palestinesi si stanno rifugiando nell’ospedale, che era stato precedentemente preso di mira e distrutto dalle forze israeliane nel 2009, ha detto il gruppo sui social media.

Ore 21:00 Aiuti umanitari a Gaza dall'Egitto. Ecco cosa sappiamo finora:

  • I palestinesi stanno lottando per sopravvivere da quando Israele ha interrotto le forniture di cibo, elettricità, acqua e carburante a Gaza il 7 ottobre.
  • Le preoccupazioni per le persone che muoiono di disidratazione a Gaza crescono mentre l’acqua potabile finisce nel territorio assediato di 2,3 milioni di persone. Si prevedono epidemie di malattie trasmesse dall’acqua putrida come il colera e la dissenteria.
  • Medici Senza Frontiere afferma che le persone gravemente ferite negli ospedali di Gaza, sopraffatti, rischiano di morire perché il sistema sanitario è al collasso.
  • L’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA) comunica che circa 3.000 tonnellate di assistenza umanitaria sono in attesa di entrare a Gaza dall’Egitto. Non è ancora chiaro quando sarà consentito l’accesso.
  • L’OCHA stima che circa un milione di persone siano sfollate interne, tra cui circa 352.000 persone che trovano rifugio nelle scuole dell’UNRWA nella zona centrale e meridionale di Gaza “in condizioni sempre più terribili”.
  • Biden afferma che gli Stati Uniti forniranno cento milioni di dollari in assistenza umanitaria ai palestinesi colpiti dal conflitto a Gaza e nella Cisgiordania occupata.
  • Israele, che controlla la maggior parte dei valichi verso Gaza, ha ribadito che non consentirà la consegna di aiuti dal suo territorio.

 Ore 20:30 Durante il Comitato per i Diritti Umani delle Nazioni Unite, molti partecipanti hanno voltato le spalle all'ambasciatrice statunitense Michelle Taylor in segno di protesta contro il bombardamento israeliano di Gaza.

Ore 20:00 ambasciatore Palestina all’Onu: Israele continuerà a negare che sia dietro l’attacco all’ospedale di Gaza

L'ambasciatore palestinese presso le Nazioni Unite afferma che Israele negherà ripetutamente di esserci dietro l'attacco all'ospedale arabo al-Ahli a Gaza, che secondo le autorità di Gaza ha ucciso almeno 470 persone.

“Israele negherà la propria responsabilità per il massacro… come ha fatto con [la giornalista di Al Jazeera] Shireen Abu Akleh. Incolperà i palestinesi della loro stessa morte”, ha detto Riyad Mansour al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

I suoi commenti arrivano poco dopo che gli Stati Uniti hanno posto il veto a una risoluzione che avrebbe condannato la violenza contro tutti i civili nella guerra tra Israele e Hamas e ha chiesto una pausa umanitaria.

“Se qualcuno pensa che la situazione sia sotto controllo, fa supposizioni false e irresponsabili”, ha avvertito Mansour. “Questo è il tipo di guerra in cui sai come inizia ma non hai idea di come finisce. Bisognerebbe fermarlo immediatamente”.

Ore 19:30 "Giuriamo su Dio che non lasceremo mai #Gaza se non sui nostri cadaveri." Medici, pazienti e famiglie che hanno assistito al massacro dell'Ospedale Battista ribadiscono che non lasceranno la loro terra.

Ore 19:00 Gli Stati Uniti hanno posto il veto per la seconda volta su una risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell'ONU che chiedeva un cessate il fuoco umanitario per consentire l'accesso degli aiuti umanitari alla Striscia di Gaza.

  • Favorevoli alla risoluzione: Francia, Cina, Albania, Brasile, Ecuador, Gabon, Ghana, Giappone, Malta, Mozambico, Svizzera, Emirati Arabi Uniti.
  • Contro la risoluzione: gli Stati Uniti.
  • Astenuti: Regno Unito, Russia.

Ore 18:00 "Soprattutto come ebreo americano, non devo rimanere in silenzio su ciò che sta accadendo... Il silenzio è complicità." Il regista e attore ebreo Jacob Berger parla dei crimini di Israele in Palestina.

Ore 17:30 Mezzaluna rossa: Tre palestinesi uccisi dal fuoco israeliano nella Cisgiordania occupata

La Mezzaluna Rossa palestinese afferma che almeno tre palestinesi sono stati uccisi dalle forze israeliane nella Cisgiordania occupata e altri 78 sono rimasti feriti.

Oggi le città della Cisgiordania occupata hanno tenuto scioperi generali mentre la gente è scesa in piazza per protestare contro l’uccisione di oltre 500 palestinesi in un attacco aereo israeliano contro un ospedale di Gaza.

Ore 17:15 Filmati pubblicati dai media di Hezbollah. I combattenti della resistenza libanese e Hezbollah, che attaccano le attrezzature di sorveglianza israeliane nella zona di confine con il fuoco dei cecchini.

Ore 17:00 Israele consentirà l'ingresso di aiuti a Gaza dal lato egiziano

Israele non consentirà l'ingresso di aiuti umanitari a Gaza dal lato israeliano del confine, ma non bloccherà gli aiuti provenienti dall'Egitto, ha riferito l'ufficio del primo ministro Benjamin Netanyahu.

"Alla luce della richiesta del presidente (Joseph) Biden, Israele non ostacolerà le forniture umanitarie provenienti dall'Egitto fintantoché si tratta solo di cibo, acqua e medicine per la popolazione civile nel sud della Striscia di Gaza o che si trasferisce lì", ha affermato l'ufficio di Netanyahu in una nota.

Ha anche precisato che Israele:

  • Non consentirà alcun aiuto umanitario dal suo territorio alla Striscia di Gaza “finché i nostri rapiti non verranno restituiti”
  • Chiede che la Croce Rossa “visiti i nostri rapiti e si adopera per mobilitare un ampio sostegno internazionale a favore di questa richiesta”
  • Non ostacolerà le forniture umanitarie provenienti dall’Egitto finché queste non raggiungeranno Hamas. "Tutti i rifornimenti che raggiungeranno Hamas saranno ostacolati", si legge nella dichiarazione.

Ore 16:30 Gli Stati Uniti pongono il veto alla risoluzione dell’ONU che sollecita aiuti umanitari a Gaza

Gli Stati Uniti hanno posto il veto su una risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell'ONU che avrebbe chiesto una pausa umanitaria a Gaza condannando allo stesso tempo gli attacchi di Hamas contro Israele.

Nel Consiglio di Sicurezza composto da 15 membri, altri 12 paesi hanno votato a favore della risoluzione mentre due si sono astenuti.

Ore 16:00 Ecco un altro riepilogo degli ultimi sviluppi

  • Il presidente degli Stati uniti d’America Joe Biden sottolinea ancora una volta il fermo sostegno degli Stati Uniti alla guerra israeliana a Gaza durante una visita in Israele.
  • Biden dice al primo ministro Benjamin Netanyahu che l’attacco all’ospedale arabo di al-Ahli sembra essere stato commesso da “l’altra squadra, non da te”, lasciando intendere che dietro ci fossero fazioni armate palestinesi.
  • Il bombardamento dell'ospedale di Gaza ha scatenato un'ondata di rabbia e proteste in tutto il Medio Oriente.
  • Il presidente egiziano Abdel Fattah el-Sisi esclude di ospitare i rifugiati palestinesi provenienti da Gaza nella penisola del Sinai, suggerendo invece che Israele potrebbe trasferirli nel deserto del Negev.
  • Continuano gli attacchi aerei israeliani su Gaza, portando a quasi 3.450 il numero delle persone uccise nell'enclave assediata.
  • Il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amirabdollahian suggerisce un embargo petrolifero e altre sanzioni contro Israele.
  • Il ministro degli Esteri libanese Abdallah Bou Habib avverte che la continua aggressione contro Gaza potrebbe innescare un “fuoco che potrebbe consumare l’intera regione”.

Ore 15:30 12 palestinesi uccisi nel raid aereo israeliano a Khan Younis

Dodici palestinesi sono stati uccisi in un raid aereo israeliano che ha preso di mira una casa a Khan Younis.

Fonti mediche hanno riferito all'agenzia Anadolu che decine di altre persone sono rimaste ferite nei bombardamenti nella zona orientale di Khan Younis.

Ore 15:00 In Giordania ed Egitto proseguono le manistazioni di protesta contro il genocidio di Israele a Gaza

Ore 14:30 L'ex calciatore francese Eric Cantona esprime la sua solidarietà al popolo palestinese di fronte al genocidio compiuto da Israele a Gaza

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Eric Cantona (@ericcantona)

Ore 14:00 Il bilancio delle vittime a Gaza sale a 3.478

Il ministero della Sanità di Gaza ora afferma che un totale di 3.478 palestinesi sono stati uccisi nei raid aerei israeliani, mentre altre 12.000 persone sono rimaste ferite.

Ultimi dati sulle vittime

Gaza uccisi: 3.3478 feriti: 10.859

Cisgiordania occupata Uccisi: 62 Feriti: 1.250

Israele Uccisi: 1.403 Feriti: 3.800

Ore 13:30 Proteste in tutto il Medio Oriente per l'attacco israeliano all'ospedale di Gaza

Il bombardamento dell’ospedale arabo di al-Ahli ha scatenato un’ondata di rabbia e proteste in tutto il Medio Oriente.

I manifestanti sono scesi in piazza in almeno otto paesi per condannare l'attacco mortale.

Iran

Centinaia di persone hanno manifestato davanti alle ambasciate britannica e francese a Teheran, mentre diverse migliaia si sono radunate in piazza Palestina, nel centro della città.

“Morte a Francia e Inghilterra”, hanno gridato i manifestanti, lanciando uova contro i muri del complesso dell’ambasciata francese nella capitale iraniana.

Tunisia

Manifestanti arrabbiati si sono radunati davanti all'ambasciata francese a Tunisi, denunciando anche gli Stati Uniti.

"I francesi e gli americani sono alleati dei sionisti", hanno gridato i manifestanti, ha riferito l'agenzia di stampa AFP. I manifestanti hanno chiesto il richiamo degli ambasciatori di entrambi i paesi e hanno gridato: “Nessuna ambasciata americana sul territorio tunisino”.

Libano

Proteste sono scoppiate anche in Libano, dove Hezbollah ha scambiato colpi con le forze israeliane al confine.

“La strada araba ha una voce. Quella voce potrebbe essere stata ignorata in passato dai governi della regione e dell’Occidente… ma non possono più farlo”, ha detto Badr al-Saif, un docente universitario.

Giordania

Migliaia di persone si sono radunate presso le ambasciate americana e israeliana ad Amman insieme a decine di migliaia di altre persone che sono scese nelle strade di tutto il Paese.

Ramallah, Cisgiordania occupata

Il massacro dell’ospedale ha innescato proteste nella Cisgiordania occupata, con centinaia di palestinesi che sono scesi in piazza a Ramallah. Ci sono stati scontri con le forze di sicurezza. Secondo quanto riferito, un manifestante palestinese è stato ucciso dalle forze israeliane in un villaggio vicino a Ramallah.

Proteste si sono svolte anche in Libia, Yemen e Marocco per denunciare l'attacco israeliano all'ospedale.

Ore 13:00 Raisi avverte: Le fiamme dell'attacco all'ospedale di Gaza divoreranno Israele

Il presidente dell'Iran ha denunciato l'assassinio di civili palestinesi nel nuovo bombardamento israeliano di Gaza e allerta gli israeliani sulle conseguenze dei loro crimini.

“Le fiamme delle bombe americane e israeliane lanciate stasera sui palestinesi innocenti che ricevono cure per le ferite nell’ospedale di Gaza divoreranno presto i sionisti ”, ha scritto Seyed Ebrahim Raisi in un messaggio su X.

Ore 12:30 Berlino: Israele deciderà quanto dovrà durare l'operazione militare

Il capo delle Nazioni Unite oggi ha chiesto un “cessate il fuoco umanitario immediato” tra Israele e Hamas in seguito all’attentato all’ospedale, ma il governo tedesco dice che spetta a Israele valutare quanto durerà la sua operazione militare a Gaza.

"Siamo in una situazione in cui un'organizzazione terroristica non solo ha attaccato, ma continua ad attaccare Israele", ha spiegato un portavoce del governo in una conferenza stampa regolare in risposta a una domanda sulle richieste delle Nazioni Unite per un cessate il fuoco a Gaza.

"Per ora spetta allo Stato di Israele valutare quando questa minaccia terroristica, per così dire, non sarà più così grande da consentire a Israele di porre fine alla sua posizione di difesa", ha aggiunto il portavoce.

Lunedì il Consiglio di Sicurezza dell’ONU non è riuscito ad adottare una risoluzione che avrebbe richiesto un cessate il fuoco umanitario.

Ore 12:00 Putin russo definisce l’attentato all’ospedale una “terribile catastrofe”

Vladimir Putin ha anche commentato l'attentato all'ospedale al-Ahli, definendolo una terribile catastrofe.

Intervenendo in una conferenza stampa a Pechino, la capitale della Cina, il presidente russo ha affermato che la devastazione causata dall'attacco dimostra che i combattimenti tra Hamas e Israele dovrebbero finire.

Ore 11:30 La situazione del carburante negli ospedali di Gaza è critica

La situazione del carburante nella Striscia di Gaza è critica. Il Ministero della Salute palestinese è alla disperata ricerca di carburante per gli ospedali e ha emesso avvisi chiedendo a chiunque abbia anche solo un litro di carburante di mettersi in contatto.

Un litro di carburante potrebbe salvare vite umane a Gaza.

L’ospedale Al-Shifa è già stato costretto a chiudere alcuni dei suoi reparti a causa della mancanza di carburante per i suoi generatori di emergenza. Altri ospedali riferiscono che saranno costretti a chiudere nelle prossime ore.

Alcuni ospedali nel nord hanno dovuto chiudere nei primi giorni dei bombardamenti israeliani perché non era sicuro rimanere aperti dopo aver ricevuto gli avvertimenti israeliani.

Ore 11:00 Il bilancio delle vittime della campagna israeliana per il genocidio a Gaza è salito a oltre 3.300, secondo gli ultimi dati del Ministero della Salute palestinese.

Ore 10:30 Joe Biden arriva nella Palestina occupata per esprimere il suo sostegno al regime occupante israeliano nel suo genocidio in corso contro il popolo palestinese.

Ore 10:15 Decine di migliaia di manifestanti sono scesi in strada a Dallas, in Texas, A Toronto, in Canada, a New York per protestare contro il genocidio del popolo palestinese compiuto in questi giorni da Israele a Gaza.

Ore 10:00 Cosa sappiamo dell'ospedale bombardato?

  • L'ospedale arabo al-Ahli si trova nel centro di Gaza City ed è gestito dalla diocesi episcopale di Gerusalemme.
  • È stato fondato nel 1882, diventando così il più antico ospedale di Gaza.
  • In arabo il suo nome significa “Ospedale del popolo arabo”.
  • L'ospedale cura più di 45.000 pazienti ogni anno.
  • Offre supporto specializzato come cliniche gratuite per donne anziane, assistenza gratuita per ustioni e bambini sottopeso o malnutriti, programmi di screening per la diagnosi precoce del cancro al seno e supporto psicosociale per i bambini e chi si prende cura di loro che hanno subito traumi.
  • Offre anche cliniche mobili gratuite ai villaggi di tutta Gaza.
  • Durante gli attacchi israeliani a Gaza del 2014, l’ospedale, in media, ha trattato 45 casi di ustioni gravi al giorno, metà dei quali erano bambini.

Ore 09:30 OMS: La situazione a Gaza è fuori controllo

La situazione nella Striscia di Gaza assediata “sta andando fuori controllo”, ha affermato il capo dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

“Abbiamo bisogno che la violenza venga fermata da tutte le parti”, ha detto Tedros Adhanom Ghebreyesus su X. “Ogni secondo che aspettiamo per ricevere assistenza medica, perdiamo vite umane. Da quattro giorni i rifornimenti dell’OMS sono bloccati alla frontiera. Abbiamo bisogno di un accesso immediato per iniziare a fornire forniture salvavita”.

Ore 09:00 Mosca: Israele deve dimostrare di non essere coinvolto nell'attacco all'ospedale

Israele deve fornire immagini satellitari per dimostrare che non è stato coinvolto nell'attacco all'ospedale di Gaza, ha detto la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova.

La Russia classifica l'attacco come un crimine e un atto di disumanizzazione, ha affermato l'agenzia di stampa statale RIA.

Ore 08:00 Gaza: prendere di mira gli ospedali è un crimine di guerra? Cosa dice il diritto internazionale umanitario (DIU) sulla protezione degli ospedali e degli operatori sanitari?

Secondo le Convenzioni di Ginevra, in tempo di guerra sono protetti i malati e i feriti, nonché il personale medico, gli ospedali e le strutture sanitarie mobili.

In nessun caso possono essere oggetto di attacchi e prenderli di mira sarebbe considerato un crimine di guerra.

Inoltre, sono protetti anche i militari o i combattenti feriti, che vengono curati negli ospedali e nelle strutture mediche, così come gli operatori sanitari, che sono armati per difendere la loro vita e quella dei loro pazienti.

L'articolo 18 delle Convenzioni di Ginevra n. IV recita:

“Gli ospedali civili organizzati per prestare assistenza ai feriti e ai malati, agli infermi e ai pazienti in maternità, non potranno in nessun caso essere oggetto di attacco, ma saranno in ogni momento rispettati e protetti dalle Parti in conflitto”.

Ore 07:30 Almeno 304 soldati israeliani uccisi dall'inizio della guerra

L'esercito israeliano ha identificato altri due soldati morti dall'inizio della guerra, il 7 ottobre.

Ciò porta il numero totale delle vittime militari in Israele a 304.

Ore 07:00 Segretario generale delle Nazioni Unite dopo la condanna per l’attacco israeliano sollecita un "cessate il fuoco umanitario immediato"

Dopo i suoi precedenti commenti in cui condannava l'attacco all'ospedale, Antonio Guterres ha appena chiesto un cessate il fuoco “immediato” nella guerra tra Israele e Hamas.

"Chiedo un cessate il fuoco umanitario immediato per... alleviare l'epica sofferenza umana a cui stiamo assistendo", ha detto il capo delle Nazioni Unite in un forum sul progetto infrastrutturale della Belt and Road nella capitale cinese, Pechino

Ore 06:30 Manifestanti infuriati hanno appiccato il fuoco al consolato dell'occupazione israeliana a Istanbul per denunciare il massacro dell’ospedale Al Ahli, avvenuto ieri sera a Gaza, che ha provocato l'uccisione di centinaia di civili palestinesi.

Ore 06:00 Migliaia di persone hanno manifestano davanti alla Casa Bianca a Washington DC per protestare contro il genocidio compiuto da Israele a Gaza.

Ore 05:00 Molteplici morti e feriti segnalati nei raid aerei israeliani su Gaza

Secondo i funzionari locali, almeno altre 37 persone sono state uccise in raid aerei separati contro due quartieri di un campo profughi nel nord di Gaza.

Il Ministero degli Interni di Gaza ha affermato che i bombardamenti israeliani hanno colpito le aree di al-Qasaib e Halima al-Saadia a Jabalia.

Nel sud di Gaza, almeno due persone sono state uccise e altre sette ferite in un raid aereo israeliano mercoledì mattina presto, ha riferito Al Jazeera Arabic.

Il rapporto afferma che il bombardamento ha colpito un appartamento residenziale nella città di Hamad a Khan Younis.

Un numero imprecisato di morti è stato segnalato anche a Yarmouk in seguito a un altro attacco israeliano.

Ore 04:00 L’attentato all’ospedale solleva interrogativi sulla “normalizzazione” arabo-israeliana

Gli Emirati Arabi Uniti, il Bahrein e il Marocco, tre paesi che hanno tutti stretto legami formali con Israele, hanno condannato il bombardamento dell'ospedale Al-Ahli e hanno incolpato Israele per l'attacco, respingendo di fatto le affermazioni israeliane secondo cui la struttura sarebbe stata colpita da un islamico palestinese errante. Razzo della Jihad.

Anche l’Arabia Saudita ha condannato fermamente l’attacco, definendolo un “crimine atroce commesso dalle forze di occupazione israeliane”.

L’amministrazione Biden ha spinto per la cosiddetta normalizzazione tra Arabia Saudita e Israele come priorità politica nella regione.

Ore 02:00 Abbas: niente Nakba nel XXI secolo

Abbas conferma che non incontrerà Biden ad Amman, e dice che “visto il massacro avvenuto stasera” ha deciso di tornare nella Cisgiordania occupata e stare con la sua gente.

Abbas ha aggiunto che i palestinesi non accetteranno un’altra Nakba nel XXI secolo e che il popolo palestinese non si muoverà né si arrenderà.

“Non lasceremo la nostra patria né permetteremo a nessuno di espellerci da lì”, ha aggiunto Abbas.

01:30 Beirut. Migliaia di persone si sono riversate in strada ed hanno marciato verso l’ambasciata statunitense per protestare per il massacro all’ospedale Al Ahli di Gaza in seguito ad un attacco aereo israeliano. I manifestanti hanno issato le bandiere della Palestina e di Hamas sul recinto dell’ambasciata USA.

01:00 La Giordania annulla il vertice con Biden e i leader arabi ad Amman

La Giordania ha annullato il vertice che avrebbe dovuto ospitare oggi ad Amman con Biden e i leader egiziano e palestinese per discutere della situazione a Gaza.

L'annuncio è arrivato dopo che centinaia di civili sono rimasti uccisi nell'attacco aereo all'ospedale.

"Non serve a niente parlare adesso di altro che di fermare la guerra", ha detto il ministro degli Esteri giordano Ayman Safadi.

Biden avrebbe dovuto incontrare i leader arabi dopo una visita di solidarietà in Israele. Ha lasciato Washington, DC mercoledì presto. Ciò che potrebbe realizzare in seguito allo sciopero degli ospedali non è chiaro.

Ore 00:30 Il portavoce di Hamas Hamdan: 'Via libera' dagli Usa per l'attacco all'ospedale

Il portavoce di Hamas, Osama Hamdan, ha appena parlato con Al Jazeera.

“Credo che questo crimine non avrà luogo a meno che non ci sia il via libera da parte degli Stati Uniti, tutti capiscono che Blinken ha trascorso ieri notte con il gabinetto [della guerra d’Israele] per più di cinque ore, e domani tutti si aspettano la visita del presidente Biden la Regione."

“È chiaro che stanno preparando il territorio affinché qualcosa dica a tutti che sono stati fatti tutti i passi necessari per evacuare Gaza, cosa che non avrà luogo”.

“Credo che i palestinesi stessi non se ne andranno, e credo che i paesi arabi non lo accetteranno. Devo dire che stiamo assistendo a un crimine di guerra, non solo da parte degli israeliani, ma anche da parte degli americani”.

00:01 Funzionari israeliani cancellano i video sui post che rivendicano i palestinesi responsabili dell'attacco negli ospedali

Sembra che gli account dei social media appartenenti allo Stato di Israele e l'ambasciatore israeliano negli Stati Uniti abbiano entrambi cancellato un video su post in cui si sosteneva che un razzo lanciato dall'interno di Gaza aveva causato l'esplosione mortale all'ospedale arabo al-Ahli nella città di Gaza.

Il video mostrava una raffica di razzi lanciati, uno dei quali sembrava andare fuori rotta con una traiettoria verso il basso, seguito dal lampo di un'apparente esplosione.

Entrambi gli account hanno modificato i loro post dopo che Aric Toler, un giornalista del team di indagini visive del New York Times, ha messo in dubbio i timestamp sul video.

Tali timestamp indicavano che il video era stato registrato almeno 40 minuti dopo la prima notizia pubblica dell'esplosione in ospedale, ha spiegato Toler.

Non è chiaro se il video sia stato rimosso dagli account israeliani su X, la piattaforma di social media precedentemente nota come Twitter, a seguito dell'analisi di Toler.

Entrambi i resoconti israeliani hanno mantenuto il testo originale nei loro post dopo la modifica, che ripeteva la precedente dichiarazione dell'esercito israeliano secondo cui l'attacco all'ospedale era il risultato di un razzo fuori rotta lanciato dal gruppo della Jihad islamica.

___________________________________________________________________________________________________________________

Ore 23:30 Il Ministero della Salute ha organizzato una conferenza stampa tra i cadaveri della strage dell'Ospedale Battista. Ha confermato che tutte le vittime sono civili e che l'ospedale è sempre stato considerato un luogo sicuro per gli abitanti di Gaza.

Ore 22:45 Migliaia di persone manifestano davanti al consolato israeliano a Istanbul

Migliaia di persone sono scese in strada davanti al consolato israeliano a Istanbul per protestare contro l'uccisione di oltre 500 palestinesi in un attacco aereo israeliano su un ospedale di Gaza.

Ore 22:30 L’Arabia Saudita condanna l’attacco israeliano all’ospedale di Gaza come “crimine atroce”

L'Arabia Saudita ha condannato fermamente il "crimine atroce" commesso dalle forze israeliane bombardando l'ospedale al-Ahli a Gaza, ha affermato in una nota il ministero degli Esteri del regno.

Separatamente, il re di Giordania Abdullah ha affermato che l'attacco – che ha ucciso centinaia di persone – è stato un “massacro” e un “crimine di guerra” di cui non si può tacere.

In una dichiarazione alla corte reale, il monarca ha affermato che Israele dovrebbe porre immediatamente fine alla sua guerra contro l’enclave e ha descritto le azioni israeliane contro palestinesi innocenti come una “vergogna per l’umanità”.

Ore 22:00 Il presidente Abbas annulla l’incontro programmato con Biden: rapporto

Il presidente dell’Autorità Palestinese Mahmoud Abbas ha annullato un incontro programmato con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden in seguito al mortale attacco israeliano ad un ospedale di Gaza.

L'incontro avrebbe dovuto svolgersi domani in Giordania. Due "alti funzionari palestinesi" hanno detto all'agenzia di stampa Reuters che Abbas sta tornando a Ramallah.

Era previsto che Abbas si unisse al re giordano Abdullah II e al presidente egiziano Abdel Fattah el-Sisi al vertice di Amman, dove avrebbero dovuto discutere con Biden della guerra Israele-Hamas.

"Il presidente è molto arrabbiato dopo la notizia del massacro israeliano all'ospedale di Gaza e ha deciso di tornare immediatamente a Ramallah", ha riferito un funzionario, parlando a condizione di anonimato perché la cancellazione non è stata formalmente annunciata.

Ore 21:45 Il leader di Hamas Haniyeh ritiene gli Stati Uniti responsabili del massacro in ospedale

Gli Stati Uniti sono responsabili del mortale attacco israeliano all'ospedale al-Ahli a Gaza, secondo il leader di Hamas Ismail Haniyeh.

“Gli Stati Uniti hanno la responsabilità dell’attacco all’ospedale a causa della copertura che danno all’aggressione israeliana”, ha detto Haniyeh.

Haniyeh ha aggiunto che l'attacco ha confermato la “brutalità” di Israele e la portata della sua “sconfitta” dopo l'attacco di Hamas del 7 ottobre.

Ha anche invitato i palestinesi della Cisgiordania occupata a insorgere contro l’occupazione israeliana – proprio mentre migliaia di persone scendono in piazza a Ramallah.

Ore 21:40 La Russia e gli Emirati Arabi Uniti chiedono una riunione urgente del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite

La Russia e gli Emirati Arabi Uniti hanno richiesto un incontro urgente del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per domani dopo l'attacco israeliano ad un ospedale di Gaza City, ha detto il vice ambasciatore russo all'ONU Dmitry Polyanskiy.

"La Russia e gli Emirati Arabi Uniti hanno richiesto una riunione urgente e aperta del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per la mattina del 18 ottobre sullo sciopero degli ospedali di Gaza", ha scritto Polyanskiy sul suo canale Telegram.

Un attacco aereo israeliano poche ore fa ha ucciso circa 500 palestinesi in un ospedale di Gaza City pieno di pazienti e sfollati, hanno detto le autorità sanitarie dell’enclave assediata.

Ore 21:30 Cosa si sa del mortale attacco israeliano a un ospedale di Gaza

  • Secondo il Ministero della Sanità di Gaza un raid aereo israeliano sull’ospedale arabo al-Ahli nella città di Gaza ha ucciso più di 500 palestinesi.
  • Centinaia di vittime restano sotto le macerie, aggiunge il ministero.
  • L'ospedale è gestito dalla diocesi episcopale di Gerusalemme.
  • Aveva un duplice scopo: era un rifugio per i palestinesi che fuggivano dalle loro case in seguito agli ordini di evacuazione israeliani, oltre ad ospitare pazienti.
  • L'attacco è stato condannato dall'Oms, che ha chiesto la protezione dei civili.
  • Anche l'Egitto ha condannato l'attacco e ha esortato la comunità internazionale ad agire.

Ore 21:15 Scene orribili dall'ospedale battista arabo di Gaza. Israele ha bombardato l'ospedale, lasciando a pezzi oltre 500 innocenti. L'Ospedale Battista era uno dei 6 recentemente minacciati dall'esercito israeliano.

Ore 21:00 Medico Gaza: Ospedale considerato un "luogo sicuro" fino all'attacco israeliano

Ziad Shehadah, medico e residente a Gaza, racconta ad Al Jazeera dalla Striscia di Gaza:

“Quello che è successo è terribile perché quelle persone, tutte, sono civili. Sono fuggiti dalle loro case e hanno raggiunto un luogo che credevano sicuro: un ospedale, che secondo il diritto internazionale è un luogo sicuro.

“Le persone hanno lasciato le loro case pensando che fossero più pericolose e si sono trasferite nelle nostre scuole e negli ospedali per essere al sicuro. E in un minuto sono stati tutti uccisi in un ospedale.

“Il bilancio delle vittime, in questo momento, è più di 500, ma crediamo che il numero raggiungerà più di 1.000. È un massacro”.

Ore 20:30 Abbas dichiara 3 giorni di lutto in seguito all'attacco israeliano all'ospedale di Gaza

Il presidente dell'Autorità Palestinese (AP) Mahmoud Abbas ha dichiarato tre giorni di lutto in seguito al bombardamento israeliano dell'ospedale arabo al-Ahli a Gaza, riferisce l'agenzia di stampa ufficiale palestinese WAFA.

Varie fazioni politiche hanno anche invitato i palestinesi in Cisgiordania a osservare uno sciopero per protestare contro l’attacco mortale israeliano all’ospedale.

Ore 19:45 Almeno 500 morti nell'attacco aereo israeliano sull'ospedale di Gaza

Il ministero della Sanità della Striscia di Gaza riferisce che almeno 500 persone sono state uccise in un attacco israeliano all'ospedale arabo di al-Ahli.

Il governo di Hamas di Gaza ha descritto l'attacco come un “crimine di guerra”.

“L’ospedale ospitava centinaia di malati e feriti e persone costrette a lasciare le loro case” a causa di altri attacchi israeliani, si legge in una nota.

Circa 3.000 persone sono state uccise negli attacchi israeliani nella Striscia di Gaza dallo scoppio della guerra il 7 ottobre. In Israele sono state uccise più di 1.400 persone.

Ore 19:00 Si temono centinaia di morti in un attacco all'ospedale

Diversi palestinesi sono stati uccisi e feriti in seguito un attacco aereo israeliano ha colpito il cortile di un ospedale nel centro di Gaza, dice il Ministero degli Interni.

Le prime stime delle persone uccise sono tra 200 e 300, ha riferito Maram Humaid di Al Jazeera, citando il Ministero della Sanità di Gaza.

Ore 18:30 L'aeronautica israeliana afferma di aver attaccato obiettivi di Hezbollah in Libano

Maggiori dettagli non sono stati immediatamente disponibili sugli attacchi.

L'annuncio arriva dopo che Hezbollah ha dichiarato oggi che quattro dei suoi combattenti sono stati uccisi nel sud del Libano. L'esercito israeliano ha detto che i quattro combattenti di Hezbollah sono stati uccisi mentre tentavano di attraversare il confine.

L'aeronautica israeliana ha anche precisato di aver abbattuto un veicolo aereo senza pilota che "si stava avvicinando allo spazio aereo israeliano dal Libano" all'inizio della giornata.

Ore 18:00 Il bilancio delle vittime di Gaza sale a 3.000

Secondo il Ministero della Salute, il numero dei palestinesi uccisi nella Striscia di Gaza ha raggiunto quota 3.000.

Più di 12.500 persone sono state ferite nell'enclave costiera assediata, ha detto il ministero.

Nella Cisgiordania occupata, 61 palestinesi sono stati uccisi e più di 1.250 sono rimasti feriti.

Ore 17:15 50 aggressioni documentate contro giornalisti palestinesi in Cisgiordania

Il sindacato dei giornalisti palestinesi afferma che c'è stato un aumento del numero di aggressioni e attacchi contro i giornalisti palestinesi in Cisgiordania e Israele.

"Abbiamo documentato 50 aggressioni contro giornalisti", ha detto Nasser Abu Bakr, vice capo del sindacato.

Abu Bakr ha anche detto che nella Striscia di Gaza:

  • La sorte dei tre giornalisti resta sconosciuta
  • 50 organizzazioni mediatiche sono state distrutte
  • 22 stazioni radio sono spente per mancanza di elettricità

Ore 16:30 Tilda Swinton, Steve Coogan e Miriam Margolyes tra i 2.000 artisti che chiedono il cessate il fuoco a Gaza

Lettera aperta, firmata anche da Charles Dance e Maxine Peake, accusa il governo inglese di “aiuto e favoreggiamento” nei presunti “crimini di guerra” di Israele

Ore 16:00 Il governo saudita rifiuta lo spostamento forzato dei palestinesi da Gaza

Il governo dell’Arabia Saudita afferma che il Paese rifiuta lo spostamento forzato dei palestinesi e chiede un cessate il fuoco immediato nella Striscia di Gaza, che è sotto il bombardamento israeliano, secondo i media statali.

Il governo ha affermato di aver chiesto anche la fine dell’assedio alla Striscia e il ritorno al processo di pace.

Ore 15:45 Pentagono: Circa 2.000 soldati americani sono pronti ma non è stata presa alcuna decisione sul dispiegamento

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti afferma che circa 2.000 militari sono in un “elevato stato di preparazione” a causa dell’evolversi della situazione di sicurezza in Medio Oriente.

Tuttavia, non è stata presa alcuna decisione ufficiale per dispiegarli, ha affermato in una nota la vicesegretaria stampa Sabrina Singh.

Inoltre, Singh ha precisato che lo spiegamento del gruppo d'attacco della portaerei Gerald R. Ford, che si sta avvicinando alla fine del suo dispiegamento di sei mesi nell'area del comando europeo degli Stati Uniti, sarà esteso.

Funzionari statunitensi hanno inquadrato lo spostamento del gruppo di portaerei nella regione del Mediterraneo orientale come un tentativo di dissuadere Hezbollah e l’Iran dal “approfittare” della continua guerra tra Israele e Gaza.

Ore 15:15 Hezbollah comunica che quattro dei suoi combattenti sono stati uccisi

Hezbollah ha affermato che quattro dei suoi combattenti sono stati uccisi nel sud del Libano in scontri con le forze israeliane.

Ore 15:00 Circa 1.200 persone tra cui 500 bambini intrappolate sotto le macerie

Si ritiene che circa 1.200 persone, tra cui circa 500 minori, siano intrappolate sotto le macerie a Gaza in attesa di soccorso o di guarigione, hanno riferito le autorità sanitarie. Hanno basato le loro stime sulle chiamate di soccorso ricevute.

"Tante volte i medici dicono di sentire le vittime urlare, ma non possono farci nulla", ha raccontato all'AP Mohammed Abu Selmia, direttore generale dell'ospedale Shifa, il più grande centro medico di Gaza.

Le decine di vittime sepolte sotto gli edifici distrutti fanno luce sulle lotte delle squadre di soccorso a Gaza che cercano di salvare vite umane, tagliate fuori da Internet e dalle reti mobili, a corto di carburante ed esposte a incessanti attacchi aerei.

Ore 14:30 L'eurodeputato irlandese Mick Wallace, citando dati delle Nazioni Unite, afferma che 545 bambini ucraini sono stati uccisi in 500 giorni di guerra in Ucraina, mentre 1000 bambini palestinesi sono stati uccisi da Israele a Gaza in 10 giorni.

Ore 14:00 Riepilogo ultimi avvenimenti 

  • Il leader supremo dell'Iran ha chiesto che i funzionari israeliani siano ritenuti responsabili delle loro azioni contro i palestinesi.
  • Il re di Giordania Abdullah annuncia che il suo Paese non accoglierà i rifugiati palestinesi.
  • L'esercito israeliano ha dichiarato di aver lanciato munizioni verso il sud del Libano dopo che il fuoco anticarro ha colpito una delle sue postazioni militari vicino a Margaliot.
  • L'ONU si dice preoccupata per il rischio di un'epidemia di malattie trasmesse dall'acqua a Gaza.
  • Il bilancio delle vittime dei raid aerei israeliani notturni è salito a 71 dopo gli attacchi a Rafah e tre case bombardate a Khan Younis.

Ore 13:30 Rapporto Ero-Med: Israele uccide 14 palestinesi ogni ora. Su Gaza quantità di bombe pari a un quarto di una bomba nucleare

Le forze armate israeliane hanno lanciato  munizioni equivalenti a un quarto di una bomba nucleare contro la Striscia di Gaza, ha riferito sabato scorso l'Osservatorio euromediterraneo per i diritti umani. Leggi QUI per maggiori approfondimenti.

Ore 13:00 CPJ: 16 giornalisti uccisi negli attuali combattimenti

Il Comitato per la protezione dei giornalisti (CPJ) rivela che almeno 15 giornalisti sono stati uccisi dal 7 ottobre, tra cui 11 palestinesi, tre israeliani e un libanese.

Un altro giornalista palestinese è stato ucciso, oggi, in un raid aereo israeliano nel nord della Striscia di Gaza.

Secondo l'organizzazione con sede a New York, otto giornalisti sarebbero rimasti feriti e altri tre sarebbero scomparsi o detenuti.

Ore 12:00 ONU: Si prevede che le riserve di carburante in tutti gli ospedali dureranno solo 24 ore

L’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi afferma che le riserve di carburante in tutti gli ospedali di Gaza dovrebbero durare solo 24 ore dopo che Israele avrà messo l’enclave già bloccata sotto “assedio totale”.

Ore 11:00 L'ultimo bilancio delle vittime

Gaza uccisi: 2.808 feriti: 10.859

Cisgiordania occupata Uccisi: 57 Feriti: 1.200

Israele Uccisi: 1.400 Feriti: 3.500

Ore 10:00 Uomo cerca bambini e moglie sotto le macerie

Un fotografo palestinese ha pubblicato un video clip verificato di un uomo palestinese che cerca i suoi figli e la madre sotto le macerie della loro casa distrutta da un raid aereo israeliano a Rafah.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Mohammed Zaanoun (@m.z.gaza)

09:30 Khamenei: i funzionari israeliani dovrebbero essere processati per i loro crimini

La Guida suprema dell'Iran Ali Hosseini Khamenei ha chiesto che i funzionari israeliani siano ritenuti responsabili delle loro azioni contro i palestinesi, chiedendo allo stesso tempo la cessazione dei bombardamenti israeliani su Gaza.

"I funzionari del regime sionista dovrebbero essere processati per i loro crimini contro i palestinesi a Gaza", ha detto.

"Nessuno può affrontare i musulmani e le forze della resistenza se i crimini del regime sionista contro i palestinesi continuano... il bombardamento di Gaza deve cessare immediatamente", ha aggiunto Khamenei.

Le osservazioni arrivano prima della visita programmata del presidente americano Biden in Israeleprevista per domani.

Ore 09:00 Oms: 11mila persone ferite a Gaza, metà sono donne e bambini

Un funzionario dell’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che a Gaza sono rimaste ferite 11.000 persone, metà delle quali sono donne e bambini.

L’organizzazione ha affermato che ci sono stati 115 attacchi contro strutture sanitarie a Gaza e che è necessario prepararsi per prevenire le epidemie.

Dal 7 ottobre più di 2.800 persone sono state uccise dagli attacchi israeliani a Gaza.

 

 

 Ore 08:30 Riepilogo

  • Un convoglio di aiuti umanitari per Gaza è arrivato sul lato egiziano del valico di Rafah. Non vi è alcuna conferma su quando il convoglio potrà entrare a Gaza.
  • È salito a 71 il bilancio delle vittime dei raid aerei compiuti nella notte da Israele nel sud della Striscia di Gaza.
  • Domani il presidente americano Biden visiterà Israele e Giordania. Gli Stati Uniti affermano di aver concordato un accordo con Israele per consentire l’invio di aiuti.
  • Le Brigate al-Qassam di Hamas conferma  che a Gaza sono detenuti fino a 250 prigionieri e che sono disposte a rilasciare quelli di nazionalità straniera non appena “le circostanze lo consentiranno”.
  • L’OMS avverte che restano solo “24 ore di acqua, elettricità e carburante” nella Striscia di Gaza assediata.
  • Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU non è riuscito a raggiungere un accordo sul cessate il fuoco a Gaza. L’opposizione guidata dagli Stati Uniti nei suoi confronti era dovuta al fatto di non essere sufficientemente critica nei confronti di Hamas.

Ore 06:00 Il massimo generale americano arriva in Israele nel mezzo della pianificazione della guerra

Il generale americano più anziano che supervisiona le forze americane in Medio Oriente è arrivato in Israele per una visita senza preavviso, riferisce l'agenzia di stampa Reuters.

Il generale Michael “Erik” Kurilla, capo del comando centrale degli Stati Uniti, ha affermato che la sua visita è stata effettuata per “garantire che Israele abbia ciò di cui ha bisogno per difendersi, con particolare attenzione ad evitare che altre parti espandano il conflitto”.

In una dimostrazione di potenza militare e di sostegno a Israele, gli Stati Uniti hanno schierato un gruppo d’attacco di portaerei nel Mediterraneo orientale e ne hanno inviato un secondo che arriverà nella regione nei prossimi giorni.

Secondo Reuters, a circa 2.000 soldati statunitensi è stato detto di prepararsi a schierarsi entro 24 ore se avvisati – invece delle consuete 96 ore – comprese le unità che potrebbero fornire assistenza medica se necessario.

Ore 05:00 71 persone sarebbero state uccise nei raid aerei israeliani nel sud di Gaza

Secondo Al Jazeera Arabic, il bilancio delle vittime dei raid aerei notturni condotti da Israele nel sud della Striscia di Gaza è salito a 71.

Molte delle persone uccise erano donne e bambini.

Una fonte medica ha detto che centinaia sono rimasti feriti durante i bombardamenti, che hanno colpito le case a Rafah e Khan Younis.

Un video pubblicato da Al Jazeera Arabic su X mostrava operatori sanitari che trasportavano una vittima su un sacco per cadaveri e un altro paziente gravemente ferito su una barella verso un ospedale nel sud di Gaza.

In una dichiarazione, l'esercito israeliano ha affermato di aver effettuato più di 200 attacchi durante la notte contro Hamas in tutta la Striscia di Gaza.

Ore 01:00 Netanyahu a Putin: la guerra non si fermerà finché le capacità di Hamas non saranno distrutte

Maggiori informazioni sull'incontro tra Netanyahu e Putin avvenuto nella giornata appena trascorsa, in cui gli israeliani hanno rilasciato una breve dichiarazione incentrata sulle minacce del primo ministro israeliano nei confronti di Hamas.

“Il Primo Ministro ha chiarito che Israele è stato attaccato da assassini brutali e ripugnanti, è andato in guerra determinato e unito e non si sarebbe fermato finché non avesse distrutto le capacità militari e di governo di Hamas.

Il Cremlino aveva precedentemente adottato un tono diverso e aveva affermato che Putin si era offerto di aiutare a mediare un accordo per raggiungere “una soluzione pacifica attraverso mezzi politici e diplomatici”.

00:30 Inchiesta delle Nazioni Unite: Le forze israeliane hanno usato "la forza letale senza giustificazione" nell'omicidio della giornalista Shireen Abu Akleh 

Con l’attenzione globale rivolta alla situazione a Gaza, un nuovo rapporto di un organismo investigativo incaricato dalle Nazioni Unite ha scoperto che le forze israeliane hanno usato “forza letale senza giustificazione” quando hanno sparato e ucciso la giornalista di Al Jazeera Shireen Abu Akleh nella Cisgiordania occupata lo scorso anno.

La Commissione internazionale indipendente d’inchiesta delle Nazioni Unite sui territori palestinesi occupati, compresa Gerusalemme Est, e Israele “ha concluso su basi ragionevoli che le forze israeliane hanno utilizzato la forza letale senza giustificazione ai sensi del diritto internazionale sui diritti umani”, si legge nel rapporto.

________________________________________________________________________________________________-

Ore 00:00 Riepilogo

  • Il portavoce delle Brigate Al-Qassam di Hamas, Abu Obeida, ha detto che il gruppo ha catturato tra le 200 e le 250 persone.
  • Martin Griffiths, il capo umanitario delle Nazioni Unite, si recherà in Medio Oriente questa settimana nel contesto di una continua spinta per l’accesso degli aiuti umanitari a Gaza.
  • Le forze israeliane hanno arrestato almeno 92 palestinesi in Cisgiordania nelle ultime 24 ore, ha detto un gruppo locale per i diritti umani.
  • Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, tra il 7 e il 15 ottobre sono stati registrati più di 110 attacchi contro strutture sanitarie a Gaza e in Cisgiordania.
  • Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha chiesto il libero accesso umanitario a Gaza e la creazione di un corridoio umanitario.

Ore 23:30 Secondo il principale inviato iraniano, è concepibile una "azione preventiva da parte dell'asse della resistenza" contro Israele

Il principale inviato iraniano ha affermato che una “azione preventiva da parte dell'asse della resistenza” contro Israele è “concepibile”, riferisce Ali Hashem di Al Jazeera.

“Se si perde l'occasione, non c'è via di scampo dall'aprire nuovi fronti contro Israele. Il tempo stringe e la resistenza ha la capacità di impegnarsi in guerre a lungo termine con il nemico”, ha detto il ministro degli Esteri Hossein Amirabdollahian alla televisione di stato iraniana.

Amirabdollahian ha anche avvertito gli Stati Uniti di “fermare i crimini contro i civili prima che sia troppo tardi”, ha scritto Hashem in una serie di post su X, precedentemente noto come Twitter.

Ore 21:15 Portavoce delle Brigate Qassam: Si stima che 200-250 persone siano state prese prigioniere da Hamas

Il portavoce delle Brigate Qassam di Hamas, Abu Obeida, ha comunciato che il gruppo ha catturato tra le 200 e le 250 persone.

Ha detto che 200 sono trattenuti con il gruppo e il resto con varie fazioni.

Abu Obeida ha spiegato che i prigionieri vengono trattati bene e in accordo con “la fede islamica”.

"Confermiamo che gli attacchi aerei israeliani hanno portato all'uccisione di 22 prigionieri", ha concluso.

Ore 20:30 La zona di confine di Rafah colpita per la quarta volta da un attacco aereo israeliano

Un'area al valico di frontiera di Rafah tra la Striscia di Gaza sotto assedio e l'Egitto è stata colpita per la quarta volta da un attacco militare israeliano, ha riferito il quotidiano egiziano Mada Masr, citando due fonti anonime.

Nell’articolo, che cita un giornalista palestinese e un funzionario egiziano, arriva mentre i leader delle Nazioni Unite chiedono urgentemente l'accesso degli aiuti umanitari a Gaza in mezzo ai bombardamenti israeliani.

Mada Masr ha spiegato che l'attacco è avvenuto "tra i terminal egiziano e palestinese" al valico di Rafah. I corrispondenti dell'agenzia di stampa AFP hanno riferito inoltre che lunedì la zona del valico è stata colpita da un altro attacco militare.

L'area del valico di frontiera chiuso nel sud di Gaza, dove centinaia di palestinesi si sono radunati sperando di entrare in Egitto, è stata colpita almeno tre volte in precedenza da attacchi aerei israeliani.

Ore 20:00 OMS: Più di 110 attacchi contro strutture sanitarie a Gaza, Cisgiordania dal 7 ottobre

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, tra il 7 e il 15 ottobre sono stati registrati più di 110 attacchi contro strutture sanitarie a Gaza e in Cisgiordania.

Ore 19:30 Telefonata Putin-Netanyahu

Secondo il Cremlino, il presidente russo Vladimir Putin ha offerto il sostegno di Mosca per porre fine all'attuale conflitto in un appello al presidente israeliano Netanyahu.

Putin ha inoltre informato il primo ministro israeliano delle sue conversazioni con il presidente iraniano Ebrahim Raisi, il presidente siriano Bashar al-Assad, il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi e il presidente dell'Autorità palestinese Mahmoud Abbas, ha detto il suo consigliere per la politica estera Yuri Ushakov, come riportato dall’agenzia di stampa Interfax.

Putin aveva chiesto un cessate il fuoco immediato e che nella crisi si tenesse conto degli interessi dei palestinesi.

Ore 19:00 WSJ L’esercito americano si prepara per un possibile schieramento Israele

Citando funzionari della difesa aa condizione di aninimato, il Wall Street Journal ha riferito che l'esercito americano ha stanziato circa 2.000 militari per un potenziale dispiegamento in Israele.

Se schierate, le truppe non verrebbero utilizzate per il combattimento ma sarebbero assegnate, tra gli altri compiti, a consigliare e offrire supporto medico alle loro controparti israeliane, secondo il giornale.

L’amministrazione Biden ha ripetutamente affermato di non avere intenzione di mettere “gli Stati Uniti sul terreno” nella guerra tra Israele e Hamas.

“Quello che abbiamo fatto è stato inviare esperti da tutto il nostro governo nella regione per consultare e consigliare le loro controparti israeliane”, ha detto a MSNBC la scorsa settimana il vice consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, Jon Finer.

Ore 18:00 Il bilancio delle vittime finora nel 2023 è il più alto in due decenni

Dall’inizio dell’anno più di 3.000 palestinesi sono stati uccisi a Gaza e nella Cisgiordania occupata, secondo i dati dell’Ufficio centrale di statistica palestinese.

Il novanta per cento di questi omicidi è avvenuto nell'enclave costiera assediata e attualmente bombardata da Israele in seguito all'attacco di Hamas.

In un comunicato stampa, l’istituzione ha affermato che il bilancio delle vittime è il più alto degli ultimi due decenni.

Ha inoltre pubblicato le seguenti statistiche su Gaza:

  • Tasso di disoccupazione – 45% (durante la prima metà del 2023)
  • Povertà e malnutrizione – 80%.
  • Contributo al PIL dei territori palestinesi: 18%.

Ore 17:30 Riepilogo ultimi avvenimenti

  • Funzionari sanitari di Gaza hanno comunicato che 2.808 persone sono state uccise e 10.859 ferite a seguito degli attacchi israeliani.
  • L’Organizzazione Mondiale della Sanità avverte che a Gaza restano meno di “24 ore di acqua, elettricità e carburante” prima della “catastrofe”.
  • Il braccio armato di Hamas afferma di aver lanciato razzi verso Gerusalemme e Tel Aviv; il suono delle sirene dei razzi interrompe la sessione della Knesset.
  • Prima dell'interruzione, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu avverte l'Iran e gli Hezbollah libanesi di non “mettere alla prova la nostra volontà”.
  • Il primo ministro britannico Rishi Sunak afferma che almeno sei cittadini sono stati uccisi nell'attacco di Hamas in Israele.
  • Il Sindacato dei giornalisti palestinesi ha denunciato che dall'inizio del conflitto sono rimasti feriti 11 giornalisti e più di 20 altre persone.

Ore 17:00 Hamas lancia razzi verso Gerusalemme e Tel Aviv

Dopo che le sirene hanno suonato in precedenza a Gerusalemme, il braccio armato di Hamas ha affermato di aver lanciato razzi verso Gerusalemme e Tel Aviv.

In una dichiarazione, le Brigate Qassam hanno affermato che l’attacco era in risposta al fatto che le forze israeliane “prendevano di mira i civili”.

Ore 16:30 Sale a 2.808 il bilancio delle vittime di Gaza

Almeno 2.808 palestinesi sono stati uccisi e 10.859 feriti nella Striscia di Gaza sotto i bombardamenti israeliani, secondo il ministero della Sanità.

Secondo l’ufficio governativo dei media a Gaza:

  • Nelle ultime 24 ore sono stati uccisi 254 palestinesi
  • Circa il 64% delle persone uccise sono donne e bambini
  • 37 membri del personale medico, tra cui medici, infermieri e paramedici, sono stati uccisi

Ore 16:00 OMS: 24 ore di acqua e carburante rimasti a Gaza prima che avvenga la “catastrofe”

L’OMS ha emesso il suo ultimo avvertimento sul crescente deterioramento della situazione umanitaria nella Striscia di Gaza, questa volta avvertendo che nell’enclave sono rimaste solo “24 ore di acqua, elettricità e carburante” prima che si verifichi “una vera catastrofe”.

Il direttore regionale per il Mediterraneo orientale dell'agenzia Onu per la salute, Ahmed Al-Mandhari, ha affermato che il territorio bombardato e assediato deve poter ricevere i convogli di aiuti attualmente bloccati al confine di Rafah con l'Egitto.

Se gli aiuti non arrivano, i medici dovranno “preparare i certificati di morte per i loro pazienti”, ha detto.

Ore 15:30 Sondaggio: La maggioranza degli americani vuole che gli Stati Uniti aiutino i palestinesi a fuggire: sondaggio

Secondo un sondaggio realizzato in due giorni dall’agenzia  Reuters/Ipsos, una maggioranza bipartisan di americani vuole che gli Stati Uniti aiutino i palestinesi a fuggire dai combattimenti.

Tuttavia, il sostegno a Israele è più elevato di quanto risultasse da un sondaggio condotto nel 2014, quando le forze israeliane si scontrarono con Hamas.

Il sondaggio ha rilevato che il 41% degli intervistati concorda con l’affermazione che “gli Stati Uniti dovrebbero sostenere Israele”, mentre il 2% ha affermato che “gli Stati Uniti dovrebbero sostenere i palestinesi”.

Ore 15:00 Undici giornalisti morti dall’inizio dei bombardamenti sulla Striscia di Gaza

Undici giornalisti sono morti e più di 20 sono rimasti feriti nella Striscia di Gaza dall'inizio dei massicci bombardamenti da parte di Israele, e due sono dispersi, ha annunciato, oggi, l'Unione dei giornalisti palestinesi .

Ore 14:30 Carenza “catastrofica” di forniture mediche a Gaza

Il gruppo Medical Aid for Palestines (MAP), con sede nel Regno Unito, afferma che gli ospedali di Gaza stanno affrontando una “catastrofica” carenza di forniture mediche, nel mezzo del “blocco totale” di Israele.

"Le forniture per emergenze, traumi e chirurgiche si stanno rapidamente esaurendo negli ospedali e nei magazzini dei partner sanitari, con l'ingresso di forniture umanitarie ancora impossibile", ha detto ad Al Jazeera il responsabile delle campagne di advocacy e campagne di MAP in Cisgiordania, Aseel Baidoun.

“C’è carenza di sangue. Le medicine scarseggiano”.

Baidoun ha aggiunto che c’è carenza anche di operatori sanitari, molti dei quali sono stati uccisi.

“Gli altri sono esausti e non riescono a far fronte alle migliaia di infortuni che vedono ogni giorno. Gli attacchi aerei israeliani hanno danneggiato 24 strutture sanitarie, tra cui 16 ospedali e altre sei strutture sanitarie”.

Ore 14:00 Erdogan e Raisi ddiscutono le misure per porre fine alla guerra

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan e il suo omologo iraniano, Ebrahim Raisi, hanno avuto una conversazione telefonica per discutere degli ultimi sviluppi del conflitto israelo-palestinese.

Erdogan ha affermato che la Turchia sta lavorando per fornire assistenza umanitaria nella Striscia di Gaza e ha ribadito la necessità di sforzi per allentare la situazione, secondo la presidenza turca.

Ore 13.30 HAMAS bombarda l'aeroporto Ben Gurion prima dell'arrivo di Blinken

Le Brigate Ezzedin Al-Qassam, braccio militare del Movimento di resistenza islamica palestinese (HAMAS), hanno riferito lunedì in un comunicato che, in risposta al bombardamento di civili nella Striscia di Gaza, hanno attaccato con missili l'aeroporto internazionale Ben Gurion. , a 15 chilometri da Tel Aviv.

Prima dell’attacco palestinese, le sirene d’allarme hanno suonato nelle città di Tel Aviv, Ashdod, Ashkelon e in diversi insediamenti sionisti.

 

 Ore 13:00 Riepilogo

  • Israele e Hamas respingono le notizie di un cessate il fuoco per consentire agli stranieri di uscire dalla Striscia di Gaza assediata attraverso Rafah.
  • Le autorità di Gaza affermano che più di 1.000 persone risultano disperse sotto le macerie degli edifici distrutti dai raid aerei israeliani.
  • Israele evacuerà i residenti in 28 villaggi vicino al confine con il Libano nel mezzo di uno scontro a fuoco mortale oltre confine.
  • Il segretario di Stato americano è arrivato in Israele per la seconda volta in una settimana dopo aver visitato la regione.
  • Secondo indiscrezioni di stampa, anche il cancelliere tedesco Olaf Scholz si recherà in Israele domani.

Ore 12:30 La Cina fornisce aiuti umanitari all’agenzia delle Nazioni Unite per la Palestina

La Cina sta fornendo aiuti umanitari di emergenza all’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi, UNRWA, e all’Autorità Palestinese, ha riferito l’emittente statale CCTV.

L’emittente ha citato l'Agenzia cinese per la cooperazione allo sviluppo che afferma che gli aiuti servono ad alleviare la situazione umanitaria a Gaza e saranno utilizzati per affrontare bisogni urgenti, come cibo e assistenza medica.

Ore 12:00 Israele non ha permesso l'apertura del valico di Rafah

L'Egitto ha mirato a mantenere operativo il valico di Rafah dall'inizio dell'ultimo conflitto, ma Israele non lo ha permesso, ha spiegato il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry.

Shoukry ha definito “pericolosa” la situazione affrontata dal popolo palestinese a Gaza.

Ore 11:45 Il capo della Lega Araba sollecita l’apertura di corridoi umanitari

Il capo della Lega Araba ha chiesto la fine immediata delle operazioni militari a Gaza e che siano ammessi gli aiuti nell'enclave assediata.

"Chiediamo la fine immediata delle operazioni militari e l'apertura di corridoi sicuri per portare aiuti alla popolazione", ha detto il segretario generale Ahmed Aboul Gheit durante un incontro a Baghdad.

Ore 11:30 Allarme crisi ambientale con 1.000 corpi ancora sotto le macerie di Gaza

Il ministero degli Interni di Gaza ha affermato che i corpi di oltre 1.000 persone sono in decomposizione sotto le rovine degli edifici distrutti dagli incessanti bombardamenti israeliani, mettendo in guardia contro una crisi umanitaria e ambientale.

Ore 11:45 La situazione negli ospedali di Khan Younis è “catastrofica”

La situazione negli ospedali di Khan Younis è “catastrofica” poiché il personale fatica a far fronte al numero di persone ferite dai bombardamenti israeliani e alla grave carenza di acqua ed elettricità, hanno raccontato i medici.

“La situazione è catastrofica. Negli ultimi sette giorni abbiamo avuto un flusso continuo di civili feriti. La [capacità] dei letti dell'ospedale è stata ampliata molte volte", ha detto ad Al Jazeera Mohamed Kandil, direttore del pronto soccorso dell'ospedale Naser.

“Nelle ultime ore abbiamo ricevuto 60 civili feriti. È un paziente al minuto. Questa è una situazione davvero catastrofica”.

“L'ospedale non può funzionare ancora a lungo. L'elettricità è ancora interrotta. I generatori a combustibile dell'ospedale si spegneranno presto. Il sistema sanitario crollerà. L’ospedale si trasformerà in un cimitero”.

Ore 11:15 Betzalel Taljah, un ufficiale dell'esercito israeliano, afferma che "la guerra non è solo contro Hamas, ma contro tutta la popolazione civile [palestinese]".

Ore 11:00 Israele accusa l'Iran di aver ordinato attacchi Hezbollah al confine con il Libano

Ieri, Daniel Hagari ha accusato l'Iran di aver ordinato attacchi da parte di Hezbollah al confine tra Libano e Israele.

"Hezbollah ha effettuato una serie di attacchi terroristici per distrarre dai nostri sforzi bellici nel sud (Gaza), sotto istruzione iraniana e con il sostegno (iraniano)", ha detto, senza fornire dettagli.

L'Iran ha respinto le accuse di essere coinvolto nell'assalto di Hamas contro Israele lo scorso fine settimana.

Il ministro degli Esteri Hossein Amir-Abdollahian ieri aveva avvertito ad Al Jazeera che è “altamente probabile che molti altri fronti si sarebbero” se il bombardamento israeliano di Gaza fosse continuato.

Ore 10:30 Blinken in Israele per la seconda visita

Il segretario di Stato americano è tornato in Israele dopo aver visitato sei paesi del Medio Oriente.

Antony Blinken, che giovedì era a Tel Aviv, dovrebbe incontrare ancora una volta il primo ministro Benjamin Netanyahu, tra altri alti funzionari israeliani.

Secondo vari resoconti dei media, avrà colloqui anche con il leader dell'opposizione Yair Lapid, che ha deciso di non partecipare al governo di emergenza israeliano.

Ore 10:15 Israele ha smentito le notizie su un accordo di cessate il fuoco nel sud di Gaza

Israele smentisce le notizie di un accordo di cessate il fuoco nel sud di Gaza per consentire l'apertura del valico di frontiera con l'Egitto e garantire l'ingresso di aiuti umanitari nel territorio palestinese.

"Al momento non esiste un cessate il fuoco per gli aiuti umanitari nella Striscia di Gaza e per la partenza degli stranieri", ha riferito l'ufficio del primo ministro Benjamin Netanyahu, citato dal Times of Israel

Ore 10:00 Ecco un breve riepilogo:

  • Il presidente Biden ha avvertito Israele che qualsiasi occupazione di Gaza sarebbe un “grosso errore”.
  • Funzionari di Gaza accusano Israele di un “crimine di guerra” dopo che due quartier generali della protezione civile sono stati colpiti da attacchi aerei, uccidendo sette persone, tra cui cinque operatori umanitari.
  • Il valico di Rafah tra Gaza e l'Egitto aprirà alle 9:00 (06:00 GMT) consentendo agli stranieri di entrare in Egitto.
  • Almeno un milione di abitanti di Gaza è stato sfollato, secondo l'ONU, che ha descritto la situazione nell'enclave assediata come “catastrofica”.
  • Almeno 2.670 palestinesi sono stati uccisi nei raid aerei israeliani. Il numero degli israeliani uccisi nell'operazione militare di Hamas ammonta a 1.400.

Ore 09:00 L’ONU dà rifugio a 400.000 palestinesi nelle sue scuole e edifici a Gaza

Più di 400.000 palestinesi si stanno rifugiando nelle scuole e negli edifici delle Nazioni Unite in tutta la Striscia di Gaza, afferma l’organismo globale.

“Gli anziani, i bambini, le donne incinte e le persone con disabilità vengono semplicemente privati ??della loro fondamentale dignità umana. Questa è una vergogna totale”, ha detto l’agenzia delle Nazioni Unite in Palestina su X.

"Noi dell'UNRWA piangiamo la perdita di 14 colleghi", ha aggiunto.

Ore 08:30

Ore 08:00 UNRWA: il personale di Gaza “non è più in grado di fornire assistenza umanitaria”

Il capo dell’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei rifugiati palestinesi nel Vicino Oriente (UNRWA) ha lanciato un duro avvertimento sulla capacità dell’organizzazione di continuare a fornire assistenza alle centinaia di migliaia di persone bisognose a Gaza.

“I miei colleghi dell’UNRWA a Gaza non sono più in grado di fornire assistenza umanitaria”, ha dichiarato il commissario generale dell’UNRWA Philippe Lazzarini in una conferenza stampa presso la sede dell’UNRWA nella Gerusalemme est occupata.

“Le operazioni dell’UNRWA rappresentano la più grande presenza delle Nazioni Unite nella Striscia di Gaza e siamo sull’orlo del collasso. Questo è assolutamente senza precedenti”.

Lazzarini nota che l'acqua e l'elettricità stanno finendo e presto non ci saranno più né cibo né medicine.

“Sappiamo tutti che l’acqua è vita – a Gaza sta finendo l’acqua, e Gaza sta finendo la vita”, ha detto.

Circa 400.000 persone si stanno attualmente rifugiando nelle scuole dell’UNRWA e in altre strutture nel sud dell’enclave e il numero di persone che necessitano di assistenza è “assolutamente schiacciante”, ha aggiunto.

Ore 07:00 Almeno 1.000 persone sotto le macerie a Gaza

Più di 1.000 persone risultano disperse sotto le macerie degli edifici di Gaza distrutti dagli attacchi aerei israeliani, ha affermato la squadra di protezione civile palestinese.

Tra loro ci sono feriti e morti, ha riferito la squadra in un comunicato, aggiungendo che molti altri sono stati tirati fuori vivi dalle macerie, 24 ore dopo che gli edifici erano stati colpiti.

Più di 2.670 persone sono state uccise dagli attacchi israeliani a Gaza con almeno 9.600 feriti.

Ore 06:00 ONU: Quattro ospedali di Gaza non funzionanti dopo i bombardamenti israeliani

Secondo le Nazioni Unite, almeno quattro ospedali nel nord di Gaza non funzionano più a causa dei bombardamenti israeliani.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha affermato che ad altri 21 ospedali nella Striscia assediata è stato ordinato da Israele di evacuare.

L’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite ha avvertito che “l’evacuazione forzata degli ospedali potrebbe costituire una violazione del diritto umanitario internazionale”.

Ore 05:00 Le Nazioni Unite affermano che 50.000 donne incinte a Gaza non possono ottenere i servizi sanitari di base

Secondo le Nazioni Unite, 50.000 donne incinte nella Striscia di Gaza stanno lottando per garantire l’assistenza sanitaria materna di base e 5.522 di loro partoriranno nel prossimo mese.

“Immaginate di affrontare questo processo nelle fasi finali e nell’ultimo trimestre prima del parto, con possibili complicazioni, senza vestiti, senza igiene, senza sostegno e senza essere sicuri di cosa il giorno successivo, l’ora successiva, il minuto successivo porteranno per sé e per i propri figli. nascituro”, ha detto alla CNN il rappresentante del Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione per la Palestina, Dominic Allen.

 ______________________________________________________________________________________________________________________________________

Ore 20:00 Difesa israeliana: 155 prigionieri a Gaza

Un portavoce militare israeliano comunica che a Gaza sono detenuti 155 prigionieri.

"Abbiamo informato le famiglie di 155 prigionieri tenuti da Hamas a Gaza", ha detto il portavoce.

Ore 19:15 Il bilancio delle vittime a Gaza sale a 2.670

Almeno 2.670 palestinesi sono stati uccisi a Gaza dal 7 ottobre, secondo il ministero della Sanità di Gaza.

Più di 9.600 persone sono rimaste ferite negli attacchi israeliani a Gaza, ha aggiunto il dicastero.

Ore 18:15 Lega araba e Unione africana: L’invasione di Gaza potrebbe portare al “genocidio”

La prevista invasione terrestre di Gaza da parte di Israele “potrebbe portare ad un genocidio di proporzioni senza precedenti”, hanno affermato in una dichiarazione congiunta i capi della Lega Araba e dell'Unione Africana.

Entrambe le organizzazioni hanno chiesto “alle Nazioni Unite e alla comunità internazionale di fermare una catastrofe che si sta svolgendo davanti a noi, prima che sia troppo tardi”, mentre Israele si prepara per un’invasione di terra della Striscia di Gaza.

Ore 17:45 Capo dei soccorsi dell'ONU: "Migliaia di persone moriranno"

Ore 17:30 La Casa Bianca prevede che i nuovi aiuti a Israele e Ucraina supereranno i 2 miliardi di dollari

Il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, Jake Sullivan, afferma che il nuovo pacchetto di armi per Israele e Ucraina sarà significativamente superiore ai 2 miliardi di dollari.

Sullivan, in un'intervista a Face the Nation della CBS, ha annunciato che il presidente americano Joe Biden avrà intensi colloqui con il Congresso americano questa settimana sulla necessità che il pacchetto venga approvato.

Ore 17:00 ministro della Difesa: Israele non è interessato alla guerra con Hezbollah:

Il ministro della difesa israeliano ha dichiarato che il suo paese non è interessato a fare la guerra sul fronte settentrionale e che manterrà la situazione lungo il confine così com'è.

“Non abbiamo alcun interesse in una guerra nel nord. Non vogliamo che la situazione peggiori", ha detto ai giornalisti il ??ministro della Difesa Yoav Gallant.

“Se Hezbollah scegliesse la via della guerra, pagherebbe un prezzo molto alto. Molto pesante. Ma se si tratterà, lo rispetteremo e manterremo la situazione così com’è”, ha aggounto Gallant, sottolineando che ci sono stati scontri a fuoco oltre il confine.

Ore 16:30 Il bilancio delle vittime a Gaza raggiunge le 2.450, afferma il Ministero della Salute

Almeno 2.450 palestinesi sono stati uccisi dai bombardamenti e dagli attacchi aerei israeliani su Gaza, afferma nella Striscia il ministero della Sanità palestinese.

Il numero dei feriti è arrivato a 9.200, ha aggiunto.

Ore 16:15 Norman Finkelstein: A Gaza, Israele sta commettendo “una via di mezzo tra un crimine contro l’umanità e un genocidio”

Leggi qui alcune parti dell’intervista che il politolo e storico statunitense Norman Finkelstein ha rilasciato ad Al Jazeera.

Ore 16:00 Israele spara con l'artiglieria verso il sud del Libano

Come ha riferito Al Jazeera, Israele sta rispondendo all'ultimo attacco contro una delle sue postazioni militari vicino al confine con il Libano.

"Sono stati identificati nove lanci che sono passati dal Libano al territorio israeliano", ha spiegato l'esercito israeliano in una nota, aggiungendo di averne intercettati cinque.

L'esercito ha anche precisato che stava sparando con l'artiglieria verso la zona da cui è avvenuta la sparatoria, nel sud del Libano.

Ore 15:40 The Cradle La Resistenza in Libano lancia dozzine di missili nel nord di Israele. L'esercito israeliano ordina ai coloni della Galilea occidentale, fino a 9 km dal confine libanese, di entrare nei rifugi.

Ore 15:00 UNRWA: Circa un milione di persone sfollate a Gaza in una settimana

La direttrice delle comunicazioni dell'UNRWA, Juliette Touma, ha dichiarato all'AFP che circa un milione di persone sono state sfollate nei primi sette giorni del conflitto a Gaza.

Nel frattempo, i membri dello staff dell’agenzia delle Nazioni Unite forniscono resoconti agghiaccianti di ciò che è diventata la vita nell’enclave dopo giorni di incessanti bombardamenti da parte di Israele.

“Essere a Gaza in questi giorni significa sopravvivere, non vivere”, ha detto Azzam in una nota vocale inviata ai suoi colleghi.

Ore 14:00 Iran: Nessuno può garantire la “non espansione” della guerra se Israele invade Gaza

L’Iran avverte che “nessuno può garantire” il controllo della situazione se Israele invade Gaza poiché si profila la prospettiva di un’offensiva di terra israeliana.

"Se gli attacchi del regime sionista [Israele] contro i cittadini indifesi e il popolo di Gaza continuano, nessuno potrà garantire il controllo della situazione e la non espansione del conflitto", ha avvertito il ministro degli Esteri iraniano citando il ministro degli Esteri Hossein Amirabdollahian. durante l'incontro con l'emiro del Qatar, Sheikh Tamim bin Hamad Al Thani.

Ore 14:30 Albanese, relatrice ONU:  “Tranne me nessuno all'ONU ha chiesto un cessate il fuoco"

Francesca Albanese, relatrice speciale delle Nazioni Unite sui territori palestinesi occupati, ha dichiarato ad Al Jazeera di essere preoccupata dal fatto che nessun altro all'ONU, oltre a lei, abbia chiesto un cessate il fuoco immediato.

“Non ho alcun segno che questo [un cessate il fuoco] sia preso in considerazione anche a livello di segretario generale delle Nazioni Unite… Mi preoccupa perché da un lato ci sono funzionari israeliani che dicono di voler eliminare Hamas. Ma quello che vediamo sul campo sono migliaia di persone, compresi bambini, uccisi e feriti”, ha lamentato Albanese.

"Israele dovrebbe anche fornire all'ONU informazioni su come sta avvenendo lo smantellamento di Hamas", ha aggiunto Albanese, sottolineando che le azioni militari che continuano a prendere di mira i civili dovrebbero cessare.

Ore 13:30 Ecco un breve riepilogo degli ultimi sviluppi:

  • Le persone continuano a fuggire verso il sud di Gaza mentre Israele intensifica i suoi avvertimenti su un’imminente invasione di terra.
  • I raid aerei israeliani hanno ucciso almeno 2.329 palestinesi a Gaza e almeno 1.300 israeliani sono stati uccisi nell'attacco di Hamas contro Israele. Israele ha ucciso più palestinesi in otto giorni di quanto ne abbiano uccise le sue forze in 51 giorni di guerra a Gaza nel 2014.
  • Il Ministero della Sanità palestinese ha affermato che circa il 70% della popolazione di Gaza è priva di servizi sanitari. Finora, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) è stata in grado di fornire forniture mediche a 2.000 pazienti a Gaza.
  • Secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Wafa, più di 50 palestinesi nella Cisgiordania occupata sono stati arrestati da Israele.
  • Israele ha sigillato un'area fino a 4 km (2,5 miglia) dal confine settentrionale con il Libano dopo che il gruppo armato libanese Hezbollah ha rivendicato la responsabilità di aver lanciato un missile contro un villaggio israeliano al confine settentrionale.
  • Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha detto di aver avuto un incontro "molto produttivo" a Riad con il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman, discutendo della guerra tra Israele e Hamas.
  • Il ministro degli Esteri iraniano, Hossein Amirabdollahian, ha incontrato a Doha il capo politico di Hamas Ismail Haniyeh.

13:15 Le foto satellitari mostrano la Striscia di Gaza prima e dopo l'interruzione della corrente elettrica da parte di Israele

Le ultime immagini satellitari ottenute dal quotidiano cinese Global Times mostrano che la Striscia di Gaza è quasi completamente immersa nell'oscurità a causa dell'interruzione della corrente elettrica da parte di Israele.

Il giornale ha allegato un'immagine della zona scattata il 14 settembre, in cui appare ben illuminata. Tuttavia, l’immagine catturata intorno alle 22:00 (ora locale) di giovedì 12 ottobre, mostra un netto contrasto con le notti precedenti.

Ore 13:00 L’Arabia Saudita afferma che sta lavorando duramente per fermare l’escalation del conflitto nella regione

Nel suo incontro con il segretario di Stato americano Antony Blinken, il principe ereditario dell'Arabia Saudita Mohammed bin Salman ha affermato che il regno sta lavorando duramente per evitare che l'attuale situazione peggiori e per revocare l'assedio a Gaza.

L'Arabia Saudita sta intensificando gli sforzi "per creare le condizioni per il ritorno della stabilità", si legge in una dichiarazione pubblicata dall'agenzia di stampa statale saudita.

"Sua Altezza il Principe Ereditario ha sottolineato il rifiuto del Regno di prendere di mira i civili in qualsiasi modo o di distruggere le infrastrutture e gli interessi vitali che influenzano la loro vita quotidiana", ha aggiunto.

Ore 12:45 The Times of Israel: Crollano i titoli di Tel Aviv

Come ha riportato The Times of Israel “le azioni di Tel Aviv crollano mentre Israele entra nella seconda settimana di combattimenti”.

Secondo il media israeliano “l'indice azionario TA-35 delle società blue chip crolla di quasi il 3%, l'indice di riferimento TA-125 crolla del 3,2% e l'indice TA-90, che replica le azioni con la più alta capitalizzazione non incluse nell'indice TA-35, affonda 4% nelle contrattazioni del primo pomeriggio.

Inoltre, “l'indice TA-Bank delle cinque maggiori banche crolla del 3,3%, mentre i titoli del settore edile, edilizio e del gas scendono del 4% circa”.

Ore 12:15 La Gran Bretagna esorta Israele a mostrare moderazione

La Gran Bretagna ha esortato Israele a mostrare moderazione in qualsiasi azione militare contro Hamas al fine di ridurre al minimo i danni ai civili, secondo il ministro degli Esteri britannico James Cleverly.

Domenica, parlando ai media, Cleverly ha affermato di aver sollevato la necessità di ridurre al minimo le vittime civili nelle conversazioni con il governo israeliano.

“Moderazione, disciplina: questi sono i tratti distintivi delle forze di difesa israeliane che voglio vedere”, ha dichiarato a Sky News.

“Naturalmente rispettiamo il diritto di Israele all'autodifesa… Abbiamo detto di fare tutto il possibile per ridurre al minimo le vittime civili. Fate tutto il possibile per evitare che Hamas ottenga ciò che vuole, ovvero un’escalation a livello regionale più ampio”, ha aggiunto.

Ore 12:00 Hezbollah dichiara attacco al nord di Israele in risposta all'uccisione del giornalista libanese

Gli Hezbollah libanesi affermano di aver lanciato razzi contro una postazione dell'esercito israeliano a Shtoula, nel nord di Israele, in risposta all'uccisione, di venerdì scorso, del giornalista libanese Issam Abdallah e di altri civili.

Ore 11:30 Hezbollah issa la sua bandiera su una postazione militare israeliana 

Il Movimento di resistenza islamica del Libano, Hezbollah) ha issato la sua bandiera su una postazione militare sulla linea di separazione con i territori occupati, secondo HispanTV che cita il corrispondente di Al Manar.

Da parte sua, Hezbollah ha annunciato in un comunicato di aver attaccato una base militare israeliana con missili guidati in risposta ai crimini e alle aggressioni del regime di Tel Aviv.

Hezbollah ha precisato che i suoi missili hanno colpito la città di Shtula, uccidendo e ferendo diversi israeliani.

Ore 11:00 Si entra nel nono giorno di Guerra tra Israele e Hamas Ecco un breve riepilogo degli ultimi sviluppi:

  • Gli Stati Uniti hanno schierato una seconda portaerei nel Mediterraneo orientale in una dimostrazione di sostegno “corazzato” a Israele mentre le forze israeliane hanno continuato a martellare la Striscia di Gaza durante la notte con missili di caccia a reazione e proiettili di artiglieria da terra e dal mare.
  • Le persone continuano a fuggire verso il sud di Gaza mentre Israele intensifica i suoi avvertimenti su un’imminente invasione di terra e raddoppia l’ordine di evacuare completamente 1,1 milioni di persone dalle aree settentrionali di Gaza.
  • L'esercito israeliano afferma che si sta preparando a effettuare un'offensiva massiccia e ad ampio raggio via aria, terra e mare contro Gaza.
  • Sono stati segnalati raid aerei israeliani sulla città meridionale di Khan Younis, a Gaza, inclusi attacchi a strutture mediche e un magazzino farmaceutico.
  • Almeno 2.215 palestinesi sono stati uccisi e 8.714 feriti negli attacchi aerei israeliani su Gaza la scorsa settimana. Tra i morti ci sono più di 700 bambini palestinesi. Nella Cisgiordania occupata, più di 50 palestinesi sono stati uccisi dal fuoco israeliano nel giro di pochi giorni. In Israele, il bilancio delle vittime ammonta a circa 1.300 morti e più di 3.400 feriti dall'attacco di Hamas dello scorso fine settimana.
  • Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden è stato criticato da un manifestante filopalestinese mentre parlava a un evento di gala a Washington, DC, e migliaia di persone hanno marciato nelle città di tutto il mondo a sostegno di Gaza.

Ore 10:30 Cina: Israele agisce “oltre i limiti dell'autodifesa”

Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha criticato l'operazione israeliana a Gaza, descrivendo l'azione come “oltre l'ambito dell'autodifesa”, esortando il governo di Netanyahu a “cessare la punizione collettiva” dei palestinesi nell'enclave assediata.

Wang ha fatto questi commenti durante una telefonata con il suo omologo saudita, il principe Faisal bin Farhan Al Saud,

Wang ha affermato: “Tutte le parti non dovrebbero intraprendere alcuna azione per aggravare la situazione e dovrebbero tornare al tavolo delle trattative il prima possibile”.

Ore 10:00 Il bilancio delle vittime a Gaza sale a 2.329

Secondo il ministero della Sanità del territorio, i raid aerei israeliani hanno ucciso almeno 2.329 palestinesi a Gaza e ne hanno feriti altri 9.714.

Circa 1.300 persone sono state uccise nell'attacco di Hamas contro Israele.

Ore 09:00 Finkelstein: Il pericolo di un allargamento della guerra tra Israele e Hamas è “abbastanza alto”

Norman Finkelstein analista, politologo, che è un appassionato sostenitore dei diritti dei palestinesi, ha affermato che il pericolo che la guerra tra Israele e Hamas si estenda in un conflitto regionale è “abbastanza alto”, soprattutto se Hezbollah libanese viene coinvolto nella lotta.

“Si è parlato molto la scorsa settimana del fatto che Israele potrebbe usare gli eventi del 7 ottobre come pretesto per attaccare l'Iran. Se Hezbollah entra [in guerra] in modo importante, allora si sosterrà che Hezbollah è semplicemente un’unità armata o una suddivisione dell’Iran, e quindi giustificherà un attacco all’Iran”, ha detto ad Al Jazeera da New York.

“Non credo che Israele sia in grado di combattere una guerra su due fronti… Se Hezbollah entra in guerra, se Israele usa questo come pretesto per lanciare ciò che desidera da molto tempo – un attacco preventivo contro l’Iran – non non immagino che possa farlo in qualsiasi altro modo se non utilizzando un’arma nucleare tattica”.

Ore 08:30 Biden criticato da un manifestante filopalestinese

Il presidente degli Stati Uniti Biden, parlando ad una cena nazionale della campagna per i diritti umani a Washington, DC, è stato interrotto brevemente da un manifestante ieri sera.

Anche se il manifestante ha detto: “Lasciate vivere Gaza, cessate il fuoco adesso”, il Presidente ha continuato a parlare, affermando che la maggior parte delle persone che vivono a Gaza sono “famiglie palestinesi innocenti che non vogliono avere niente a che fare con Hamas”.

I democratici negli Stati Uniti – in particolare gli elettori più giovani di cui Biden ha bisogno per vincere la rielezione – sono molto filopalestinesi e non sono d’accordo con il trattamento che i palestinesi ricevono a Gaza.

Sta diventando un problema crescente anche per il presidente all'interno del suo stesso partito a Capitol Hill. Infatti, i democratici della Camera dei Rappresentanti hanno inviato una lettera nelle ultime 24 ore al presidente e al segretario di stato degli Stati Uniti chiedendo che gli Stati Uniti usino la loro influenza su Israele per ripristinare immediatamente cibo, acqua ed elettricità e porre fine alla crisi umanitaria.

Ore 07:30 ONU: L'acqua è una “questione di vita o di morte” per Gaza dopo l'assedio israeliano

L’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi ha affermato che l’acqua è ormai diventata una “questione di vita o di morte” per le persone nella Striscia di Gaza dopo che Israele ha tagliato le loro forniture idriche.

L’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei rifugiati palestinesi nel Vicino Oriente (UNRWA) ha dichiarato sabato che più di due milioni di persone sono ora a rischio a causa della mancanza d’acqua.

“È diventata una questione di vita o di morte. È una necessità: il carburante deve essere consegnato ora a Gaza per rendere l’acqua disponibile per due milioni di persone”, ha avvertito il commissario generale dell’UNRWA Philippe Lazzarini.

Secondo l'agenzia, ormai da una settimana non sono ammessi rifornimenti umanitari a Gaza.

____________________________________________________________________________________________________________________________________

Ore 22:00 OMS: L'evacuazione degli ospedali di Gaza "potrebbe equivalere a una condanna a morte"

L'organizzazione sanitaria delle Nazioni Unite ha nuovamente condannato l'ordine israeliano di evacuare 22 ospedali che curano più di 2000 pazienti ricoverati nel nord di Gaza.

"Costringere più di 2000 pazienti a trasferirsi nel sud di Gaza, dove le strutture sanitarie funzionano già alla massima capacità e non sono in grado di assorbire un drammatico aumento del numero di pazienti, potrebbe equivalere a una condanna a morte", ha avvertito l'organizzazione in una nota.

“I direttori ospedalieri e gli operatori sanitari si trovano ora di fronte a una scelta angosciante: abbandonare i pazienti critici nel mezzo di una campagna di bombardamenti, mettere a rischio la propria vita rimanendo sul posto per curare i pazienti, o mettere in pericolo la vita dei loro pazienti mentre tentano di trasportarli in strutture che non hanno la capacità di riceverli”, ha affermato l’OMS.

 

Ore 20:00 Riepilogo ultimi avvenimenti

  • L’esercito israeliano ha indicato la propria disponibilità ad “espandere l’attacco” su Gaza, affermando che stava pianificando un’ampia gamma di operazioni offensive tra cui “attacchi coordinati dall’aria, dal mare e dalla terra”.
  • Il capo di Hamas Ismail Haniyeh in un discorso televisivo ha accusato Israele di aver commesso un “genocidio” a Gaza, ricordando che i palestinesi nell’enclave assediata “non fuggiranno mai”.
  • I commenti sono arrivati ??poco dopo la visita del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu alle forze di terra israeliane di stanza vicino alla Striscia di Gaza.
  • Il consigliere per la sicurezza nazionale di Israele ha avvertito Hezbollah di non lasciarsi coinvolgere nella guerra a Gaza, altrimenti questa potrebbe portare alla “distruzione del Libano”.
  • Turchia ed Egitto affermano di respingere l'esilio ordinato dei palestinesi da Gaza.

 Ore 19:00 L'esercito israeliano afferma che si sta preparando un'operazione "per via aerea, marittima e terrestre"

L'esercito israeliano ha annunciato che si sta “preparando ad espandere l'attacco” a Gaza, suggerendo un'incursione di terra nell'enclave attesa da tempo.

In una dichiarazione, l’esercito ha ribadito che sta pianificando una vasta gamma di operazioni offensive, tra cui “attacchi coordinati dall’aria, dal mare e dalla terra”.

"Vari battaglioni e forze armate sono dispiegati in tutto Israele in preparazione per aumentare il livello di preparazione e in preparazione per le prossime fasi della guerra, in particolare la grande operazione di terra", hanno detto i militari.

Ore 18:00 Il capo degli aiuti delle Nazioni Unite afferma che "l'umanità sta fallendo"

Martin Griffiths, nella sua ultima dichiarazione sul conflitto, ha riflettuto su una “settimana terribile” in cui “l’umanità sta fallendo”.

“Temo che il peggio sia ancora arrivato”, ha detto, aggiungendo che a Gaza “non c’è elettricità, acqua e carburante”, le scorte di cibo stanno scarseggiando, gli ospedali “stanno consumando le nostre medicine” e “gli obitori sono traboccanti”

“La situazione umanitaria a Gaza, già critica, sta rapidamente diventando insostenibile”, ha affermato.

Ha anche messo in guardia dall’aumento della violenza in Cisgiordania e dal rischio di escalation tra Israele e Libano.

Ore 17:00 Iran: Israele deve fermare i “crimini di guerra” prima che sia “troppo tardi”

L’Iran ha chiesto a Israele di fermare i suoi attacchi contro Gaza, avvertendo che la guerra potrebbe espandersi ad altre parti del Medio Oriente se Hezbollah si unisse alla battaglia, aggiungendo che Israele potrebbe subire “un enorme terremoto”.

Il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir-Abdollahian ha detto ai giornalisti a Beirut che il gruppo libanese Hezbollah ha preso in considerazione tutti gli scenari di guerra e che Israele dovrebbe fermare immediatamente i suoi attacchi a Gaza.

Amir-Abdollahian ha comunicato di aver incontrato il leader di Hezbollah Sayyed Hassan Nasrallah.

“Conosco gli scenari che Hezbollah ha messo in atto. Qualsiasi passo compiuto dalla resistenza [Hezbollah] causerà un enorme terremoto nell’entità sionista”, ha avvertito.

“Voglio mettere in guardia i criminali di guerra e coloro che sostengono questa entità prima che sia troppo tardi per fermare i crimini contro i civili a Gaza, perché potrebbe essere troppo tardi tra poche ore”.

Ore 16:00 Francesca Albanese, relatrice ONU: “Israele ha già effettuato una pulizia etnica di massa dei palestinesi sotto la nebbia della guerra”

La relatrice per i diritti umani delle Nazioni Unite ha avvertito che i palestinesi corrono il grave pericolo di una pulizia etnica di massa e ha invitato la comunità globale a mediare un cessate il fuoco.

“La situazione nei territori palestinesi occupati e in Israele ha raggiunto il culmine”, ha affermato Albanese, relatrice speciale delle Nazioni Unite sulla situazione dei diritti umani nei territori palestinesi occupati.

“C’è il grave pericolo che ciò a cui stiamo assistendo possa essere una ripetizione della Nakba del 1948 e della Naksa del 1967, anche se su scala più ampia. La comunità internazionale deve fare di tutto per evitare che ciò accada di nuovo”, ha affermato.

Ha osservato che i funzionari pubblici israeliani hanno apertamente sostenuto un’altra Nakba, il termine per gli eventi del 1947-1949, quando oltre 750.000 palestinesi furono espulsi dalle loro case e terre durante le ostilità che portarono alla fondazione di Israele. La Nakba, che portò all’occupazione israeliana della Cisgiordania e della Striscia di Gaza nel 1967, causò lo sfollamento di 350.000 palestinesi.

“Israele ha già effettuato una pulizia etnica di massa dei palestinesi sotto la nebbia della guerra”, ha detto. “Ancora una volta, in nome dell’autodifesa, Israele sta cercando di giustificare ciò che equivarrebbe a pulizia etnica.”

“Qualsiasi operazione militare continuata da parte di Israele è andata ben oltre i limiti del diritto internazionale. La comunità internazionale deve fermare queste enormi violazioni del diritto internazionale adesso, prima che la tragica storia si ripeta. Tempo è dell'essenza. Sia i palestinesi che gli israeliani meritano di vivere in pace, uguaglianza di diritti, dignità e libertà”, ha concluso.

Ore 15:30 Attacchi dell'artiglieria israeliana sul Libano meridionale durante lo scambio di colpi in corso con la resistenza libanese Hezbollah.

 

Ore 15:15 Razzi sono stati lanciati contro una postazione dell'esercito israeliano nel sud-est del Libano: testimonianza Reuters

Secondo un testimone della Reuters, dei razzi sono stati lanciati contro una postazione dell'esercito israeliano nel sud-est del Libano.

Il testimone ha anche riferito di pesanti bombardamenti provenienti da Israele e del rumore di spari.

Ore 14:45 L’ONU afferma che i suoi rifugi a Gaza non sono più sicuri

L’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei rifugiati palestinesi (UNRWA) ha avverito che i suoi rifugi a Gaza “non sono più sicuri”, definendolo “senza precedenti”.

“Le guerre hanno delle regole. Civili, ospedali, scuole, cliniche e sedi delle Nazioni Unite non possono essere un bersaglio”, ha ricordato l’UNWRA in una nota.

"Non risparmieremo alcuno sforzo per sostenere le parti in conflitto affinché rispettino i loro obblighi ai sensi del diritto internazionale di proteggere i civili, compresi coloro che cercano rifugio nei rifugi dell'UNRWA", ha aggiunto l'agenzia delle Nazioni Unite.

Ore 14:30 Amnesty ribadisce con le immagini che le forze israeliane hanno usato munizioni “proiettili a base di fosforo bianco”

Rispondendo al rifiuto delle forze israeliane di utilizzare fosforo bianco nella Striscia di Gaza assediata, Marija Ristic di Amnesty International afferma che l'organizzazione ha verificato le immagini delle forze israeliane lunedì "vicino a Sderot con proiettili di artiglieria etichettati D528 - il codice di identificazione del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti per proiettili a base di fosforo bianco”.

Ha aggiunto su X: “Da Sderot, il nord di Gaza è a portata di mano”.

Ore 14:00 le famiglie si riuniscono al valico di frontiera di Rafah

Le famiglie si sono radunate al valico di frontiera di Rafah tra la Striscia di Gaza e il Sinai, in Egitto, sperando di attraversarlo, ma non è chiaro se sarà loro consentito l’ingresso in Egitto.

Un alto funzionario del Dipartimento di Stato americano aveva precedentemente affermato che gli Stati Uniti avevano collaborato con Egitto, Israele e Qatar per aprire il valico agli stranieri o ai titolari di doppia nazionalità.

Ore 13:30 Il presidente siriano Bashar al-Assad riceve il Ministro degli Esteri iraniano, Hossein Amir-Abdollahian: “tutti dovrebbero essere uniti per fermare i crimini di Israele contro il popolo palestinese”

“La continua negazione del diritto del popolo palestinese a stabilire il proprio Stato indipendente e a vivere in dignità e libertà è la ragione principale di ciò a cui stanno assistendo oggi i territori palestinesi”, ha affermato Assad, ricevendo il ministro degli Esteri iraniano, Hossein Amir Abdullahian.

Assad ha ribadito il suo sostegno al popolo palestinese e alla sua legittima lotta contro l'occupazione israeliana per recuperare i suoi diritti che sono stati rubati per più di sette decenni.

Infine, il leader siriano ha ricordato che “La regione non godrà di stabilità finché l’entità sionista e i paesi occidentali continueranno a negare ai palestinesi i loro diritti e cercheranno di sommergere questa verità storica e umana”.

Ore 12:45 Defense for Children International: "Almeno 583 bambini palestinesi sono stati uccisi da Israele a Gaza, rappresentando un terzo del bilancio totale delle vittime, con un numero di vittime in rapido aumento mentre Israele isola i palestinesi di Gaza da cibo, carburante, elettricità, acqua, e forniture mediche."

Ore 12:30 Morti e feriti vengono estratti dalle macerie delle case abbattute pochi minuti fa dai raid aerei israeliani nel campo profughi di Nusseirat.

Ore 12:00 I raid aerei israeliani uccidono 2.215 palestinesi

Il ministero della Sanità della Striscia di Gaza ha aggiornato il bilancio delle vittime dei bombardamenti israeliani.

Almeno 2.215 palestinesi, tra cui 724 bambini, sono stati uccisi e altri 8.714 feriti.

Ore 11:30 UNRWA: "Una questione di vita o di morte" mentre l'acqua finisce a Gaza

Più di due milioni di persone sono a rischio a Gaza a causa della mancanza d’acqua, ha avvertito l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi (UNRWA).

“È diventata una questione di vita o di morte. È un dovere; il carburante deve essere consegnato ora a Gaza per rendere l’acqua disponibile per 2 milioni di persone”, ha dichiarato in una nota Philippe Lazzarini, commissario generale dell’UNRWA.

“L’acqua pulita sta finendo a Gaza, dopo che gli impianti idrici e le reti idriche pubbliche hanno smesso di funzionare. Le persone sono ora costrette a utilizzare l’acqua sporca dei pozzi, aumentando il rischio di malattie trasmesse dall’acqua”, si legge nella dichiarazione.

L’appello urgente arriva dopo che il governo israeliano ha tagliato l’acqua, il cibo e il carburante all’enclave assediata. Gaza è sotto un blackout elettrico da mercoledì, che ha ripercussioni sulla fornitura di acqua.

“Dobbiamo trasportare carburante a Gaza adesso. Il carburante è l’unico modo perché le persone abbiano acqua potabile sicura. In caso contrario, le persone inizieranno a morire di grave disidratazione, tra cui bambini piccoli, anziani e donne. L’acqua è ormai l’ultima ancora di salvezza rimasta. Faccio appello affinché l’assedio agli aiuti umanitari venga revocato adesso”, ha affermato Lazzarini.

Ore 11:00 Iran: Israele è responsabile di crimini di guerra

Il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amirabdollahian ha affermato che il mondo “ha la responsabilità dei crimini di guerra” commessi da Israele.

“L’entità sionista non è riuscita, in un’intera settimana, a ottenere altro che l’uccisione di civili palestinesi”, ha detto in una conferenza stampa presso l’ambasciata iraniana a Beirut, in Libano.

"Teheran e Riad concordano di sostenere la Palestina e di condannare i crimini di Israele contro i civili", ha aggiunto.

Amirabdollahian ha anche osservato che, sebbene siano possibili soluzioni politiche con l’intensificarsi delle tensioni, potrebbe essere ancora troppo tardi.

Ore 10:45 I raid aerei israeliani su Gaza hanno ucciso 324 persone nelle ultime 24 ore

Il ministero della Sanità di Gaza ora afferma che 324 palestinesi sono stati uccisi e altri 1.000 feriti nei raid aerei israeliani a Gaza nelle ultime 24 ore.

Il 66% delle vittime sono donne e bambini.

Ore 10:30 Questi sono i principali sviluppi odierni della guerra tra Israele e Hamas

Battaglia

  • Sono stati segnalati raid di terra israeliani nel nord di Gaza e in Cisgiordania.
  • L'esercito israeliano ha affermato di aver colpito un obiettivo di Hezbollah nel sud del Libano in risposta alla “infiltrazione di oggetti aerei non identificati in Israele”.

Impatto umano

  • Almeno 1.900 palestinesi sono stati uccisi e 7.696 feriti negli attacchi aerei israeliani su Gaza. Il numero delle persone uccise in Israele ha raggiunto quota 1.300, con 3.400 feriti.
  • Nel nord di Gaza è in corso l'evacuazione forzata di migliaia di persone, in quello che gli osservatori dei diritti umani definiscono un “crimine di guerra”.

Diplomazia e reazioni internazionali

  • La Casa Bianca ha affermato di non aver visto alcuna indicazione che altri attori stiano valutando di unirsi e ampliare il conflitto.
  • L’Arabia Saudita sta congelando i piani sostenuti dagli Stati Uniti per normalizzare i legami con Israele, hanno riferito fonti all’Agenzia Reuters, segnalando un rapido ripensamento delle sue priorità di politica estera.

Ore 10:00 ONU: Più di 1.300 edifici distrutti a Gaza

Secondo l’ONU, più di 1.300 edifici nella Striscia di Gaza sono stati distrutti dai bombardamenti israeliani, hanno riferito le Nazioni Unite.

L'agenzia umanitaria mondiale OCHA ha precisato che “5.540 unità abitative” in quegli edifici sono state distrutte e quasi 3.750 altre case sono state così gravemente danneggiate da essere inabitabili.

Ore 09:45 Reuters: L'Arabia Saudita sospende la normalizzazione delle relazioni con Israele

L'Arabia Saudita ha congelato il processo di normalizzazione delle sue relazioni con Israele a causa dell'escalation del conflitto israelo-palestinese, ha riferito l’agenzia Reuters , citando fonti vicine all’esecutivo di Riad.

Proprio questa settimana, il principe ereditario saudita Bin Salman ha parlato dell’escalation del conflitto israelo-palestinese con il presidente iraniano.

Una delle fonti ha affermato che per il momento i colloqui sono impossibili, ma che una volta ripresi dovranno prestare maggiore attenzione alle concessioni al popolo palestinese nella sua aspirazione ad avere uno stato.

Ore 09:30 Echi di “una seconda Nakba” mentre Israele ordina ai palestinesi di lasciare il nord di Gaza

“Se le scuole non sono sicure , allora dove andiamo? Dove può cercare sicurezza un’intera popolazione?” chiede Ahmed al-Saadi mentre cerca di tenere la sua famiglia al sicuro a Gaza nel mezzo della devastante campagna di bombardamenti israeliani.

La domanda di Al-Saadi è al centro di un crescente mix di disperazione e sfida avvertito dagli oltre due milioni di persone che vivono nell'enclave costiera sotto blocco, mentre scade il termine di 24 ore stabilito da Israele per tutti i palestinesi di lasciare il nord di Gaza.

Per molti palestinesi, questo momento riecheggia le esperienze dei loro antenati nel 1948, quando le milizie e poi l’esercito del neonato Israele distrussero più di 500 villaggi e città palestinesi. Migliaia di persone furono uccise e più di 750.000 palestinesi furono sradicati dalle loro terre e costretti a fuggire.

I palestinesi si riferiscono a quel periodo come alla “Nakba” o catastrofe.

Per coloro che a Gaza ora fuggono verso sud, la possibilità di una seconda Nakba sembra molto reale.

Ore 09:00 Ecco un riepilogo di ciò che è accaduto venerdì nella Cisgiordania occupata

  • Secondo il Ministero della Sanità dell’Autorità Palestinese, almeno 16 palestinesi sono stati uccisi ieri dal fuoco israeliano nella Cisgiordania occupata. Protestavano contro il bombardamento della Striscia di Gaza assediata.
  • Secondo la Mezzaluna Rossa Palestinese (PRC), più di 550 altri palestinesi sono rimasti feriti.
  • Almeno 21 palestinesi sono stati arrestati dalle forze israeliane.
  • Fonti locali hanno riferito ad Al Jazeera che anche quattro palestinesi sono stati colpiti da colpi di arma da fuoco mentre si muovevano su una strada vicino a un insediamento illegale a ovest di Tulkarem.
  • In totale, 51 persone sono state uccise in Cisgiordania dopo gli attacchi senza precedenti di Hamas contro Israele lo scorso fine settimana.

Ore 08:30 In meno di 24 ore, 256 palestinesi uccisi

Secondo gli ospedali di Gaza, i raid aerei israeliani hanno ucciso almeno 256 persone, tra cui 20 bambini, e ne hanno ferite altre 1.788 in meno di 24 ore.

Un corrispondente dell'agenzia di stampa palestinese WAFA ha riferito che le forze israeliane hanno preso di mira il quartiere Tal al-Hawa di Gaza City e l'ospedale al-Quds della Mezzaluna Rossa, dove centinaia di famiglie si sono rifugiate in cerca di protezione dai bombardamenti israeliani.

Il bombardamento ha anche distrutto dozzine di case e edifici residenziali in tutta la Striscia, ha riferito WAFA.

Gli ospedali Nasser e Abu Yousef al-Najjar nel sud non sono più in grado di aiutare i feriti dopo che sono stati danneggiati dagli attacchi.

Ore 08:00 Corpi palestinesi conservati nei frigoriferi dei gelati a causa della mancanza di spazio negli ospedali

A Gaza, i frigoriferi degli ospedali non possono più ospitare i corpi dei palestinesi uccisi dai raid aerei israeliani, quindi i corpi sono stati invece conservati nei frigoriferi dei gelati.

Ore 07:00 Cosa dicono le Convenzioni di Ginevra sulla “punizione collettiva”?

Anche durante i conflitti armati, i paesi e le parti in conflitto sono ancora governati dal diritto internazionale umanitario, che mira a limitare gli effetti della guerra soprattutto sui civili e anche su coloro che non possono più combattere. Questo insieme di regole è indicato come diritto della guerra e diritto dei conflitti armati.

Le Convenzioni di Ginevra  sono un insieme di norme che costituiscono una parte importante del diritto internazionale umanitario. Tali norme incarnano il principio fondamentale secondo cui la guerra “deve essere combattuta entro certi limiti rispettati per preservare la vita e la dignità degli esseri umani”.

Le quattro convenzioni furono adottate da tutte le nazioni del mondo nel 1949. Altri due protocolli furono aggiunti nel 1977 e un altro nel 2005.

Secondo le regole, qualsiasi nazione che abbia ratificato le Convenzioni di Ginevra ma non i Protocolli è ancora vincolata a tutte le disposizioni delle Convenzioni.

Sebbene non tutte le nazioni abbiano rispettato e rispettato le Convenzioni di Ginevra, provocando morti, tali norme hanno anche contribuito a salvare milioni di vite, tra cui bambini, donne, uomini, anziani, feriti, malati, detenuti e persone con disabilità.

Esperti e funzionari hanno ripetutamente avvertito questa settimana che la situazione a Gaza equivale ad una “punizione collettiva”. Cosa dice allora il diritto internazionale umanitario a riguardo?

L'articolo 33 della Convenzione di Ginevra, parte 4, afferma:

“Nessuna persona protetta può essere punita per un reato che non ha commesso personalmente. Sono vietate le sanzioni collettive e parimenti ogni misura di intimidazione o di terrorismo. È vietato il saccheggio. Sono vietate le ritorsioni contro le persone protette e i loro beni”.

_____________________________________________________________________________________________________________________________

Ore 21:00 Amnesty: La richiesta di evacuare il nord di Gaza può equivalere a uno "sfollamento forzato"

Il gruppo per i diritti umani ha affermato che l'avvertimento lanciato da Israele ai civili “non può essere considerato un avvertimento efficace”.

L’azione potrebbe costituire “lo spostamento forzato della popolazione civile, una violazione del diritto internazionale umanitario”.

Ore 20:45 MSF: Israele ha concesso solo due ore per evacuare l'ospedale Al Awda

L'organizzazione umanitaria ha affermato che il suo personale sta ancora curando i pazienti nonostante l'ordine di evacuazione.

Ha condannato “il continuo spargimento di sangue indiscriminato e gli attacchi all’assistenza sanitaria a Gaza”.

“Stiamo cercando di proteggere il nostro personale e i nostri pazienti”, ha scritto MSF su X.

Ore 20:00 Hamas: 70 persone uccise in attacchi israeliani mentre fuggivano da Gaza City

Funzionari di Hamas affermano che 70 persone, soprattutto donne e bambini, sono state uccise negli attacchi aerei israeliani sui convogli in fuga da Gaza City.

L'ufficio stampa di Hamas ha precisato che le auto sono state colpite in tre punti mentre si dirigevano a sud di Gaza City. Non è ancora chiaro chi fosse l'obiettivo dell'attacco o se tra i passeggeri ci fossero dei combattenti.

Non è stata disponibile alcuna risposta immediata da parte di Israele. L'esercito israeliano ha ordinato ai residenti di Gaza di evacuare la città questa mattina presto presto in vista di una prevista invasione di terra.

"Diciamo alla gente del nord di Gaza e di Gaza City: restate nelle vostre case e nei vostri luoghi", ha detto in una conferenza stampa Eyad al-Bozom, portavoce del Ministero degli Interni di Hamas.

Ore 19:45 Giornalista Reuters ucciso in un attacco nel sud del Libano

Il giornalista ucciso nell'attacco nel sud del Libano è il videografo della Reuters Issam Abdallah, ha detto l'agenzia di stampa in un comunicato.

"Siamo profondamente rattristati nell'apprendere che il nostro operatore video, Issam Abdallah, è stato ucciso", si legge nella nota.

Issam faceva parte di una troupe della Reuters nel sud del Libano che forniva un segnale video in diretta.

"Stiamo cercando urgentemente maggiori informazioni, lavorando con le autorità della regione e sostenendo la famiglia e i colleghi di Issam", ha detto Reuters.

“Anche i giornalisti della Reuters Thaer Al-Sudani e Maher Nazeh sono rimasti feriti e stanno cercando cure mediche. I nostri pensieri sono con le loro famiglie in questo momento terribile”.

Ore 19: 30 “Inaccettabile”: Putin mette in guardia Israele dall’assedio di tipo nazista

Il presidente russo Vladimir Putin ha messo in guardia Israele dal porre sotto assedio Gaza nello stesso modo in cui la Germania nazista assediò Leningrado, affermando che un’offensiva di terra lì porterebbe a un numero “assolutamente inaccettabile” di vittime civili.

Putin ha detto che Israele è stato sottoposto ad “un attacco senza precedenti nella sua crudeltà” da parte di Hamas, ma sta rispondendo con metodi crudeli.

Ha detto che ci sono state richieste anche negli Stati Uniti per un blocco della Striscia di Gaza controllata da Hamas, alla pari di “l’assedio di Leningrado durante la Seconda Guerra Mondiale”.

“A mio avviso è inaccettabile. Ci vivono più di due milioni di persone. A proposito, non tutti sostengono Hamas, tutt'altro. Ma tutti devono soffrire, comprese donne e bambini. Naturalmente è difficile per chiunque essere d’accordo con questo.”

Ore 19:00 Breve riepilogo degli ultimi sviluppi

  • Il ministero della Sanità con sede a Gaza afferma che almeno 1.799 persone sono state uccise e 6.388 ferite negli attacchi aerei israeliani. In Israele più di 1.300 persone sono state uccise e almeno 3.400 ferite.
  • Almeno 11 persone sono state uccise e decine ferite dopo gli scontri con l’esercito israeliano nella Cisgiordania occupata, dicono i funzionari sanitari palestinesi.
  • Il capo della Lega Araba Ahmed Aboul Gheit ha denunciato l'ordine di evacuazione di Israele e lo ha definito un “trasferimento forzato” che costituisce “un crimine”.
  • L'UNRWA, l'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi, avverte che Gaza sta rapidamente diventando un “buco infernale”.
  • Il vicecapo di Hezbollah afferma che il gruppo libanese è “pronto” e “contribuirà” a combattere contro Israele secondo il proprio piano.
  • Manifestazioni pro-Palestina hanno avuto luogo in diversi paesi del mondo.
  • Il Crisis Evidence Lab di Amnesty International afferma di aver verificato che “le unità militari israeliane che colpiscono Gaza sono equipaggiate con proiettili di artiglieria al fosforo bianco”, nonostante Israele abbia negato le accuse.

Ore 18:40 Dopo HRW, anche Amnesty International conferma: Unità militari israeliane colpiscono Gaza con colpi di artiglieria al fosforo bianco

Amnesty International, oggi, ha affermato che il suo Crisis Evidence Lab ha verificato che le unità militari israeliane che colpiscono Gaza sono equipaggiate con proiettili di artiglieria al fosforo bianco, riferisce l'agenzia Anadolu.

Stiamo indagando su quello che sembra essere l'uso del fosforo bianco a Gaza, compreso un atatcco vicino a un hotel sulla spiaggia di Gaza City.

Lo ha affermato il gruppo per i diritti in una nota.

Inoltre, è stato precisato che il fosforo bianco “brucia a temperature estremamente elevate se esposto all’aria e può continuare a bruciare all’interno della carne”, “provoca dolore terribile e lesioni che cambiano la vita” e “non può essere spento con l’acqua”.

Ore 18:30 Grande manifestazione a Damasco a favore della Palestina e contro la brutalità israeliana.

Il Fronte Nazionale Progressista e le forze della resistenza palestinese in Siria hanno organizzato oggi una manifestazione di massa in piazza Arnous a Damasco, a sostegno del popolo palestinese e della sua resistenza, e per denunciare i crimini commessi dai palestinesi Occupante israeliano nella Striscia di Gaza assediata.

Ore 18:15 Ministero dei Trasporti siriano: l'Aeroporto Internazionale di Aleppo torna in servizio, domani mattina, in tempi record, nonostante i dopo subiti dal recente attacco aereo israeliano.

Ore 18:00 Vatican News. Parolin: l’attacco a Israele è stato disumano, la legittima difesa non colpisca i civili

“La Santa Sede è pronta a qualsiasi mediazione necessaria, come sempre.” Il cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato, a sei giorni dall’attacco terroristico contro Israele, ha definito “disumano” l’attacco perpetrato sabato scorso, e rilancia l’appello di Papa Francesco per la liberazione di tutti gli ostaggi nelle mani di Hamas.

Parolin chiede proporzionalità nella legittima difesa di Israele esprimendo preoccupazione per le vittime civili dei bombardamenti su Gaza e ribadisce che, nonostante quanto sta accadendo, per una pace che sia davvero giusta bisogna arrivare alla soluzione dei due Stati «che permetterebbe a Palestinesi ed Israeliani di vivere fianco a fianco, in pace e sicurezza.”

Ore 17:45 Venezuela: “Israele” sta commettendo un genocidio a Gaza

Il Venezuela ha rilasciato una dichiarazione di solidarietà con la Palestina, alla settantaquattresima sessione del Comitato Esecutivo dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati a Ginevra.

Nella dichiarazione, Caracas ha condannato "il genocidio in corso commesso dal governo israeliano contro il popolo palestinese, che minaccia la pace e la sicurezza internazionale e viola i principi e i fondamenti della Carta delle Nazioni Unite".

Ore 17:30 Al Mayadeen: L’incontro tra Abbas e Blinken “è stato teso”

Il presidente palestinese Mahmoud Abbas ha incontrato il segretario di Stato americano Anthony Blinken nella capitale giordana, Amman, e fonti della leadership palestinese riferiscono che l’incontro “è stato teso”.

Il corrispondente di Al-Mayadeen in Palestina ha citato alti funzionari che hanno rivelato che il presidente palestinese ha ribadito al funzionario americano che “lo sfollamento dei residenti della Striscia di Gaza da parte di Israele è un preludio a un piano israeliano per sfollare i residenti della Cisgiordania e di Gerusalemme,” sottolineando che si tratta “di una linea rossa che non può essere oltrepassata o accettata da nessun partito palestinese o arabo”.

Ore 17:15 Putin: Israele ha dovuto affrontare un attacco senza precedenti nella storia

Israele ha dovuto affrontare un attacco senza precedenti, non solo per dimensioni, ma anche per la natura dell'esecuzione e per la brutalità, che non si è mai visto nella storia, ha dichiarato oggi il presidente russo Vladimir Putin.

"Israele risponde in grande stile, e anche in modo piuttosto brutale", ha spiegato il presidente russo durante una conferenza stampa dopo il vertice dei capi di Stato della Comunità di Stati Indipendenti (CSI) tenutosi a Bishkek.

Ore 16:45 Tensioni al confine Libano-Territori occupati da Israele

Le forze di difesa israeliane riferiscono di aver aperto il fuoco con carri armati e artiglieria oltre il confine con il Libano in risposta agli spari da parte libanese.

Ore 16:15 L'evacuazione è un "tentativo di spingere i palestinesi di Gaza nella Nakba"

L’analista di Gaza Talal Okal ha descritto l’ordine di ricollocazione israeliano come un “tentativo di spingere il popolo palestinese di Gaza nella Nakba”.

“Come fecero nel 1948, quando scacciarono le persone dalla Palestina storica lanciando barili di esplosivo sulle loro teste, oggi Israele sta ripetendo la stessa cosa davanti agli occhi del mondo e alle telecamere in diretta”, ha detto Okal all’agenzia Reuters.

Nel frattempo, le moschee di Gaza trasmettono il messaggio: “Tenetevi stretti le vostre case. Tieni duro la tua terra."

All’ospedale Al-Shifa, un uomo arrivato per controllare dozzine di parenti e amici che erano stati portati dal luogo di un edificio residenziale bombardato, ha detto di essere sopravvissuto “perciò dico al nemico, all’America, all’Europa e al mondo che questo, Il popolo palestinese non sarà sconfitto”.

“Pensano che ci sarà un altro sfollamento, o che potremmo andare in Egitto. Sciocchezze", ha detto, prima di andare all'obitorio per cercare di identificare i parenti morti.

Ore 15:45 I tifosi del Celtic garantiscono "sostegno inequivocabile" alla Palestina nonostante le reazioni negative

Il gruppo ultras della Brigata Verde invita i tifosi a "alzare la bandiera palestinese" durante la prossima partita di Champions League, nonostante la reazione del consiglio direttivo del club.

I tifosi del Celtic Football Club scozzese si sono impegnati a continuare la loro dimostrazione di solidarietà con il popolo palestinese e a "mostrare al mondo che il club sta dalla parte degli oppressi, non dell'oppressore" sulla scia dei continui attacchi israeliani contro la Striscia di Gaza assediata e nonostante reazione negativa del consiglio direttivo del club.

La Brigata Verde, un gruppo ultras di tifosi accaniti del Celtic, ha esposto striscioni con la scritta “Palestina libera” e “Vittoria alla resistenza!!” durante la partita della Premiership scozzese contro il Kilmarnock a Glasgow la scorsa settimana.

Ore 15:30 Putin: Le perdite in caso di un’operazione di terra israeliana nella Striscia di Gaza saranno inaccettabili

Il presidente russo ha sottolineato che la tragedia che stanno vivendo israeliani e palestinesi "è una conseguenza diretta del fallimento della politica americana in Medio Oriente".

Inoltre, Putin ha definito l'escalation del conflitto una "enorme tragedia" per palestinesi e israeliani. "Quello che è successo, l'enorme tragedia che israeliani e palestinesi stanno vivendo, è una conseguenza diretta del fallimento della politica statunitense in Medio Oriente", ha affermato.

Secondo il leader russo, Washington, "con l'appoggio dei suoi satelliti europei, ha cercato di monopolizzare la soluzione dei problemi del Medio Oriente, ma non si è preoccupata di trovare compromessi accettabili per entrambe le parti e, ovviamente, non ha mai preso in considerazione gli interessi fondamentali del popolo palestinese".

Ore 15:00 Il bilancio delle vittime nella Cisgiordania occupata sale a 9

Il numero dei palestinesi uccisi dal fuoco israeliano nella Cisgiordania occupata continua ad aumentare. Secondo gli ultimi dati delle autorità sanitarie palestinesi, oggi almeno nove persone sono state uccise e decine sono ferite. Sono stati registrati decessi in varie località, tra cui Tulkarem, Nablus, Beit Ula e Tammun.

Ore 14:40 Gli alti funzionari dell'UE arrivano in Israele

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e la presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola sono arrivate in Israele per offrire sostegno.

Come abbiamo riportato in precedenza, nel paese si trovano anche il segretario alla Difesa americano Lloyd Austin e il ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock.

Ore 14:20 Germania in trattative con Onu ed Egitto su spazi sicuri per i palestinesi

Il ministro degli Esteri tedesco, in visita in Israele, afferma di essere in trattative con l'Egitto e l'ONU su spazi sicuri per i residenti di Gaza dopo l'ordine di evacuazione israeliano.

Parlando a Netivot, nel sud di Israele, dopo i colloqui con la sua controparte israeliana, Annalena Baerbock ha affermato che “la capacità nel sud di Gaza è già sovraccarica… stiamo discutendo con l’ONU, con l’Egitto e con diversi attori a riguardo”.

Ha aggiunto che era in Israele per parlare con i familiari dei tedeschi tenuti prigionieri da Hamas.

Ore 14:00 Dall'Iraq allo Yemen, dalla Giordania fino all'Iran migliaia di manifestanti in solidarietà ai palestinesi assediati a Gaza dalle bombe israeliane

 

Ore 13:45 Lega Araba: Trasferimento forzato un reato

Il capo della Lega Araba Ahmed Abul Gheit ha affermato che l’ordine di evacuazione israeliano è un “trasferimento forzato” che costituisce “un crimine”.

Il segretario generale dell’organismo panarabo, in una lettera inviata al capo delle Nazioni Unite Antonio Guterres, ha anche accusato Israele di aver compiuto “un atroce atto di vendetta… punendo i civili indifesi a Gaza” piuttosto che una “operazione militare pianificata o studiata” contro o combattenti di Hamas.

Ore 13:30 Gaza sta rapidamente diventando un “buco infernale”, sull’orlo del collasso

L'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi, UNRWA, ha avvertito che Gaza sta rapidamente diventando un "buco infernale" in mezzo all'intensificarsi della violenza, sollecitando la protezione dei civili nell'enclave sotto assedio.

Definendo “orrendo” l’ordine israeliano di evacuare più di un milione di palestinesi dal nord di Gaza entro le prossime 24 ore, il commissario generale dell’UNRWA Philippe Lazzarini ha dichiarato in una dichiarazione: “Ciò porterà solo a livelli di miseria senza precedenti e spingerà ulteriormente le persone a fuggire. Gaza nell’abisso”.

“La portata e la velocità dell’evolversi della crisi umanitaria sono agghiaccianti. Gaza sta rapidamente diventando un buco infernale ed è sull’orlo del collasso”.

Ore 13:00 Riepilogo ultimi sviluppi

  • L'ONU ha chiesto a Israele di revocare l'ordine di evacuazione di 1,1 milioni di persone dal nord di Gaza entro 24 ore.
  • L’OMS afferma che spostare persone gravemente malate dagli ospedali sopraffatti dell’enclave equivale a una “condanna a morte”.
  • Hamas rivela che il bombardamento aereo israeliano ha ucciso 13 prigionieri, compresi gli stranieri.
  • Grandi proteste si stanno svolgendo in tutta la regione, anche in Iran e Giordania, a sostegno dei palestinesi.
  • Il re di Giordania Abdullah II ha messo in guardia Israele dallo sfollamento forzato dei palestinesi, anche all'interno del paese.
  • Il ministro della Sanità palestinese Mai al-Kaila ha esortato i paesi e i gruppi per i diritti umani a contribuire con l’immediato ingresso di aiuti medici e di emergenza a Gaza.

Ore 12:00 OMS: La ricollocazione di persone gravemente malate è “una condanna a morte”

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) afferma che le autorità sanitarie locali di Gaza l’hanno informata che non era possibile spostare i pazienti vulnerabili dagli ospedali nel nord della Striscia di Gaza.

"Ci sono persone gravemente malate le cui ferite significano che la loro unica possibilità di sopravvivenza è il supporto vitale, come i ventilatori meccanici", ha detto il portavoce dell'OMS Tarik Jasarevic.

“Quindi spostare quelle persone è una condanna a morte. Chiedere agli operatori sanitari di farlo è oltremodo crudele”.

Ore 11:00 L’esercito israeliano ammette che l’evacuazione “richiederà tempo”

L'esercito israeliano ha ammesso che ci vorrà del tempo prima che i palestinesi eseguano l'ordine di evacuare il nord di Gaza, ma non ha confermato un rapporto delle Nazioni Unite secondo cui era stata fissata una scadenza di 24 ore.

"Stiamo cercando di concedere tempo e stiamo facendo molti sforzi, e comprendiamo che non ci vorranno 24 ore", ha detto ai giornalisti il ??portavoce dell'esercito Daniel Hagari.

"Non dirò [se] è l'ora esatta", ha aggiunto quando gli è stato chiesto di confermare che l'esercito avesse informato i funzionari delle Nazioni Unite che i palestinesi avevano 24 ore per fuggire.

Ore 10:00 Lo scrittore Refaat Alareer, bitante di Gaza "Dobbiamo restare... per prevenire un'altra Nakba":

Riferendosi all'ordine di evacuazione di Israele, l'accademico e scrittore palestinese Refaat Alareer con sede a Gaza afferma che lui e la sua famiglia rimarranno a casa loro.

“Restiamo. Alcune famiglie sono partite anche per altre zone bombardate da Israele. Se venissimo comunque bombardati, molti credono che dobbiamo restare ovunque siamo, ma anche per prevenire un’altra Nakba/spostamento dei nativi palestinesi”, ha scritto su X.

Ore 09:35 I principali sviluppi delle ultime ore:

  • Israele afferma che tutti i palestinesi devono lasciare il nord di Gaza entro 24 ore – un trasferimento forzato di circa 1,1 milioni di persone.
  • L'ONU avverte che il piano di Israele di ripulire la parte settentrionale della Striscia di Gaza dalla sua popolazione avrebbe “conseguenze umanitarie devastanti”.
  • Israele afferma che nei prossimi giorni avranno luogo a Gaza City importanti operazioni militari e che i residenti dovranno spostarsi a sud e potranno tornare alle loro case solo quando consentito dalle forze israeliane.
  • L'ala militare di Hamas, le Brigate al-Qassam, afferma di essere in grado di respingere un'invasione di terra israeliana di Gaza.
  • Human Rights Watch ha accusato Israele di utilizzare munizioni al fosforo bianco nelle sue operazioni militari a Gaza e in Libano.
  • Il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amirabdollahian afferma che, se l'attacco israeliano a Gaza continua, la guerra potrebbe aprirsi su “altri fronti” – un evidente riferimento al gruppo libanese Hezbollah.
  • Più di 423.000 persone sono state ora costrette a fuggire dalle loro case a Gaza a causa dei bombardamenti israeliani e l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha avvertito che il sistema sanitario di Gaza ha raggiunto il "punto di rottura" e c'è poco tempo per evitare una catastrofe umanitaria.

Ore 09:00 Aggiornamento sul bilancio delle vittime

Gaza uccisi: 1.537 feriti: 6.612

Cisgiordania occupata Uccisi: 31 Feriti: 600

Israele Uccisi: 1.300 Feriti: 3.200

Ore 08:00 Gli aerei da combattimento israeliani effettuano 750 attacchi su Gaza durante la notte

Israele afferma di aver attaccato durante la notte 750 “obiettivi militari” nella densamente popolata Striscia di Gaza, tra cui 12 grattacieli.

Rilasciando riprese video dei presunti attacchi, che mostravano una miriade di edifici colpiti da missili e ridotti in macerie, l'esercito israeliano ha affermato che i loro aerei hanno colpito tutte le 12 torri con missili in un minuto.

Non vi è stata alcuna menzione di morti o feriti o del possibile numero di vittime civili a causa dei raid notturni nella guerra contro l’enclave palestinese assediata che finora hanno ucciso più di 1.500 persone.

Ore 07:00 Gaza si sveglia nel caos con l’ordine di evacuazione

“Questo è il caos, nessuno sa cosa fare”, ha detto ad AP Inas Hamdan, un funzionario dell’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi a Gaza City.

Ha afferrato tutto ciò che poteva e lo ha gettato nelle sue borse in mezzo al panico e alle urla.

"Dimentica il cibo, dimentica l'elettricità, dimentica il carburante, l'unica preoccupazione ora è se ce la farai, se riuscirai a vivere", ha detto Nebal Farsakh, portavoce della Mezzaluna Rossa palestinese a Gaza City.

Ha detto che non era possibile evacuare in sicurezza 1,2 milioni di persone.

Ore 00:30 Il bilancio delle vittime dei soldati israeliani è salito a 247

L'esercito israeliano afferma che dall'inizio della guerra lo scorso fine settimana sono stati uccisi 247 soldati, in aumento rispetto ai 222 di ieri.

Molti soldati sono stati colti di sorpresa dopo l'incursione di Hamas sabato scorso, durante una festività ebraica. Israele ha uno degli eserciti più potenti del mondo, sostenuto da oltre 3,8 miliardi di dollari di aiuti militari all’anno da parte degli Stati Uniti.

Israele ha 169.500 militari attivi tra esercito, marina e paramilitari. Altri 465.000 costituiscono le sue forze di riserva, mentre 8.000 fanno parte dei suoi paramilitari.

Circa 300.000 soldati israeliani sono ora di stanza vicino alla Striscia di Gaza.

 

Ore 00:00 L’Iran afferma che i crimini contro i palestinesi riceveranno una risposta dall’Asse

Il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amirabdollahian afferma che la continuazione dei crimini contro i palestinesi riceverà una risposta dal “resto dell'asse” e Israele sarà responsabile delle conseguenze.

“Alcuni funzionari occidentali si sono chiesti se vi sia l’intenzione di aprire un nuovo fronte contro l’entità sionista. Naturalmente, alla luce del perdurare di queste circostanze che costituiscono crimini di guerra», aggiunge, attraverso un traduttore, in televisione al suo arrivo a Beirut.

Il ministro iraniano ha avvertito che lo sfollamento dei palestinesi e il taglio dell’acqua e dell’elettricità nella Striscia di Gaza sono considerati crimini di guerra.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Ore 23:50 OMS: gli ospedali di Gaza sono “al punto di rottura”

L’organizzazione sanitaria delle Nazioni Unite a Gaza ha solo “poche ore di elettricità ogni giorno poiché è costretta a razionare le riserve di carburante in esaurimento” e fa affidamento sui generatori per sostenere le funzioni più critiche.

"Anche queste funzioni dovranno cessare tra pochi giorni, quando le scorte di carburante saranno esaurite", ha affermato l'Oms in una nota. “L’impatto sarebbe devastante per i pazienti più vulnerabili, compresi i feriti che necessitano di un intervento chirurgico salvavita, i pazienti nelle unità di terapia intensiva e i neonati che dipendono dalle cure nelle incubatrici”.

L'organizzazione ha documentato 34 attacchi contro l'assistenza sanitaria a Gaza dopo l'inizio dei bombardamenti, che hanno provocato la morte di 11 operatori sanitari e il ferimento di altri 16. Ha affermato che ci sono stati danni a 19 strutture sanitarie e 20 ambulanze.

Ore 23:30 Human Rights Watch afferma di aver verificato l'uso israeliano del fosforo bianco

Human Rights Watch (HRW) ha affermato di aver confermato l'uso di fosforo bianco da parte di Israele a Gaza e in Libano.

Il gruppo per i diritti umani ha affermato di aver verificato i video girati all’inizio di questa settimana “che mostrano molteplici esplosioni aeree di fosforo bianco sparate dall’artiglieria sul porto di Gaza City e su due località rurali lungo il confine tra Israele e Libano”.

HRW ha ricordato che l'arma "ha un significativo effetto incendiario che può bruciare gravemente le persone e incendiare strutture, campi e altri oggetti civili nelle vicinanze".

Ha aggiunto che l’uso del fosforo bianco in luoghi densamente popolati come Gaza “amplifica il rischio per i civili e viola il divieto del diritto umanitario internazionale di esporre i civili a rischi inutili”.

Ore 22:30 Iran: Israele dovrà affrontare una “risposta” se continua a commettere “crimini di guerra” a Gaza

Il ministro degli Esteri iraniano afferma che, se Israele non riuscirà a fermare i suoi attacchi contro i civili a Gaza, la regione dovrà affrontare “nuove condizioni”.

"Non possono mettere Gaza sotto assedio totale, bombardare i cittadini e commettere crimini di guerra senza aspettarsi alcuna risposta", ha detto Hossein Amirabdollahian in una nota.

Amirabdollahian ha incontrato, oggi, a Baghdad il primo ministro iracheno Mohammed Shia al-Sudani e venerdì dovrebbe recarsi in Libano.

Ha detto che è necessario porre fine all’”uccisione di bambini e civili in Palestina”.

Ore 22:00 1.537 palestinesi uccisi, 6.612 feriti negli attacchi israeliani

Almeno 1.537 palestinesi – tra cui 500 bambini e 276 donne – sono stati uccisi e 6.612 feriti negli attacchi aerei israeliani sull'enclave bloccata da sabato, dice il ministero della Sanità di Gaza.

Israele ha promesso di schiacciare Hamas e sembra pronto a inviare truppe di terra nell’area densamente popolata mentre crescono le richieste per l’apertura di un corridoio umanitario e arrivano offerte per mediare la pace.

Ore 20:45 L'attacco aereo israeliano uccide 45 palestinesi a Gaza, decine di feriti

L'esercito israeliano ha bombardato un edificio residenziale nel campo profughi densamente popolato di Jabaliya, nel nord di Gaza, uccidendo almeno 45 persone e ferendone dozzine di altre.

Un attaco nel tardo pomeriggio ha colpito il centro del campo di Jabaliya, ha detto il portavoce del ministero degli Interni Eyad Bozum.

L'edificio era pieno di decine di persone, alcune delle quali fuggite da attacchi precedenti, al momento dell'attacco aereo, ha aggiunto.

È probabile che il bilancio delle vittime aumenti poiché gli operatori della protezione civile stanno ancora estraendo i corpi dalle macerie e contando i morti.

Ore 21:15 Funzionario israeliano afferma che il governo non può confermare che i bambini siano stati decapitati durante l'attacco di Hamas

Il governo israeliano non ha confermato l'affermazione specifica secondo cui gli aggressori di Hamas avrebbero tagliato la testa ai bambini durante l'attacco shock di sabato, ha detto un funzionario israeliano alla CNN, contraddicendo una precedente dichiarazione pubblica dell'ufficio del Primo Ministro.

Ore 20:45 Quds News Network: Almeno 10 civili palestinesi, compresi bambini, uccisi in un altro pogrom compiuto da aerei da combattimento israeliani nel campo profughi di Jabalia nella Striscia di Gaza.

Ore 20:00 L’UNRWA dà rifugio a 270.000 persone a Gaza con le scorte in esaurimento

Circa 270.000 sfollati interni stanno attualmente trovando rifugio nei rifugi gestiti dalle Nazioni Unite a Gaza, ma le scorte stanno scarseggiando pericolosamente, secondo il rappresentante dell'UNRWA Jenifer Austin.

“Abbiamo quasi esaurito tutte le nostre scorte. È estremamente, estremamente difficile", ha detto ad Al Jazeera. L’ONU ha affermato che un totale di 338.000 palestinesi dell’enclave sono stati sfollati.

"Abbiamo bisogno di carburante a Gaza, il carburante alimenta gli impianti di desalinizzazione, quindi senza di esso non possiamo ottenere acqua potabile pulita", ha ricordato. “ Il carburante fa funzionare i generatori degli ospedali, senza carburante Gaza è davvero in grossi guai.

"Ci sono... 100 rifugi che abbiamo adesso e abbiamo acqua pulita per 50 di questi e possiamo spostare l'acqua, ma per un periodo compreso tra quattro e dieci giorni resteremo senza acqua", ha concluso.

Ore 19:30 “Deterrenza e sicurezza”: il Regno Unito schiera risorse militari per sostenere Israele

Il primo ministro britannico Rishi Sunak sta dispiegando due navi, elicotteri e aerei di sorveglianza della Royal Navy nel Mediterraneo orientale per sostenere Israele e rafforzare la stabilità regionale, afferma il suo ufficio.

Le risorse militari saranno pronte a fornire “supporto pratico a Israele… e offrire deterrenza e sicurezza”.

"Dobbiamo essere inequivocabili nell'assicurarci che il tipo di scene orribili che abbiamo visto questa settimana non si ripetano", ha detto Sunak. “Accanto ai nostri alleati, il dispiegamento delle nostre forze armate di livello mondiale sosterrà gli sforzi per garantire la stabilità regionale e prevenire un’ulteriore escalation”.

Ore 19:00 “Deterrenza e sicurezza”: il Regno Unito schiera risorse militari per sostenere Israele

Il primo ministro britannico Rishi Sunak sta dispiegando due navi, elicotteri e aerei di sorveglianza della Royal Navy nel Mediterraneo orientale per sostenere Israele e rafforzare la stabilità regionale, afferma il suo ufficio.

Le risorse militari saranno pronte a fornire “supporto pratico a Israele… e offrire deterrenza e sicurezza”.

"Dobbiamo essere inequivocabili nell'assicurarci che il tipo di scene orribili che abbiamo visto questa settimana non si ripetano", ha detto Sunak. “Accanto ai nostri alleati, il dispiegamento delle nostre forze armate di livello mondiale sosterrà gli sforzi per garantire la stabilità regionale e prevenire un’ulteriore escalation”.

Ore 18:00 “Conseguenze estremamente pericolose”: la Russia denuncia i raid aerei israeliani sulla Siria

La Russia afferma che i raid aerei di Israele sulla Siria hanno violato la sua sovranità e il diritto internazionale e potrebbero portare a una pericolosa “escalation” in tutto il Medio Oriente.

L'aeronautica israeliana ha danneggiato le piste degli aeroporti internazionali di Damasco e Aleppo, costringendoli a sospendere le operazioni, ha affermato il ministero degli Esteri.

“Nel contesto della forte escalation della situazione nella zona del conflitto israelo-palestinese, tali azioni violente possono portare a conseguenze estremamente pericolose, poiché potrebbero provocare un’escalation armata in tutta la regione. Non deve mai essere permesso che ciò accada”, ha affermato.

La Russia si è allineata strettamente con il presidente siriano Bashar al-Assad negli ultimi anni, entrando formalmente nella guerra in Siria a sostegno delle forze governative nel 2015.

Ore 17:30 La Francia vieta le proteste filo-palestinesi

La Francia afferma che sta vietando tutte le manifestazioni filo-palestinesi perché tali proteste minacciano l’ordine pubblico.

Ore 17:00 Una raffica di raid aerei israeliani ha ucciso, oggi, almeno 151 palestinesi

I raid aerei israeliani hanno ucciso, oggi, almeno 151 palestinesi, riferisce l'agenzia di stampa palestinese Wafa.

Wafa ha riferito che il bombardamento israeliano è andato avanti per ore, con dozzine di missili e bombe che hanno colpito torri e case in tutta la Striscia.

Ore 16:30 Il bilancio delle vittime a Gaza sale a 1.417

Il numero dei palestinesi uccisi nel bombardamento israeliano di Gaza continua ad aumentare.

L'ultimo bilancio delle vittime fornito dal ministero della sanità dell'enclave è pari a 1.417. I feriti sono inoltre più di 6.200.

In Israele, il numero delle persone uccise nell'attacco di Hamas ha raggiunto quota 1.300, con oltre 3.200 feriti.

Ore 16:15 Video Quds News Network: I coloni israeliani hanno condiviso un video In cui prendono in giro i palestinesi assediati a Gaza, dove Israele ha negato l’accesso all’acqua, all’elettricità e a Internet.

Ore 16:00 Breve riepilogo dei principali sviluppi

  • Il bombardamento aereo di Gaza si è intensificato, con il bilancio delle vittime che ha raggiunto 1.417 palestinesi. In Israele sono state uccise più di 1.300 persone.
  • Gli aerei israeliani stanno lanciando volantini sul nord di Gaza, dicendo alle persone di lasciare le loro case “immediatamente” e dirigersi verso “rifugi conosciuti”.
  • Gruppi per i diritti umani chiedono la creazione di “corridoi umanitari”, ma l’enclave resta sotto assedio totale.
  • Il segretario di Stato americano Blinken, in una visita in Israele, ha detto che è in arrivo un ulteriore sostegno militare da parte degli Stati Uniti, compresi gli intercettori per il sistema Iron Dome.
  • L'Egitto ha detto che sta dirigendo i voli umanitari internazionali per Gaza verso un aeroporto nel Nord Sinai mentre continuano gli attacchi israeliani al valico di Rafah.
  • Il ministro degli Esteri iraniano ha accusato Israele di cercare il “genocidio” imponendo un assedio a Gaza.

Ore 15:00 Mosca: Gli Stati Uniti non potevano ignorare la preparazione dell’operazione di Hamas

Il fatto che gli Stati Uniti non abbiano avvertito Israele degli imminenti attacchi indica l'intenzione di Washington di seminare il caos nella regione, ha spiegato Maria Zakharova.

"Come è potuto accadere che durante un anno di preparazione per la corrispondente operazione di Hamas, e la preparazione è durata esattamente un anno, gli Stati Uniti con tutta la loro potenza di intelligence non ne siano venuti a conoscenza? [...], ha scritto la portavoce del Ministero degli Affari Esteri russo, Maria Zakharova, sul canale Soloviev Live.

Ore 14:45 Israele bombarda gli aeroporti di Damasco e Aleppo, mettendoli entrambi fuori servizio

La televisione di stato siriana ha riferito che i principali aeroporti di Damasco e Aleppo sono fuori servizio in  seguito ad attacchi israeliani.

Il canale mediatico locale Sham FM ha aggiunto che in risposta ad entrambi gli attacchi sono state lanciate difese aeree.

Ha precisato che ci sono stati danni ma nessuna vittima all'aeroporto di Aleppo, ma non ha fornito alcuna informazione sulla situazione all'aeroporto di Damasco.

L'attacco arriva poche ore dopo che il presidente iraniano Ebrahim Raisi ha parlato con il leader siriano Bashar al-Assad e ha invitato i paesi arabi e islamici ad affrontare Israele.

14:40 Siria: Israele, sostenuto dagli Stati Uniti, commette un “massacro fascista” a Gaza

“Le pratiche dell’occupante, la sua orgia militare e la sua minaccia di eliminare Gaza, sono destinate al fallimento, e gli arabi hanno il dovere e la responsabilità di fornire sostegno al popolo palestinese”, ha sottolineato giovedì il ministro degli Esteri siriano, Faisal al-Miqdad, durante la riunione straordinaria del Consiglio della Lega Araba tenutasi a livello ministeriale al Cairo.

Ore 14:25 Blinken assicura più sostegno e avverte i nemici di Israele

Il segretario di Stato americano Blinken afferma che ulteriore sostegno militare è in arrivo verso Israele, oltre a munizioni e intercettori per rifornire il suo sistema Iron Dome già arrivati ??nei giorni scorsi.

C’è un sostegno bipartisan “schiacciante” al Congresso per fornire maggiore assistenza, dice prima di avvertire qualsiasi attore statale e non statale di approfittare della situazione attuale per attaccare Israele.

“Non farlo, gli Stati Uniti sostengono Israele”.

Ore 13:45 Netanyahu ringrazia gli Stati Uniti per il sostegno nella “guerra contro i barbari di Hamas”

Netanyahu ha ringraziato gli Stati Uniti per il loro “incredibile sostegno a Israele nella nostra guerra contro i barbari di Hamas”.

“Le storie dell’orrore dicono tutto di loro e le storie di coraggio dicono tutto di noi e questo coraggio vincerà”.

Ore 13:30 "Nessun interruttore elettrico verrà acceso" finché i prigionieri non saranno liberi, 

Il ministro dell'Energia israeliano ha promesso che Tel Aviv non consentirà l'ingresso di risorse essenziali o aiuti umanitari a Gaza finché Hamas non rilascerà i prigionieri.

“Aiuti umanitari a Gaza? Nessun interruttore elettrico sarà acceso, nessun rubinetto dell’acqua sarà aperto e nessun camion di carburante entrerà finché i rapiti israeliani non saranno tornati a casa”, ha ribadito, oggi, Israel Katz.

Ore 13:15 “Crimine di guerra”: i medici di Gaza denunciano che Israele ha preso di mira ambulanze e strutture sanitarie

Talal Taha, un paramedico dell'ospedale Shifa di Gaza, ha descritto ad Al Jazeera come lui e i suoi tre colleghi sono finiti sotto gli attacchi israeliani mentre erano in viaggio per aiutare i palestinesi feriti.

"All'improvviso siamo stati presi di mira [da un attacco aereo] e siamo scappati per metterci in salvo", ha raccontato Taha. La squadra di emergenza è saltata sulle loro auto e i veicoli hanno proceduto per pochi metri prima che si verificasse un altro attacco aereo. Tre dei suoi colleghi sono stati uccisi e Taha è rimasto leggermente ferito.

"La nostra missione è umanitaria, forniamo solo servizi umanitari e siamo stati presi di mira senza alcuna ragione, senza alcuna scusa", ha affermato.

Non è stato un incidente isolato. Le autorità sanitarie e le organizzazioni mediche nella Striscia di Gaza hanno accusato Israele di bombardare deliberatamente ambulanze e strutture sanitarie nell’enclave assediata, in violazione delle norme internazionali che classificano tali attacchi come crimini di guerra.

Ore 12:45 Il bilancio delle vittime a Gaza supera quota 1.350

Il numero dei palestinesi uccisi a Gaza a causa degli attacchi israeliani è salito a 1.354, secondo il ministero della Sanità palestinese, che ha aggiunto che 6.049 persone sono rimaste ferite.

In Israele sono state uccise circa 1.300 persone.

Ore 12:15 Il valico di Rafah in Egitto rimane aperto

Il valico di frontiera egiziano di Rafah con Gaza rimane aperto, ha dichiaro la diplomazia egiziana.

L'Egitto ha chiesto a Israele di evitare di prendere di mira il lato palestinese del valico a seguito dei bombardamenti israeliani che hanno impedito le normali operazioni.

Ore 11:45 L'esercito israeliano fornisce l'ultimo aggiornamento

Daniel Hagari, il massimo portavoce dell'esercito israeliano, ha aggiornato sulla situazione nel sud del Paese dopo essere tornato dal kibbutz di Be'eri.

Ecco i principali punti:

  • Non c’è comunità attorno alla recinzione di Gaza senza soldati israeliani
  • Le truppe israeliane stanno sorvegliando la zona poiché attorno ad essa sono ancora presenti combattenti di Hamas
  • Nell'ultimo giorno si è verificato un incidente significativo a Zikim, dove sono stati uccisi cinque combattenti palestinesi
  • L’esercito israeliano è ad un “alto livello di preparazione per l’intera scena bellica”
  • Almeno 186 soldati israeliani sono statu uccisi e 60 prigionieri sono stati identificati

Ore 11:15 Croce Rossa: Tre impianti idrici su cinque a Gaza fuori servizio

Tre dei cinque impianti idrici di Gaza sono fuori servizio a causa dei bombardamenti israeliani e della mancanza di carburante in seguito all'imposizione di un “assedio totale” da parte di Israele, afferma il Comitato Internazionale della Croce Rossa.

Ore 11:00 L'attrice e produttrice americana Jamie Lee Curtis, che per anni ha affermato di difendere  i diritti dei bambini, ha pubblicato questa foto a sostegno del regime occupante israeliano. Non appena ho capito che la foto era per bambini palestinesi, ha immediatamente rimosso il post dal suo account Instagram.

Ore 10:45 Euro-Med Human Rights Monitor: Israele usa il fosforo bianco a Gaza

Maha Hussaini, direttore strategico dell'Euro-Med Human Rights Monitor, afferma che Israele sta utilizzando il fosforo bianco proibito a livello internazionale nei suoi attacchi a Gaza.

“Queste munizioni sono un’arma incendiaria indiscriminata che si accende al contatto con l’ossigeno. Negli spazi chiusi, i fumi tossici possono causare asfissia e danni respiratori permanenti”, ha scritto su X.

Ore 10:30 Onu: Almeno 340.000 palestinesi sfollati a Gaza

L’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi ha riferito che quasi 218.600 persone trovano rifugio in 92 scuole dell’UNRWA nella Striscia di Gaza.

Molti altri sono sfollati nelle scuole governative e in altri edifici.

In totale, almeno 340.000 palestinesi sono stati sfollati in tutta Gaza.

Ore 10:15 Hamas smentisce l'affermazione di Biden secondo cui i suoi combattenti avrebbero decapitato dei bambini

Hamas ha negato le affermazioni secondo cui i suoi combattenti avrebbero preso di mira i civili durante l'attacco di sabato in Israele che ha causato centinaia di morti.

"Dateci un'immagine che dimostri che Hamas ha ucciso civili, che Hamas ha ucciso bambini, che Hamas ha ucciso donne. Noi non uccidiamo civili", ha dichiarato ad Al Jazeera Ghazi Hamad, membro dell'ufficio politico di Hamas.

Mercoledì, la Casa Bianca è stata anche costretta a fare marcia indietro su un'affermazione del Presidente degli Stati Uniti Joe Biden, secondo cui avrebbe visto immagini di combattenti di Hamas che decapitano bambini nel sud di Israele.

Ore 10:00 ONU: 650.000 persone a Gaza affrontano una grave carenza d'acqua

L’ufficio umanitario delle Nazioni Unite ha riferito che il bombardamento israeliano di Gaza ha raso al suolo 1.000 case da sabato scorso, e molte persone nel territorio affrontano una grave carenza di acqua, carburante e forniture mediche.

Altre 560 unità abitative, si legge, sono state gravemente danneggiate e rese inabitabili. Oltre 12.600 case hanno subito danni a causa degli attacchi aerei israeliani.

L'agenzia, nota come OCHA, ha riferito che tutti i 13 ospedali del territorio sono solo parzialmente operativi a causa della grave carenza di carburante e di forniture mediche cruciali. La riduzione delle forniture idriche dovuta al rafforzamento dell’assedio di Israele sulla Striscia ha provocato una grave carenza idrica per oltre 650.000 persone in un territorio di 2,3 milioni di abitanti.

I sistemi fognari sono stati distrutti, ha aggiunto l’ufficio umanitario, le acque reflue fetide arrivano nelle strade, rappresentando un pericolo per la salute.

Ore 9:45 Riepilogo eventi guerra Israele-Resistenza palestinese entrata nel sesto giorno

Ecco un riepilogo degli ultimi sviluppi:

  • Il Ministero della Sanità palestinese afferma che il bilancio delle vittime a Gaza è salito a 1.200, con circa 5.600 feriti. Anche il numero delle persone uccise in Israele è di 1.200, con più di 3.000 feriti.
  • L'ONU comunica che 338.934 palestinesi sono stati sfollati a Gaza, mentre i devastanti bombardamenti israeliani sono continuati durante la notte.
  • L’ex capo di Human Rights Watch Kenneth Roth afferma che “un attacco indiscriminato e sproporzionato” contro i civili palestinesi potrebbe costituire “un crimine di guerra”.
  • La Casa Bianca fa marcia indietro sull'affermazione del presidente Biden di aver visto foto di bambini decapitati.
  • Le Brigate Qassam di Hamas hanno diffuso un video che mostra il rilascio di una donna in ostaggio e di due bambini.
  • Il capo delle Nazioni Unite Antonio Guterres afferma che “le forniture salvavita”, come cibo, carburante e acqua, “devono essere consentite a Gaza”.

Ore 08:30 L'esercito israeliano afferma che non ci sono stati attacchi da Gaza e dal Libano durante la notte

L'esercito israeliano afferma che non vi è stato alcun attacco missilistico da Gaza o dal Libano meridionale dalle 22:00 di ieri sera (19:00 GMT).

Charles Stratford di Al Jazeera, riferendo da Ashdod, nel sud di Israele, ha spiegato che la preoccupazione odierna per Israele è la possibilità di ulteriori infiltrazioni di combattenti di Hamas.

Ieri, si sono verificati numerosi incidenti in diversi punti lungo la recinzione di Gaza, con l'esercito israeliano che, secondo ha riferito, ha ucciso almeno tre combattenti palestinesi vicino a Zikim mentre cercavano di attraversarla.

“Abbiamo visto molti soldati israeliani alla ricerca di combattenti di Hamas ancora potenzialmente in libertà… C’è una chiara possibilità che [infiltrazioni] possano ancora verificarsi – questo è il focus ora”, ha detto Stratford.

Ore 08:00 Gli ospedali di Gaza si trasformano in “cimiteri” per mancanza di elettricità

Il Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) ha avvertito che gli ospedali di Gaza si stanno trasformando in “cimiteri” dopo che le apparecchiature hanno smesso di funzionare a causa della mancanza di energia elettrica.

Gli ospedali di tutta Gaza sono in difficoltà a causa della carenza di personale e di forniture, mentre il numero dei feriti gravi cresce di ora in ora a causa dei continui bombardamenti israeliani.

 

Ore 07:00 I presidenti di Iran e Siria chiedono l’unità islamica a sostegno dei palestinesi

Il presidente iraniano Ebrahim Raisi e il suo omologo siriano, Bashar al-Assad, hanno avuto una conversazione telefonica in cui hanno discusso dei recenti eventi nel conflitto israelo-palestinese, secondo quanto riportato dall’Agenzia SANA

 Il presidente siriano Bashar Al-Assad e il suo omologo iraniano Ibrahim Raisi hanno analizzato la situazione nei territori palestinesi occupati in una conversazione telefonica.

Inoltre, hanno ratificato il loro sostegno al popolo palestinese e alla loro legittima resistenza per difendere la loro giusta causa e a recuperare i suoi diritti usurpati.

Il presidente Al-Assad ritiene che le politiche sioniste causino spargimenti di sangue e ha sottolineato la necessità di un'azione urgente a livello arabo e islamico per proteggere il popolo palestinese, soprattutto nella Striscia di Gaza, e fermare i raid israeliani contro bambini e donne.

Ore 01: 40 I principali eventi della giornata appena trascorsa

  • L'unica centrale elettrica di Gaza è fuori servizio a causa della mancanza di carburante in mezzo ai continui bombardamenti e assedi israeliani.
  • Gli operatori sanitari dell’enclave hanno lanciato un SOS, con i medici che avvertono che la capacità limitata del generatore si esaurirà presto.
  • Oltre ai feriti negli attacchi israeliani, almeno 100 neonati e 1.100 pazienti in dialisi fanno attualmente affidamento su macchine mediche a Gaza.
  • Almeno cinque palestinesi sono stati uccisi e nove feriti dai soldati israeliani e dalla violenza dei coloni oggi nella Cisgiordania occupata.
  • Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e il leader del partito di opposizione Benny Gantz hanno promesso di “distruggere” Hamas.
  • Secondo l’esercito israeliano, le affermazioni secondo cui i parapendii erano entrati nel nord di Israele attraverso il Libano e gli allarmi diffusi sui rifugi erano falsi.

Ore 01:00 Israele promette di continuare gli attacchi dopo la notizia del rilascio dei prigionieri

Israele continuerà i suoi attacchi aerei nella Striscia di Gaza, nonostante le notizie delle ultime ore sulla liberazione di una donna israeliana e dei suoi due figli dalla prigionia, ha confermato un portavoce dell'esercito israeliano.

Il portavoce ha liquidato la notizia come un tentativo dei gruppi armati palestinesi di “cambiare la verità” su ciò che sta accadendo sul campo.

In precedenza, la Brigata Al Qassam aveva diffuso un video in cui rivendicava il rilascio dei tre prigionieri. Il gruppo ha anche negato le accuse di aver decapitato bambini e aggredito donne.

 

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

23:00 Quds News Network: Le Brigate Al Qassam hanno diffuso un filmato che mostra il rilascio di una colona israeliana e dei suoi 2 figli un paio di giorni fa. I 3 coloni, che vivono nell'insediamento di Holit, sono tornati nella terra occupata."

22:30 In una nuova inchiesta, The Grey Zone ha rintracciato la fonte della propaganda dei "bambini israeliani decapitati", è il soldato David Ben Zion, un fanatico colono estremista, che aveva incitato rivolte per "spazzare via" il villaggio palestinese....

Ore 21:15 L’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi cerca 104 milioni di dollari per aiuti urgenti a Gaza

L’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi ha affermato che sta cercando 104 milioni di dollari per aiuti a Gaza.

“L’UNRWA chiede urgentemente 104 milioni di dollari per consentire la sua risposta umanitaria multisettoriale nei prossimi 90 giorni”, ha affermato in una nota l’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei rifugiati palestinesi nel Vicino Oriente (UNRWA).

“I fondi richiesti copriranno le urgenti esigenze alimentari, non alimentari, sanitarie, di alloggio e di protezione di un massimo di 250.000 persone in cerca di sicurezza nei rifugi dell’UNRWA nella devastata Striscia di Gaza e di altri 250.000 rifugiati palestinesi all’interno della comunità”.

21:00 Aumenta il bilancio delle vittime palestinesi nella Striscia di Gaza e in Cisgiordania

Il Ministero della Salute ha aggiornato il bilancio delle vittime e quello dei feriti.

Striscia di Gaza:

  • 1.100 morti
  • 5.339 feriti

Cisgiordania:

  • 28 morti
  • 150 feriti

20:15 Kirby: Seconda portaerei statunitense nel Mediterraneo orientale in attesa

Il Coordinatore del Consiglio di sicurezza nazionale per le comunicazioni strategiche degli Stati uniti d’America John Kirby ha annunciato che una seconda portaerei americana sarà schierata nell'area, ma non è stata ancora presa alcuna decisione se sarà stazionata nel Mediterraneo orientale.

Ieri, la USS Gerald R Ford è arrivata nel Mediterraneo orientale. Funzionari statunitensi lo hanno descritto come un “deterrente” per qualsiasi attore che cerchi di trarre vantaggio dall’escalation Israele-Hamas.

Ha aggiunto Kirby che la portaerei USS Dwight D Eisenhower inizierà uno “schieramento programmato a lungo” nel Mediterraneo nella prossima settimana “dove sarà disponibile se necessario”.

Ore 19:45 L’aeronautica israeliana afferma che un’infiltrazione dal Libano è “esclusa”

L'aggiornamento arriva dopo che il capo di un consiglio regionale nel nord di Israele ha affermato che parapendii con equipaggio provenienti dal Libano sono atterrati all'interno di Israele.

"In seguito alle notizie di infiltrazioni dal confine libanese nello spazio aereo israeliano, per ora il timore di infiltrazioni è stato escluso", ha precisato l'aeronautica israeliana su X.

L’esercito israeliano ha anche ritirato l’invito rivolto agli israeliani di tutto il paese a rifugiarsi, affermando che l’avvertimento è stato causato da un errore umano.

Ore 18:30 I residenti sono stati allertati di una possibile intrusione di uomini con "parapendio" nel nord di Israele

Ecco, quanto riferisce The Times of Israel in merito alla situazione nel nord di Israele:

“Diversi aerei potrebbero essersi infiltrati nello spazio aereo israeliano dal Libano. Non sappiamo ancora quanti droni si siano infiltrati in Israele dal Libano, ma i droni possono far scattare l’allarme in più aree mentre volano con un percorso imprevedibile.

Ai residenti di ogni città del nord di Israele viene detto di rifugiarsi in stanze rinforzate e di aspettare lì.

Un sospetto drone nemico visto prima in TV era in realtà israeliano.”

Ore 18:15 Leader Starmer leader laburista del Regno Unito: Israele ha il diritto di imporre l'assedio a Gaza

Il leader laburista britannico Keir Starmer afferma che Israele ha il diritto di tagliare l’energia elettrica e l’acqua a Gaza.

“Penso che Israele abbia questo diritto. È una situazione in corso”, ha detto Starmer alla britannica LBC News in un'intervista.

“Ovviamente, tutto dovrebbe essere fatto nel rispetto del diritto internazionale, ma non voglio allontanarmi dal tipo di principi fondamentali secondo cui Israele ha il diritto di difendersi”.

Gli osservatori hanno sottolineato che il taglio dell’elettricità e dell’acqua – e la punizione collettiva in generale – va contro le regole internazionali di guerra.

Ore 18:00 Ecco un riepilogo di tutti gli sviluppi più significativi delle ultime ore:

  • L’unica centrale elettrica di Gaza è fuori servizio a causa della mancanza di carburante, minacciando di aumentare ulteriormente la capacità delle strutture mediche.
  • L’UNRWA, l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi, afferma che gli attacchi israeliani hanno ucciso nove membri dello staff delle Nazioni Unite da sabato.
  • Il ministero della Sanità palestinese a Gaza ha iniziato a razionare e a indirizzare il suo potere limitato ai servizi di emergenza per salvare il maggior numero possibile di feriti.
  • Un rappresentante dell'ospedale Al-Shifa, il più grande della città di Gaza, ha lanciato un segnale di SOS alla comunità globale.
  • Funzionari sanitari affermano che almeno tre palestinesi sono stati uccisi e nove feriti dai soldati israeliani nella Cisgiordania occupata.
  • Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e il leader del partito di opposizione Benny Gantz hanno concordato di formare un governo di emergenza.
  • Funzionari sanitari della città israeliana di Ashkelon riferiscono che un ospedale è stato colpito, ma non ci sono state vittime.

Ore 17:30 Intrusione nello spazio aereo di Israele dal Libano

Il portavoce militare israeliano Daniel Hagari afferma che ci sono notizie di un'intrusione nello spazio aereo israeliano dal territorio libanese.

Ore 17:00 Sale il numero dei morti a Gaza

Il numero dei palestinesi uccisi dagli attacchi israeliani sale a 1.100 , mentre il numero dei feriti arriva a 5.339 , secondo le statistiche aggiornate del Ministero della Sanità della Striscia di Gaza.

Circa il 60% dei feriti sono bambini e donne, ha ricordato l'istituzione palestinese.

Ore 16:30 Il ministro degli Esteri del Regno Unito in visita in Israele fugge al suono delle sirene che avvisano dei raid della resistenza palestinese

In un video pubblicato su X dal ministero degli Esteri israeliano, si vede il ministro degli Esteri britannico James Cleverly è correre in un edificio al suono dell’allarme.

La sirena avvisava dell'arrivo dei razzi di Hamas ed è suonata durante la sua visita a Ofakim, nel sud di Israele.

Ore 15:45 Putin: gli Stati Uniti hanno cercato di sostituire le soluzioni ai problemi politici con l'“elemosina” alla Palestina

Gli Stati Uniti hanno cercato di sostituire le soluzioni ai problemi politici con "l’elemosina" alla Palestina, ha dichiarato, oggi, il presidente russo Vladimir Putin all'apertura del sesto forum internazionale della Settimana russa dell'energia.

Secondo il leader russo, "se non vengono risolte le questioni politiche fondamentali, la principale delle quali è la creazione di uno Stato palestinese sovrano con Gerusalemme come capitale, l'intero problema non può essere risolto". Ha denunciato che, al momento della creazione di Israele, si parlava anche di creare immediatamente una Palestina sovrana, cosa che non si è mai realizzata.

Ore 15:30 Erdogan: La risposta israeliana ad Hamas a Gaza è un 'massacro'

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha affermato che il blocco e il bombardamento di Gaza da parte di Israele come rappresaglia per l'attacco di Hamas è stata una risposta sproporzionata, equivalente ad un "massacro".

Erdogan ha aggiunto che anche la guerra ha una “moralità”, ma la fiammata scoppiata nel fine settimana l’ha violata “molto gravemente”.

“Impedire alle persone di soddisfare i loro bisogni più fondamentali e bombardare le abitazioni dove vivono i civili – in breve, condurre un conflitto utilizzando ogni tipo di metodo vergognoso – non è una guerra, è un massacro”, ha ribadito, riferendosi al taglio di elettricità e acqua da parte di Israele Gaza e la distruzione delle infrastrutture.

Erdogan ha criticato gli attacchi “sproporzionati” di Israele contro Gaza definendoli “privi di qualsiasi fondamento etico”, e ha invitato il mondo a non schierarsi “ciecamente” da una parte.

 

Ore 15:15 Il regime occupante israeliano attacca il porto marittimo di Gaza con munizioni al fosforo vietate a livello internazionale.

Ore 14:45 Bambini palestinesi pietrificati dalla paura piangono dopo essere rimasti feriti in un attacco aereo israeliano su Gaza

Ore 14:30 L'unica centrale elettrica di Gaza è fuori servizio

L'unica centrale elettrica della Striscia di Gaza è ora fuori servizio per mancanza di carburante, riferiscono le l'autorità locali per l'energia.

Lunedì scorso Israele aveva dichiarato che imponendo un “assedio totale” all’enclave già assediata, sarebbe stato blocato l’ingresso di cibo, acqua e carburante.

Ore 14:21 Il giornalista israeliano Oren Ziv respinge le false accuse del regime occupante israeliano secondo cui i bambini israeliani sarebbero stati decapitati da Hamas".

Ore 13:45 Il bombardamento israeliano uccide quattro paramedici: Mezzaluna Rossa palestinese

Quattro paramedici della Mezzaluna Rossa palestinese sono stati uccisi nei bombardamenti aerei israeliani, dice l'organizzazione umanitaria.

Tre di loro sono morti quando un attacco "ha preso di mira direttamente un'ambulanza" della Mezzaluna Rossa a nord di Gaza, e il quarto in un bombardamento separato nella parte orientale dell'enclave, ha detto il gruppo umanitario.

Ore 13:30 Vivere sotto il blocco israeliano

Lunedì Israele ha annunciato un “blocco totale” della Striscia di Gaza, compreso il divieto di ingresso di cibo, acqua e carburante.

Gaza è già sottoposta a un paralizzante blocco aereo, marittimo e terrestre dal 2007, che colpisce ogni parte della società.

L’infografica qui sotto mostra l’impatto del blocco in vigore da 16 anni sui palestinesi che vivono nell’enclave costiera.

ORe 13:00 Migliaia di siriani a Damasco in solidarietà con la Palestina

Migliaia di manifestanti si sono radunati nella capitale siriana di Damasco in solidarietà con il popolo palestinese e a sostegno del suo diritto alla resistenza contro l'occupazione coloniale israeliana.

Ore 12:00 Ecco il sostegno militare degli Stati Uniti a Israele:

Navi della Marina

  • Il gruppo d'attacco USS Gerald R Ford Carrier Strike Group sarà spostato nel Mediterraneo orientale insieme alle navi da guerra che lo accompagnano.
  • La USS Ford è la portaerei più avanzata della Marina statunitense, oltre ad essere una delle più grandi al mondo. La portaerei ospita un incrociatore lanciamissili e quattro cacciatorpediniere lanciamissili
  • Gli Stati Uniti stanno inoltre inviando la USS Normandy, un incrociatore lanciamissili armato di cannoni navali, e i cacciatorpediniere USS Thomas Hudner, USS Ramage, USS Carney e USS Roosevelt.
  • Austin ha affermato che gli Stati Uniti stanno potenziando l'Air Force F-35, l'aereo da caccia più avanzato al mondo, insieme agli squadroni di aerei da caccia F-15, F-16 e A-10 nella regione.

Munizioni

  • Il segretario alla Difesa americano Lloyd Austin ha aveva annunciato domenica scorsa che gli Stati Uniti forniranno munizioni a Israele.
  • "Non sappiamo esattamente che tipo di munizioni, ma si sospetta che Israele abbia richiesto sia intercettori che munizioni a guida di precisione", ha detto John Hendren di Al Jazeera, riferendo da Washington, DC. Hendren ha detto che gli intercettori sono per il sistema di difesa israeliano Iron Dome. Questi sono gli ordigni che colpiscono i razzi di Hamas e in alcuni casi li fanno esplodere in aria invece che a terra.
  • Il corrispondente di Al Jazeera ha affermato che in sei diverse località in Israele sono state pre-fornite munizioni statunitensi per un valore di 2 miliardi di dollari, che possono essere utilizzate in caso di emergenza.

Ore 11: Hezbollah conferma di aver lanciato missili dopo l'uccisione di combattenti

Il gruppo armato libanese Hezbollah afferma di aver lanciato missili contro una posizione militare israeliana questa mattina presto in risposta all'uccisione di tre dei suoi combattenti durante un bombardamento israeliano nel sud del Libano avvenuto lunedì scorso.

Ore 10:30 Il bilancio delle vittime a Gaza supera quota 1.000

Il bilancio delle vittime a Gaza a causa degli attacchi israeliani è salito a 1.055 mentre 5.184 persone sono rimaste ferite, ha riferito il ministero della Sanità palestinese a Gaza.

Secondo l'esercito israeliano, almeno 1.200 persone in Israele sono state uccise e 2.800 ferite.

Ore 10:00 Il re di Giordania: non c’è sicurezza in Medio Oriente finché i palestinesi non avranno uno Stato

Il re di Giordania Abdullah afferma che non ci sarà sicurezza e stabilità in Medio Oriente finché i palestinesi “non otterranno il loro stato sovrano e indipendente ai confini del 4 giugno 1967, con Gerusalemme Est” come capitale.

"Rimaniamo fermi e non abbandoneremo il nostro ruolo, non importa quanto grandi siano le sfide, per difendere i luoghi santi islamici e cristiani a Gerusalemme", ha ribadito ai deputati in un discorso di apertura della nuova sessione parlamentare.

La famiglia reale hashemita della Giordania è la custode dei luoghi santi musulmani e cristiani della città.

Ore 09:30 Riepilogo. Si entra nel quinto giorno del conflitto tra Israele e Resistenza palestinese

Ecco gli ultimi sviluppi:

  • Israele afferma che circa 300.000 soldati si sono ammassati vicino alla recinzione di Gaza e si stanno preparando per un’invasione di terra.
  • Si ritiene che almeno 950 palestinesi siano stati uccisi. Il bilancio delle vittime in Israele è salito a 1.200.
  • Il ministero della Sanità di Gaza ha accusato Israele di “prendere deliberatamente di mira” civili e operatori sanitari, dopo che due persone sono state uccise e due paramedici sono rimasti feriti in un attacco che ha colpito un’ambulanza.
  • Il presidente russo Vladimir Putin attribuisce la colpa della guerra tra Israele e Hamas ai fallimenti politici degli Stati Uniti.
  • Più di 260.000 persone sono sfollate a Gaza, di cui oltre 175.000 hanno trovato rifugio in 88 scuole delle Nazioni Unite.

09:15 L'unica centrale elettrica di Gaza avrà carburante per altre 12 ore

L'unica centrale elettrica della Striscia di Gaza e l'unico attuale fornitore di elettricità rimarrà senza carburante tra 10 e 12 ore, ha detto alla radio Voice of Palestine il presidente dell'Autorità palestinese per l'energia, Thafer Melhem.

Lunedì Israele ha interrotto la fornitura di elettricità e carburante a Gaza come parte di quello che ha definito un “assedio totale”.

Ore 9:00 Presidente Duma: gli aerei americani al largo delle coste della Palestina cercano di innescare una nuova guerra

Il presidente della Duma di Stato russa Vyacheslav Volodin ha confermato che le portaerei americane dirette nel Mediterraneo al largo delle coste della Palestina non mira a garantire la pace nella regione, ma piuttosto a innescare un’altra guerra che serve solo gli interessi di Washington.

Il sito web RT ha citato le parole di Volodin sul suo canale Telegram: “Washington è il principale beneficiario dei conflitti armati, poiché i prezzi delle azioni delle più grandi società americane di armi sono aumentati dopo la forte escalation in Palestina, e questo è ciò che dicono i dati di borsa”. Inoltre, ha ricordato che “Washington utilizza sempre le tragedie di milioni di persone per promuovere i propri interessi.”

Ore 8:30 Almeno 260 bambini uccisi a Gaza dagli attacchi aerei israeliani

Almeno 260 bambini sono stati uccisi dagli attacchi israeliani a Gaza, ha riferito il ministero della Sanità palestinese.

Inoltre, il ministero degli Esteri palestinese ha affermato che gli attacchi israeliani da sabato hanno distrutto più di 22.600 unità residenziali e 10 strutture sanitarie e danneggiato 48 scuole.

Ore 7:30 Israele colpisce il campus universitario

Aerei da combattimento israeliani hanno colpito l'Università islamica di Gaza City, hanno rivelato un corrispondente dell'AFP e un funzionario dell'istituzione.

"Gli intensi attacchi aerei hanno distrutto completamente alcuni edifici dell'Università islamica", ha raccontato all'AFP Ahmed Orabi, direttore dell'università.

Ore 7:00 L'esercito israeliano afferma che sono stati uccisi 1.000 combattenti di Hamas

L'esercito israeliano afferma di aver contato i corpi di almeno 1.000 combattenti di Hamas che si sono infiltrati in Israele durante il fine settimana.

Almeno 18 persone sono state uccise nell'ultimo giorno, ha detto ai giornalisti il ??portavoce militare principale del paese, Daniel Hagari.

“Ciò indica la portata dell’attacco. Avevano attrezzature e valutazioni per la conquista, non per un raid ma per la conquista”, ha precisasato.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

00:00 La portaerei USS Gerald R Ford è arrivata nel Mediterraneo orientale, ha annunciato il Comando Centrale degli Stati Uniti.

"L'arrivo di queste forze altamente capaci nella regione è un forte segnale di deterrenza nel caso in cui qualsiasi attore ostile a Israele consideri di provare a trarre vantaggio da questa situazione", ha avvertito in una nota il generale Michael Kurilla, comandante del comando centrale degli Stati Uniti.

La portaerei comprende 8 squadroni di aerei d'attacco e di supporto. È accompagnato dall'incrociatore USS Normandy, così come dai cacciatorpediniere USS Thomas Hudner, USS Ramage, USS Carney e USS Roosevelt.

Ore 23:45 The Times of Israel: Primo aereo con munizioni statunitensi “avanzate” atterra in Israele

Un primo aereo da trasporto con munizioni americane “avanzate” è atterrato questa sera nella base aerea di Nevatim, nel sud di Israele, annunciano i militari israeliani. La notizia è stata resa nota da The Times of Israel.

L’IDF, esercito israeliano, sostiene che le munizioni sono destinate “a consentire attacchi significativi e preparativi per ulteriori scenari”.

“Siamo grati per il sostegno e l’assistenza americani all’IDF in particolare, e allo Stato di Israele in generale, durante questo periodo difficile”, ha ribadito l’IDF.

23:15 Hamas afferma che Biden sottolinea il "tentativo di coprire i crimini" di Israele

Hamas ha definito “incendiari” i commenti di Biden dopo che il presidente degli Stati Uniti ha condannato l'attacco del gruppo contro Israele come “puro male”.

"Queste osservazioni sono un tentativo di nascondere i crimini e il terrore del governo sionista", ha scritto Hamas in una dichiarazione sul suo sito web.

Ore 23:00 Putin ed Erdogan concordano che la sovranità palestinese sarebbe la chiave per la pace

Il presidente della Russia, Vladimir Putin, e il suo omologo turco, Recep Tayyip Erdogan, hanno avuto martedì una conversazione telefonica durante la quale si sono concentrati sulla drastica escalation del conflitto israelo-palestinese.

I leader hanno sottolineato la necessità di un "cessate il fuoco immediato da entrambe le parti e della ripresa dei negoziati", riferisce il Cremlino.

Nel corso del colloquio "è stato sottolineato che una soluzione pacifica a lungo termine alla crisi è possibile solo sulla base della  formula dei due Stati  adottata dal Consiglio di Sicurezza dell'ONU, che prevede la creazione di uno Stato palestinese indipendente entro i confini del 1967 con Gerusalemme Est come capitale.

22:40 Blinken presto visiterà Israele

Il segretario di Stato americano Antony Blinken visiterà Israele "nei prossimi giorni", ha annunciato oggi,  in una conferenza stampa il portavoce del Dipartimento, Matthew Miller.

Si prevede che Blinken incontrerà "i partner israeliani" per discutere "della situazione sul terreno" e di come possano "continuare a sostenere" il paese ebraico "nella sua lotta contro i terroristi", ha detto il portavoce.

22:30 Le squadre mediche non possono accedere ai luoghi degli attacchi a Gaza

Gli inviati di Al Jazeera raccontano che il bombardamento della Striscia di Gaza continua, in particolare ora nel nord della Striscia di Gaza. Le forze di occupazione israeliane hanno colpito il quartiere di Al Karama con tonnellate di bombe.

Le équipe mediche non possono in questo momento accedere a questo luogo per conoscere il numero delle vittime o per evacuare le vittime. Questo tipo di attacco è simile agli attacchi compiuti contro il quartiere Remal all'interno della Striscia di Gaza centrale.

Questa località costiera, il quartiere di Al Karama, è anche un'area densamente popolata che ospita centinaia e migliaia di famiglie palestinesi che ora sono sotto pesanti bombardamenti.

22:15 11 civili palestinesi sono stati massacrati e altri 23 feriti in un attacco aereo israeliano che ha preso di mira un complesso residenziale a Deir el-Balah, nella Striscia di Gaza centrale, secondo fonti mediche.

Ore 22:00 Attacco missilistico dalla Siria verso le alture di Golan siriane occupate da Israele

Ore 21:30 L’ex avvocato della CPI afferma che gli Stati Uniti e Israele non sono all’altezza di affermare di rispettare il diritto internazionale

L'ex avvocato della Corte penale internazionale Geoffrey Nice ha risposto all'affermazione di Biden secondo cui gli Stati Uniti e Israele si distinguono dai combattenti palestinesi nella loro adesione alle norme e alle leggi internazionali.

“Il presidente Biden e Israele potrebbero fare molto per lo stato di diritto se si unissero alla Corte penale internazionale e permettessero a quella corte di indagare sulla legalità di entrambe le occupazioni fino ad oggi… e di sottomettersi pacificamente al giudizio legale su ciò che stanno facendo” stai facendo”, ha detto Nice ad Al Jazeera.

“È una triste realtà che Israele sia più o meno immune dalla giurisdizione della Corte Penale Internazionale, e che l’America lo salverà se ci sarà qualche tentativo di deferirlo lì da parte del Consiglio di Sicurezza [ONU], e che l’America stessa non è un membro di quella corte", ha detto.

Ore 21:00 Putin: Il conflitto israelo-palestinese è “l’esempio vivente del fallimento della politica americana in Medio Oriente”

“Gli Stati Uniti hanno esercitato pressioni su entrambe le parti del conflitto israelo-palestinese, senza mai prendere in considerazione gli interessi fondamentali del popolo palestinese, il che ha portato allo scontro attuale, che è un “esempio vivente del fallimento” della politica di Washington nel Medio Oriente. Lo ha dichiarato, oggi, il presidente russo Vladimir Putin durante il suo incontro con il primo ministro iracheno Mohammed al-Sudani.

Putin ha denunciato che Washington "ha cercato di monopolizzare la soluzione [del conflitto], ma, sfortunatamente, non si è preoccupata di trovare compromessi accettabili per entrambe le parti.

In questo contesto, il presidente russo ha sottolineato che è necessario risolvere la questione della creazione di uno Stato palestinese sovrano. "Mi riferisco soprattutto alla necessità di attuare le decisioni del Consiglio di Sicurezza dell'ONU sulla creazione di uno Stato palestinese sovrano e indipendente", ha ribadito.

ore 20:45 Biden: Hamas ha scatenato il male puro e genuino, evocando ricordi del genocidio ebraico

In un discorso dal vivo, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden Biden ha affermato che il massacro di civili israeliani da parte di Hamas nelle città di confine è stato “puro male”.

“Ci sono momenti in questa vita, lo intendo letteralmente, in cui un male puro e genuino si scatena su questo mondo. Il popolo di Israele ha vissuto uno di questi momenti questo fine settimana”, dice Biden.

“La brutalità di Hamas, questa sete di sangue, ricorda le peggiori furie dell’Isis. E purtroppo per il popolo ebraico non è una novità. Questo attacco ha riportato in superficie ricordi dolorosi e le cicatrici lasciate da millenni di antisemitismo e genocidio del popolo ebraico”.

Biden afferma che il numero di cittadini americani uccisi nell’offensiva di Hamas è salito ad almeno 14.

“Resoconti sconvolgenti di bambini uccisi; intere famiglie uccise; giovani massacrati mentre partecipavano ad un festival musicale per celebrare la pace; donne violentate, aggredite, sfilate come trofei”, dice Biden.

“In questo momento deve essere chiarissimo: noi stiamo con Israele. Siamo dalla parte di Israele”.

ore 20:30 Funzionari dell'UE avvertono Musk della disinformazione "illegale" che si sta diffondendo su X

Il commissario europeo Thierry Breton ha avvertito Elon Musk che la sua piattaforma X, precedentemente nota come Twitter, ha consentito la proliferazione di "contenuti illegali e disinformazione", secondo una lettera vista dall'agenzia di stampa AFP.

La lettera afferma che le preoccupazioni sono aumentate in seguito all'escalation seguita all'attacco di Hamas contro Israele e al continuo bombardamento di Gaza. Ha chiesto a Musk di rispondere alla denuncia e di contattare le “autorità competenti incaricate dell’applicazione della legge” entro 24 ore.

X aveva precedentemente affermato che stava cercando di intervenire su una marea di post relativi alla situazione, affermando che stava trattando la questione con il più alto livello di risposta della piattaforma. Tuttavia, i gruppi di controllo hanno affermato che sulla piattaforma abbonda la disinformazione relativa al conflitto.

Ore 20:00 Israele rifiuta la richiesta palestinese di consentire aiuti a Gaza: funzionario dell'OLP

Israele ha rifiutato la richiesta palestinese di consentire l'ingresso di cibo e forniture mediche a Gaza, ha dichiarato un funzionario dell'Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP).

"Abbiamo chiesto urgentemente che cibo e forniture mediche potessero entrare nella Striscia di Gaza, ma Israele ha rifiutato", ha spiegato Hussein Al Sheikh.

“Chiediamo alle organizzazioni umanitarie e alla comunità internazionale di intervenire per fermare l’assalto e consentire gli aiuti [a Gaza], mentre la Striscia si trova ad affrontare una grande catastrofe umanitaria”, ha aggiunto.

Ore 19:30 La Turchia denuncia lo spiegamento di portaerei americane: "Cosa venite a fare?"

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha criticato il blocco israeliano di Gaza affermando che tagliare l'elettricità e l'acqua è contro la legge internazionale sui diritti umani.

Erdogan ha anche denunciato i piani degli Stati Uniti di inviare una portaerei nella regione, suggerendo che il dispiegamento potrebbe portare a “massacri”.

“Cosa ci fa la portaerei americana in Israele? Cosa verrà a fare? Abbatterà Gaza colpendo le aree circostanti e inizierà a commettere gravi massacri”, ha detto Erdogan.

Ore 19:00 The Washington Post: Hamas si è preparato all’operazione “Al-Aqsa Floos” almeno un anno fa

Il quotidiano americano "The Washington Post" ha riferito che i combattenti della resistenza palestinese che hanno effettuato l'attacco a sorpresa contro gli insediamenti israeliani e i combattenti della resistenza che ne sono responsabili hanno pianificato l'attacco "almeno un anno fa" e che è stato effettuato "con le principali forze sostegno degli alleati della resistenza iraniana.

Ore 18:45 Svezia e Danimarca sospendono gli aiuti ai territori palestinesi

La Svezia ha temporaneamente sospeso gli aiuti allo sviluppo ai territori palestinesi, ha dichiarato il ministro dello Sviluppo Johan Forssell in una conferenza stampa.

Il governo ha affermato di aver affidato all’Agenzia svedese per la cooperazione allo sviluppo internazionale (SIDA) il compito di rivedere gli aiuti ai palestinesi e di riferire in merito entro l’inizio di dicembre.

I ministri degli Esteri dell’Unione Europea si incontreranno martedì per risolvere le divisioni tra i 27 membri dell’UE sull’opportunità di continuare i pagamenti di aiuti ai palestinesi un giorno dopo che la Commissione Europea ha fatto marcia indietro sull’annuncio della sospensione di tutti questi aiuti.

Oggi, la Danimarca ha annunciato che avrebbe sospeso i suoi aiuti.

Ore 18:10 Oxfam lancia l'allarme: “catastrofe umanitaria” a Gaza

Oxfam avverte che un assedio totale su Gaza porterà a una catastrofe umanitaria.

L’organizzazione benefica con sede nel Regno Unito ha sospeso tutte le attività umanitarie nell’enclave costiera assediata a causa dei continui attacchi aerei e delle violenze.

“La decisione di attuare un 'assedio totale' da parte del governo israeliano, oltre al blocco in corso, negherà ulteriormente ai civili di Gaza i beni essenziali come cibo, acqua ed elettricità”, ha affermato Mustafa Tmaizi, direttore ad interim di Oxfam nei territori palestinesi occupati e Israele.

“Ciò costituisce una punizione collettiva di una popolazione che non ha alcuna responsabilità per la violenza ed è illegale secondo il diritto internazionale. Non contribuirà alla pace e alla sicurezza, anzi, alimenterà ulteriormente le fiamme di questa crisi”.

Ore 17:45 Hezbollah prende di mira un carro armato israeliano con un missile guidato

Hezbollah ha preso di mira un carro armato israeliano con un missile guidato, dicono due fonti di sicurezza in Libano.

Nel frattempo, l'esercito israeliano ha riferito che un elicottero ha colpito un posto di osservazione appartenente a Hezbollah dopo il lancio di razzi dal territorio libanese verso un veicolo militare nella zona di Avivim.

"Non sono stati segnalati feriti", ha precisato l'esercito israeliano.

Un funzionario della sicurezza libanese ha detto che sei razzi sono stati lanciati martedì sera dal sud del Libano verso il nord di Israele.

Anche la forza di pace delle Nazioni Unite nel sud del Libano ha confermato il lancio di razzi e ha esortato “tutti a dar prova di moderazione in questo momento critico”.

Ore 17:15 L'IDF risponde all'attacco missilistico dal Libano con l'artiglieria

Le forze di difesa israeliane hanno annunciato che stanno rispondendo a un attacco missilistico lanciato dal Libano sul nord di Israele con il fuoco dell'artiglieria.

L'IDF comunica che fornirà presto ulteriori dettagli. Non sono stati segnalati feriti negli attacchi missilistici sulla Galilea occidentale.

Ore 17:00 Quds News Network: Le Brigate Al-Qassam, il braccio militare di Hamas, martellano l'insediamento coloniale israeliano di Ashkelon con centinaia di razzi artigianali in risposta allo sfollamento israeliano di civili palestinesi a Gaza.

Ore 16:50 - Riepilogo ultimi avvenimenti 

  • Una commissione delle Nazioni Unite ha affermato che esistono già “prove evidenti” di crimini di guerra commessi da Hamas e Israele, compresi gli attacchi contro i civili.
  • Il portavoce del braccio armato di Hamas, le Brigate al-Qassam, ha consigliato ai residenti della città israeliana di Ashkelon di andarsene.
  • Le strutture mediche a Gaza sono sull’orlo del collasso mentre gli attacchi israeliani continuano a radere al suolo condomini e a ferire migliaia di persone.
  • Il leader sciita iracheno Muqtada al-Sadr ha criticato i leader arabi per il loro fallimento nel sostenere il popolo palestinese e lo ha definito fonte di “vergogna e disonore”.
  • Venerdì Hamas ha chiesto una “mobilitazione generale” del mondo arabo e musulmano per sostenere i palestinesi. Hanno detto che il giorno sarebbe stato contrassegnato come il “venerdì dell’alluvione di Al-Aqsa”
  • Il leader Houthi dello Yemen ha avvertito che, se gli Stati Uniti intervengono direttamente a Gaza, risponderanno intraprendendo azioni militari, compreso il lancio di droni e missili.

Ore 16:30 Quds news network: I soldati israeliani si nascondono durante l'attacco della resistenza all'insediamento di Ashkelon

Ore 16:00 Il bilancio delle vittime a Gaza sale a 830

Il ministero della Sanità palestinese afferma che il numero delle persone uccise è salito a 830, con 4.250 feriti.

Ore 15:45 Il capo del COGAT si rivolge agli abitanti di Gaza: "Volevate l'inferno, otterrete l'inferno"

Il Coordinatore delle attività governative nei territori, noto con l'acronimo COGAT, rivolge un messaggio ai residenti di Gaza e alla leadership di Hamas.

In una dichiarazione video, Gen. Ghassan Alian, capo del COGAT, afferma: “Rapire, abusare e uccidere bambini, donne e anziani non è umano. Non vi è alcuna giustificazione per ciò. Hamas si è trasformata in ISIS e gli abitanti di Gaza, invece di indignarsi, festeggiano.

“Gli animali umani devono essere trattati come tali. Non ci sarà né elettricità né acqua [a Gaza], ci sarà solo distruzione. Volevate l'inferno, otterrete l'inferno”.

Ore 15:30 Commissione ONU: "prove evidenti" di crimini di guerra a Gaza e in Israele

Secondo una commissione delle Nazioni Unite che monitora il conflitto, ci sono già “prove evidenti” di crimini di guerra commessi da entrambe le parti, incluso l’attacco ai civili. Lo ha riferito Al Jazeera.

Tutti coloro che hanno violato il diritto internazionale umanitario o preso di mira i civili devono essere ritenuti responsabili, ha chiesto la commissione.

“Le notizie secondo cui gruppi armati provenienti da Gaza avrebbero ucciso centinaia di civili disarmati sono ripugnanti e non possono essere tollerate. Prendere ostaggi civili e usare i civili come scudi umani sono crimini di guerra”, ha affermato.

La commissione ha inoltre affermato di essere “gravemente preoccupata per l'ultimo attacco israeliano a Gaza e per l'annuncio di un assedio completo su Gaza che comporterà il ritiro di acqua, cibo, elettricità e carburante che senza dubbio costerà vite civili e costituirà una punizione collettiva”.

Ore 15:15 Israele ha effettuato 2700 raid aerei su Gaza da sabato scorso

Il Ministero degli Interni di Gaza comunica che l’aeronautica israeliana ha condotto 2.700 raid aerei sull’enclave assediata dall’inizio dell’operazione Al-Aqsa Flood, prendendo di mira civili e aree residenziali.

Ore 15:00 Quds News Network: “Le Brigate Al-Qassam, il braccio militare di Hamas, hanno lanciato una raffica di razzi artigianali puntati sull'aeroporto israeliano Ben-Gurion in risposta all'omicidio di civili, compresi bambini, a Gaza da parte del regime occupante israeliano."

Ore 14:45 L'ala armata di Hamas esorta i residenti di Ashkelon ad andarsene

Il portavoce del braccio armato di Hamas, le Brigate al-Qassam, ha dato ai residenti della città israeliana di Ashkelon un termine per andarsene.

“In risposta al crimine del nemico che ha sfollato il nostro popolo e lo ha costretto ad abbandonare le proprie case in diverse aree della Striscia di Gaza, diamo ai residenti della città occupata di Ashkelon un termine ultimo per andarsene entro le cinque di questa sera. ", ha detto Abu Ubaida in una nota.

Ashkelon si trova a circa 12 km (7,5 miglia) a nord di Gaza.

Ore 14:30 Per Venerdì Hamas lancia appello per la mobilitazione generale

Hamas ha chiesto una “mobilitazione generale” per venerdì nel mondo arabo e musulmano a sostegno dei palestinesi.

Si afferma che la giornata sarà contrassegnata come il “venerdì del diluvio di Al-Aqsa”, con l’evento volto a mostrare sostegno al popolo palestinese “di fronte alla guerra aperta dell’occupazione (israeliana)”.

Hamas ha anche invitato i giovani palestinesi della Cisgiordania occupata ad impegnarsi in scontri con i soldati israeliani.

Ore 14:00 Ministero degli Esteri israeliano recluta influencer per sostenere la “difesa israeliana nel mondo”

Israele sta reclutando “importanti influencer della rete a beneficio della difesa israeliana nel mondo”, ha scritto Eli Cohen, ministro degli Esteri del paese, su X.

Cohen ha poi ringraziato le persone “che hanno accettato di unirsi volontariamente e di assistere le azioni del ministero”.

 

Ore 13:30 Oltre 788 palestinesi sono stati uccisi dal regime occupante israeliano in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza negli ultimi 4 giorni, con altri 4.100 feriti, secondo il Ministero della Sanità palestinese.

Ore 13:15 Immagini che documentano la massiccia distruzione provocata dai barbari attacchi aerei israeliani sul quartiere di Al-Rimal a Gaza City negli ultimi tre giorni.

Ore 13:00 CICR: "Si sta andando verso un disastro umanitario"

Mirjana Spoljaric, presidente del Comitato internazionale della Croce Rossa, ha esortato “le parti a rispettare i propri obblighi ai sensi del diritto internazionale umanitario e ad adottare ogni misura possibile per proteggere i civili.

“Senza restrizioni immediate temo che ci stiamo dirigendo verso un disastro umanitario”, ha scritto su X.

Ore 12:30 Sami Abou Shahadeh, ex membro della Knesset israeliana: “Gli Stati Uniti Biden hanno dato il via libera a Israele per la pulizia etnica”

Sami Abou Shahadeh, ex membro della Knesset israeliana, ha affermato che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dato a Israele, che non aveva bisogno di molto, il “via libera per la pulizia etnica”.

“Loro [Israele] sono guidati da questa mentalità di distruzione e vendetta; hanno tutto il potere per farlo, e lo fanno da quattro giorni”, ha detto.

“Israele non sta uccidendo la leadership di Hamas, non si sta vendicando di Hamas, c'è una punizione collettiva per 2,2 milioni di persone, non solo a Gaza. Guardate cosa sta succedendo ai palestinesi in Cisgiordania, a noi, i palestinesi israeliani che viviamo nello Stato di Israele. Le nostre vite sono in pericolo a causa di tutti i fascisti di estrema destra”.

Shahadeh ha aggiunto che l'attuale situazione politica in Israele è “scioccante”, con tutti i partiti d'accordo sulla “distruzione e pulizia etnica”.

Ore 12:15 Ismail Haniyeh invita tutti i palestinesi a unirsi alla "battaglia"

Ismail Haniyeh, capo dell'ufficio politico di Hamas, ha affermato in un comunicato che tutti i palestinesi “devono partecipare... a questa battaglia”, “innanzitutto le forze della resistenza”.

“La distruzione e la brutalità praticate dal governo [israeliano] contro il nostro popolo a Gaza riflettono i risultati clamorosi causati dagli attacchi di Al-Qassam e delle fazioni della resistenza”, ha ricordato.

“Il nemico pagherà un prezzo alto per i suoi crimini e il suo terrorismo”.

Ore 12:00 Almeno 770 palestinesi uccisi negli attacchi israeliani

Almeno 770 palestinesi sono stati uccisi e 4.000 feriti negli attacchi aerei israeliani, ha riferito il Ministero della Sanità di Gaza.

Tra i morti ci sono 140 bambini e 120 donne, ha precisato un portavoce del ministero.

Almeno altre 18 persone sono state uccise e 100 ferite nella Cisgiordania occupata da sabato, ha aggiunto il ministero.

 

Ore 11:45 "La situazione in tutti gli ospedali di Gaza è davvero indescrivibile"

Youmna ElSayed di Al Jazeera, in servizio dall'ospedale Shifa di Gaza City, afferma che la situazione nella struttura medica è disastrosa.

“La situazione in tutti gli ospedali di Gaza è davvero indescrivibile. L’ospedale Shifa, considerato il più grande dell’intera Striscia, è sopraffatto dal numero di corpi e feriti”, ha raccontato Youmna.

“L’obitorio è pieno. Alcune famiglie hanno portato via i loro parenti morti solo per poter liberare spazio nell'obitorio. Non sono stati nemmeno celebrati funerali a causa dell’intensità dei bombardamenti”.

Ore 11:30 L'ONU prevede una “grave carenza” di acqua potabile a Gaza a causa dei tagli israeliani

L'ufficio umanitario delle Nazioni Unite afferma che quattro scuole e otto strutture sanitarie a Gaza hanno subito danni da sabato.

Ha aggiunto di aspettarsi una “grave carenza” di acqua potabile a Gaza a causa dei tagli annunciati dalle autorità israeliane.

Ore 11:00 Il valico di Rafah è chiuso fino a nuovo avviso: fonte della sicurezza egiziana

Il valico di Rafah al confine meridionale di Gaza con l'Egitto è stato chiuso fino a nuovo avviso, ha detto all'agenzia di stampa dpa una fonte della sicurezza egiziana.

Gli attacchi di ritorsione di Israele su Gaza stanno rendendo il posto pericoloso sia per i civili che per i dipendenti del valico, ha detto la fonte, aggiungendo che lungo il confine c'è stato uno stato di allerta per fermare qualsiasi tentativo di infiltrazione.

In precedenza, il tenente colonnello israeliano Richard Hecht aveva consigliato ai palestinesi di lasciare Gaza attraverso Rafah, ma il suo ufficio ha successivamente corretto le sue osservazioni, dicendo che il valico oggi era chiuso.

Ore 10:45 Volker Turk, Responsabile diritti umani ONU: Attacchi aerei israeliani hanno colpito residenze e scuole in tutta Gaza

Le operazioni aeree israeliane hanno colpito edifici residenziali, compresi grandi palazzoni, così come scuole ed edifici delle Nazioni Unite in tutta Gaza, provocando vittime civili, ha dichiarato il responsabile dei diritti umani delle Nazioni Unite, citando informazioni raccolte dal suo ufficio.

"Il diritto internazionale umanitario è chiaro: l'obbligo di prestare costante attenzione a risparmiare la popolazione civile e i beni civili rimane applicabile durante gli attacchi", ha affermato Volker Turk in una nota.

In risposta all'annuncio del ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant di un rafforzamento del blocco sulla Striscia di Gaza, Turk ha affermato che gli “assedi” che mettono in pericolo la vita dei civili sono proibiti dal diritto internazionale.

Ore 10:30 L'IDF “consiglia” agli abitanti di Gaza di fuggire in Egitto finché possono

L’esercito israeliano “consiglia” ai palestinesi di lasciare la Striscia di Gaza per l’Egitto nel contesto della guerra in corso con Hamas, secondo quanto ha riferito il media The Times of Israel.

“Il valico di Rafah è ancora aperto. Consiglierei a chiunque possa uscire”, ha dichiarato il tenente colonnello Richard Hecht in una telefonata con i giornalisti stranieri.

Ore 10:15 Khamenei: Israele ha dovuto affrontare una "sconfitta irreparabile" dopo l'attacco di Hamas

Il leader supremo dell'Iran, l'Ayatollah Ali Khamenei, ha affermato che "il regime sionista" ha dovuto affrontare una sconfitta militare e di intelligence irreparabile dopo che i combattenti di Hamas hanno attaccato Israele nel fine settimana.

Ore 10:00 Bombardamenti di artiglieria a est del campo profughi di Bureij

L'agenzia di stampa palestinese Safa ha riferito di bombardamenti di artiglieria a est del campo profughi di Bureij, nel centro di Gaza.

Mappa dei campi profughi di Gaza

Ore 09:45 Massiccia distruzione nel quartiere Al-Rimal della città di #Gaza a seguito di attacchi aerei israeliani senza sosta sui civili innocenti del quartiere.

Ore 09:30 "È stata una notte dura per la Striscia di Gaza"

Parlando da Gaza, Youmna El Sayed corrispondente di Al Jazeera ha raccontato che Israele ha bombardato incessantemente la Striscia, la scorsa notte.

“È stata una notte molto dura per la Striscia di Gaza. Sono stati effettuati oltre 200 attacchi aerei in diverse zone della Striscia di Gaza. Non riesco a ricordare un pezzo di terra a Gaza o un territorio che non sia stato preso di mira, siano essi quartieri residenziali o commerciali", ha aggiunto El Sayed.

La mancanza di elettricità dopo che Israele ha interrotto le forniture comincia a farsi sentire anche a Gaza, dove secondo il nostro corrispondente vivono almeno 2,3 milioni di persone.

“Gaza ha avuto solo quattro ore di elettricità negli ultimi due giorni. L'unica centrale elettrica qui dice che potrà funzionare solo per un massimo di altri due giorni e dopodiché l'intera Striscia di Gaza non avrà nemmeno un'ora di elettricità a meno che il carburante non entri a Gaza. Non sono solo i civili a soffrire la perdita di elettricità. Stiamo parlando degli ospedali. Stiamo parlando di oscurità completa”, ha concluso.

Ore 9:00 L'esercito israeliano afferma di aver ripreso il pieno controllo delle aree intorno a Gaza

L'esercito israeliano afferma di aver ripreso il pieno controllo delle aree attorno alla recinzione di Gaza.

In una dichiarazione citata dal Times of Israel, il portavoce dell'esercito israeliano Daniel Hagari ha detto che le unità ingegneristiche dell'esercito stanno ripulendo le aree e i buchi nella recinzione.

Il portavoce dell’esercito ha precisatoche c’è ancora un “piccolo numero” di combattenti palestinesi “nascosti in territorio israeliano”.

Ore 8:30 UNRWA: Lo sfollamento di massa a Gaza raggiunge le 180.000 persone

L’UNRWA (Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei rifugiati palestinesi) ha appena diffuso gli ultimi dati sulla situazione nella Striscia di Gaza assediata.

“Lo sfollamento di massa è aumentato nelle ultime 24 ore in tutta la Striscia di Gaza, raggiungendo 180.000 persone – si prevede che aumenterà ulteriormente”, si legge su Twitter.

“137.500 persone hanno trovato rifugio in 83 scuole dell’UNRWA”.

Ore 07:45 Erdogan: Turchia pronta a ogni tipo di mediazione tra Israele e Palestina

Il presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan, ha assicurato che il suo Paese è disposto ad intraprendere qualsiasi tipo di mediazione, compreso lo scambio di prigionieri, se le parti avverse lo richiedono, riferisce l'agenzia Anadolu.

Ore 00:28 Il ministro britannico si rifiuta di condannare il blocco totale imposto da Israele su Gaza

Il ministro degli Esteri britannico James Cleverly afferma che il Regno Unito “continuerà a sostenere Israele” dopo che Tel Aviv ha annunciato un “assedio completo” alla Striscia di Gaza.

Intervenendo dopo una riunione di emergenza presieduta dal primo ministro Rishi Sunak per discutere la situazione in Israele, Cleverly ha affermato che i combattenti di Hamas si stanno “proteggendo tra il popolo palestinese”.

Il ministro della difesa israeliano Yoav Gallant ha detto all'inizio della giornata di aver ordinato un assedio a Gaza che interromperebbe la fornitura di elettricità, cibo e carburante a 2,3 milioni di persone a Gaza.

Un simile assedio da parte dell’esercito israeliano, con l’intento di affamare una popolazione, è un crimine di guerra secondo gli statuti delle Nazioni Unite.

 

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Ore 22:30 Il segretario di Stato americano Antony Blinken oggi ha cancellato un post  su "X" in cui affermava di "incoraggiare la mediazione della Turchia per un cessate il fuoco" e il rilascio immediato di tutti i prigionieri detenuti dalla resistenza a Gaza.

Ore 22:20 Biden: Undici cittadini americani tra quelli uccisi in Israele

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha affermato che almeno 11 cittadini statunitensi figurano tra le persone uccise in Israele.

“Ora sappiamo che almeno 11 cittadini americani erano tra le persone uccise, molti dei quali avevano una seconda casa in Israele”.

"Anche se stiamo ancora lavorando per confermarlo, crediamo che sia probabile che tra le persone detenute da Hamas ci siano cittadini americani", ha aggiunto.

Ore 22:00 La Casa Bianca afferma che l'Iran è “complice” dell'attacco di Hamas

Il portavoce della Sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby, ha accusato l'Iran di essere “complice” nell'attacco di Hamas contro Israele, ma ha detto che Washington non ha prove che colleghino Teheran all'assalto.

"L'Iran sostiene da tempo Hamas e altre reti terroristiche in tutta la regione con risorse e formazione", ha detto John Kirby a MSNBC.

“E quindi, a questo proposito, chiaramente l’Iran è complice qui. Ma in termini di prove specifiche su questo – questo tipo di attacchi – no, non abbiamo nulla”, ha detto.

Ore 21:40 L'ala armata del partito sciita Hezbollah ha annunciato un'operazione contro le postazioni dell'esercito israeliano nella regione di confine nel sud del Libano. Un comunicato diffuso dalla televisione Al Mayadeen afferma che i combattenti sciiti hanno attaccato il posto di comando della Brigata Galil a Branaite con missili guidati.

21:38 Bilancio delle vittime palestinesi a Gaza e in Cisgiordania: 704

Secondo il ministero della Sanità dell’Autorità Palestinese, dal 7 ottobre Israele ha ucciso almeno 704 palestinesi nella Striscia di Gaza e in Cisgiordania.

A Gaza:

  • 687 morti, di cui 140 bambini, 105 donne
  • 3.800 feriti

In Cisgiordania:

  • 17 morti (due persone a Ramallah, quattro a Gerusalemme, due a Gerico, una a Qalqilia, sei a Hebron e due a Nablus) – di cui tre bambini
  • 90 feriti

Ore 21: 30 L’UE non sospenderà i pagamenti all’Autorità Palestinese:

L’ Alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza dell'UE Josep Borrell ha affermato che l'Unione Europea non sospenderà gli aiuti all'Autorità Palestinese come annunciato in precedenza.

Borrell ha rilasciato questa dichiarazione in un post sulla piattaforma di social media X, precedentemente nota come Twitter, aggiungendo: “La sospensione dei pagamenti – punendo tutto il popolo palestinese – avrebbe danneggiato gli interessi dell’UE nella regione e avrebbe solo incoraggiato ulteriormente i terroristi.”

Ore 21:00 Quarto combattente di Hezbollah ucciso negli attacchi israeliani

Hezbollah ha confermato la morte di un quarto combattente del gruppo nel bombardamento israeliano, hanno riferito diversi media libanesi.

Oggi la situazione lungo il confine israelo-libanese è stata tesa a causa dei periodici bombardamenti israeliani.

Ore 20:45 Netanyahu: Gli attacchi aerei a Gaza sono solo all'inizio, "stanno arrivando giorni duri" per Israele

Netanyahu aggiunge che l’attuale bombardamento su Gaza è “solo l’inizio”, senza specificare ulteriormente se seguirà un’invasione di terra.

Ha aggiunto che Israele farà di tutto per liberare i prigionieri detenuti a Gaza, ma ha avvertito che “si stanno avvicinando giorni difficili” per Israele, che potrebbero creare le premesse per un conflitto che potrebbe richiedere settimane, o anche di più, per concludersi.

Ore 20:15 The Times of Israel: Israele colpirà Hamas a Gaza anche a costo di danneggiare gli ostaggi israeliani

Una fonte definita autorevole dal quotidiano ebraico The Times of Israel, ha rivelato che “Israele ha deciso che i suoi attacchi contro obiettivi terroristici a Gaza saranno condotti con grande forza e ampiezza, anche a costo di danneggiare gli israeliani tenuti prigionieri a Gaza.”

20:05 Il numero dei soldati e dei coloni dell'occupazione israeliana neutralizzati dalla resistenza palestinese dallo scoppio dell'operazione #AlAqsaFlood è salito a 900, secondo quanto riportano i media ebraici.

Ore 20:00 Defence for Children International: da sabato 100 bambini palestinesi uccisi in Cisgiordania e Gaza

Da quando l’esercito israeliano ha lanciato l’offensiva sulla Striscia di Gaza, sabato mattina, quasi 100 bambini palestinesi sono stati uccisi, afferma Defense for Children International – Palestine.

Almeno 91 bambini palestinesi a Gaza sono stati uccisi da attacchi aerei israeliani, e le forze israeliane hanno sparato e ucciso cinque ragazzi palestinesi nella Cisgiordania occupata, ha precisato il gruppo per i diritti dell’infanzia.

Ore 19:55 L’Irlanda si rifiuta di sospendere gli aiuti dell’UE ai palestinesi

L'Irlanda ha chiesto alla Commissione europea di chiarire la base giuridica per la sospensione degli aiuti ai palestinesi e ha espresso opposizione a sospendere l'assistenza.

"A quanto ci risulta non esiste alcuna base giuridica per una decisione unilaterale di questo tipo da parte di un singolo Commissario e non siamo favorevoli alla sospensione degli aiuti", ha ribadito un portavoce del ministero degli Esteri irlandese.

Il commissario europeo Oliver Varhelyi aveva annunciato, oggi, la decisione di sospendere gli aiuti in un post sui social media. “Abbiamo bisogno di azione e ne abbiamo bisogno adesso”, ha scritto Varhelyi.

Anche Germania e Austria hanno annunciato che avrebbero congelato gli aiuti allo sviluppo ai palestinesi.

Ore 19:40 Hamas promette di giustiziare un colono israeliano in ostaggio per ogni nuovo attacco israeliano alle case civili palestinesi

Il portavoce delle Brigate Al-Qassam, Abu Obaida, in un comunicato stampa: Qualsiasi attacco contro il nostro popolo senza preavviso verrà risolto con l'esecuzione di un colono israeliano in ostaggio.  Abbiamo sopportato un grande dolore per ciò che è accaduto a molte famiglie in Gaza a causa dei crimini fascisti sionisti. Riteniamo il nemico responsabile di questa decisione davanti al mondo. La palla è nel suo campo.”

Ore 19:30 Ministro degli Esteri israeliano: Hamas ha fatto prigioniere più di 100 persone
Il ministro degli Esteri Eli Cohen ha dichiarato che le autorità israeliane ora ritengono che 100 persone siano state catturate da Hamas e portate a Gaza.

In seguito all'annuncio da parte delle Brigate Al-Qassam che minacciano di giustiziare i prigionieri, e alle notizie secondo cui Israele continuerà a bombardare Gaza nonostante la presenza dei prigionieri, le loro vite sono ora in estremo pericolo.

Ore 18:15 Al Jazeera: Israele attacca le infrastrutture civili di Gaza

In un reportage da Gaza, Tareq Abu Azzoum di Al Jazeera ha affermato che il territorio palestinese è testimone di pesanti bombardamenti – mai visti nelle guerre precedenti – che prendono di mira le case e le infrastrutture civili dei palestinesi.

“L’esercito israeliano è impazzito contro la Striscia di Gaza. L'aeronautica militare israeliana è riuscita a effettuare decine e centinaia di attacchi contro le infrastrutture civili e le aree residenziali di Gaza", ha denunciato.

Ore 17:50 Il bilancio delle vittime palestinesi a Gaza sale a 560

Almeno 560 palestinesi di Gaza sono stati uccisi da Israele dal 7 ottobre, dice il ministero della Sanità nell’enclave costiera assediata.

Il ministero ha anche affermato che circa 2.900 persone sono rimaste ferite.

Ore 17:30 L'eurodeputato irlandese Mick Wallace: "Gli israeliani che uccidono i palestinesi ogni giorno vanno bene, a malapena vale la pena denunciarli, per non parlare di condannarli - I palestinesi che reagiscono sono la fine del mondo, ogni palestinese dovrebbe scusarsi per aver pensato di avere il diritto di resistere - Nessuna giustizia, nessuna pace."

Ore 17:00 Un breve riepilogo della guerra Israele-Hamas:

Ecco un breve riepilogo degli sviluppi più significativi del conflitto nelle ultime ore:

  • Israele ha annunciato un “blocco totale” su Gaza, compreso il divieto di acqua e cibo, come parte delle sue misure di ritorsione in seguito agli attacchi di Hamas.
  • Il pesante bombardamento di Gaza è continuato mentre crescevano i timori di un'operazione di terra israeliana.
  • Il ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov, ha chiesto il ritorno alla “soluzione dei due Stati” come unica via per risolvere il conflitto.
  • Israele ha affermato che i combattenti armati che hanno tentato di infiltrarsi nel paese attraverso il Libano sono stati uccisi.
  • L’Unione Europea ha sospeso i pagamenti degli aiuti alla Palestina fino a nuovo avviso.
  • I ministri degli Esteri della Lega Araba hanno detto che si incontreranno mercoledì per discutere “dell’aggressione israeliana alla Striscia di Gaza”.
  • Gli Stati Uniti hanno affermato che nove americani sono stati inclusi nel bilancio delle vittime di Israele.

ore 16:00 Israele attacca obiettivi in territorio libanese

L'esercito israeliano ha rilasciato una dichiarazione sui social media affermando di aver colpito obiettivi nel sud del Libano utilizzando elicotteri da combattimento.

Separatamente, le Forze ad interim delle Nazioni Unite nel Libano meridionale (UNIFIL) hanno affermato di aver rilevato esplosioni vicino ad al-Boustan, nel sud-ovest del Libano.

"Il comandante della forza e capo dell'UNIFIL, Gen. Lazaro, è in contatto con le parti coinvolte, esortandole a esercitare la massima moderazione e a utilizzare i meccanismi di collegamento e coordinamento dell'UNIFIL per prevenire un'ulteriore escalation e perdita di vite umane", ha avvertito la forza delle Nazioni Unite in un suo post su X.

Ore 14:30 Secondo fonti ebraiche, il numero di soldati e coloni israeliani uccisi negli scontri con la Resistenza palestinese dall'inizio dell'operazione AlAqsaFlood è salito a 800.

Ore 14:20 Un combattente della resistenza palestinese, parlando dall'interno di una casa occupata da Israele in un insediamento coloniale israeliano a est della Striscia di Gaza,  afferma di rifiutarsi di fare del male alle donne civili israeliane, nonostante vivano su terre palestinesi rubate.

Ore 13:45 Un funzionario israeliano afferma che “non esiste alcuna negoziazione” per il rilascio degli ostaggi, rispondendo a una precedente affermazione di una fonte di Hamas secondo cui Israele era stato in contatto con il Qatar come mediatore.

La smentita arriva mentre Reuters conferma un precedente rapporto dell'agenzia di stampa cinese Xinhua, secondo cui i mediatori del Qatar sono stati in contatto con funzionari di Hamas nel tentativo di garantire il rilascio delle donne e dei bambini israeliani detenuti a Gaza in cambio di 36 donne e bambini palestinesi detenuti a Gaza. carceri israeliane.

Ore 13:00 Germania e Austria sospendono gli aiuti ai palestinesi

Austria e Germania dichiarano di aver sospeso gli aiuti ai palestinesi.

Alexander Schallenberg, ministro degli Esteri austriaco, ha dichiarato che il suo paese sospenderà 19 milioni di euro (20 milioni di dollari) in aiuti per diversi progetti.

Il ministro tedesco dello Sviluppo, Svenja Schulze, ha affermato che al momento non sono stati effettuati pagamenti.

“A questo punto non userei la parola congelamento, perché siamo nel mezzo di una guerra. La formulazione non corrisponde alla situazione sul campo", ha osservato in una conferenza stampa.

Ore 12:45 Zelenskyj paragona Hamas alla Russia

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj traccia un parallelo tra Russia e Hamas.

"Lo stesso male, e l'unica differenza è che c'è un'organizzazione terroristica che ha attaccato Israele, e qui c'è uno stato terrorista che ha attaccato l'Ucraina", dice Zelenskyj in un discorso video all'assemblea parlamentare della NATO a Copenaghen.

Ore 12:30 La resistenza palestinese bombarda l'aeroporto israeliano Ben-Gurion con razzi in risposta agli attacchi e all'uccisione di civili, compresi bambini, da parte di Israele a Gaza

Ore 12 Israele imporrà il “blocco totale” su Gaza
Yoav Gallant, ministro della Difesa israeliano, ha annunciato un “assedio totale” di Gaza, affermando che le autorità taglieranno l'elettricità e bloccheranno l'ingresso di cibo e carburante.

Ore 11:50 Per la prima volta, l'ala militare di Hamas, le Brigate Al-Qassam, ha pubblicato un video del suo sistema di difesa aerea autoprodotto "Mutabbar 1".

Ore 11:45 Suonano le sirene a Gerusalemme, a Tel Aviv

A Gerusalemme si sono sentite esplosioni probabilmente a causa dell'intercettazione di razzi in aria o dell'impatto di razzi, riferisce l'agenzia di stampa Reuters.

Ore 11:40 Israele invita 300.000 riservisti

Israele ha arruolato 300.000 riservisti per rafforzare le proprie forze, ha annunciato il portavoce dell'IDF Hagar.

Ore 11:30 Quds News Network: "Decine di civili palestinesi innocenti, compresi bambini, sono stati brutalmente massacrati in un attacco aereo israeliano contro un quartiere densamente popolato nel campo profughi di Jabalia, a nord della Striscia di Gaza".

ore 11:15 Aerei da combattimento israeliani distruggono una moschea con missili nel campo profughi di Shati' a Gaza City, poche ore dopo che un'altra moschea è stata rasa al suolo dagli attacchi aerei israeliani nel campo.

Ore 11:00 Secondo i media locali, Hamas intende scambiare alcuni degli ostaggi presi durante il suo attacco in Israele con donne palestinesi rinchiuse nelle carceri israeliane.

Inoltre, si dice che il Qatar sia coinvolto nella mediazione dell’accordo con Israele.

Ore 10:25 Sale a 493 il bilancio delle vittime a Gaza

Il numero delle persone uccise dagli attacchi israeliani nella Striscia di Gaza è salito a 493, secondo  i funzionari sanitari. I feriti sono oltre 2.750.

Ore 10:00 Riservisti israeliani in contrasto con Netanyahu prima dell'assalto di Hamas del 7 ottobre

Secondo le stime più recenti, Israele conta circa 465.000 riservisti che possono essere richiamati per prestare servizio fino a 60 giorni all'anno.

A seguito di una formale dichiarazione di guerra da parte del governo israeliano contro Hamas, decine di migliaia di riservisti vengono richiamati in servizio attivo, mentre circa 100.000 soldati si ammassano al confine meridionale con Gaza.

I recenti sviluppi politici prima dell’assalto di Hamas del 7 ottobre, tuttavia, hanno contrapposto il governo del primo ministro Benjamin Netanyahu ai riservisti, poiché decine di migliaia di loro si sono opposti alla sua spinta per una revisione giudiziaria. Alcuni hanno addirittura saltato gli addestramenti per protestare contro Netanyahu.

Ore 09:00 Sviluppi chiave mentre la guerra entra nel terzo giorno

  • Continuano gli scontri a fuoco tra i combattenti di Hamas e le forze israeliane in tre aree principali del sud di Israele: in un kibbutz a Karmia e nelle città di Ashkelon e Sderot.
  • Un alto funzionario di Hamas afferma che il gruppo tiene prigioniere più di 100 persone a Gaza.
  • L'esercito israeliano afferma di aver radunato 100.000 soldati di riserva vicino alla recinzione di Gaza.
  • Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU  si è riunito a porte chiuse in una sessione di emergenza ma non è riuscito a raggiungere l’unanimità necessaria per una dichiarazione congiunta.
  • Secondo le Nazioni Unite, gli attacchi aerei e i bombardamenti israeliani mirati alle aree residenziali hanno provocato lo sfollamento di circa 123.538 palestinesi a Gaza.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

00:50 La Russia chiede la fine dei combattimenti e incoraggia i negoziati

Vassily Nebenzia, l’ambasciatore russo presso le Nazioni Unite, ha affermato che il suo messaggio alla riunione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite è stato “di fermare immediatamente i combattimenti e di procedere ad un cessate il fuoco e a negoziati significativi, come è stato detto per decenni” dal Consiglio di Sicurezza.

“Ciò è in parte il risultato di questioni irrisolte”, ha affermato.

Ore 23:45

Il bilancio delle vittime palestinesi sale a 421 a Gaza e nella Cisgiordania occupata

Secondo il ministero della Sanità palestinese, almeno 421 palestinesi sono stati uccisi a Gaza e nella Cisgiordania occupata.

Ecco una ripartizione:

Striscia di Gaza:

  • 413 persone uccise, di cui 78 bambini e 41 donne
  • 2.300 persone ferite

Cisgiordania occupata:

  • Otto persone uccise (Ramallah: due morti, Gerico: due morti, Qalqilia: una morta, Hebron: due morti, Nablus: una morta)
  • Più di 70 persone ferite

Ore 23:21 Le forze di occupazione israeliane si scambiano colpi di arma da fuoco con i combattenti della resistenza palestinese al checkpoint militare di Qalandia, a nord di Gerusalemme occupata.

Ore 23:17 Il costo umano degli attacchi israeliani dal 2008 ad oggi

Secondo quanto riferito, più di 1.000 persone sono state uccise negli ultimi scontri tra Hamas e l'esercito israeliano, tra cui 413 palestinesi.

Gli attacchi israeliani sulla Striscia di Gaza negli ultimi 15 anni hanno provocato l’uccisione di migliaia di palestinesi, tra cui donne, bambini e anziani.

Di seguito è riportata una ripartizione del bilancio delle vittime dal 2008.

Ore 22:20 L'inviato palestinese delle Nazioni Unite: ll mondo deve “difendere” il diritto internazionale

L'inviato palestinese all'ONU afferma che tutti coloro che credono nella Carta delle Nazioni Unite e nel diritto internazionale non devono perdere di vista il “quadro più ampio”.

"Dobbiamo difendere la visione racchiusa nella risoluzione del Consiglio di sicurezza... e adottare le misure necessarie per garantire il rispetto delle sue disposizioni", ha detto Riyad Mansour presso la sede delle Nazioni Unite, dove è fissata una riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza.

“Israele si aspetta e richiede sostegno politico e militare mentre porta avanti obiettivi che sono fondamentalmente in contrasto con la legittimità e il consenso internazionale. … Coloro che sostengono Israele possono ignorare la sua agenda colonialista e razzista?”

Ore 19:45 Le principali compagnie aeree cancellano decine di voli per Tel Aviv

Diverse compagnie aeree, tra cui American Airlines, Air France, Lufthansa, Emirates e Ryanair, hanno cancellato dozzine di voli per l'aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv.

La compagnia di bandiera israeliana El Al afferma che per ora continuerà i suoi voli per Tel Aviv, anche se alcuni voli operati da partner stranieri sono stati cancellati.

Ore 19:38 Il bilancio delle vittime israeliane nell’attacco di Hamas ha superato le 700 persone

Il bilancio delle vittime israeliane dell'attacco di Hamas contro lo Stato ebraico ha superato le 700 persone, riferiscono i media ebraici, citando funzionari sanitari.

Finora i feriti israeliani sono più di 2.100 persone.

Ore 19:20 I danni agli edifici e strutture pubbliche di Gaza in seguito ai bombardamenti israeliani

Ore 19:00 Quds news Network: "L'esercito israeliano afferma di aver bombardato 800 obiettivi di Hamas a Gaza, ma in realtà questi obiettivi erano rivolti contro bambini, moschee, scuole e case civili".

Ore 18:30 "Hamas è riuscito a sorprendere Israele in un modo che nessun esercito arabo ha mai fatto nella storia, secondo il giornalista e analista israeliano Tzvi Yehezkeli".

Ore 17:51 Il bilancio delle vittime israeliane sale a 659

Gli ultimi rapporti dei media israeliani riferiscono che almeno 659 persone sono state uccise in Israele.

Ore 17:00 Ecco le ultime da Gaza

Dal corrispondente di Al Jazeera Tarek Abu Azzoum le ultime novità da Gaza:

  • La popolazione di Gaza si trova ad affrontare “gravi condizioni” mentre continuano gli attacchi aerei israeliani.
  • Aerei israeliani hanno distrutto l'edificio che ospita la Banca nazionale islamica palestinese, a breve distanza da dove Al Jazeera stava trasmettendo in diretta.
  • Sono state rase al suolo anche altre infrastrutture civili lungo la strada.
  • Secondo il Ministero della Sanità palestinese, il bilancio delle vittime ammonta ora a più di 380 palestinesi uccisi e oltre 2.200 feriti.
  • Circa l’80% delle famiglie è senza elettricità.
  • I palestinesi di Gaza hanno ricevuto messaggi sui loro telefoni dalle autorità israeliane, in particolare da quelli che vivono vicino alla parte orientale di Gaza, di evacuare immediatamente e spostarsi in aree più centrali.

Ore 16.00 "Il numero di soldati e coloni israeliani catturati a Gaza e dei dispersi supera i 100", ha riferito l'ufficio del primo Ministro israeliano Netanyahu.

Ore 15:56 "Attivisti filo-palestinesi scendono in piazza a Manchester a sostegno della resistenza palestinese e della Striscia di Gaza".

Ore 15:38 Il bilancio delle vittime palestinesi sale a 370

Il Ministero della Salute palestinese a Gaza ha aggiornato il bilancio delle vittime a 370.

Poco fa, il ministero ha anche ricordato che altre 2.200 persone sono rimaste ferite a causa dell'attacco israeliano in corso contro l'enclave costiera assediata.

Ore 15:25 Blinken: Gli Stati Uniti "probabilmente" forniranno nuova assistenza militare a Israele

Il segretario di Stato americano Antony Blinken annuncia che “probabilmente” verranno forniti ulteriori dettagli sulla nuova assistenza militare a Israele nel corso della giornata.

"Stiamo esaminando specifiche richieste aggiuntive che gli israeliani hanno fatto - penso che probabilmente ne sentirete di parlare più tardi oggi", ha detto Blinken alla CNN.

Ha aggiunto che la direzione del presidente Joe Biden era quella di “assicurarsi di fornire a Israele tutto ciò di cui ha bisogno in questo momento per affrontare gli attacchi di Hamas”.

Ore 15:13 The Times of Israel: Uccisi più di 600 israeliani

Secondo il quotidiano The Times of Israel,Il bilancio stimato delle vittime dell’operazione militare di Hamas alle comunità di confine israeliane è balzato bruscamente questo pomeriggio, dalle 300 di questa mattina a circa 600.

“Un portavoce di ZAKA, un gruppo di volontari che si occupa di cadaveri e resti umani dopo gli attacchi terroristici, ha detto ai media ebraici che più di 600 israeliani sono stati uccisi” si legge sul media israeliano.

I corpi vengono ritrovati mentre le forze israeliane continuano a combattere Hamas.

Ore 15:05 Il gabinetto di sicurezza israeliano dichiara lo stato di guerra

Il gabinetto di sicurezza israeliano ha dichiarato ufficialmente lo stato di guerra, consentendo al governo di svolgere "attività militari significative", secondo l'ufficio del primo ministro Benjamin Netanyahu.

Il primo ministro ha affermato che la guerra è stata “imposta a Israele da un attacco terroristico omicida proveniente da Gaza”.

Ore 14:45 Il presidente iraniano Raisi parla con Hamas e i leader della jihad islamica

Il presidente iraniano Ebrahim Raisi ha parlato con i leader di Hamas e della Jihad islamica, riferisce l'agenzia di stampa statale IRNA.

"Raisi ha discusso degli sviluppi in Palestina in telefonate separate con Ziyad al-Nakhalah, segretario generale del Movimento della Jihad islamica, e Ismail Haniyeh, capo dell'ufficio politico [di Hamas]", ha riferito l'agenzia di stampa statale IRNA, senza fornire ulteriori dettagli.

Ore 14:20 Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha avvertito i residenti di Gaza di “andarsene adesso” prima che le forze israeliane trasformino l'enclave in una “isola deserta”.

Ma dove possono andare?

Ore 13:30 Hezbollah ai combattenti palestinesi: “le nostre armi e i nostri razzi sono con voi”

“La nostra storia, le nostre armi e i nostri razzi sono con voi. Siamo tutti con voi”, ha dichiarato Hashem Safieddine, alto funzionario di Hezbollah, durante un evento nella roccaforte di Hezbollah di Dahieh, alla periferia di Beirut.

Ore 13:20 Esercito israeliano conferma morte di 44 soldati

L'esercito israeliano comunica che finora nei combattimenti in Israele sono stati uccisi 44 soldati. L'esercito ha annunciato i nomi dei soldati su X in due post separati. Ha aggiunto che le loro famiglie sono state informate.

Ore 13:00 L'esercito israeliano annuncia l'evacuazione degli insediamenti

L'esercito israeliano comunica che gli insediamenti adiacenti alla recinzione di Gaza saranno evacuati: Urim, Bari, Nahal Oz, Nativ Hatara e Zikim.

"A seguito della valutazione operativa della situazione, ai residenti è stato chiesto di evacuare le loro case".

L’esercito israeliano aveva già annunciato  in precedenza che tutti i residenti che vivono nelle città vicine alla recinzione sarebbero stati evacuati entro 24 ore.

Ore 12:45 Quds News Network: "L'ultima mappa dell'Operazione Al-Aqsa Flood da parte della resistenza palestinese nelle vicinanze della Striscia di Gaza

Ore 12:41 L'esercito israeliano comunica i nomi di altri 18 soldati uccisi.

Nella dichiarazione si precisa che le loro famiglie sono state informate.

All'inizio della giornata, i militari israeliani avevano rivelato i nomi di altri 26 soldati morti negli scontri.

Ore 12:33 Il bilancio delle vittime israeliane sale a 350. I feriti sono 1590

Secondo quanto riportato dai media nazionali, il bilancio delle vittime israeliane delle violenze è salito a 350. Il numero precedente riportato era 300. Secondo il The Times of Israel “gli ospedali sono stati inondati di feriti, con l'ultimo conteggio di 1.590, di cui circa 300 gravemente feriti e 19 in condizioni critiche.”

Ore 12:00 La Cina esprime grande preoccupazione per l’escalation di violenza tra Palestina e Israele

Il ministero degli Esteri cinese, oggi attraverso un comunicato, ha espresso forte preoccupazione per la ripresa del conflitto tra Palestina e Israele.

"La Cina è profondamente preoccupata per l'attuale escalation di tensioni e violenze tra Palestina e Israele. Esortiamo le parti coinvolte a mantenere la calma, esercitare moderazione e cessare immediatamente le ostilità per proteggere i civili e prevenire un ulteriore deterioramento della situazione", si legge nel documento della diplomazia di Pechino.

Ore 11:40 Hezbollah ha rivendica la responsabilità degli attacchi con colpi di mortaio dal Libano contro le fattorie occupate di Shebaa, mentre Israele afferma di aver risposto.

  • L’escalation arriva mentre crescono i timori di un’invasione di terra di Gaza dopo che il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha minacciato di trasformare l’enclave palestinese assediata in una “isola deserta” in seguito all’attacco a sorpresa di Hamas di sabato.

Ore 11:30 il Ministero della Sanità palestinese ha dichiarato che 313 persone sono state uccise e 1.990 ferite nella Striscia di Gaza a seguito degli attacchi delle forze di occupazione israeliane, IDF.

 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Ore 22:00 Le forze di difesa israeliane hanno riferito di aver ripreso il controllo della maggior parte degli insediamenti nel sud, al confine con la Striscia di Gaza.

Ore 21:54 Al Jazeera Si intensificano gli attacchi dei coloni in Cisgiordania

Gli attacchi dei coloni in tutta la Cisgiordania si stanno intensificando, raccontano i palestinesi.

A Yasuf, a est di Salfit, dieci persone sono rimaste ferite, sei delle quali con proiettili veri, secondo Wael Abu Madi, vicecapo del consiglio del villaggio.

“Nel nostro piccolo villaggio siamo costantemente soggetti agli attacchi dei coloni, soprattutto contro i nostri agricoltori, ai quali viene impedito l’accesso alle loro terre”, ha detto Abu Madi.

“Ieri i coloni hanno distrutto 40 alberi e rubato il nostro raccolto di olive, e oggi hanno cercato di fare irruzione nel villaggio, con l’aiuto dell’esercito, che ci ha sparato con proiettili veri”.

Ha aggiunto che tre case sono state bruciate “e hanno cercato di bruciare un’altra casa con donne e bambini dentro”.

“I coloni hanno anche sparato con le proprie armi e hanno pugnalato un giovane, mentre altri circondavano una casa per due ore, prima di fuggire quando sono arrivate persone dal villaggio”.

Ore 21:50 Netanyahu: Israele “raggiungerà ogni luogo in cui Hamas si nasconde”

Il primo ministro israeliano, in un discorso televisivo, ha promesso che Israele sconfiggerà Hamas, ma ha detto che i combattimenti “richiederanno tempo”.

Netanyahu ha avvertito che Israele “raggiungerà ogni posto in cui Hamas si nasconde”, dicendo ai residenti di Gaza di “lasciare quei posti adesso”.

Riferendosi ai prigionieri israeliani detenuti a Gaza, ha aggiunto: “Dico ad Hamas che è responsabile del benessere dei prigionieri, Israele regolerà i conti con chiunque faccia loro del male”.

Ore 21:45 Ministero degli Esteri israeliano: "Il numero di israeliani morti, catturati e dispersi è enorme"

Ore 21:35 Gerusalemme occupata. Giovani manifestanti palestinesi ingaggiano una battaglia con le forze di occupazione israeliane nel quartiere di Ras al-Amud

Ore 20:55 I ministri del governo israeliano fuggono in un bunker sotterraneo mentre le sirene antiaeree suonano a Tel Aviv durante una sessione di governo.

Ore 20:30 Il numero dei palestinesi uccisi a Gaza sale a 232

Ultimo aggiornamento dal Ministero della Sanità nella Striscia di Gaza:

  • Il numero dei palestinesi uccisi ha raggiunto quota 232; I feriti sono 1.697
  • Ci sono decine di pazienti in condizioni critiche
  • Ci saranno gravi ripercussioni sulla salute a causa delle interruzioni di corrente
  • Lo stato di preparazione rimane limitato a causa dell’assedio israeliano e della grave carenza di medicinali e altre forniture.

Ore 19:43 Ofer Cassif membro del partito Hadash e della Knesset israeliana: “Finché durerà l’occupazione dei territori palestinesi, questi crimini terribili continueranno”

Il membro del partito Hadash e della Knesset israeliana Ofer Cassif afferma che, sebbene l'uccisione di civili da entrambe le parti sia condannabile, è stata l'occupazione israeliana dei territori palestinesi e le azioni del governo guidato da Netanyahu a essere responsabili della morte di israeliani e Palestinesi.

“[La morte] è insopportabile. Ma quello che stiamo dicendo è che l’unico modo per prevenire tali crimini da entrambe le parti è porre fine all’occupazione”, ha detto.

“Finché durerà l’occupazione, questi crimini terribili continueranno… e questo governo lo vuole”, ha denunciato.

Cassif ha anche criticato il governo degli Stati Uniti, ricordando che se avesse esercitato pressioni su Israele affinché si muovesse verso una soluzione politica pacifica per porre all'occupazione, eventi come quello di oggi non sarebbero accaduti.

Ore 19:31 La resistenza palestinese lancia centinaia di razzi puntati su Tel Aviv in risposta al bombardamento israeliano di edifici residenziali nella Striscia di Gaza.

Ore 19:25 La Turchia rifiuta di condannare Hamas, poiché chiede il ripristino della calma nella regione

Il Ministero degli Esteri turco si rifiuta di condannare Hamas o di pronunciare la parola “terrorismo”, affermando si essere “profondamente preoccupato per la violenza e la tensione che si è verificata [sic] oggi in Israele e Palestina”.

“Attribuiamo grande importanza al ripristino della calma nella regione il più presto possibile e condanniamo fermamente la perdita di vite civili. Sottolineiamo che gli atti di violenza e le relative escalation non andranno a vantaggio di nessuno e invitiamo le parti ad agire con moderazione ed evitare passi impulsivi”.

Ankara esorta inoltre “le parti” a lavorare per una soluzione a due Stati.

Ore 19:21 Quattro palestinesi, compreso un bambino, uccisi nella Cisgiordania occupata

Un quarto palestinese è stato ucciso nella Cisgiordania occupata, secondo il Ministero della Sanità palestinese.

Ahmad Abdel Nasser Rabi, 13 anni, è stato ucciso dai soldati israeliani a Qalqilia, ha precisato il ministero.

L’ONU aveva lamentato che il 2023 sarà l’anno più mortale per i palestinesi da quando, nel 2006, ha iniziato a contare le vittime.

Ore 19:20 IDF: “150 uccisi nel massiccio assalto di Hamas”

Il bilancio delle vittime della guerra di Hamas contro Israele sale a oltre 150, secondo quanto ha riferito The Times of Israel il bilancio delle vittime dell’operazione militare di Hamas contro Israele .

Il Ministero della Sanità israeliano ha confermato che 1.104 persone sono rimaste ferite negli attacchi, tra i quali “i terroristi di Hamas che si sono infiltrati in Israele e hanno ucciso soldati e civili. Altri sono rimasti feriti negli attacchi missilistici.”

Si prevede che il bilancio delle vittime aumenterà ulteriormente.

Ore 18:20 Riepilogo sulle ultime novità

  • L'esercito israeliano afferma che i combattimenti sono in corso in 22 località vicino al divario tra Gaza e Israele.
  • Un attacco israeliano a un grattacielo nell'affollata Gaza City è stato catturato durante una ripresa dal vivo di Al Jazeera English.
  • Israele afferma che soldati e civili israeliani sono stati fatti prigionieri, con Netanyahu che afferma: “Siamo in guerra e vinceremo”.
  • Le autorità sanitarie affermano che almeno 198 palestinesi sono stati uccisi nei raid su Gaza, mentre le autorità israeliane affermano che almeno 70 israeliani sono stati uccisi negli attacchi di Hamas.
  • Gli analisti affermano che la natura degli attacchi di Hamas contro Israele non ha precedenti negli ultimi anni e potrebbe trasformare il panorama del conflitto radicato.

Ore 17:57 Biden promette a Israele “tutti i mezzi adeguati di sostegno”

Biden ha detto a Netanyahu che Washington è pronta a fornire “tutti i mezzi di sostegno appropriati” nel contesto degli attacchi contro Israele e del bombardamento israeliano in corso su Gaza.

“Israele ha il diritto di difendere sé stesso e il suo popolo. Gli Stati Uniti mettono in guardia contro qualsiasi altra parte ostile a Israele che cerchi di trarre vantaggio da questa situazione”, ha detto Biden.

L'ufficio del primo ministro israeliano aveva precedentemente affermato che Biden aveva chiamato Netanyahu, ribadendo che era necessaria una “campagna energica e prolungata”.

Ore 17:52: Aerei da combattimento israeliani distruggono la Torre Palestina a Gaza City, sfollando i suoi residenti.

"Il portavoce delle Brigate Al-Qassam, Abu Obaida: "Ora che l'occupazione ha bombardato la Torre Palestinese a Gaza City, Tel Aviv deve stare su una gamba sola e attendere la nostra risposta sconvolgente."

Ore 17:50 L'agenzia di soccorso israeliana riferisce di 70 israeliani morti e centinaia gravemente feriti

Il servizio di soccorso nazionale israeliano ha affermato che il bilancio delle vittime è salito a 70 israeliani uccisi durante gli attacchi di Hamas nel sud di Israele, con centinaia di feriti gravi.

I media israeliani avevano comunicato che il bilancio delle vittime ha raggiunto quota 100, sebbene la cifra non possa essere confermata in modo indipendente.

Ore 17:45 Siria: Al-Aqsa Storm, capitolo onorevole nella lotta palestinese

Il governo siriano considera “onorevole” l’operazione palestinese contro l’entità sionista e riafferma il suo sostegno al raggiungimento dei diritti dei palestinesi.

Il governo siriano descrive l’operazione palestinese “Al-Aqsa Storm” come “onorevole” e assicura che la Resistenza è l’unico modo per rivendicare i diritti dei palestinesi.

Ore 17:31 Portavoce militare israeliano: Combattimenti in corso in 22 località vicino a Gaza

Il portavoce ha comunicato che i combattimenti sono in corso in quasi una decina di località vicino alla divisione tra Gaza e Israele, secondo l'agenzia di stampa Reuters.

Ha aggiunto che soldati e comandanti israeliani sono stati uccisi e sono stati presi prigionieri di guerra.

17:17 MSF: Infermiera e assistente di ambulanza uccisi negli attacchi a Gaza

L'organizzazione umanitaria ha comunicato che gli attacchi israeliani hanno colpito l'ospedale indonesiano e un'ambulanza davanti all'ospedale Nasser, nel sud di Gaza.

"Gli attacchi hanno ucciso un'infermiera, un autista di ambulanza, ne hanno feriti diversi e danneggiato una stazione di ossigeno", ha aggiunto MSF su X.

“Le strutture sanitarie non possono diventare bersagli. Chiediamo a tutte le parti di rispettare le infrastrutture sanitarie, che devono rimanere un santuario per le persone in cerca di cure”, ha affermato il gruppo.

17:02 Il bilancio delle vittime a Gaza sale a 198

Secondo i funzionari sanitari, il numero dei palestinesi uccisi a Gaza in seguito agli attacchi israeliani è salito a 198.

Sono rimaste ferite anche più di 1.600 persone.

Ore 17:00 I media di Israele riferiscono della morte di 100 israeliani

Il governo israeliano ha affermato che almeno 40 israeliani sono stati uccisi nell'attacco, ma i media locali riferiscono che il numero è salito ad almeno 100.

La cifra è stata comunicata dal Canale 12 israeliano riferendo che almeno 100 israeliani sono stati uccisi dallo scoppio dell'operazione di Hamas nella Palestina meridionale occupata questa mattina presto.

15:23 Riepilgo eventi

  • Almeno 160 palestinesi sono stati uccisi a Gaza e oltre 1.000 sono rimasti feriti, secondo l'autorità sanitaria palestinese, dopo che Israele ha lanciato attacchi in rappresaglia all'offensiva a sorpresa di Hamas sul territorio israeliano.
  • Fonti sanitarie israeliane hanno affermato che 40 israeliani sono morti e 750 sono rimasti feriti a causa degli attacchi di Hamas.
  • Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha detto che il suo paese è “in guerra”, mentre la Palestina ha ribadito che la fine dell'occupazione israeliana dal suo territorio è l'unica garanzia per “sicurezza, stabilità e pace” nella regione.
  • Gli Stati Uniti hanno annunciato che lavoreranno per garantire che Israele “abbia ciò di cui ha bisogno per difendersi” e Regno Unito, UE e Ucraina hanno condannato gli attacchi di Hamas contro Israele.
  • Un consigliere del leader supremo iraniano Ali Hosseini Khamenei ha affermato che l'Iran ha sostenuto l'attacco dei palestinesi. Anche il gruppo armato libanese Hezbollah ha riferito di essere “in diretto contatto con la leadership della resistenza palestinese”.
  • Mosca ha espresso "seria preoccupazione" per gli scontri militari tra palestinesi e israeliani. "Confermiamo la nostra posizione principale e coerente secondo cui questo conflitto, che dura già da 75 anni, non ha soluzione con la forza e può essere risolto solo con mezzi politico-diplomatici", ha ribadito la portavoce del Ministero degli Esteri russo Maria Zakharova.

14:57: Pentagono: Gli Stati Uniti lavoreranno per garantire che Israele “abbia ciò di cui ha bisogno per difendersi”

Il segretario alla Difesa statunitense Lloyd Austin ha annunciato che gli Stati Uniti lavoreranno per garantire che Israele “abbia ciò di cui ha bisogno per difendersi”.

"Nei prossimi giorni il Dipartimento della Difesa lavorerà per garantire che Israele abbia ciò di cui ha bisogno per difendersi e proteggere i civili dalla violenza indiscriminata e dal terrorismo", ha affermato Austin in una nota.

14:56 Al Jazeera: 160 palestinesi uccisi e altri 1000 feriti negli attacchi israeliani

Fonti mediche a Gaza hanno detto ad Al Jazeera che almeno 160 palestinesi sono stati uccisi negli attacchi israeliani.

Il numero dei feriti ha superato quota 1.000.

14:32 Media israeliani aggiornano numero prigionieri di Hamas

Almeno 53 cittadini israeliani sono stati presi in consegna da Hamas, ha riferito il media israeliano Ynet, citando una fonte del gruppo che ha contattato i media palestinesi.

14:25 Tel Aviv conferma: almeno 40 israeliani morti, 750 feriti

il governo israeliano ha confermato che il numero degli israeliani uccisi è salito ad almeno 40. Il numero precedente, comunicato dai servizi di emergenza, era 22. "Più di 750 israeliani sono rimasti feriti".

14:20 Al Jazeera: L'intensità dei bombardamenti aerei israeliani a Gaza “cresce poco a poco”:

Youmna ElSayed di Al Jazeera si trova nella Striscia di Gaza ed ha riferito che c’è un aumentare dell'intensità del bombardamento aereo israeliano.

“Stiamo assistendo al fatto che vengono presi di mira sempre più edifici residenziali. Secondo fonti locali e testimoni oculari le vittime dei bombardamenti sarebbero molte”, ha detto, sottolineando che sono stati colpiti anche edifici residenziali.

“Considerando che Gaza è sotto il blocco israeliano da 17 anni, la gente non ha nessun posto dove andare. Non hanno la possibilità di lasciare la Striscia o il territorio in tempi di escalation come questo. Non hanno rifugi in cui trasferirsi… ecco quanto appare complicato lo scenario a Gaza”, ha aggiunto.

Ore 14:07 Fondatore Times of Israel: “fallimento colossale” della sicurezza israeliana

Nel suo editoriale, il fondatore del giornale israeliano The Times of Israel, David Horovitz ha puntato il dito contro gli apparati di sicurezza israeliani dopo l’operazione devastante della Resistenza. HA titolato il suo editoriale: “’Un fallimento colossale’ quando i terroristi di Hamas si infiltrano a Gaza, cogliendo Israele impreparato.”

14:04 Mosca ha espresso "seria preoccupazione" per gli scontri militari tra palestinesi e israeliani

"Confermiamo la nostra posizione principale e coerente secondo cui questo conflitto, che dura già da 75 anni, non ha soluzione con la forza e può essere risolto solo con mezzi politico-diplomatici", ha ribadito la portavoce del Ministero degli Esteri russo Maria Zakharova.

Ore 14:04: Netanyahu invita i cittadini di Israele a unirsi

Il primo ministro Benjamin Netanyahu afferma che il primo obiettivo dell'esercito è “ripulire l'area dalle forze nemiche che si sono infiltrate e ripristinare la sicurezza e la pace negli insediamenti attaccati”.

Il leader delle Brigate al-Qassam annuncia un'operazione militare contro Israele

Mohammad Deif, comandante in capo delle Brigate al-Qassam, l'ala militare di Hamas, ha annunciato, questa mattina, il lancio dell'operazione "Al-Aqsa Flood" a seguito di una raffica di razzi lanciati e di un'operazione di infiltrazione negli insediamenti nei dintorni di Gaza.


Il leader palestinese ha affermato che l’operazione arriva in risposta alla profanazione della moschea di al-Aqsa da parte dell’occupazione israeliana, come le aggressioni alle donne in preghiera.

Ha aggiunto che la Resistenza ha lanciato più di 5.000 razzi e proiettili durante la prima fase degli attacchi.

 


Deif si è rivolto ai combattenti della Resistenza Palestinese: "Questo è il vostro momento per far capire al nemico che il suo tempo è finito", aggiungendo che la Resistenza aveva precedentemente messo in guardia l'occupazione israeliana dall'aggredire le donne adoratrici e dalla profanazione di al-Aqsa.

Il leader delle Brigate Al-Qassam si è rivolto anche ai palestinesi della Cisgiordania occupata, invitandoli a "organizzare operazioni contro gli insediamenti" e a "spazzare via" l'occupazione.

Ha poi esortato i palestinesi che risiedono ad al-Quds-Gerusalemme occupata , così come quelli nei territori occupati nel 1948, a unirsi alla lotta contro l’occupazione israeliana.

Secondo l’emittente del Qatar, Al Jazzera "almeno 35 tra soldati e coloni israeliani sono stati catturati dai combattenti della resistenza palestinese dallo scoppio dell'operazione Tempesta di Al-Aqsa” citando fonti israeliane".

Anche le moschee nel campo profughi di Shuafat a Gerusalemme sostengono la resistenza palestinese a Gaza.


Deif ha invitato i palestinesi a imbracciare le armi, utilizzando ogni mezzo possibile.

Si è rivolto anche alla Resistenza in Libano, Siria, Iraq e Iran, dicendo: "Questo è il giorno in cui fronti e bandiere si uniranno".

Inoltre, ha esortato gli algerini, i marocchini, i giordani, gli egiziani e il resto del mondo arabo ad agire a sostegno dell'operazione. 

Netanyahu: "Siamo in guerra"

Intanto, l’esercito israeliano nell'immediato ha dichiarato lo “stato di guerra” dopo che combattenti della Resistenza Palestinese si sono infiltrati negli insediamenti adiacenti a Gaza, chiedendo ai cittadini di trovarsi vicino o all’interno dei rifugi nelle aree circostanti della Striscia di Gaza.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu è stato più esplicito. Infatti, ha dichiarato poche ore dopo l'operazione della Resistenza palestinese che il suo paese è in guerra.

"Non è un'operazione, è una guerra", ha affermato rivolgendosi ai suoi cittadini attraverso i suoi social network, aggiungendo: "Vinceremo". "Il nemico pagherà un prezzo che non ha mai conosciuto", ha minacciato il primo ministro.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta di Clara Statello Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elenco aggiornato (ma non esaustivo) dei marchi italiani passati in mano straniera negli ultimi anni di Gilberto Trombetta