In Canada divampa la protesta e Trudeau lascia la capitale per sicurezza

In Canada divampa la protesta e Trudeau lascia la capitale per sicurezza

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il governo canadese ha mobilitato la polizia e le forze di sicurezza nazionale per rafforzare la presenza della polizia a Ottawa mentre i camionisti del "Freedom Convoy" che protestano contro gli obblighi vaccinali e le politiche pandemiche si fanno strada nella capitale del Canada. Si stima che circa 50.000 camionisti facciano parte del gruppo.

Affermando che alcuni manifestanti mostrano segni di "estremismo flagrante", il ministro della Pubblica Sicurezza Marco Mendicino ha dichiarato venerdì a CBC News che diversi organi delle forze dell'ordine e membri della "comunità di intelligence" si preparano ad affrontare potenziali minacce.

Il ministro ha affermato all'emittente pubblica che verranno tracciati "confini" tra libertà di parola e rischi per la sicurezza pubblica, aggiungendo che il convoglio "non riguarda la libertà" e "certamente non riguarda i camionisti". Tra i segni di estremismo che Mendicino ha indicato c’è l’equiparazione dell’obbligo vaccinale alle politiche naziste, l'esibizione di bandiere confederate degli Stati Uniti e l'incitamento al rovesciamento violento del governo.

Nel frattempo, il servizio di polizia di Ottawa ha rivelato che i suoi ranghi sarebbero stati aumentati con ufficiali delle regioni di Toronto, Londra, York e Durham e della polizia provinciale dell'Ontario. Il capo della polizia di Ottawa Peter Sloly ha descritto la situazione come "unica, fluida, rischiosa e significativa" e ha aggiunto che la violenza non sarebbe stata tollerata.

Il primo ministro Justin Trudeau - contro il quale sembra essere diretta gran parte della rabbia - ha fatto eco alle preoccupazioni sul potenziale di violenza, dicendo alla stampa canadese che un "piccolo gruppo di persone... rappresenta una minaccia per loro stessi, gli altri, i canadesi”.

Tuttavia, gli organizzatori del convoglio hanno avvertito i partecipanti che il "movimento è una protesta pacifica" e "non tollera alcun atto di violenza". Secondo la CBC, uno di quelli elencati come leader della protesta, BJ Dicher, ha avvertito i manifestanti di non entrare negli edifici governativi, mostrare mancanza di rispetto alla polizia, fare "qualsiasi tipo di minaccia" o aggravare la situazione di tensione.

Secondo quanto riferito, una delle figure chiave del convoglio, Tamara Lich, ha dichiarato tramite Facebook che i manifestanti non lasceranno Ottawa fino a quando le loro richieste non saranno soddisfatte. Tuttavia, ha anche invitato manifestanti e sostenitori a rispettare la legge e a non creare problemi.

L'obiettivo principale del Freedom Convoy è quello di fare pressione sul governo Trudeau per far cadere le regole che introducono la vaccinazione dei conducenti di camion in modo da evitare una quarantena di 14 giorni dopo aver attraversato il confine dagli Stati Uniti. Apparentemente da allora la protesta si è estesa alle politiche sanitarie del governo canadese in generale.

Il Freedom Convoy è “il più grande corteo di camion" mai visto al mondo.

"È lungo 70 km (43,5 miglia)", ha affermato il portavoce di Freedom Convoy 2022 Benjamin Dichter al Toronto Sun.

“Ho visto le riprese da un aereo. È impressionante".

L’emittente CBC ha affermato che Trudeau e la sua famiglia hanno lasciato il centro di Ottawa sabato mattina (a causa dello stretto contatto con qualcuno infetto da COVID, anche se è risultato negativo e ha ricevuto tre dosi di vaccino) mentre il convoglio di camionisti è giunto nella capitale. Il notiziario locale ha spiegato che ha lasciato la città per problemi di sicurezza.

Il convoglio dovrebbe occupare parti dell'area metropolitana e bloccare le strade davanti al parlamento fino a quando i legislatori non abrogheranno l’obbligo di vaccino per i camionisti che trasportano merci attraverso il confine.

Mentre in un mondo normale questo sarebbe considerato come satira o forse semplicemente ridicolo, l’emittente CBC ha affermato che il “Freedom Convoy” sia stato ispirato da “attori russi”. 

"...dato il sostegno del Canada all'Ucraina... Non so se sia inverosimile chiederlo, ma c'è la preoccupazione che gli attori russi possano continuare ad alimentare le cose mentre questa protesta cresce... forse anche istigandola…”. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito di Gilberto Trombetta Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli