/ In Grecia ieri c'erano i colonnelli amici dei governi occidentali...

In Grecia ieri c'erano i colonnelli amici dei governi occidentali e della NATO. Oggi ci sono i mercati, le banche, la finanza internazionale, la Troika, l'Ue

 


di Antonio Di Siena

Oggi in Grecia è festa nazionale, si celebra l’insurrezione contro la giunta militare del 17 novembre ‘73.


Da giorni migliaia di studenti erano radunati dentro il Politecnico di Atene: “Popolo greco, il Politecnico è la bandiera della vostra e della nostra sofferenza, contro la dittatura e per la democrazia”.

Nel cuore di quella tragica notte del 17 novembre l’esercito fa irruzione nel politecnico sfondando un cancello con un carro armato.


Ne seguirono scontri, violenze e una brutale repressione, la più sanguinosa della storia greca.
Morirono ventiquattro persone, tra cui un bimbo di 5 anni.

È passato mezzo secolo da allora.

Ieri c’erano i colonnelli amici dei governi occidentali e della NATO.
Oggi ci sono i mercati, le banche, la finanza internazionale, la Troika, l’Ue. Ma i greci continuano comunque a soffrire e morire.

Ma, con lo stesso spirito di allora, continuano anche a combattere la stessa vecchia battaglia.
Quella dei tanti contro i pochi per la libertà e la democrazia.

Popolo greco non mollare!
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa