Insieme anche nella cattiva sorte: jihadisti e "Caschi Bianchi" fuori dalla Siria

Insieme anche nella cattiva sorte: jihadisti e "Caschi Bianchi" fuori dalla Siria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


 
Chiudono baracca e burattini le forze della NATO dopo che l’esercito siriano ha riconquistato gran parte delle roccaforti dei “riibelli”. E tra i burattini anche i criminaliCaschi Bianchi”, da anni decantati dalla RAI che oggi, tramite Lucia Goracci, sta plaudendo alla loro “salvezza” garantita dal trasferimento in Israele e da lì verso l’Europa.




Eppure, per evitare ulteriori bagni di sangue,  il governo di Damasco, tramite la Croce Rossa Internazionale, ha finora garantito il salvacondotto a migliaia di  jihadisti che, incolumi e con le sole armi leggere, hanno potuto lasciare le città siriane che occupavano da anni. Perché mai i Caschi Bianchi non avrebbero potuto usufruire, anch’essi, di questo salvacondotto? “Perché il regime di Assad li considera delle spie al soldo degli Americani.”


Una bufala: considerando, ad esempio, l’evacuazione di Aleppo con gli automezzi dei Caschi Bianchi che aprivano i convogli. Una bufala che si direbbe confezionata, sia per glorificare il “ruolo umanitario di Israele”, sia per preparare i festeggiamenti in Europa per l’arrivo di questi tagliagole.


Già, perché il trasferimento dei Caschi Bianchi in Europa, pone una questione sulla quale ci eravamo già soffermati in un precedente articolo: che fare delle migliaia di jihadisti e altri assassini che dalla Siria stanno ritornando in Europa?


Finora, la Francia continuava a garantire a questi loro “compatrioti” l’indennità mensile di disoccupazione ma già c’è chi si è spinto più avanti. Ad esempio Gilles DeKerchove, Coordinatore antiterrorismo dell’Unione Europea, che propone di reintegrarli nella nostra società come si trattasse di tossicodipendenti (“Quando questi combattenti torneranno in Europa dovremo inevitabilmente reintegrarli e offrire loro una nuova alternativa di vita, poiché non potremo chiuderli tutti nelle carceri”).
Ma di processare questi personaggi come criminali di guerra, non ci pensa nessuno?
 

Francesco Santoianni
 
 
 

Potrebbe anche interessarti

Il servilismo di un paese praticamente fallito di Paolo Desogus Il servilismo di un paese praticamente fallito

Il servilismo di un paese praticamente fallito

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Mosca condanna le azioni di Israele di Marinella Mondaini Mosca condanna le azioni di Israele

Mosca condanna le azioni di Israele

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea di Gilberto Trombetta Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea

Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti