Israele bombarda la Siria (anche oggi). Ma quei morti non fanno notizia in Italia

Israele bombarda la Siria (anche oggi). Ma quei morti non fanno notizia in Italia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

 

Da Damasco, dei nostri contatti, fanno una domanda più che legittima: "Perché il mondo non si indigna e non mette sui suoi profili la bandiera della Siria?".

Ebbene, sì, ieri notte, per l'ennesima volta Israele ha bombardato la Siria, per la precisione la città di Harasta, nella provincia di Damasco. Due civili sono morti come ha riferito l'agenzia Sana in seguito a questo attacco.

Ormai da quando in Siria è cominciata una guerra per procura, nel 2011, Israele ha regolarmente attaccato il paese arabo con il pretesto di colpire installazioni iraniane e di Hezbollah, e con la stessa regolarità la comunità internazionale è stata in silenzio per non dire complice.

Queste foto dei danni anche materiali provocati da Israele, se modificate con la scritta "Kiev", farebbero il giro del mondo per mostrare all'opinione pubblica mondiale la crudeltà di Putin.

Invece no, Israele che ha anche la faccia tosta di far da mediatore di pace, già fa ridere così, tra una mediazione e l'altra( chissà quale è stata la proposta, o meglio cosa ha chiesto in cambio Israele alla Russia), ieri sera ha trovato il tempo per uccidere due civili in Siria.

Questi attacchi di Israele avvengono in totale disprezzo del diritto internazionale. Partono o dallo spazio aereo del Libano, senza chiedere autorizzazione a Beirut, oppure dal Golan siriano che ha occupato illegalmente nel 1967 e si è annesso nel 1982. Questa annessione è stata condannata da decine di risoluzioni Onu, ma gli USA ai tempi di Donald Trump, hanno riconosciuto il Golan occupato come parte di Israele. Invasione, è un'altra parola molto d'uso da un paio di settimane.

Vogliamo ricordare che Israele, e il suo Premier Bennet hanno condannato "l'invasione" della Russia  in Ucraina.

Israele può dire e fare tutto. Anzi, chissà che non si senta adesso in diritto di voler attaccare l'Iran mentre sono in corso i colloqui sul nucleare iraniano.

Per un altro assurdo, l'Iran non può avere armi nucleari, Israele non solo non ha aderito ai trattati di non proliferazione su questi ordigni, ma nega ogni ispezione dell'AIEA.

Pur negando, le bombe nucleari di Israele sono il più grande segreto di Pulcinella esistente.

Avete mai sentito o letto su un media italiano dell'arsenale nucleare di Israele? Chiaramente no, così come si tace su ogni abuso compiuto da Israele sui palestinesi, che contunuano anche in quetsi giorni dove l'attenzione del mondo sono concentrati sull'Ucraina.

Ecco la Palestina, sarebbe un'altra bandiera da aggiungere al profilo

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia di Antonio Di Siena Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia

Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti