Israele: convivere con il virus. Merkel: vaccino non obbligatorio. Perché si parla solo di Francia?

Israele: convivere con il virus. Merkel: vaccino non obbligatorio. Perché si parla solo di Francia?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Quando tutti i TG italiani aprono con la notizia dell'annuncio di Macron a reti unificate delle restrizioni in Francia, dove non si potrà più entrare in un centro commerciale o in un bar senza passaporto sanitario, la domanda che sorge spontanea è: perché si parla solo della Francia?

Perché improvvisamente proprio la Francia sembra diventata in Italia il modello da seguire, se, in un anno e mezzo di pandemia, la sorella Mariannina non è mai stata esempio di oculata gestione sanitaria e socioeconomica?

Allora cerchiamo di capire come, invece, si stanno "muovendo" gli altri Stati europei, in primis la Germania.

La Germania non renderà obbligatorio il vaccino.

La stessa cancelliera  Merkel ha dichiarato, nel corso della conferenza stampa, in risposta alle domande dei giornalisti, sulle misure adottate dal presidente francese Macron: "Penso che possiamo guadagnarci fiducia pubblicizzando il vaccino e lasciando anche che il maggior numero possibile di persone nella popolazione (...) diventino esse stesse ambasciatori del vaccino in base alla propria esperienza".

La cancelleria tedesca si è limitata a dare raccomandazioni per responsabilizzare la popolazione.

Il Tg1 delle 20 di ieri sera ha accennato, en passant, dopo aver parlato a lungo di Macron e della corsa ai vaccini in Francia ("20.000 prenotazioni al minuto", ripetono tutti da ieri sera), al fatto che la Merkel è sotto elezioni, quindi per il consenso non può adottare misure impopolari....

Quindi, secondo questa logica, che certamente sarà filo conduttore del mainstream, i governi che non limiteranno i diritti costituzionali sono spinti da calcoli elettorali, mentre chi aumenterà la sospensione della libertà se ne frega del consenso.

A pensarci bene, non è proprio peregrina questa narrazione: viene il sospetto che le misure impopolari si possano più facilmente adottare solo in assenza di democrazia rappresentativa parlamentare....

È sfuggita alla nostra attenta stampa la notizia che molti Stati anche europei hanno già scelto o adotteranno come criterio di valutazione non tanto l'incidenza dei contagi, (alcuni Stati già conteggiano solo quelli sintomatici), ma l'occupazione delle terapie intensive...

Ma anche il modello Israele è sparito dalla narrazione quotidiana dell'istituto Luce 4.0.

Perché?

Perché nonostante la vaccinazione Israele è in difficoltà per le varianti?

O perché da Israele stanno uscendo i primi studi sugli effetti collaterali avversi correlati al vaccino?

Oppure perché Israele si sta preparando ad un approccio simile a quello ipotizzato da Boris Johnson in Gran Bretagna, cioè di convivenza con il virus?

Gli israeliani, come da programma, hanno smesso da un mese di indossare mascherine e hanno abbandonato tutte le regole di distanziamento sociale. 

Nonostante la variante Delta e qualche rallentamento nella road map, il primo ministro Naftali Bennett, nell'ambito di quella che definisce una politica di "soppressione morbida", vuole che gli israeliani imparino a convivere con il virus, il che implica il minor numero di restrizioni possibili evitando un quarto blocco nazionale che potrebbe nuocere ulteriormente all'economia. Bennett conta su una consistente riduzione di cittadini che presenteranno sintomi gravi, nonostante le varianti.

"L'attuazione della strategia comporterà l'assunzione di alcuni rischi, ma nella considerazione generale, compresi i fattori economici, questo è l'equilibrio necessario", ha affermato Bennett la scorsa settimana. (Fonte: Reuters).

Perché si parla solo di Francia e Macron?

Agata Iacono

Agata Iacono

Sociologa e antropologa

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti