La brutale ristrutturazione di Deutsche Bank "è segno che il sistema finanziario globale è nei guai"

La brutale ristrutturazione di Deutsche Bank "è segno che il sistema finanziario globale è nei guai"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Jim Rogers, il famoso speculatore della finanza mondiale, ha commentato per RT la decisione di Deutsche Bank di tagliare 18 mila posti lavoro nel suo piano di ristrutturazione. "Quando istituzioni tradizionalmente stabili come Deutsche Bank si trovano nei guai è il segnale che il sistema finanziario mondiale dovrà affrontare grossi problemi lungo la strada", ha dichiarato.




Lunedì 8 luglio, la banca d'investimento più grande d'Europa - e la quindicesima più grande banca del mondo - ha iniziato a tagliare migliaia di posti di lavoro come parte di una revisione da 8,3 miliardi di dollari annunciata ieri. La forza lavoro della banca dovrebbe ridursi di 18.000 unità e arrivare a circa 74.000 dipendenti entro il 2022, dato che Deutsche Bank ritira le sue azioni globali e le sue operazioni commerciali.


"Il sistema finanziario è nei guai e questo è solo uno dei segnali di ciò che sta accadendo. E' avvenuto lo stesso durante le crisi finanziarie negli anni '30 o '60 o '90 ", ha detto Rogers in un'intervista telefonica con RT. Il noto speculatore ha poi spiegato che le banche centrali di tutto il mondo hanno spinto i tassi di interesse "a livelli pazzeschi", e ora "dobbiamo pagarne il prezzo".



L'importante revisione di Deutsche Bank non significa che non sopravviverà, secondo Rogers. Tuttavia, la banca non sarà mai la stessa e "questo è un serio problema" per il creditore e per l'intero sistema finanziario. Rogers ha concluso ricordando che alcune banche stabili sono fallite quando nessuno se l'aspettava, come nel caso di Lehman Brothers nel 2008 o della British Northern Rock.


"E sta succedendo di nuovo. Se vai in Scandinavia, vedi che alcune di quelle banche che sono in giro da anni sono in difficoltà. Questo di DB non è altro che un segno dei tempi e avremo molti problemi lungo la strada ", ha detto l'investitore.


 Tuttavia, secondo Rogers, è improbabile che Deutsche Bank crolli a causa di molteplici avvertimenti e enormi sforzi del governo per sostenerlo. "Se la Deutsche Bank dovesse collassare del tutto sarebbe una sorpresa. Ciò sarebbe l'inizio del declino del mercato globale ", ha con le altre banche principali che seguirebbero la stessa strada.

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti