La crisi della droga negli USA: dall’avidità di Big Pharma al fallimento del governo

La crisi della droga negli USA: dall’avidità di Big Pharma al fallimento del governo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

 

di Giulio Chinappi*


Il Global Times sta pubblicando una serie di articoli che esaminano i diversi aspetti del caos sociopolitico ed economico negli Stati Uniti. Di seguito la traduzione della prima puntata della serie.

Il problema dell’abuso di droghe negli Stati Uniti – una spina nel fianco della società statunitense da lungo tempo – è diventato più grave negli ultimi anni nel Paese insieme a un numero crescente di giovani che si rivolgono alla droga a causa della diminuzione delle opportunità economiche e dell’apparente morte del così detto “American Dream“, hanno detto gli analisti.

Le statistiche hanno mostrato che il 12% dei tossicodipendenti mondiali proviene dagli Stati Uniti, tre volte la proporzione della popolazione statunitense rispetto a quella del mondo, secondo un rapporto pubblicato dal ministero degli Esteri cinese.

Esperti hanno dichiarato al Global Times che il radicato problema della droga negli Stati Uniti riflette il fallimento degli Stati Uniti nella governance sociale. Nonostante l’impegno del governo degli Stati Uniti a risolvere il problema, finora non sono stati compiuti molti progressi, il che mette in luce la sua regolamentazione fallita su più sistemi e la sua incapacità di fornire una risposta efficace e completa.

Il problema della droga negli Stati Uniti è causato da un’interazione tra interessi economici, gruppi di pressione, nonché fattori sociali e culturali, ha detto al Global Times un esperto di relazioni internazionali presso la Fudan University.

Il problema della droga è il grande problema sistematico degli Stati Uniti. È difficile da risolvere. Gli Stati Uniti dovrebbero compiere maggiori sforzi come nazione e, allo stesso tempo, agire insieme ad altri Paesi. Invece di scaricare la colpa e fare accuse infondate contro altri Paesi, il che mina la cooperazione antidroga tra Cina e Stati Uniti, dovrebbero affrontare il proprio problema in modo diretto, hanno detto gli osservatori.

Fenomeno prevalente

Il National Center for Drug Abuse Statistics (NCDAS) degli Stati Uniti elenca otto categorie di droghe più comunemente utilizzate nel Paese: alcool, cannabis, cocaina, fentanil, oppioidi (riferiti principalmente a sostanze psicotrope sotto controllo), stimolanti soggetti a prescrizione, metanfetamine ed eroina.

Il 46% dei tossicodipendenti statunitensi riferisce di avere esperienza nell’uso di cannabis e stimolanti prescritti, il 36% ha usato oppioidi e metanfetamine, il 31% ha usato stimolanti prescritti, il 15% ha usato eroina e il 10% ha usato cocaina.

Darnell Turner, un giovane insegnante statunitense, ha dichiarato al Global Times che una buona percentuale di giovani intorno a lui fa uso di droghe, forse il 30% circa.

Normalmente usano solo marijuana, tuttavia alcuni, specialmente i miei amici del college, prendono droghe ancora più pesanti, come cocaina e acido. L’Adderall, una droga usata per migliorare l’attenzione e la concentrazione, è estremamente comune negli ambienti educativi“, ha detto, aggiungendo che l’uso ricreativo delle droghe non è limitato solo alle giovani generazioni. Molte persone anziane soffrono a loro volta di tossicodipendenza.

La maggior parte di loro prende droghe perché si annoia, o a causa della depressione causata dall’insicurezza economica. L’assunzione di droghe permette loro di attenuare il dolore della moderna società americana“, ha detto, sottolineando che questo è pericoloso e inutile.

Mentre i governi federale e statali degli Stati Uniti continuano a impegnarsi per affrontare il problema della droga, non sono riusciti a prendere misure sostanziali a causa delle attività di lobbying di vari gruppi di interesse, hanno affermato gli osservatori.

I rapporti hanno mostrato che le grandi aziende farmaceutiche negli Stati Uniti dedicano ingenti somme di denaro per spacciare narrazioni come “gli oppioidi sono innocui” e portare avanti la legalizzazione dei farmaci, nonché la promozione delle vendite e della prescrizione di farmaci. I legislatori che ricevono denaro da loro promuovono attivamente progetti di legge a beneficio di Big Pharma.

Il processo di legalizzazione della marijuana è un esempio lampante. Secondo un rapporto sul sito web OpenSecrets nell’aprile 2022, l’industria della marijuana e della cannabis ha speso oltre 4,2 milioni di dollari per fare pressioni su una varietà di questioni e leggi nel 2021, tra cui il Marijuana Opportunity, Reinvestment, and Expungement (MORE) Act del 2021 che mirava a rimuovere la marijuana dall’elenco delle sostanze controllate a livello federale.

Amazon ha a sua volta speso 14,5 milioni di dollari per finanziare attività di lobbying tra aprile e dicembre 2021 su una serie di progetti di legge, tra cui il MORE Act, si legge nel rapporto.

Matt Gaetz, repubblicano della Florida, l’unico co-sponsor repubblicano del disegno di legge, ha ricevuto più soldi dall’industria della marijuana di qualsiasi altro membro del Congresso con $ 52.100 di contributi ricevuti dalla sua elezione nel 2017“, si legge.

Il governo degli Stati Uniti ha preferito gli interessi economici alla vita e alla salute delle persone, esercitando così una spinta sostenuta per la legalizzazione della droga nel Paese. Nonostante questa cupa realtà, il governo degli Stati Uniti, che dovrebbe svolgere un ruolo importante nella lotta contro una delle più grandi sfide per la salute pubblica, sceglie di restare a guardare le cose peggiorare, hanno detto gli osservatori.

Nell’ultimo decennio, i decessi per droga nel Paese sono aumentati in modo significativo; i numeri sono più che triplicati nel Delaware e nel New Hampshire. Secondo lo US Centers for Disease Control and Prevention (CDC), nell’anno successivo allo scoppio della pandemia (da aprile 2020 ad aprile 2021), più di 100.000 persone negli Stati Uniti sono morte per overdose di droga, otto volte il numero di morti per sparatorie e quasi il triplo del numero di decessi causati da incidenti stradali.

Cause sociali profondamente radicate

Nel corso della storia, la guerra alla droga degli Stati Uniti è fallita ripetutamente a causa non solo dell’incompetenza del governo, ma anche dei profondi problemi sociali del Paese, hanno riferito gli osservatori al Global Times.

Sono i vari fattori sociali complessi della società statunitense che, insieme, hanno portato il Paese a diventare gradualmente il più grande consumatore mondiale di droghe, hanno osservato. “Dalla guerra del Vietnam, alle crisi finanziarie e alla pandemia di COVID-19, l’abuso di droghe negli Stati Uniti è aumentato ogni volta che si sono verificati rallentamenti economici o importanti contraddizioni sociali“.

La guerra alla droga ufficiale degli Stati Uniti può essere fatta risalire al 1952, quando l’allora presidente Richard Nixon firmò il famoso Boggs Act per stabilire condanne obbligatorie per le condanne per droga.

L’atto e le leggi successive si rivelarono presto difettosi e poco pratici. Negli anni ’60 e ’70, la lunga guerra degli Stati Uniti in Vietnam ha innescato un “movimento di controcultura” poiché la società americana dell’epoca era invasa da sentimenti contro la guerra. Molti giovani, in seguito conosciuti come “hippy”, si riversarono per le strade brandendo cartelli che promuovevano l’amore, il rock psichedelico, il sesso e la droga.

Quasi il 40% degli studenti dell’ultimo anno delle scuole superiori americane alla fine degli anni ’70 ha riferito di aver fatto uso di droghe illecite, secondo i dati di un sondaggio finanziato dal National Institute on Drug Abuse (NIDA) degli Stati Uniti.

La pandemia COVID ha visto un altro aumento del consumo di droga negli Stati Uniti, poiché le statistiche NIDA hanno mostrato che 91.799 e 106.999 persone negli Stati Uniti sono morte per overdose correlata alla droga rispettivamente nel 2020 e nel 2021, con un forte aumento rispetto alle 70.630 del 2019.

Oltre alla recessione sociale o alle crisi che a volte stimolano l’uso di droghe, la grave inaccessibilità a un’istruzione di qualità destinata ai giovani è anche un altro fattore che contribuisce al problema dell’abuso di droghe negli Stati Uniti, hanno osservato gli esperti.

Per gli adolescenti statunitensi, “è più facile ottenere alcool che marijuana” era un sentimento comune in alcuni Stati, e le scene in cui gli adolescenti fumano marijuana non sono rare nelle serie TV americane o nei film di Hollywood. Nel 2021, secondo il NIDA, il 30,5% degli alunni dell’ultimo anno di scuole superiori e il 17,3% di quelli del secondo anno negli Stati Uniti hanno riferito di aver usato marijuana.

I giovani cinesi sono avvertiti da genitori e insegnanti di stare lontani dalla droga fin dalla tenera età. Ma alcuni genitori e insegnanti americani, piuttosto che scoraggiare tale comportamento tra i loro studenti, possono persino incoraggiare un certo [uso di droghe]“, ha detto l’esperto della Fudan University. “Questi adulti hanno una consapevolezza antidroga molto debole e alcuni usano persino droghe loro stessi“.

In un contesto sociale così complesso, Nixon e i suoi numerosi successori negli ultimi decenni, tra cui Ronald Reagan negli anni ’90 e più recentemente l’ex presidente Donald Trump, hanno cercato di limitare il problema dell’abuso di droghe in vari modi. Tuttavia, pochissimi dei loro sforzi hanno funzionato davvero.

Peggio ancora, la repressione della droga ha causato “conseguenze negative non intenzionali“, come mettere a dura prova il sistema di giustizia penale americano, la proliferazione della violenza legata alla droga e un aumento delle questioni razziali a livello locale, ha affermato un articolo del 2016 pubblicato sul sito web statunitense di notizie e opinioni Vox.

Pertanto, poiché la guerra alla droga sembra impossibile da vincere, alcuni esperti di politica e storici statunitensi devono concentrarsi maggiormente sulla riabilitazione. Ironia della sorte, sembrano essersi arresi, rivolgendosi a sostenere “la depenalizzazione delle sostanze attualmente illecite e persino la legalizzazione di tutte le droghe“, afferma l’articolo.

Giochi di giri di denaro

L’incapacità di dare “prescrizioni” efficaci per prevenire l’abuso di droga spinge gli Stati Uniti a cercare freneticamente di scaricare la responsabilità sugli altri Paesi. Nel corso degli anni, i politici e i media americani hanno costantemente accusato la Cina di vendere fentanil o precursori chimici che finiscono sulle coste statunitensi.

Questo tipo di gioco della colpa non avvantaggia nessuno tranne i politici opportunisti che desiderano deviare la colpa su un capro espiatorio. Questo capro espiatorio cambia regolarmente, dalla Cina, al Messico e persino alla Colombia. Ma nel caso della crisi del fentanil, il governo e il sistema sanitario degli Stati Uniti possono incolpare solo sé stessi“, ha detto Turner.

Turner ha detto al Global Times che il fentanil è stato diffuso negli Stati Uniti, non dai cinesi o dai messicani, ma dall’industria sanitaria statunitense, che ha un incentivo monetario a prescrivere farmaci in eccesso. “Se gli Stati Uniti sono seriamente intenzionati a combattere la crisi della droga, devono rimodellare radicalmente questo settore“.

Nel dicembre 2021, il governo degli Stati Uniti ha imposto sanzioni a 25 entità e individui presumibilmente coinvolti nel traffico di droga, tra cui quattro società chimiche cinesi e un cittadino cinese sono apparsi nell’elenco delle sanzioni per la fornitura di sostanze chimiche utilizzate per produrre il fentanil.

Il 18 gennaio, il portavoce del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, Ned Price, ha affermato che la Cina non è più una delle principali fonti del fentanil che arriva negli Stati Uniti, ma il dipartimento continua a prendere di mira i precursori chimici di origine cinese utilizzati nella produzione di fentanil.

In risposta, il 20 gennaio il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin ha affermato che la Cina ha svolto un ruolo attivo nella cooperazione internazionale tra le forze dell’ordine antidroga nel quadro delle convenzioni delle Nazioni Unite sul controllo della droga e ha sempre posto i precursori chimici sotto stretto controllo. La Cina è la prima al mondo ad aver ufficialmente categorizzato il fentanil come classe.

Le sanzioni statunitensi hanno avuto un grave impatto e limitato le capacità antidroga della Cina, ha affermato Wang, invitando gli Stati Uniti a revocare le sanzioni e a smettere di screditare gli sforzi della Cina per il controllo della droga.

Nel corso degli anni, la Cina ha collaborato attivamente con gli Stati Uniti, mentre gli Stati Uniti hanno scaricato le proprie colpe. L’atteggiamento degli Stati Uniti non è favorevole alla soluzione del problema, che ha davvero bisogno della cooperazione internazionale, dicono gli analisti.

Secondo i dati della Commissione Nazionale Cinese per il Controllo dei Narcotici, dal 2012 al 2019 la Cina ha informato le autorità antidroga statunitensi di 383 informazioni relative ai pacchi di fentanil, mentre gli Stati Uniti hanno informato la Cina di soli sei casi di contrabbando di fentanil.

La cooperazione internazionale è del tutto necessaria, ma ciò che è più importante nella lotta contro la droga è l’introspezione e l’indagine sui profittatori nel settore degli affari, nel pubblico e, sì, anche nei settori governativi. Solo allora il governo degli Stati Uniti potrà prendere misure legittime per combattere la diffusione della droga“, ha suggerito Turner

*Fonte: https://giuliochinappi.wordpress.com/2023/02/16/la-crisi-della-droga-negli-usa-dallavidita-di-big-pharma-al-fallimento-del-governo/

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti