/ La destituzione di Omar al-Bashir: cosa è successo in Sudan?

La destituzione di Omar al-Bashir: cosa è successo in Sudan?

 

Il ministro della Difesa sudanese ha annunciato la rimozione e la detenzione di Omar al-Bashir. Una decisione presa sotto la pressione popolare che solleva interrogativi sul futuro del capo di stato destituito.


Link all'articolo

Il presidente sudanese Omar al-Bashir, che è stato al potere per tre decenni, è stato deposto dall'esercito dopo un movimento di protesta popolare. L'11 aprile il ministro della Difesa Awad Ahmed Benawf ha parlato alla televisione di stato: "Annuncio, come ministro della Difesa, la caduta del regime e la detenzione in un luogo sicuro del suo capo." Questo annuncio segue i numerosi eventi che il paese ha conosciuto per diversi mesi.
 

 
 
Omar al-Bashir, che ha preso il potere nel 1989 con un colpo di stato, ha visto la sua autorità in discussione dopo la decisione presa del governo di triplicare il prezzo del pane 19 dicembre 2018. E 'inoltre aveva dichiarato lo stato di emergenza nazionale il 22 febbraio. Nella sua dichiarazione, Awad Ahmed Benawf ha riferito che un "consiglio militare di transizione" succederà al presidente deposto per almeno due anni. Ha inoltre approvato la chiusura delle frontiere e dello spazio aereo sudanese fino a nuovo avviso, così come in tutto il paese il cessate il fuoco, compreso il Darfur.
 
Aspettative popolari
 
Riuniti nel centro della capitale Khartoum, davanti il quartier generale dell'esercito per sei giorni, e anche alla residenza ufficiale del presidente, una folla enorme di dimostranti ha sventolato bandiere sudanesi, convinti della partenza di Omar al-Bashir, cantando "il regime è caduto" in attesa di una" dichiarazione importante "da parte dell'esercito sulla televisione ufficiale. I media statali hanno anche interrotto i suoi programmi l'11 aprile all'alba per trasmettere canzoni militari e patriottiche.
 
"Bashir è fuori! Ci siamo riusciti", ha twittato Alaa Salah, la studentessa diventata un'icona del movimento. All'inizio della giornata, i manifestanti hanno fatto irruzione in un edificio del servizio di intelligence del Sudan (NISS) nella città di Kassala nel parte orientale del paese, vicino al confine con l'Eritrea. Uno di loro ha detto alla AFP, che gli assalitori hanno "saccheggiato tutto il materiale" a seguito del rifiuto di ufficiali di liberare i prigionieri detenuti lì. Secondo l'agenzia ufficiale Suna, il NISS avrebbe successivamente risolto.
 

 
 
Le folle si sono radunate acnhe nelle città di Madani, Gadaref, Port Sudan o Al-Obeid. Sventolando bandiere nazionali e cantando canzoni rivoluzionarie, i manifestanti hanno esortato l'esercito a unirsi al loro movimento. "Sembra che la polizia sia con noi", aveva detto un manifestante il 10 aprile. Tuttavia, dall'inizio dei disordini nel dicembre 2018, 49 persone sono morte in violenze legate alle manifestazioni, secondo fonti ufficiali citate dall'AFP. Il 10 aprile, 11 persone, tra cui sei membri delle forze di sicurezza, sono state uccise a Khartoum dal portavoce del governo Hassan Ismail.
Di fronte al rischio di deriva militare, l' Associazione dei professionisti sudanesi , un importante sindacato e leader della protesta, invita i funzionari che ora assumono la responsabilità dello stato di "restituire il potere al popolo" e di istituire "un'autorità per transizione civile composta da esperti che non sono stati coinvolti nel sistema.
 
Quale futuro per Omar al-Bashir?
 
La destituzione di Omar al-Bashir e il suo arresto da parte dell'esercito sollevano la questione di un possibile processo dinanzi al Tribunale penale internazionale (CPI). È accusato di crimini di guerra, crimini contro l'umanità e genocidio, specialmente nell'area del Darfur . Questa regione grande come la Francia continentale ha conosciuto violenze che hanno causato oltre 300 000 morti e 2,5 milioni di sfollati dal 2003 secondo le Nazioni Unite. Nelle sue indagini, la CPI stima che il presidente sudanese abbia "adottato un piano [...] per condurre una campagna anti-insurrezione" contro gruppi armati che si oppongono alla politica del governo.
 
Mai inquietato, Bashir si è preso due mandati di arresto internazionali emessi dall'ICC nel 2009 e nel 2010 per crimini commessi tra il 2003 e il 2008 nel Darfur. Tra le accuse contro di lui vi sono omicidio, stupro, tortura, saccheggio e trasferimento forzato. La CPI ha concluso che c'erano "motivi ragionevoli per credere che Omar al-Bashir agisse con l'intento specifico di distruggere" vari gruppi etnici. Il 75enne ha sempre respinto fermamente queste accuse. Diversi stati membri della ICC hanno anche rifiutato di arrestare il dittatore, come il Sudafrica o la Giordania, permettendogli di viaggiare senza intoppi.
 
In teoria, questa destituzione dovrebbe aumentare le possibilità di vederlo apparire un giorno prima della CPI. Lo spiega l'AFP Christophe Paulussen, esperto in diritto penale internazionale presso l'Asser Institute dell'Aia, aggiungendo che il suo destino ora dipende dal nuovo potere in atto. "Potrebbero persino decidere di condananrlo[in Sudan]", afferma Frederiek de Vlaming, ricercatore in diritto penale internazionale all'Università di Amsterdam, sempre all'AFP. È il primo presidente in carica ad essere rilasciato con un mandato di cattura emesso dall'ICC. I diplomatici americani ed europei, a tal proposito, hanno chiesto una riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.
 
Fonte: Rt fr - Foto AFP
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa