La dichiarazione che fa crollare la bufala della "reggia di Putin"

La dichiarazione che fa crollare la bufala della "reggia di Putin"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Marinella Mondaini

 

Crolla con la dichiarazione di Arkadij Rothenberg  (diventato miliardario grazie alle privatizzazioni di Eltsin) che ne rivendica la proprietà, la bufala della “Reggia di Putin”, (già analizzata su L’Antidiplomatico) che, comunque, continua a troneggiare su Repubblica e su tanti altri media italiani. Bufala supportata da un video (per meglio dire, da una ricostruzione in 3D) presentato come “realizzato dalla Fondazione anti-corruzione di Aleksej Navalnyj”; video pieno di strafalcioni.

Ad esempio, lo stemma sulla cancellata del palazzo non è quello della Russia ma del Montenegro. Entrambi gli stemmi raffigurano un’aquila ma, in quelIo della Russia, l’aquila ha sul petto un cavaliere d’argento che uccide un drago nero; in quello del Montenegro l’aquila ha sul petto un leone d’oro. Perché un errore così clamoroso, che, mai e poi mai, sarebbe stato fatto da un russo? Perché quel video è stato prodotto, così come documentato qui, dalla società californiana di produzione 3D  “The Black Forest Studios”, in Germania su incarico dei servizi di sicurezza statunitensi. Poi, oltre alla “biblioteca di Putin”, che è invece quella di Praga, nel lunghissimo testo in russo del sito di Navavalny (che a quanto pare non si è degnato di correggere) ci sono strafalcioni come “acqua discoteca” e “stanza del fango” che rivelano come quel testo sia stato scritto dapprima in lingua inglese e poi tradotto (malamente) in lingua russa.

Perché la bufala della “reggia di Putin”? Per preparare a quello che avrebbero dovuto essere il trionfale rientro in Russia di Aleksej Navalnyj, “convalescente” dopo il fantomatico avvelenamento tramite Novichock (sull’analisi dei campioni e sulla conseguente faida tra Germania e Svezia, si veda qui e qui sulle dichiarazioni di Sergej Lavrov, Ministro degli Esteri della Federazione Russa). Rientro che, invece, nonostante l’invio di 120.000 dollari bitcoin giunti ai suoi sodali in Russia ha visto la mobilitazione di davvero pochissime persone.

 

*Scrittrice, giornalista, traduttrice. Vive e lavora a Mosca

 

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO di Giorgio Cremaschi 28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'" di Marinella Mondaini Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Buoni a nulla di Alberto Fazolo Buoni a nulla

Buoni a nulla

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda di Giuseppe Masala "Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire di Antonio Di Siena Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA di Gilberto Trombetta VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo di Michelangelo Severgnini Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti