La divergenza tra UE e Gran Bretagna: le ultime sulla Brexit

La divergenza tra UE e Gran Bretagna: le ultime sulla Brexit

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Giuseppe Masala 
 

Dopo le elezioni che hanno visto la vittoria schiacciante del brexiter Boris Johnson questo venerdì verrà votato - finalmente - l'accordo di separazione tra Gran Bretagna e Unione Europea.



Secondo la stampa la leggina in via di approvazione verrà epurata di tutte quelle concessioni negoziate tra Johnson e l'ala filoeuropea del suo partito nella scorsa legislatura. Sempre secondo i mass media la leggina conterrà un emendamento nel quale il periodo di transizione previsto per la Brexit dovrà durare per un solo anno.

Questo significa che l'accordo commerciale tra Ue e Gran Bretagna o sarà firmato entro i prossimi dodici mesi o non ci sarà per nulla e quindi i commerci verranno regolati dal trattato Wto. In sostanza Boris sta spingendo per una Brexit divergente e non convergente alla norvegese per evitare che in futuro, magari tra dieci o venti anni, la Gran Bretagna ritorni nella UE come la May e l'ala filoeuropea del Partito Conservatore progettavano. La Gran Bretagna sta tornando verso l'anglosfera.

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo di Gilberto Trombetta Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti