La finanziaria è un'elemosina, ma l'Italia verserà 107 miliardi di euro dei contribuenti fino al 2027

La finanziaria è un'elemosina, ma l'Italia verserà 107 miliardi di euro dei contribuenti fino al 2027

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Giuseppe Masala 

 

In uno studio di Confindustria si chiarisce bene che con la Legge finanziaria 2020 in realtà il Governo Conte ha solo tirato un calcio al barattolo per evitare l'aumento dell'IVA. Nella Legge Finanziaria 2021 dovranno essere trovati altri 28,8 Miliardi di euro per evitare l'aumento dell'aliquota intermedia dal 25,2% al 26,5%. Dunque tutta la gragnuola di tributi e mini tributi risolve per un solo anno, visto che dovrà essere trovata una cifra ancora maggiore per il 2021 e verrà trovata o con ulteriori tagli allo stato sociale o con aumento ulteriore delle imposte (naturalmente in aggiunta a quelle di quest'anno). 





Tutto questo, se va bene. Perchè se va male ovvero se entreremo in recessione porterà a diminuzione del gettito e quindi alla necessità di ulteriori aumenti. Un vero e proprio doom loop. Un circuito vizioso e rovinoso che deve farci capire che per noi, stante queste regole, non c'è alcuna speranza di rimanere agganciati al treno europeo senza dover far fronte al collasso produttivo e al collasso sociale. Alla fine l' #Italexit sta diventando la strada più ragionevole e razionale.


E soprattutto oggi è stato presentato dal Reich Millenario di Bruxelles il Multiannual Financial Framework per il settennato 2021-2027. L'Italia dovrà contribuire ogni anno mediamente per 15,27 miliadi all'anno per una cifra complessiva di 107 miliardi di euro (diconsi, centosette miliardi di euro). Non ci sono commenti da fare. 


Un paese che sta collassando, con oltre cinque milioni di poveri assoluti, il 20% della popolazione che si trova nella fascia di reddito a rischio povertà, il sistema produttivo al collasso e in balia di scorribande dei saccheggiatori stranieri. L'Ue che non perde occasione per darci lezioni quando ci levano il sangue per tenerli nel lusso, che oltretutto ci fanno una guerra senza esclusione di colpi comprese le navi dei bucanieri nordeuropei che fanno trasbordo di clandestini e che ci costano oltre 5 miliardi l'anno mentre i nostri fratelli europoidi ci danno lezioni e nel frattempo chiudono le frontiere. E noi, a questa gente? Gli diamo centosette miliardi in sette anni? Ma che davvero?
 

E io sarei estremista perchè voglio l'uscita dell'italia dal Reich Europoide? Ci hanno fatto le scarpe. O come si dice in sardo, nos ant salidu sa pala.
 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti