La malattia del Papa e l'intervista di monsignor Ganswein

La malattia del Papa e l'intervista di monsignor Ganswein

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il quadro clinico di papa Francesco è in miglioramento, comunica il Vaticano. La notizia del suo ricovero ha ovviamente fatto il giro del mondo, provocando le usuali informazioni contraddittorie e le fibrillazioni del caso.

Confusione favorita dalla defaillance dell’informazione vaticana, la quale, come nel caso del ricovero del 2021, ha tentato di accreditare la tesi di una visita di controllo programmata. Un comunicato che avrebbe dovuto rassicurare, ma l’evidente inaffidabilità ha avuto l’effetto opposto, alimentando voci.

Il comunicato ufficiale postumo, comunque, parla di infezione polmonare, anche se il quadro complessivo resta sfuggente ai più, da cui conseguono sui media analisi più o meno convincenti. Non le rincorriamo, registriamo però che la patologia del papa non è da prendere alla leggera, come anche registriamo che la situazione sembra essersi stabilizzata.

Ricordiamo che, dopo la guarigione dal suo ricovero pregresso, papa Francesco ebbe a lamentare che, mentre si trovava al Gemelli, alcuni porporati avevano iniziato a prepararsi per la successione, stabilendo contatti e organizzando cene. Non sappiamo se tale attivismo si è ripetuto o meno, ma i precedenti, anche nella Chiesa, hanno un peso.

A precedere la notizia del papa ammalato, l’improvvida intervista al Corriere della Sera di monsignor Georg Gänswein, che ha avuto grande eco mediatica anche per il modo bizzarro con il quale ha rinnovato le sua critiche al papa regnante, affermando che se a succedere a Benedetto XVI fosse stato l’attuale cardinale emerito di Milano Angelo Scola, i cardinali “avrebbero vissuto bene”.

Cenno quest’ultimo invero bizzarro per tanti motivi, anzitutto per il ristretto ambito al quale ha inteso indirizzare la sua affermazione, Come singolari appaiono, nel contesto, le sue dichiarazioni riguardo un’asserita sintonia, anche teologica, tra Benedetto XVI e il porporato.

Al di là del particolare, resta che la successiva malattia del papa, che certo non poteva prevedere, ha reso ancor più straniante l’intervista. Non sappiamo se il cardinale emerito di Milano, che ha evidentemente inteso blandire, sia rimasto interdetto nel leggere le sue parole, ma non è da escludere.

D’altronde, il monsignore non è nuovo a scivolate, come quando annunciò un nuovo libro di Benedetto VXI, con critiche pungenti al papa regnante, nel giorno della sua scomparsa, giorno nel quale sarebbe stato preferibile il silenzio e la preghiera, di affetto e rispetto.

Non che non si possa criticare un papa, basti rammentare quanti di essi Dante destinò all’inferno, ma sul punto occorre ricorrere al latino, caro anche al monsignore: est modus in rebus. Detto questo, si attendono gli eventi.

 Piccole Note

Piccole Note

 

Piccole Note è un blog a cura di Davide Malacaria. Questo il suo canale Telegram per tutti gli aggiornamenti: https://t.me/PiccoleNoteTelegram

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti