La mobilitazione a Roma per "una giusta pace" un grande smacco per i media di regime

La mobilitazione a Roma per "una giusta pace" un grande smacco per i media di regime

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Di Agata Iacono

 

Ad organizzare oggi, 28 ottobre, la grande, imponente manifestazione "Contro la guerra e per una giusta pace" è stata la Comunità palestinese di Roma e del Lazio. 

Poiché è stata una manifestazione pacifica, partecipata, come da troppo tempo non succedeva nella Capitale, da famiglie con bambini, donne e anziani , ma soprattutto ragazzi liceali e universitari, qualcosa i vari giornali di regime dovevano inventarsi per imbastire la narrazione negativa.

Correvano tra noi con enormi telecamere , urtando chiunque, alla ricerca di un terrorista in incognito, di un frantumatore di vetrine, di qualche assalto all'armeria, di succose risse e mascherati black block che assaltassero qualche sede sindacale, provando magari la tenuta del famigerato moto ondulatorio.

Niente.

Una delusione totale.

Raccontare o tacere sul fiume umano che si è riversato a Roma per chiedere la fine dell'uccisione di massa del Popolo Palestinese?

Senza avere la possibilità di criminalizzarlo?

E poi che gli racconti al direttore supremo della passionaccia?

E agli Elkann? Alla Rai?

Allora si riprende il ragazzo che stacca la bandiera israeliana appesa al balcone della sede FAO (poi restituita intatta), o un cartello con Netanyahu con i baffetti hitleriani.

Così i cattivi diventano quelli che abbracciano i palestinesi, che chiedono fine al genocidio, che dimostrano che gli italiani non sono d'accordo con la linea governativa.

E neppure con la linea (se c'è ) dell' l'opposizione parlamentare, a dirla tutta, visto che Conte e Landini avevano indetto una fiaccolata il giorno prima, a piazza Esquilino, con poche decine di persone e qualche candela, contro "l'escalation seguita al vile attacco di Hamas", come ha ufficialmente specificato il capo del nuovo Movimento 5 Stelle 2050.

Il PD della armocromata non ha ritenuto opportuno accendere neppure una candelina.

E così i vari "professionisti dell'informazione" non hanno notato la cosa più importante, persi a cercare pretesti strumentali.

Non si sono accorti di un'assenza.

Non c'era la bandiera italiana.

E non è affatto un caso o una dimenticanza.

Gli organizzatori del corteo hanno esplicitamente chiesto che la bandiera italiana non ci fosse.

Chi l'aveva portata l'ha riposta.

Perché?

Perché l'Italia si è astenuta sulla risoluzione ONU che chiede una tregua umanitaria.

Nessuno ha strappato bandiere, nessuno ha gridato contro questa ignavia, questa ulteriore dimostrazione di mancanza assoluta di sovranità.

L'assenza grida più degli slogan.

Il silenzio, l'assenza della bandiera italiana ha voluto rappresentare lo scollamento tra istituzioni italiane e popolazione, il vuoto di rap

presentanza, la nostra vergogna.

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange di Geraldina Colotti Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Armi nucleari nello spazio: facciamo un po' di chiarezza di Andrea Puccio Armi nucleari nello spazio: facciamo un po' di chiarezza

Armi nucleari nello spazio: facciamo un po' di chiarezza

Germania: perché siamo all'anno zero di Giuseppe Masala Germania: perché siamo all'anno zero

Germania: perché siamo all'anno zero

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti