La rimozione della Turchia dal programma F-35 costerebbe ai partner 9 milioni di dollari per caccia

La rimozione della Turchia dal programma F-35 costerebbe ai partner 9 milioni di dollari per caccia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La rimozione delle compagnie turche dal progetto di sviluppo di caccia stealth da combattimento F-35 costerebbe al programma 600 milioni di dollari, oltre a un costo aggiuntivo che va dai 7 milioni di dollari a 9 milioni per velivolo, ha reso noto Ismail Demir, capo della Presidenza delle Industrie della Difesa Turca (SSB).

 

Ankara è stata sospesa dal programma quasi un anno fa per l'acquisto di un sistema di difesa aerea di fabbricazione russa, evidenzia il quotidiano Daily Sabah.

 

Dunque la querelle S-400 rischia di avere un costo davvero notevole. Soprattutto per Stati Uniti ed alleati che vedranno ulteriormente aumentare i prezzi dei caccia stealth F-35. 

 

Le dichiarazioni di Demir sono arrivate in occasione di un panel sulla cooperazione di difesa tra Turchia e Stati Uniti.

 

Il dirigente turco inoltre criticato le preoccupazioni di Washington sull'uso da parte di un paese della NATO di un sistema russo in termini di sicurezza, affermando che la Turchia ha ripetutamente sottolineato che utilizzerà i sistemi di difesa aerea S-400 come una singola unità per proteggere anche i propri sistemi d'arma.

 

Il capo dell'industria della difesa ha sottolineato che non è logico che la Turchia danneggi il programma poiché fa parte di esso, osservando che, tuttavia, gli Stati Uniti sono molto vicini all'accordo sul dialogo reciproco.

 

"Con la rimozione delle nostre compagnie, ci sarà un aumento di circa $ 7 milioni a $ 9 milioni per il costo di ogni aereo", ha detto Demir, che ha sottolineato che tutti i partner del programma pagherebbero, non solo la Turchia.

 

Ankara ha inoltre ripetutamente sottolineato che la Turchia continuerà a produrre componenti per i caccia F-35 fino al 2022, nonostante sia stata unilateralmente sospesa dal programma.

 

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha recentemente confermato che la Turchia continua a produrre componenti chiave per il jet. La portavoce del Pentagono Jessica Maxwell ha dichiarato a fine giugno che gli Stati Uniti continueranno a lavorare con aziende turche per produrre alcune parti di jet F-35 fino al 2022.

 

Demir ha affermato che ora anche i paesi terzi hanno contattato la Turchia per quelle parti.

 

James Stavridis, ex comandante della forza europea degli Stati Uniti, parlando allo stesso panel, ha affermato che la posizione geografica della Turchia è fondamentale per l'alleanza NATO, ed è "anche molto importante per gli Stati Uniti".

 

I produttori turchi sono coinvolti nella costruzione di circa 937 parti per l'F-35, secondo il Pentagono. Circa 400 di queste parti provengono esclusivamente dalla Turchia, il che significa che non vi sono altri partner che fabbricano tali parti.

 

Come si concluderà la vicenda? Al momento sembra improbabile che la Turchia venga estromessa definitivamente. 

 

Potrebbe anche interessarti

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange di Geraldina Colotti Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Armi nucleari nello spazio: facciamo un po' di chiarezza di Andrea Puccio Armi nucleari nello spazio: facciamo un po' di chiarezza

Armi nucleari nello spazio: facciamo un po' di chiarezza

Germania: perché siamo all'anno zero di Giuseppe Masala Germania: perché siamo all'anno zero

Germania: perché siamo all'anno zero

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti