La Russia è davvero in "guerra contro tutti"?

La Russia è davvero in "guerra contro tutti"?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Declan Hayes - Strategic Culture

Il Sunday Times di Rupert Murdoch ha appena pubblicato un'altra storia spaventosa sui russi. I russi, o “Putin”, se preferite, hanno saturato l'Irlanda da cima a fondo con agenti dei servizi segreti di alto livello, tutti impegnati nell'obiettivo del Cremlino di dominare il mondo, o qualcosa del genere. James Bond, stai a guardare.

Questi agenti hanno alzato il loro livello di attività nelle ultime settimane “in vista delle elezioni europee e locali che si terranno il 7 giugno”, su cui questo madia preferirebbe che non commentassimo per timore che l'MI6 lo interpreti come un'interferenza in quelle stesse elezioni.

Detto ciò, le quote per le elezioni europee in Irlanda possono essere viste qui e, se il lettore esplora i social media, vedrà che gli eurodeputati in carica Clare Daly e Mick Wallace stanno ricevendo terribili critiche per essere praticamente le uniche voci in Europa a non condannare la Russia e tutto ciò che è russo ad ogni respiro.

Ma torniamo all'articolo che ci dice che “[fonti anonime] di sicurezza dicono che la minaccia [russa] potrebbe diventare più acuta a causa della decisione della Gran Bretagna di espellere l'addetto militare russo dall'ambasciata della Federazione a Londra mentre ritirava le designazioni diplomatiche a diversi edifici utilizzati dalla Russia per la raccolta di informazioni” e che “i servizi di intelligence russi usano regolarmente Dublino e Belfast come centri logistici per inviare agenti in Gran Bretagna, Francia e talvolta nei Paesi Bassi”.

Va bene, ma perché la Perfida Albione ha aspettato così tanto per agire contro la delegazione russa a Londra e perché Dublino dovrebbe essere usata come porta sul retro per l'Europa? E perché chiedere a Neil Robinson, un accademico britannico “esperto di Russia all'Università di Limerick”, di parlare di tutto questo? Cosa potrebbe sapere questo accademico inglese basato, per qualsiasi motivo, nella campagna irlandese sui viaggi segreti dei servizi segreti russi? Poiché non è qualcosa di cui si leggerebbe nell'Almanacco di Old Moore, quali sono, se ci sono, le sue fonti?

La risposta è assolutamente nulla e, avendo introdotto questo jolly nell'articolo, l'articolo passa poi a fornire una lista di attività nefaste russe in Germania, Londra e Ucraina, nessuna delle quali è in Irlanda o riguarda l'Irlanda.

Dopo averci fatto deviare da Londra a Kiev, l'articolo ritorna in Irlanda dove gli stessi “servizi di sicurezza anonimi sospettano che la Russia abbia già stabilito reti di agenti che vivono sotto false identità in tutta l'Irlanda dopo una significativa diminuzione del numero di diplomatici russi accreditati che operano dall'ambasciata su Orwell Road a Dublino”.

Per chiarire, lavorando sulla base di ordini ricevuti da Londra e Washington, il regime irlandese ha espulso circa la metà del personale diplomatico russo, dopodiché i russi, sempre pieni di risorse, sono stati in grado di creare una rete sostitutiva facendo chissà cosa nelle campagne irlandesi. Se non sappiamo ancora quanto sia stupido questo suona, l'articolo ci illumina dicendo che è composta da “proxies e criminali” e che Sergey Prokopiev, uno dei diplomatici espulsi nel 2022, era, secondo gli stessi servizi di sicurezza anonimi, “un ufficiale dell'intelligence militare che lavorava sotto copertura diplomatica [che] era sospettato di essere coinvolto in attività sovversive in Irlanda, il tipo di guerra politica usata dal KGB durante la Guerra Fredda”.

Per cominciare, i servizi segreti russi o di qualsiasi altro paese dovrebbero essere molto stupidi per affidarsi a reti di criminali e, dato quanto strettamente la NATO tiene sotto controllo l'Irlanda, sarebbe molto improbabile che un qualsiasi proxy russo sarebbe vicino ai comandi del potere. Per quanto riguarda Prokopiev, sembra che stesse facendo niente di più o di meno di quanto facevano i suoi equivalenti addetti militari in altre ambasciate e, a differenza dei britannici, non è mai stato colto in flagrante nell'atto di compromettere membri di alto livello dei servizi di sicurezza irlandesi. Per quanto riguarda le sciocchezze del “tipo di guerra politica usata dal KGB durante la Guerra Fredda”, quelle puerili storie di “rossi sotto il letto” non dovrebbero nemmeno entrare in un giornale scolastico, figuriamoci in uno dei principali organi di propaganda della NATO.

Se, come si sostiene, “la Russia sta anche utilizzando indirizzi IP irlandesi per effettuare attacchi informatici su paesi baltici, inclusa l'Estonia” [per] la diffusione di disinformazione, questi James Bond russi con un accento irlandese devono avere molto poco da fare con il loro tempo.

L'articolo, standard come tanti altri, si conclude con una citazione di Keir Giles, un altro di quei collaboratori di Chatham House, che può sempre essere affidabile per una citazione russofobica o due. Per comprendere le abilità di Giles, basta considerare che la Russia è in guerra con tutti, il suo opus del 2022. La Russia, sembra, è solo un gigante cavernicolo, che cammina per il mondo, bastonando tutti e tutto ciò che incontra come una figura da cartone animato per bambini.

Ma poi Giles pensa che le Waffen SS fossero un grande gruppo di ragazzi, la cui 14a Divisione Grenadier delle Waffen SS (1a Galiziana) ha combattuto una buona battaglia pulita contro i russi, gli ebrei e i polacchi. Sebbene i russi possano facilmente confutare questa, va detto che gli attacchi odierni contro tutti i russi e tutto ciò che è russo sono esercizi non-stop e senza fine di sciovinismo da parte di giornalisti di secondo livello e accademici di livello infantile, i cui obiettivi principali includono la neutralità irlandese e l'autonomia irlandese.

E, anche se ho già scritto di questo attacco sostenuto alla neutralità irlandese all'inizio della crisi ucraina, va notato che la delegazione russa in Irlanda potrebbe facilmente raggiungere un accordo con i pescatori irlandesi sulle esercitazioni navali russe, anche se il regime irlandese si rifiutava di interagire con i russi e le navi da guerra della NATO si ormeggiavano nel porto di Cork, uno dei principali beni irlandesi che la NATO brama.

Perché i pescatori, vedete, sono adulti, che rischiano e a volte perdono la vita contro l'Atlantico, non sono in guerra con tutti e nessuno, meno di tutti con i russi, finché i loro percorsi non si incrociano. Non così la NATO e i loro ‘flunky’ politici, mediatici e giornalistici, che guadagnano il loro pane lanciando frecce ignoranti ma troppo spesso incendiarie contro i russi. E, anche se questi cani rabbiosi possono abbaiare mentre la carovana russa va avanti, il loro veleno ha conseguenze reali in termini di commercio perso e vite perse. Se c'è qualcuno che è in guerra con tutti, sono i signori della guerra della NATO e i loro piccoli tirapiedi del Sunday Times, dell'Università di Limerick e di Chatham House che dovrebbero, come minimo, essere messi a tacere, se non metaforicamente abbattuti per sottrarci alla miseria che causano.

(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

 

 

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti