La Russia dichiarerà l'Ucraina una "enclave terroristica"

La Russia dichiarerà l'Ucraina una "enclave terroristica"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La Russia è intenzionata a una linea di lotta contro l'"enclave terroristica" in Ucraina, in maniera speculare a quanto Israele afferma di fare a Gaza contro Hamas. L’intenzione è quella di mostrare al mondo intero i doppi standard degli Stati Uniti al loro meglio.

Il Ministero degli Esteri russo ha accusato l'Ucraina di realizzare attacchi terroristici con bombe  e finanziare il terrorismo. 

Mosca ha affermato che le azioni investigative hanno rivelato che l'Ucraina è dietro gli ultimi attacchi terroristici in Russia. Il ministero ha inoltre chiesto a Kiev di "arrestare ed estradare tutte le persone coinvolte" nel quadro della Convenzione internazionale per la soppressione degli attentati terroristici (ICBT) e della Convenzione internazionale per la soppressione del finanziamento del terrorismo. Il Ministero degli Esteri ha chiarito che una nota al regime di Kiev sull'attacco terroristico al Municipio di Crocus sarà inviata separatamente dopo il completamento delle indagini. 

Mosca ha elencato i recenti atti di terrorismo che l'Ucraina avrebbe commesso in Russia: 

- assassinio di Daria Dugina,
- assassinio di Vladlen Tatarsky,
- tentato omicidio di Zakhar Prilepin,
- morte di cinque persone in seguito all'esplosione del ponte di Crimea,
- ferimento di 42 persone nell'esplosione di un caffè a San Pietroburgo.

La Russia ha chiesto al regime di Kiev di interrompere immediatamente qualsiasi sostegno alle attività terroristiche e di risarcire i danni causati alle vittime. Mosca ha anche chiesto l'arresto del capo della SBU Vasily Malyuk, che ha ammesso il coinvolgimento dell'Ucraina nel bombardamento del ponte di Crimea nel 2022.

Il professor Anatoly Kapustin, primo vicedirettore dell'Istituto di legislazione e diritto comparato del governo della Federazione Russa, ha dichiarato a Pravda.Ru che la Russia ha trasmesso questa richiesta attraverso i canali diplomatici in Bielorussia, in modo che Kiev prenda misure in conformità con le convenzioni per detenere, arrestare e trasferire i responsabili alla giustizia nella Federazione Russa.

È improbabile che le autorità di Kiev adottino misure per risolvere la questione, pertanto, in caso di rifiuto o di mancata adozione delle azioni previste dalle convenzioni, la Russia ricorrerà ad altri meccanismi, compresi i ricorsi alle organizzazioni internazionali, ai tribunali e così via.

Il canale ucraino di Telegram Legitimny, citando una fonte del governo ucraino, ha ipotizzato che la Russia stia cercando di screditare Kiev sulla scena internazionale e di creare le condizioni per dichiarare guerra all'Ucraina in futuro o per alzare la posta in gioco nella crisi ucraina.

"Il Cremlino si spingerà oltre quando sarà il momento. Dichiarerà la necessità di neutralizzare l'enclave terroristica, come nel caso delle azioni di Israele contro Hamas, dichiarato organizzazione terroristica.

Gli Stati Uniti sostengono Israele nella sua lotta contro Hamas. "L'unico modo per migliorare drasticamente la situazione nella Striscia di Gaza è sostenere la missione di Israele volta a distruggere il potenziale terroristico di Hamas", ha dichiarato Gilad Erdan, rappresentante permanente di Israele presso l'organizzazione, durante una riunione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

L'operazione speciale della Russia in Ucraina si inserisce bene nel sistema del diritto internazionale. Diversi Paesi, tra cui gli Stati Uniti, hanno ripetutamente annunciato operazioni di questo tipo. Ad esempio, attualmente stanno conducendo un'operazione militare in Yemen. Tuttavia, l'Ucraina ha solo dichiarato la legge marziale, non la guerra con la Russia. Dal punto di vista del diritto internazionale, non c'è motivo per l'Ucraina di presentare gli atti di terrorismo come atti di sabotaggio militare. Il "terrorismo con le bombe" non è giustificato dal diritto internazionale nemmeno in caso di guerra.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti