La Russia difenderà la sua sovranità. Il monito di Putin all'occidente

La Russia difenderà la sua sovranità. Il monito di Putin all'occidente

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Negli ultimi tempi gli attacchi alla Russia sono andati intensificandosi. L’occidente intende sfruttare il caso Navalny per assaltare la Russia. Ma Mosca, fa sapere il presidente Putin, non accetterà nessuna ingerenza straniera volta a destabilizzare il paese. Anche e soprattutto invita delle elezioni parlamentari. Il presidente, come riporta l’agenzia TASS, lo ha ribadito in occasione di un incontro con i leader delle fazioni parlamentari.

"Questa scelta (del popolo) deve essere protetta da qualsiasi tentativo di ingerenza dall'estero. Non possiamo permettercelo e non permetteremo alcun attacco alla sovranità della Russia o al diritto del popolo di essere padrone della propria terra”. 

Putin ha detto che su questo tema tutte le fazioni parlamentari si sono trovate in accordo. Inoltre il presidente ha manifestato la speranza che tutti continueranno ad aderire a una ferma posizione patriottica. 

"Credo che una tale coesione patriottica sia cruciale, specialmente per i principali partiti he hanno le proprie tradizioni, ideologie e influenza reale nella società", ha insistito Putin. Ha chiesto di mantenere questa autorità e di restare in contatto non solo con i sostenitori, ma anche con gli oppositori e con coloro che sono politicamente neutrali.

Putin ha sottolineato che le elezioni della Duma di Stato del 2021 devono svolgersi su una base veramente competitiva.

"Tutti noi siamo interessati a un'elezione aperta e onesta, che si svolga su una base altamente competitiva", ha detto, aggiungendo che si tratta di una contesa importante sia per i partiti parlamentari che per le forze non rappresentate nella Duma di Stato che intendono prendere parte alle elezioni. Questo è cruciale anche in primo luogo per gli elettori "che determineranno il risultato della campagna elettorale", ha concluso Putin.

Le forze occidentali che intendono sfruttare il caso Navalny per destabilizzare la Russia sono avvisate: a Mosca non saranno accettate indebite ingerenze nel processo democratico nazionale. Saranno i russi col proprio voto a stabilire chi deve sedere nella Duma per rappresentarli. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito di Gilberto Trombetta Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli