La Russia discute l'integrazione delle infrastrutture di pagamento con i BRICS

La Russia discute l'integrazione delle infrastrutture di pagamento con i BRICS

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

I Paesi BRICS si concentreranno sull'interazione dei sistemi di pagamento e dei regolamenti nelle valute nazionali nel 2024, anno in cui la presidenza del blocco sarà esercitata dalla Russia. Lo ha annunciato il capo della Banca centrale della Russia Elvira Nabiullina. 

In risposta a una domanda di Ria Novosti  sulle priorità e gli obiettivi delle banche centrali dell'associazione per quest'anno, Nabiullina ha osservato che i BRICS "usciranno con un'agenda ricca", ma si atterranno al principio della continuità e dello sviluppo delle iniziative stabilite negli anni precedenti. Tra queste, il capo della Banca Centrale della Federazione Russa ne ha individuate quattro fondamentali.

"Il primo è lo sviluppo della sfera dei pagamenti. Abbiamo un gruppo di esperti che discute diverse questioni, tra cui le valute digitali e l'interazione dei sistemi di pagamento. Quest'anno vogliamo concentrarci maggiormente sui pagamenti in valuta nazionale", ha dichiarato Nabiullina.

Inoltre, secondo l’economista russa, i regolatori presteranno attenzione allo sviluppo delle tecnologie finanziarie. Secondo il capo della Banca di Russia, i partecipanti ai BRICS vogliono discutere dell'automazione dei sistemi di identificazione transfrontaliera. Nabiullina ha osservato che ciò consentirà alle persone di ricevere più rapidamente servizi finanziari in un altro Paese.

Altro argomento all'ordine del giorno, è la sicurezza informatica nel settore finanziario. Secondo Nabiullina, la Banca centrale vuole offrire ai partner la possibilità di condurre una formazione transfrontaliera sul cyber.

La quarta direzione sarà lo sviluppo sostenibile e l'adattamento delle economie ai cambiamenti climatici. Come ha osservato Nabiullina, i Paesi BRICS sono molto interessati a questo tema e vogliono promuoverlo attivamente.

"In particolare, vogliamo discutere con i nostri colleghi su come integrare i rischi climatici nella regolamentazione finanziaria e su come sviluppare standard per le obbligazioni verdi e di adattamento", ha dichiarato il capo della Banca centrale di Mosca.

In precedenza, il 16 ottobre, Pavel Knyazev, ambasciatore presso il Ministero degli Esteri russo e sous-herpa della Russia presso i BRICS, ha dichiarato che i lavori per la creazione di un sistema di pagamento unificato per i Paesi BRICS sono in corso, ma non saranno pubblici. Secondo Knyazev, questo lavoro non è facile, quindi un'eccessiva pubblicità è piuttosto dannosa per esso. Allo stesso tempo, ha affermato che il lavoro viene condotto dai ministeri delle finanze e dalle banche centrali nell'ambito dei meccanismi di interazione esistenti.

Il 5 ottobre, il Presidente russo Vladimir Putin ha proposto di creare un meccanismo di regolamento unico tra i Paesi invece di una moneta unica BRICS. Secondo Putin, è necessario stabilire un sistema di regolamento e creare una logistica finanziaria per garantire i regolamenti tra gli Stati dell'associazione. Ha osservato che la creazione di una moneta BRICS è teoricamente possibile, ma richiederebbe la parità nello sviluppo delle economie dei Paesi, una prospettiva molto lontana.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti