La Russia salverà l’Europa dalla sua crisi energetica

La Russia salverà l’Europa dalla sua crisi energetica

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La falsa narrazione diffusa dagli Stati Uniti secondo cui la Russia avrebbe utilizzato come un'arma le sue esportazioni di energia verso l’Europa, è stata smentita dopo che la grande potenza eurasiatica ha promesso di andare in soccorso dei suoi vicini per aiutarli a sopravvivere all’attuale crisi energetica. Infatti, nonostante la paura per l’oleodotto Nord Stream 2, che alla fine è stato completato, gli stessi Stati Uniti stanno importando più petrolio dalla Russia che mai, al punto che Bloomberg (che non può essere considerato credibilmente un’emittente amica della Russia, tanto meno che diffonde la cosiddetta “propaganda filorussa”) è stato costretto a riferire in agosto che “la Russia ha ottenuto la seconda posizione tra i fornitori di petrolio stranieri per gli Stati Uniti”. Questo fatto sorprendente è confermato dalle statistiche della stessa Energy Information Administration degli Stati Uniti nel loro sito ufficiale.

La cancelliera tedesca uscente Merkel, del Paese considerato la forza più potente e influente dell’UE, ha detto che la Russia sta rispettando tutti i suoi contratti e non è da biasimare per la crisi energetica. Il presidente russo Putin in precedenza ha attribuito l’impennata dei costi dell’energia a un’isteria e al disordine sul mercato causato da speculazioni inesatte e dalla cattiva gestione delle transizioni di de-carbonizzazione di molti paesi. Ha anche detto che la Commissione europea ha fatto un errore passando dai contratti di gas a lungo termine al commercio a pronti. Il leader russo ha poi riaffermato che Gazprom non ha mai rifiutato di aumentare le forniture di gas quando le richieste erano in atto e ha incaricato il suo ministro dell’energia di garantire che il transito attraverso l’Ucraina sia mantenuto. Tutti questi sviluppi dimostrano che la Russia è il partner energetico più affidabile dell’UE.

Il gasdotto Nord Stream 2, completato di recente, e il Turkish Stream, completato in precedenza, contribuiranno notevolmente alla sicurezza energetica, soprattutto in termini di aiuto per sopravvivere alla crisi in corso. L’opposizione degli Stati Uniti a entrambi i progetti era egoistica e mirava a spingere i partner ad affidarsi alle sue esportazioni di GNL, molto più costose e relativamente meno affidabili. Il mondo intero ora vede che sarebbe stato controproducente se l’UE si fosse conformata completamente all’America come voleva il suo patrono. Per fortuna rimangono ancora alcuni alleati degli Stati Uniti che conservano una parvenza di sovranità strategica e hanno capito la saggezza nell’espandere i legami energetici con la Russia nonostante la pressione americana per ridurli.

Tutto questo dimostra diversi punti importanti. In primo luogo, sono gli Stati Uniti ad essere un partner inaffidabile per l’Europa sotto tutti i punti di vista, non la Russia. La grande potenza eurasiatica sta correndo in soccorso dei suoi vicini, ma questo non sarebbe stato possibile se i suoi partner avessero pienamente rispettato le pressioni degli Stati Uniti per ridurre e infine tagliare i legami energetici con Mosca. Qui sta il secondo punto, cioè che gli Stati Uniti sono stati quelli che hanno cercato di armare le esportazioni di energia con pretesti politicamente russofobi per rendere l’UE dipendente dalle sue esportazioni di GNL, più costose e meno affidabili. Il terzo punto è che gli Stati Uniti hanno impiegato false narrazioni di guerra dell’informazione per perseguire quel fine fallito, il che dovrebbe ridurre ulteriormente la loro credibilità agli occhi del pubblico europeo, col senno di poi.

In futuro, questo stesso pubblico europeo dovrebbe sperare di rendersi conto che le convinzioni politicamente russofobiche che alcuni di loro purtroppo sposano, sono il risultato della campagna di guerra dell’informazione degli Stati Uniti contro di loro. Lungi dall’armare l’energia per far gelare l’Europa per un presunto dispetto geopolitico, la Russia ha usato le sue esportazioni di energia durante questo periodo di crisi come uno strumento per riparare le relazioni bilaterali e migliorare la percezione pubblica dei suoi partner. Gli approcci, americano e russo, alla cosiddetta “diplomazia dell’energia” non potrebbero quindi essere più diversi, poiché il primo considera questi mezzi come un’arma verso il fine di dominare i suoi “partner”, mentre il secondo la vede come un’opportunità per migliorare le relazioni, le percezioni e gli standard di vita.

(Articolo pubblicato in inglese su One World)

(Traduzione di Marco Pondrelli per Marx21.it)

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...