La Russia sta cercando di trasformare l'aeroporto siriano di Qamishli in una nuova base aerea permanente

La Russia sta cercando di trasformare l'aeroporto siriano di Qamishli in una nuova base aerea permanente

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di The Cradle

I resoconti dei media arabi affermano che la Russia sta cercando di consolidare la sua presenza militare nella Siria nordoccidentale iniziando i lavori per espandere l'aeroporto di Qamishli nel governatorato di Hasaka per trasformarlo in una nuova base dell'aeronautica russa.

"La Russia vuole sfruttare la posizione geografica della città di Qamishli, che confina con la Turchia e vicino al confine iracheno, per stabilire la sua presenza in quest'area strategica", secondo fonti militari siriane citate da Al-Akhbar il 29 ottobre scorso.

Le fonti hanno anche affermato che i piani di Mosca per l'aeroporto arrivano come misura precauzionale in vista di un possibile ritiro degli Stati Uniti dalla Siria, ma hanno negato le affermazioni secondo cui il Cremlino sta prendendo provvedimenti per uno scontro militare con la Turchia.

Il 28 ottobre, il primo aereo da guerra russo è atterrato all'aeroporto di Qamishli, che si trova a soli 100 chilometri da una base aerea statunitense nella zona rurale di Malikiyah, con rapporti che indicano che Mosca prevede di avere uno squadrone composto da quattro aerei da guerra e diversi Mi-17 e Mi- 25 elicotteri e un sistema di difesa aerea nelle vicinanze dell'aeroporto.

La notizia arriva proprio mentre gli Stati Uniti e la Turchia hanno iniziato a rafforzare la loro presenza militare nel governatorato di Hasaka. I rapporti del 31 ottobre hanno indicato che un convoglio di 40 camion che trasportavano vari tipi di armi, equipaggiamento militare e forniture logistiche ha attraversato il confine di Waleed dall'Iraq prima di dirigersi verso la regione controllata dagli Stati Uniti.

I rinforzi dell'esercito turco sono arrivati ??in concomitanza con le dichiarazioni ufficiali di Ankara che indicavano l'intenzione di lanciare un'operazione militare contro le Forze democratiche siriane (SDF) e le Unità di protezione del popolo (YPG).

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti