La Spagna consegnerà all'UE una "lista" dei cittadini che rifiutano il vaccino

La Spagna consegnerà all'UE una "lista" dei cittadini che rifiutano il vaccino

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Pessima notizia dalla Spagna dove il ministro della Salute, Salvador Illa - il 28 dicembre in un'intervista televisiva all'emittente La Sexta - ha annunciato che la Spagna, farà una lista dei cittadini che rifiutano il vaccino contro il Covid-19 che sarà condivisa con gli altri paesi dell'Unione europea. "Non è un documento che sarà reso pubblico e sarà fatto nel massimo rispetto della protezione dei dati".

Bontà sua, il collega spagnolo di Roberto Speranza, per ora risparmia la gogna a coloro che – magari perché preoccupati dalle dichiarazioni di autorevoli esperti – si rifiuteranno di sottoporsi al vaccino. Ma, essendo ministro della Salute, forse Salvator Illa farebbe bene a spiegare quali sono i motivi sanitari che sottintendono alla sua disposizione, considerando che - come documentato, addirittura, dalla Pfizer - il vaccino non impedirà ai vaccinati di trasmettere il virus Sars-Cov-2 agli altri. E farebbe bene anche a dichiarare che la condivisione del registro con gli altri Paesi UE altro non è che una modifica del Trattato di Schengen (che regola la libera circolazione dei cittadini dell’Unione Europea) finalizzata ad  impedire una qualsiasi manifestazione unitaria dei cittadini europei contro quella che si prospetta essere una dittatura sanitaria.

Intanto impazzano gli appelli pro-vaccino degli “influencer”; l’ultimo quello del Sindaco di Milano, Giuseppe Sala. Ricordate? È quello di #milanononsiferma che, mentre le TV già trasmettevano quello succedeva in Cina, invitava ad affollare strade, negozi e bar.

 

Francesco Santoianni

Francesco Santoianni

Cacciatore di bufale di e per la guerra. Autore di "Fake News. Guida per smascherarle"

Potrebbe anche interessarti

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO di Giorgio Cremaschi 28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'" di Marinella Mondaini Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Buoni a nulla di Alberto Fazolo Buoni a nulla

Buoni a nulla

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda di Giuseppe Masala "Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire di Antonio Di Siena Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA di Gilberto Trombetta VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo di Michelangelo Severgnini Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo