La strategia di contenimento anti-cinese del falco Tom Cotton sarà adottata da Biden?

La strategia di contenimento anti-cinese del falco Tom Cotton sarà adottata da Biden?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il “Deep State” Balancing Act di Biden

La strategia del presidente Biden nei confronti della Cina sembra sempre più basata sull'espansione della politica di contenimento del suo predecessore, anche se in modo più multilaterale rispetto a quella per lo più unilaterale dell'ex presidente Trump. Ciò è dimostrato dal suo discorso al Dipartimento di Stato il mese scorso che ha portato alla mia conclusione che "Alleanze, democrazia e valori maschereranno l'aggressione americana". Anche questo era del tutto prevedibile poiché in precedenza avevo predetto che "Un'Alleanza di Democrazie 'potrebbe essere la prossima grande mossa strategica dell'America". La base decisionale sullo sfondo è che Biden deve "bilanciare" tra le fazioni dello “Stato Profondo" in competizione nelle burocrazie militari, di intelligence e diplomatiche del suo paese che sono divise tra coloro che abbracciano "America First" di Trump e i globalisti liberali che sono più strettamente collegati all'ex presidente Obama. Ho elaborato la dinamica tra loro e il loro possibile compromesso rispetto a un "contenimento" più intelligente della Cina in cambio di un cauto re-impegno con l'Iran nella mia analisi correlata alla fine dello scorso anno su "Deep State Wars: Trump vs Biden su Cina e Iran".

"Disaccoppiamento mirato e lunga guerra economica"

Il senatore repubblicano Tom Cotton, un famigerato falco anti-cinese, ha pubblicato il mese scorso una strategia di contenimento globale contro la Cina che è stata scritta dai membri del suo ufficio. Propone astutamente una serie di coalizioni complementari tese a questo fine, anche in ambito tecnologico e istituzionale, il che, se attuato con successo, equivale essenzialmente alla creazione di una moderna cortina di ferro. Ciò potrebbe accadere considerando che è in gran parte in linea con i piani multilaterali dell'amministrazione Biden in questo senso. Il documento di 84 pagine è intitolato "Beat China: Targeted Decoupling And The Long Economic War", e un riassunto può essere letto su Breitbart qui. A dire il vero, non è tutto negativo, dal momento che molte delle sue proposte sulla diversificazione dei partner economici degli Stati Uniti e sul reshoring delle loro attività sono fondate in linea di principio, così come i suoi suggerimenti per lo stoccaggio di minerali delle terre rare, chip semiconduttori e altri materiali di importanza per la sicurezza nazionale. Lo sono anche le sue idee sulla modernizzazione delle normative e del codice fiscale, su maggiori investimenti in ricerca e sviluppo e sul miglioramento dell'efficienza del governo federale. Hanno tutti un senso logico.

Coalizione di contenimento anti-cinese di Cotton

Il problema, tuttavia, è che fondamentalmente vuole anche intraprendere una guerra ibrida globale alla Cina. La sua logica è che questa è l'unica risorsa possibile per l'America dopo che la sua precedente politica di tentare di influenzare i cambiamenti politici interni nel paese attraverso decenni di impegno economico non è riuscita a ottenere alcun dividendo tangibile. Nelle sue stesse parole, "questo sforzo generazionale di impegno è stato un esperimento per vedere se una maggiore integrazione economica avrebbe generato un cambiamento politico in Cina", che giustamente sostiene non ha avuto successo. Invece di abbandonare quella politica costantemente fallita di ingerenza negli affari interni della Cina, vuole raddoppiarla, ma in modo più furbo attraverso l'istituzione di semiconduttori, 5G e blocchi di condivisione dei dati come pilastri cruciali del più grande "American-led, China-excluded trading order with trusted nations in the Indo-Pacific” che propone. Parallelamente a ciò, consiglia che "gli Stati Uniti dovrebbero lanciare uno sforzo simile per quanto riguarda il Regno Unito e l'Unione Europea, il principale mercato di esportazione dell'America". Il grande risultato strategico è quindi la creazione di una massiccia coalizione di contenimento anti-cinese lungo il Rimland eurasiatico.

Catalizzatore della Rivoluzione Colorata

Questo si basa sulla sua aspettativa che “i cittadini cinesi disposti ad accettare uno Stato autoritario sempre più pesante in cambio di un tenore di vita più elevato potrebbero pensarci due volte se la crescita rallenta o ristagna. Di conseguenza, il PCC teme che il calo delle esportazioni, della crescita e dell'occupazione possa comportare perdite politiche". In altre parole, i blocchi interconnessi di semiconduttori, 5G e condivisione dei dati che vuole creare all'interno della sua immaginata coalizione di contenimento dell'Eurasian Rimland anti-cinese dovrebbero eventualmente danneggiare la crescita economica della Cina se abbinati a sanzioni e politiche tariffarie più aggressive, per creare una serie di Rivoluzioni Colorate che potrebbero far sembrare il famigerato tentativo di Rivoluzione Colorata di Piazza Tiananmen un gioco da ragazzi col senno di poi. La coalizione di contenimento proposta si espanderebbe anche in modo prospettico in tutto il mondo in tutto il Sud del mondo secondo la sua visione degli Stati Uniti “facendo leva sui finanziamenti allo sviluppo e gli aiuti esteri". Ironia della sorte, questo è esattamente ciò che gli Stati Uniti accusano la Cina di fare contro i propri interessi, quindi è curioso che Cotton stia abbracciando questa stessa strategia.

Guerra economica

Secondo lui, "Mobilitare queste potenti istituzioni può supportare una strategia degli Stati Uniti per il disaccoppiamento mirato incentivando i paesi stranieri a resistere alle richieste cinesi, come la partecipazione alla Belt and Road Initiative, e sostenendo le aziende statunitensi in settori strategici". Questi sforzi saranno resi ancora più efficaci se le agenzie di spionaggio statunitensi seguiranno il suo consiglio di espandere le operazioni contro la Repubblica Popolare. Il suo rapporto suggerisce che "la US Intelligence Community (IC) dovrebbe espandere i suoi sforzi di raccolta in relazione all'economia cinese, inclusi il furto di proprietà intellettuale, le strutture societarie e di capitale delle aziende cinesi, gli azionisti delle società strategiche cinesi e gli sviluppi tecnologici all'interno delle società cinesi”. Sebbene affermi che questa proposta è stata avanzata in modo difensivo al fine di identificare possibili obiettivi da sanzionare in risposta a presunti furti di proprietà intellettuale, l'intuizione ottenuta attraverso queste operazioni potrebbe essere molto facilmente abusata per scopi offensivi per minare la competitività economica della Cina e intromettersi nelle sue numerose partnership nell’ambito della Belt & Road Initiative (BRI).

Intrigo istituzionale

Le attività aggressive di questa coalizione di contenimento globale anti-cinese sono destinate ad essere sostenute dalle istituzioni internazionali che Cotton dice che gli Stati Uniti dovrebbero controllate o sostituite quando non è possibile controllarle. Secondo la sua proposta, "l'America deve lottare per invertire i guadagni della Cina in queste istituzioni e costruire nuove organizzazioni separate di partner disponibili e che la pensano allo stesso modo quando queste organizzazioni non possono essere controllate. Con queste organizzazioni fuori dal controllo di Pechino, gli Stati Uniti possono garantire che le regole e gli standard internazionali siano scritti per supportare le tecnologie emergenti in cui l'America è naturalmente adatta a prevalere". Nel complesso, la grande strategia di Cotton è quella in cui gli Stati Uniti guidano una coalizione eurasiatica del Rimland che riunisce diversi blocchi tecnologici esclusi dalla Cina, si espande attraverso la leva strategica del finanziamento allo sviluppo e degli aiuti esteri, ed è "legittimata" attraverso istituzioni internazionali controllate o sostituite.

Pensieri conclusivi

Gli scettici potrebbero immediatamente respingere la proposta di contenimento globale anti-cinese di Cotton come politicamente irrealistica da attuare sotto la presidenza democratica di Biden, ma una tale posizione ignora il fatto che il presidente in carica intende in modo convincente basarsi sulla politica del suo predecessore in questo senso, anche se in maniera molto più multilaterale. Questa intuizione suggerisce fortemente che la proposta di Cotton potrebbe effettivamente essere ben accolta dall'amministrazione Biden poiché la sua visione multilaterale di una serie di coalizioni complementari è strettamente allineata con la politica dichiarata del partito al governo di fare più affidamento sulle alleanze internazionali per promuovere gli interessi nordamericani all'estero. Per questo motivo, sarebbe un grave errore se gli osservatori ignorassero i suggerimenti di Cotton in quanto c'è una reale possibilità che almeno alcuni di essi possano essere implementati dagli Stati Uniti nei prossimi quattro anni. Tutto si sta già muovendo in quella direzione senza alcuna prova credibile che questa traiettoria cambierà seriamente in futuro. Con questo in mente, la Cina farebbe bene a considerare le strategie più efficaci per rispondere a questo scenario, idealmente in modo multilaterale dopo aver consultato da vicino i suoi partner.

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi di Giorgio Cremaschi I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

Manifestazioni contro il green pass. Cosa bisogna fare adesso di Francesco Santoianni Manifestazioni contro il green pass. Cosa bisogna fare adesso

Manifestazioni contro il green pass. Cosa bisogna fare adesso

Thomas Piketty, la Cina e Noi   di Bruno Guigue Thomas Piketty, la Cina e Noi

Thomas Piketty, la Cina e Noi

L'agenda politica dietro il "lasciapassare" di Antonio Di Siena L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo di Gilberto Trombetta Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo

Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti