La Transnistria chiede alla Russia "protezione dalla crescente pressione della Moldavia"

La Transnistria chiede alla Russia "protezione dalla crescente pressione della Moldavia"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Le autorità della Transnistria si sono rivolte alla Russia per chiedere aiuto a causa delle pressioni della Moldavia. Il 28 febbraio il Congresso dei Deputati della Repubblica Moldava Pridnestroviana - che confina con la Moldavia e l'Ucraina - ha approvato una risoluzione in cui si chiede alla Russia di "attuare misure per proteggere la Transnistria nel contesto della crescente pressione da parte della Moldavia", che considera la repubblica autoproclamata parte del suo territorio.

Il documento sottolinea anche che il territorio della Repubblica moldava pridnestroviana, come viene ufficialmente chiamata, ospita più di 220.000 cittadini russi permanenti. Inoltre, la risoluzione sottolinea "l'esperienza positiva unica della missione di pace russa in Dniestria, nonché lo status di garante e mediatore nel processo negoziale".

"Ci rivolgiamo al Consiglio della Federazione e alla Duma di Stato della Russia con la richiesta di attuare misure per proteggere la Transnistria in condizioni di maggiore pressione da parte della Moldavia. Più di 220.000 cittadini russi vivono in Transdniestria. La Russia partecipa alla missione di pace sul Dniester ed è garante e mediatore nel processo negoziale", si legge nel documento. Secondo quanto riporta l'agenzia "Novosti Prednestrovia".

Inoltre, la risoluzione afferma che la Repubblica non riconosciuta sta vivendo sfide e minacce senza precedenti di natura economica, politico-militare e socio-umanitaria.

Le autorità di Tiraspol osservano inoltre che la Moldavia "ha di fatto scatenato una guerra economica contro la Transnistria, creando deliberatamente i presupposti per un deficit di bilancio multimilionario" e "cerca di distruggere il sistema sanitario della Transnistria bloccando la fornitura di medicinali e attrezzature mediche".

"La Moldavia blocca deliberatamente i negoziati e si sottrae al dialogo politico a livello dei vertici delle parti. Chisinau si è rifiutata di rispettare quasi tutti gli accordi precedentemente raggiunti con la Transnistria", si legge ancora nella risoluzione.

Tra le altre cose, la risoluzione denuncia la "pressione sociale ed economica" da parte della Moldavia, l'adozione di una legge sul separatismo che "crea i presupposti per il perseguimento penale di letteralmente tutti i cittadini della Transnistria", nonché il rifiuto di Chisinau di mantenere un " dialogo politico a livello degli alti dirigenti delle due parti”. 

"La Moldavia si è rivelata incapace di riconoscere l'esistenza dei diritti umani e delle libertà universali inalienabili degli abitanti della Transnistria", conclude il testo.

Lo scorso 26 di febbraio, il vicesegretario generale della NATO Mircea Joane ha dichiarato che sosterrà la Moldavia se la Transnistria si unirà alla Russia. Ha sottolineato che se un tale evento dovesse verificarsi, il blocco condannerà questi passi. Secondo Joane, questo territorio è importante per la NATO.

In precedenza, il 15 febbraio, il viceministro degli Esteri russo Mikhail Galuzin ha dichiarato a Izvestia che in caso di escalation del conflitto in Transnistria, la Russia ha tutte le possibilità di proteggere le persone che vivono in questa regione. Evidenziando che qualsiasi azione che rappresenti una minaccia per i militari e i cittadini russi sarà considerata un attacco al Paese.

Come ricorda l’emittente RT, la Repubblica moldava di Pridnestrovia, o Transnistria, ha dichiarato l'indipendenza dopo il crollo dell'URSS, che ha portato a una guerra civile nel 1992. Il conflitto, che ha causato circa 800 vittime, è terminato dopo l'intervento delle forze di pace russe, che da allora sono di stanza in Transnistria. Questa realtà 30 anni dopo non è stata ancora riconosciuta dalle Nazioni Unite. Sebbene la Transnistria abbia tre lingue ufficiali - moldavo, russo e ucraino - gran parte della popolazione utilizza il russo.

---------------------

NUOVA USCITA - TERZA GUERRA MONDIALE? IL FATTORE MALVINAS

LEGGILO

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti