La Turchia convoca l'ambasciatore italiano per le «inaccettabili, populiste e brutte» parole di Draghi

La Turchia convoca l'ambasciatore italiano per le «inaccettabili, populiste e brutte» parole di  Draghi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il ministero degli Esteri turco ha convocato l'ambasciatore italiano mentre il ministro degli Esteri Mevlüt Çavusoglu ha condannato fermamente le “dichiarazioni inaccettabili” del premier italiano Mario Draghi sul presidente Recep Tayyip Erdogan.

L'ambasciatore Massimo Gaiani, che è ambasciatore italiano in Turchia dal gennaio 2019, è stato convocato per le dichiarazioni di Draghi, in cui ha definito il presidente Erdogan un "dittatore".

Mario Draghi in conferenza stampa ha affermato: «Erdogan è un dittatore di cui si ha bisogno. Non condivido affatto il comportamento di Erdogan. È stato un comportamento di cui mi dispiace moltissimo per l’umiliazione che la presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, ha dovuto subire». 

In un messaggio su Twitter, Çavusoglu ha scritto che la Turchia condanna fermamente le osservazioni "inaccettabili, populiste e brutte" del primo ministro Draghi sul presidente Erdogan.

Ha aggiunto che la Turchia “rispedisce” le osservazioni al mittente.

Le parole di Draghi sono arrivate dopo che le immagini che sembravano mostrare la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen senza sedia durante un vertice ad Ankara. La situazione ha suscitato critiche intense e accuse sui social media. Tuttavia, Çavusoglu ha osservato che la disposizione dei partecipanti al vertice bilaterale tra UE e Turchia era stata precedentemente discussa con il blocco ed era stata realizzata secondo i loro suggerimenti.

Il capo del protocollo del Consiglio dell'UE ha osservato che l'incidente potrebbe essere stato provocato dall'ordine del protocollo stabilito dal trattato dell'UE, evidenzia il quotidiano Daily Sabah.

"In generale, il protocollo per i paesi terzi fa una chiara distinzione tra lo status di capo di Stato, assegnato dal presidente del Consiglio europeo, e lo status di primo ministro, del presidente della Commissione", ha affermato il dirigente di Bruxelles.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

In Campania trasporto pubblico vietato ai non vaccinati? di Francesco Santoianni In Campania trasporto pubblico vietato ai non vaccinati?

In Campania trasporto pubblico vietato ai non vaccinati?

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti