L'Argentina ha pagato il Fondo Monetario Internazionale senza usare dollari

L'Argentina ha pagato il Fondo Monetario Internazionale senza usare dollari

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Come annunciato in precedenza dal governo di Buenos Aires, l’Argentina ha saldato venerdì scorso il suo debito in scadenza con il Fondo Monetario Internazionale (FMI) per un importo equivalente a 2,7 miliardi di dollari, secondo quanto riferito dal quotidiano Página/12, per la prima volta senza utilizzare il dollaro statunitense. 

La quota totale è stata regolata in parte in Diritti Speciali di Prelievo (DSP), un asset del FMI, e in parte in yuan cinesi, come aveva annunciato giovedì la portavoce presidenziale Gabriela Cerruti. 

Con questo meccanismo, il Ministero dell'Economia argentino cerca di rispettare l'accordo senza compromettere la riserva di dollari nella Banca Centrale (BCRA), stimata in circa 2,5 miliardi di banconote statunitensi.

In seguito al pagamento, la portavoce del Fondo Julie Kozack, responsabile delle comunicazioni esterne, ha rilasciato una dichiarazione dopo una riunione informale di routine del comitato esecutivo dell'agenzia sull'Argentina. 

"Il personale del FMI e le autorità argentine continueranno a fare progressi nel loro lavoro congiunto nei prossimi giorni, con l'obiettivo di raggiungere un accordo sulla quinta revisione del programma", si legge nel comunicato, in cui si sottolinea che le autorità del Paese sudamericano "continuano ad essere in regola con i loro obblighi finanziari nei confronti del Fondo".

"Continuano le discussioni tecniche su un pacchetto di politiche per salvaguardare la stabilità economica, nel contesto di una situazione difficile, in parte influenzata dalla storica siccità", che ha complicato la raccolta di dollari da esportazioni agricole. 

La portavoce del FMI ha aggiunto che le discussioni mirano a "rafforzare le politiche macroeconomiche" per sostenere "l'accumulo di riserve e migliorare la sostenibilità fiscale, proteggendo al contempo i più vulnerabili".

Il ministero dell'Economia argentino, guidato dal candidato alla presidenza per il peronismo Sergio Massa, ha dichiarato all'agenzia di stampa Télam che una missione tecnica guidata dal viceministro dell'Economia, Gabriel Rubinstein, e dal consigliere capo, Leonardo Madcur, si recherà lunedì a Washington DC, negli Stati Uniti, per mettere a punto i dettagli dell'accordo, "che sta andando molto bene".

Massa ha sollevato con il FMI la possibilità di riformulare gli obiettivi e anticipare gli esborsi previsti dall'attuale accordo, per poter affrontare l'impatto della siccità, che ha colpito duramente le riserve e l'economia argentina.

Conti correnti in yuan

Intanto l’Argentina si muove verso la de-dollarizzazione assecondando la tendenza internazionale, come riferito dal presidente Alberto Fernandez lo scorso aprile dopo aver rinnovato un accordo swap con la Cina.  

La Banca Centrale della Repubblica Argentina (BCRA) ha incorporato lo yuan renminbi (RMB) come valuta accettata per i depositi nelle casse di risparmio e nei conti correnti. In questo modo, è stato compiuto un ulteriore passo avanti nell'incorporazione della valuta cinese nel circuito finanziario argentino.

"Le istituzioni finanziarie potranno quindi aprire conti bancari denominati in yuan renminbi", ha dichiarato l'autorità monetaria in un comunicato.

La misura è complementare alla decisione della Commissione Nazionale per i Titoli (CNV) che ha permesso la negoziazione di titoli negoziabili in renminbi yuan e le operazioni sul mercato dei futures.

La BCRA ha dichiarato di essere impegnata a promuovere l'incorporazione dello yuan nel mercato finanziario argentino, attraverso l'utilizzo dello swap valutario con la Cina, che meno di un mese fa è stato esteso a 70 miliardi di yuan, equivalenti a circa 10 miliardi di dollari, per fornire liquidità alle operazioni nei mercati a termine e a pronti.

L'obiettivo della Banca Centrale è quello di diffondere il pagamento delle importazioni con lo yuan, al fine di semplificare le operazioni e ridurre il costo finanziario delle aziende argentine che importano prodotti dalla Cina, eliminando l'intermediazione con altre valute come il dollaro.

In questo senso, la diffusione di un mercato in yuan consentirebbe alle aziende che hanno accesso autorizzato al mercato dei cambi di pagare un'importazione in 30, 90, 180 giorni e di potersi coprire con un contratto a termine in quella valuta, con scadenza nel termine di pagamento.

In questo modo, lo yuan avrebbe gli stessi meccanismi di copertura del dollaro.

Lo swap valutario con la Cina è in vigore per 130 miliardi di yuan, pari a circa 19 miliardi di dollari, anche se l'Argentina ha una disponibilità libera fino a 70 miliardi di yuan (circa 10 miliardi di dollari) per il pagamento di operazioni commerciali e per l'intervento sul mercato dei cambi.

Nel 2022, la Cina è stata la principale fonte delle importazioni argentine, per 17,5 miliardi di dollari in beni e servizi importati, e la seconda delle esportazioni argentine, per circa 8 miliardi di dollari.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti