L'attacco allo Yemen: la reazione di Cina, Russia e mondo arabo

L'attacco allo Yemen: la reazione di Cina, Russia e mondo arabo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Andrea Puccio - www.occhisulmondo.info

 

Questa notte , gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno lanciato diversi attacchi contro le posizioni degli Houthi nello Yemen. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato che l'offensiva è stata sostenuta da Australia, Bahrein, Canada e Paesi Bassi, e ha indicato che sono stati bombardati "obiettivi in Yemen usati dai ribelli Houthi per mettere in pericolo la libertà di navigazione su una delle vie marittime più vitali del mondo".

L’attacco contro lo Yemen è avvenuto senza alcuna autorizzazione da parte dell’ONU, la coalizione capeggiata dagli Stati Uniti e dal Regno Unito hanno deciso unilateralmente l’azione. Un’azione arbitraria anche se sostenuta dalla solita retorica dell’autodifesa e della tutela dei propri interessi, in questo caso come al solito sono gli interessi economici legati al transito delle navi nel Mar Rosso.

Il segretario di Stato degli Stati Uniti Antony Blinken ha definito gli attacchi del movimento yemenita un "pericolo per la navigazione nel Mar Rosso", esortando il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ad approvare una risoluzione che fermi queste azioni.

Il portavoce della NATO Dylan White ha dichiarato che gli attacchi di Washington e della sua coalizione "sono stati difensivi e progettati per preservare la libertà di navigazione su una delle vie marittime più importanti del mondo", aggiungendo che "gli attacchi degli Houthi devono finire".

Il primo ministro olandese Mark Rutte ha detto che l'operazione contro gli Houthi "si basa sul diritto all'autodifesa" ed è volta ad abbassare l'escalation e proteggere la libera navigazione nella regione. "I Paesi Bassi, con la loro lunga storia di paese navale, danno una notevole importanza al diritto alla libertà di passaggio e sostengono questa operazione selettiva", ha detto il presidente, citato da Reuters.

Il ministro degli Esteri olandese Hanke Bruins Slot e il ministro della difesa Kajsa Ollongren hanno affermato che, su richiesta di Washington, i Paesi Bassi hanno fornito "supporto militare non operativo", consistente nella fornitura di "un ufficiale di stato maggiore", oltre al sostegno politico, negli attacchi.

 

Gli Stati Uniti hanno usato più di 100 munizioni guidate con precisione per attaccare più di 60 obiettivi Houthi nello Yemen

Il ministro della difesa australiano Richard Marles ha detto che il ruolo del suo paese negli attacchi contro lo Yemen si è limitato alla fornitura del personale al quartier generale delle operazioni". Ha aggiunto che Canberra "continuerà a sostenere qualsiasi azione che riafferma l'ordine globale basato su regole”. Regole però decise dai paesi occidentali..

 Germania, Danimarca, Corea del Sud e Nuova Zelanda hanno aderito a una dichiarazione congiunta con i paesi coinvolti nell'operazione contro gli Houthi. Secondo il documento, l'offensiva della coalizione, guidata da Washington, è stata condotta in risposta agli attacchi Houthi "illegali, pericolosi e destabilizzanti" contro le navi nel Mar Rosso e "in virtù del diritto intrinseco all'autodifesa individuale e collettiva e in conformità con la lettera delle Nazioni Unite".

"Questi attacchi di precisione avevano lo scopo di interrompere e deteriorare le capacità utilizzate dagli Houthi per minacciare il commercio mondiale e la vita dei marinai internazionali su una delle vie di navigazione più cruciali del mondo", si legge nella dichiarazione.

Biden è stato criticato da alcuni legislatori statunitensi, sia repubblicani che democratici, poiché ha ordinato gli attacchi contro lo Yemen senza l'approvazione del Congresso violando l’articolo 1 della costituzione statunitense.

Russia: "Gli anglosassoni mostrano il loro totale disprezzo per il diritto internazionale"

Secondo la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova, "gli attacchi aerei degli Stati Uniti contro lo Yemen sono un altro esempio della distorsione, da parte degli anglosassoni, delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e del loro totale disprezzo per il diritto internazionale in nome dell'escalation della situazione nella regione per i propri scopi distruttivi".

Poi, durante una riunione informativa, Zaharova ha detto che Mosca esorta la comunità internazionale a "condannare energicamente l'attacco allo Yemen da parte di un gruppo di paesi senza mandato delle Nazioni Unite". "Condividiamo le preoccupazioni espresse dai nostri partner regionali, in particolare dall'Arabia Saudita, e chiediamo che gli sforzi internazionali siano intensificati per evitare un'ulteriore escalation della situazione", ha detto.

Secondo la portavoce, la Russia sospetta che "la posizione degli Stati Uniti nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite sul Mar Rosso sia solo un pretesto per un'ulteriore escalation della situazione e della tensione nella regione". Mosca condanna "queste azioni irresponsabili degli Stati Uniti e dei loro alleati", ha ribadito.

Axios: Gli Stati Uniti potrebbero attaccare di nuovo gli Houthi

La Russia ha già chiesto di tenere una riunione urgente del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite venerdì in relazione agli attacchi contro il territorio dello Yemen.

Anche il portavoce presidenziale russo Dmitri Peskov ha parlato della questione, constatando che il Cremlino condanna questi attacchi. "Dal punto di vista del diritto internazionale, sono illegittimi", ha detto Peskov, citato da TASS, precisando che la risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che ha condannato le azioni degli Houthi "non dà alcun diritto di lanciare attacchi" contro lo Yemen. Ha aggiunto che Mosca ha ripetutamente esortato gli Houthi a rinunciare agli attacchi contro le navi nel Mar Rosso, definendo questa pratica "estremamente errata".

La Cina esprime preoccupazione

Pechino è preoccupata per l'escalation della tensione nel Mar Rosso e chiede a tutte le parti coinvolte di mantenere la calma ed esercitare moderazione per evitare un'ulteriore escalation dei conflitti, ha detto venerdì la portavoce del Ministero degli Affari Esteri Mao Ning.

La portavoce ha anche sottolineato che l'area del Mar Rosso è un'importante rotta di commercio internazionale di beni ed energia, quindi la Cina spera che tutte le parti coinvolte possano svolgere un ruolo costruttivo e responsabile nel mantenimento della sicurezza e della stabilità della regione.

L'Iran paragona gli attacchi a "i crimini di guerra di Israele"

Gli attacchi degli Stati Uniti e dei loro alleati contro gli Houthi rappresentano una "azione arbitraria", ha detto il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Nasser Kanaani, definendoli anche una "violazione della sovranità e dell'integrità territoriale" dello Yemen.

Secondo il portavoce, gli attacchi militari "sono in linea con il pieno sostegno degli Stati Uniti e del Regno Unito negli ultimi cento giorni ai crimini di guerra" commessi da Israele nella Striscia di Gaza.

"Mentre il regime sionista continua i suoi attacchi e crimini di guerra nella Striscia di Gaza e in Cisgiordania in Palestina, gli Stati Uniti e l'Inghilterra, espandendo la portata del loro sostegno al regime sionista, distolgono l'attenzione dei popoli del mondo dai crimini di questo regime falso, criminale e aggressore contro il popolo palestinese", ha dichiarato Kanaani, avvertendo della diffusione dell'insicurezza e dell'instabilità nella regione.

Allo stesso modo, il portavoce iraniano ha espresso preoccupazione per le possibili conseguenze della ripetizione di tali "attacchi arbitrari contro la pace e la sicurezza regionali e internazionali" da parte dei paesi occidentali, invitando la comunità internazionale a impedire la diffusione del conflitto e dell'instabilità in Medio Oriente.

L'Arabia Saudita chiede di "evitare un'escalation"

Il ministero degli Esteri saudita ha chiesto la moderazione e di "evitare un'escalation", constatando che stava sorvegliando la situazione "con grande preoccupazione" nel contesto dei negoziati di pace con gli Houthi.

"Il regno sottolinea l'importanza di mantenere la sicurezza e la stabilità della regione del Mar Rosso, perché la libertà di navigazione lì è una richiesta internazionale", si legge nella dichiarazione, citata da Reuters.


Turchia: "Occidente vuole trasformare il Mar Rosso in un bagno di sangue"

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha condannato gli attacchi occidentali contro le posizioni Houthi.

"Sono ansiosi di trasformare il Mar Rosso in un bagno di sangue. Si tratta di un uso sproporzionato della forza", ha detto il presidente, aggiungendo che gli Houthi stanno conducendo "una difesa di successo" contro gli attacchi guidati da Washington e Londra.


Altri paesi del medio oriente condannano gli attacchi.

Il Ministero degli Esteri iracheno, Baghdad "condanna l'aggressione contro lo Yemen e la sua sovranità", mentre insiste che "la libertà di navigazione nelle acque internazionali deve essere preservata".

A questo proposito, ha aggiunto che tali azioni da parte degli Stati Uniti e dei loro alleati amplieranno solo la portata del conflitto nella regione, sottolineando che per alleviare le tensioni, è necessario che il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite "adempie alle sue responsabilità e decida di porre fine alla guerra aggressiva e barbara contro i palestinesi nella Striscia di Gaza".

Da parte sua, il ministro degli Esteri giordano Ayman Safadi ha affermato che l'escalation delle tensioni in Medio Oriente è stata causata dal fatto che la comunità internazionale non ha agito per fermare l'aggressione israeliana contro il popolo palestinese.

"L'aggressione israeliana contro Gaza e i continui crimini di guerra contro il popolo palestinese, violando impunemente il diritto internazionale, sono responsabili dell'aumento delle tensioni nella regione", ha dichiarato il diplomatico, aggiungendo che Israele sta spingendo la regione verso ulteriori conflitti "continuando la sua aggressione e cercando di aprire nuovi fronti".

Il gruppo sciita libanese Hezbollah ha dichiarato che i recenti attacchi confermano che Washington è in "piena associazione" con Israele. "Gli Stati Uniti sono un partner a pieno titolo nelle tragedie e nei massacri commessi dal nemico sionista a Gaza e nella regione", ha aggiunto.

L'organizzazione palestinese Hamas ha definito gli attacchi un "atto di terrorismo non calcolato, sotto l'influenza della volontà dell'occupazione sionista", sottolineando che la stabilità nella regione non sarà raggiunta fino alla fine di "l'occupazione sionista" delle "terre palestinesi e arabe, il che richiede a Washington e Londra di riconsiderare le loro politiche coloniali".

"Siamo profondamente preoccupati per l'attacco degli Stati Uniti e del Regno Unito contro le strutture nello Yemen. Questo va contro i nostri consigli e non farà altro che gettare legna in una situazione estremamente pericolosa. Chiedo a tutte le parti di mostrare moderazione e di concentrarsi già su un cessate il fuoco nella Striscia di Gaza", ha detto il ministro degli Esteri dell'Oman Sayyid Badr al Busaidi.


Risposta dello Yemen

A loro volta, gli Houthi hanno promesso di non lasciare "senza risposta o punizione" gli attacchi degli Stati Uniti e del Regno Unito contro il loro territorio. "Il nemico statunitense-britannico, come parte del suo sostegno alla continuità del crimine israeliano a Gaza, ha lanciato una brutale aggressione contro la Repubblica dello Yemen con 73 attacchi diretti alla capitale, Sanah, e ai governatorati di Hodeidah, Taiz, Hajjah e Saada", hanno detto, aggiungendo che l'offensiva ha lasciato cinque morti e sei feriti.

Il movimento yemenita ha minacciato di attaccare le "fonti di minaccia e tutti gli obiettivi ostili" a terra e in mare in difesa del suo territorio. "Gli Stati Uniti e il Regno Unito sono pienamente responsabili della loro aggressione criminale contro il nostro popolo, e non rimarranno senza risposta o punizione", sottolinea.

Il gruppo ha anche assicurato che continuerà la sua offensiva in quella che è una delle vie marittime più importanti del mondo fino a quando Israele non metterà fine all'offensiva contro Hamas nella striscia di Gaza.

Nel frattempo, il vice ministro degli Esteri dello Yemen Hussein Al-Aziz ha denunciato che il suo paese "è stato oggetto di un attacco aggressivo e massiccio da parte di navi, sottomarini e aerei da guerra statunitensi e britannici". "Senza dubbio, Londra e Washington dovranno prepararsi a pagare un prezzo elevato", ha dichiarato. (RT)

 

 

Andrea Puccio

Andrea Puccio

Andrea Puccio - www.occhisulmondo.info

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti