Lavoratori GKN: dalla politica solo parole, la nostra lotta ha impedito i licenziamenti

Lavoratori GKN: dalla politica solo parole, la nostra lotta ha impedito i licenziamenti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

C'è un testo di legge al parlamento contro le delocalizzazioni promosso dai lavoratori della Gkn di Campi Bisenzio. Un testo elaborato dagli stessi operai che rischiano il licenziamento proprio a causa delle delocalizzazioni.

Tante le parole dei politici come quelle del Segretario del Pd Enrico Letta: "il governo assuma in tempi rapidissimi e presenti il testo sulle delocalizzazioni per limitare le delocalizzazioni predatorie".

Tutto fermo alle parole, di concreto un bel nulla.

Il Ministro dello Sviluppo economico Giorgetti non ha invitato i vertici di Melrose per chiedere le ragioni delle delocalizzaizoni e delle intenzioni dell'azienda ma, come denunciano i lavoratori, ha convocato subito Dazn per la questione del doppio abbonamento.

Queste, insomma, sono le priorità del governo dei "migliori".

Proprio perché i vertici della GKN possono riaprire i licenziamenti, gli operai invitano la politica ad agire in parlamento: "Mettetelo in discussione, emendatelo, votatelo", è l'appello che su Facebook hanno ribadito le maestranze.

Questi operai, che sono il simbolo di una vertenza generale di lotta non limitata alla loro vicenda, giungono ad una conclusione, non tanto amara, quanto realistica: "Ad oggi ci sono pochi fatti: nessuno ha impedito la procedura di licenziamento a Gkn se non la lotta, i nostri corpi, i vostri corpi in corteo e il ricorso per articolo 28 depositato dalla Fiom. Non c'è nessun testo anti-delocalizzazioni sul tavolo del Governo."

Si può anche perdere, ma non senza lottare, alla fine si faranno i conti.

Per questa ragione gli operai Gkn ricordano: "Ma se e quando cadremo, avremo cura di chiarire il ruolo che ognuno di noi ha giocato in questa vicenda."

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti