"Legittima difesa". Il Pentagono giustifica massacro di donne e bambini in Siria del 2019

"Legittima difesa". Il Pentagono giustifica massacro di donne e bambini in Siria del 2019

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il Pentagono ieri ha giustificato, con il suo cinismo consueto, i due attacchi aerei lanciati nel marzo 2019 vicino alla città siriana di Baguz che uccise decine di donne e bambini.

Sabato scorso, il quotidiano The New York Times ha pubblicato un'inchiesta, secondo la quale, il Pentagono ha nascosto gli attacchi. E non solo, ha impedito che venisse condotta un'indagine indipendente.

A seguito della pubblicazione di questo rapporto, il portavoce del Comando Centrale degli Stati Uniti, Bill Urban, ha dichiarato alla BBC che "quei due attacchi erano di legittima difesa", pur sostenendo che al momento del loro lancio, le truppe statunitensi erano sicure che non ci fossero civili nella zona dei bombardamenti.

Urban ha affermato che i militari sono venuti a conoscenza della presenza di civili nell'area solo dopo  gli attacchi, durante la revisione di un video ripreso da un drone di un paese alleato. 

La registrazione ha permesso di stabilire che gli attacchi hanno ucciso 16 combattenti dello Stato Islamico e quattro civili, ma non è stato possibile "caratterizzare in modo definitivo la situazione di oltre 60 vittime in più".

"La ragione di questa incertezza è che nel video sono state osservate diverse donne armate e almeno un bambino armato, e l'esatto mix di personale armato e disarmato non può essere determinato in modo definitivo. È probabile che la maggior parte delle persone uccise fossero anche combattenti nel momento dell'attacco, ma è anche molto probabile che ci siano stati più civili uccisi da questi due attacchi", ha provato a giustificare il portavoce del Pentagono.

Secondo Urban, un'indagine ha concluso che "quei due attacchi erano legittimi ed effettuato per legittima difesa" e che "un'azione disciplinare non era giustificata". Allo stesso tempo, il portavoce non ha commentato l'accusa del quotidiano newyorkese di insabbiamento dell'indagine condotta dall'ufficio dell'ispettore generale del Dipartimento della Difesa.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Le "non persone" di Gaza di Paolo Desogus Le "non persone" di Gaza

Le "non persone" di Gaza

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez di Geraldina Colotti Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura di Michelangelo Severgnini 20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

La crisi del debito Usa, Trump e le criptovalute di Giuseppe Masala La crisi del debito Usa, Trump e le criptovalute

La crisi del debito Usa, Trump e le criptovalute

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa" di Paolo Arigotti La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti