NYT. Gli Usa hanno occultato una strage in Siria con decine di civili uccisi

NYT. Gli Usa hanno occultato una strage in Siria con decine di civili uccisi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'esercito statunitense ha cercato di coprire un attacco mortale contro i civili siriani che ha ucciso almeno 80 persone, sostenendo che donne e bambini avrebbero potuto essere combattenti terroristi, secondo un'inchiesta del New York Times.

Il 18 marzo 2019, un caccia americano F-15E sganciò una bomba su "una grande folla di donne e bambini rannicchiati contro la sponda di un fiume" vicino alla città di Baghuz e poi ha proceduto a sganciarne molti altri, uccidendo i sopravvissuti, secondo un il rapporto del New York Times pubblicato ieri.

Secondo quanto riferito, l'attacco ha scioccato anche gli ufficiali militari statunitensi, che hanno visto l'incidente svolgersi in diretta attraverso una telecamera drone e si sono anche chiesti se potesse essere considerato un crimine di guerra. Tuttavia, quel minimo sentimento di pietà si è dissolto in pochi secondi, perché l'attacco è stato presto insabbiato dai militari e non ha mai avuto luogo un'indagine, si legge nell'rticolo.

"A quasi ogni passo, i militari hanno compiuto mosse che hanno nascosto l'attacco catastrofico" , si spiega nel rapporto, sostenendo che "il bilancio delle vittime è stato minimizzato", i rapporti sono stati "ritardati, igienizzati e classificati", il sito dell'esplosione è stato demolito con i bulldozer e "in alto i leader non sono stati informati", nel tentativo di mantenere saldamente nascosto ciò che è accaduto.

Il comando centrale degli Stati Uniti ha ammesso che l'attacco ha ucciso 80 persone – di cui solo 16 erano presunti terroristi dello Stato Islamico (IS, ex ISIS) – dopo essere stato contattato per un commento dal giornale, e il comando centrale ha bizzarramente tentato di giustificare il resto delle morti sostenendo che anche le donne ed i bambini avrebbero potuto essere terroristi.

Secondo il rapporto, dopo che il Comando Centrale ha identificato 16 presunti combattenti e 4 civili uccisi nell'attacco, ha sostenuto che "non era chiaro" che le altre 60 vittime fossero civili, "in parte perché donne e bambini nello Stato Islamico a volte hanno preso in alto le armi".

L'attacco sarebbe uno dei peggiori eventi di vittime civili del Pentagono in Siria, se 64 morti civili fossero ufficialmente riconosciute, ma anche il Times ha ammesso che le morti civili negli attacchi statunitensi sono spesso "sottostimate anche nei rapporti classificati" - suggerendo che il vero numero di le perdite potrebbero essere ancora più alte.

Con i ricordi ancora freschi di un attacco di droni statunitensi a Kabul che ha ucciso un operatore umanitario e sette bambini - ma non un solo terrorista dell'ISIS - svelato anche questa prima volta dal NYT, la nuova rivelazione ha scioccato i lettori negli Stati Uniti e in tutto il mondo, che hanno chiesto conto e ragione su quello che molti hanno definito un crimine di guerra

Un ex portavoce del presidente Barack Obama, Tommy Vietor, ha invitato il Dipartimento della Difesa a rilasciare tutte le informazioni relative all'attacco, descrivendolo come una "storia davvero orribile".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Le "non persone" di Gaza di Paolo Desogus Le "non persone" di Gaza

Le "non persone" di Gaza

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez di Geraldina Colotti Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura di Michelangelo Severgnini 20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa" di Paolo Arigotti La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti