World Affairs/Libia. Le forze di Haftar lanceranno la più grande campagna aerea...

Libia. Le forze di Haftar lanceranno la più grande campagna aerea nella storia del paese contro l'esercito turco

 

L'esercito nazionale libico (LNA) che fa riferimento al Generale Haftar si sta preparando a lanciare un massiccio attacco contro i militari turchi e i loro alleati del governo di accordo nazionale (GNA), secondo quanto riferito oggi da Bloomberg.

 
Secondo quanto annunciato da Saqr Al-Jaroushi, generale a capo dell'aviazione di Haftar, l'esercito nazionale libico lancerà "la più grande campagna aerea della storia libica". Al-Jaroushi, in particolare, ha sostenuto che questo attacco prenderà di mira le forze armate turche e il governo delle forze di accordo nazionale nelle prossime ore.
 
Sempre nella giornata di oggi, il Ministero degli Esteri turco ha lanciato un monito preciso contro l'Esercito Nazionale libico, lanciando presagire una facile escalation del conflitto armato nel paese vittima della invasione della Nato nel 2011: se sceglieranno di attaccare uno dei loro interessi, ha annunciato Ankara, verranno considerate le truppe dell'LNA come "obiettivi legittimi".
 
Questa guerra di parole tra l'esercito nazionale libico e il ministero degli Esteri turco arriva pochi giorni dopo che le forze del GNA hanno conquistato la base aerea strategica di Al-Watiyah vicino al confine tunisino.
 
Le forze di GNA e LNA combattevano per il controllo della strategica postazione aerea da oltre un mese. In generale, dall'inizio del 2020, la battaglia per la Libia nordoccidentale si è intensificata, con LNA e GNA che si scambiano offensive su larga scala. Nonostante gli sforzi delle Nazioni Unite per imporre un cessate il fuoco permanente, l'LNA e il GNA si sono accusati l'un l'altro di violare qualsiasi accordo che sia stato messo in atto.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa